Torino: rivolta nel CPR, repressione di polizia e militari

Stampa
Video

Dopo l’ennesima rivolta nel CPR di Corso Brunelleschi a Torino è difficile tenere contatti con i migranti detenuti.

||||
|||| ||||

Da Radio Onda d'Urto

Probabilmente sono stati sequestrati i telefoni e le veline di polizia parlano di diversi poliziotti e militari feriti, non dando invece conto dei feriti e arrestati tra i migranti protagonisti della rivolta. Proteste che sono state messe in atto proprio in un fine settimana di iniziative solidali e antirazziste a Torino promosse all’esterno del CPR con contenuti e modalità diverse:  tra queste quelle realizzate da alcune realtà antirazziste locali sabato scorso, 1 febbraio, e che ci racconta Gabrio, compagno solidale di Torino.

Ascolta o scarica

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons