InfoAut
Immagine di copertina per il post

Comunità popolari urbane

Conoscere il Movimento delle Comunità Popolari del Brasile (MCP) è una iniezione di ottimismo e speranza in mezzo alla crisi politica e alle minacce che incombono sui settori popolari del mondo. Il MCP conta su circa 60 gruppi, la metà di questi urbani, di quartieri e favelas. Formalmente, è nato nel 2011 composto dalle comunità popolari che nel 2011 avevano creato un’associazione nazionale. Nel 2006 hanno creato il periodico mensile Voz das Comunidades e nel 2008 l’Unione della Gioventù Popolare.

Ma il movimento in realtà ha 40 anni, giacché le sue origini risalgono al 1969, quando in piena dittatura militare la Gioventù Agraria Cattolica si trasformò nel Movimento di Evangelizzazione Rurale e, più tardi, nel 1986, nella Corrente Sindacale dei Lavoratori Indipendenti. Il primo incontro nazionale del MCP ha deciso di lavorare in cinque settori: economico, sociale, culturale, popolare e sindacale.

Uno dei lavori del MCP viene realizzato nella comunità Chico Mendes, nel nord del municipio di Rio de Janeiro, confinante con  la Baixada Fluminense che circonda la baia di Guanabara. È situata sul Morro do Chapado, ha 25 mila abitanti ed è frutto di una occupazione organizzata nel 1991. Gelson e Jundair, che hanno cominciato la loro militanza sotto la dittatura, sono da due decenni nel quartiere, dove hanno cominciato ad organizzare campionati di calcio per maschi e donne.

Oggi conta su un gruppo d’appoggio scolastico nel quale si recano quotidianamente 70 bambini con quattro maestri e un asilo al quale vanno 20 bambini e bambine, ambedue sostenuti dalla stessa comunità senza finanziamenti esterni. Funziona un gruppo di acquisti collettivi, un gruppo di produzione che produce prodotti per le pulizie a base di olio d’automobile riciclato e un gruppo di vendita, nei quali sono coinvolti due decine di famiglie, e che comprendono un negozio di commestibili dove si riforniscono circa 200 famiglie e un deposito che vende materiali da costruzione.

Ma l’iniziativa più nuova è il gruppo per investire collettivamente, che dopo un decennio ha 400 investitori della comunità, più di 20 membri che amministrano un fondo di 700 mila real (circa 170 mila dollari). La maggior parte dei prestiti sono per la ristrutturazione delle case e per creare entrate familiari e collettive. Grazie ai prestiti del gruppo di investimento vari abitanti della comunità hanno potuto comprare furgoni per il trasporto dal capolinea della Metro fino alla comunità Chico Mendes.

Lavorano con denaro dei membri del movimento che “investono” e fanno “prestiti”, danno interessi molto bassi, del 2 per cento agli investitori, e riscuotono un poco di più dai beneficiari. Non accumulano capitale e tutto il denaro circolante è sotto il controllo comunitario, perché il denaro funziona come valore d’uso, qualcosa di molto comune tra i settori popolari del nostro continente, e non come valore di scambio.

Avere un gruppo di investimento comunitario fa sì che i membri del MCP non abbiano necessità di ricorrere alla banca per chiedere dei prestiti con interessi usurari. In questo modo, le famiglie che hanno bisogno di migliorare le proprie case o di comprare beni per poter lavorare possono contare su un meccanismo di finanziamento al di fuori del mercato, che gli dà una maggiore autonomia. Il MCP conta su 30 gruppi d’investimento che gestiscono insieme milioni di real.

A questo punto, è necessario introdurre un dibattito. In una società emancipata, o nel mondo nuovo, sarà impossibile sradicare il denaro. La moneta è precedente al capitalismo e non può essere considerata sinonimo di capitalismo. Gli zapatisti hanno proprie banche controllate dalle comunità che prestano denaro alle basi d’appoggio, fatto che non vuol dire che stiano riproducendo il capitalismo. Il vantaggio di creare dei gruppi di investimento come quelli che ha il MCP è che i loro membri non dipendono da coloro che monopolizzano il denaro, ossia, dalle banche.

Gelson e Jundair sentono che dopo due decenni di lavoro la comunità è più forte. Quando gli si domanda delle difficoltà, dicono che la maggiore è la formazione di militanti. A questo compito dedicano la loro vita, ma anche se hanno fatto progressi, nella comunità Chico Mendes il movimento ha mezzo migliaio di membri e appena una decina di militanti. Quando gli si domanda del traffico della droga e della violenza, rispondono: “non sono difficoltà, è la realtà”. Nei quartieri popolari del Brasile il primo problema è la polizia.

Il MCP lavora per la formazione di un fronte popolare mediante l’organizzazione di gruppi di base autonomi, come Ocupa Alemao, che si è trasformato in un riferimento tra i gruppi delle favelas del Brasile. A livello teorico, Gelson rivendica il marxismo e il cristianesimo, e non nasconde la sua simpatia per Mao. Il movimento ha quattro esperienze storiche di riferimento: la resistenza del popolo guaraní, il quilombo di Palmares nel XVII secolo, il movimento popolare di Canudos alla fine del XIX secolo e la lotta mineraria di Morro Velho nel decennio del 1930. Insomma, la sintesi delle lotte indigene, nere, operaie e popolari.

Difendono l’indipendenza dai partiti e lavorano per l’autonomia politica ed economica, che sono gli assi del movimento. Gelson afferma che “il MCP non è una organizzazione, è un fermento”. Non vogliono ripetere un cammino che non serve più: mobilitare, fare agitazione, prendere il potere e costruire il socialismo. Essere fermento è stimolare, dall’interno e dal basso, affinché il quartiere si trasformi in comunità, creando potere popolare. Dopo, vedremo.

Raúl Zibechi – La Jornada

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca
 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

brasilecittàcomunitàzibechi

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Lavender”: la macchina dell’Intelligenza Artificiale di Israele che dirige i bombardamenti a Gaza

L’esercito israeliano ha contrassegnato decine di migliaia di gazawi come sospetti per l’assassinio, utilizzando un sistema di puntamento AI con scarsa supervisione umana e una politica permissiva per i danni collaterali, rivelano +972 e Local Call.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

ELEZIONI LOCALI DEL 2024 IN TURCHIA

Riprendiamo dall’osservatorio internazionale per la coesione e l’inclusione sociale questo quadro sulle elezioni a livello locale che si sono tenute in Turchia il 31 marzo 2024. Pur non condividendo l’enfasi sulla rinascita della socialdemocrazia, il testo ha il merito di fornire un panorama chiaro sulla sconfitta subita dall’AKP di Erdogan. La Turchia ha vissuto una […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Uscita la legge europea sull’Intelligenza Artificiale: cosa va alle imprese e cosa ai lavoratori

Il 13 marzo 2024 è stato approvato l’Artificial Intelligence Act, la prima norma al mondo che fornisce una base giuridica complessiva sulle attività di produzione, sfruttamento e utilizzo dell’Intelligenza Artificiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La crisi nel centro: la Germania nell’epoca dei torbidi. Intervista a Lorenzo Monfregola

La Germania, perno geopolitico d’Europa, epicentro industriale e capitalistico del continente, sta attraversando senza dubbio un passaggio di crisi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Guerre, decoupling ed elezioni negli USA. Intervista a Raffaele Sciortino

Le prospettive del conflitto sociale saranno sempre più direttamente intrecciate con le vicende geopolitiche mondiali, con l’evoluzione delle istanze che provengono da “fuori” e dunque anche con la tendenza alla guerra scaturente dall’interno delle nostre società

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Per una lettura condivisa sul tema pensionistico

All’innalzamento dell’età pensionabile va aggiunto poi un ulteriore problema: mentre gli  importi pensionistici vengono progressivamente abbassati la convenienza  del pensionamento anticipato diminuisce.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

C’era una volta… oppure c’è ancora Marx?

Non resta dunque, a chi scrive, che lasciare ai lettori il piacere di scoprire, ancora una volta insieme a Marx, una possibile alternativa all’attuale modo di produzione e ai suoi flagelli ambientali, sociali, economici, militari, razziali e di genere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: la questione dei terreni e l’influenza politica nelle zone delle milizie hanno motivato l’assassinio di Marielle Franco

Secondo il documento, i fratelli Brazão decisero di assassinare Marielle Franco perché si opponeva alla votazione del Progetto di Legge (PL) 174/2016, di cui era autore Chiquinho Brazão, allora consigliere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. “Non produrremo un solo bullone”: i metalmeccanici della General Motors scioperano per contrastare i licenziamenti

I 4.000 lavoratori della fabbrica di São José dos Campos affermano che torneranno al lavoro solo se i loro colleghi saranno reintegrati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: studenti obbligano università a fermare conferenza di gruppo sionista nel loro campus

Studenti palestinesi e brasiliani sono riusciti a impedire che il capo del gruppo di difesa sionista StandWithUs Brasil, Andre Lajst, tenesse una conferenza presso l’Università Federale dell’Amazzonia (UFAM), in Brasile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. Con 100.000 contadini a Brasilia, la Marcha das Margaridas esige l’accesso alla terra e la lotta contro la violenza

La manifestazione si svolge ogni quattro anni e onora la sindacalista Margarida Maria Alves, assassinata nel 1983.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miniera di sangue. Report sul progetto minerario Belo Sun

La società appartiene al gruppo canadese Forbes & Manhattan, una banca d’affari focalizzata su progetti minerari internazionali, che intende costruire la più grande miniera d’oro a cielo aperto del Brasile e allontanare più di 800 famiglie dalla regione, che saranno trasferite nello stato di Mato Grosso. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Ribellione nel nord argentino, l’eterna conquista

La rivolta popolare che in queste settimane scuote la provincia di Jujuy, nel nord argentino, si aggiunge a quelle di cui sono stati protagonisti dal 2019 i popoli di mezza Sudamerica: ribellioni in Cile e Colombia, due sollevazioni indigene in Ecuador, un’ampia mobilitazione contadina e indigena in Perù, massicci blocchi in Bolivia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Brasile: Cinque anni senza Marielle, cinque anni di impunità

Il 14 marzo si compiono 5 anni dall’assassinio di Marielle Franco e dell’autista Anderson Gomes. Ho presente l’impatto che fu ricevere da Rio, il messaggio straziante di mia figlia Julieta, sua amica e compagna di militanza: “Papà hanno ucciso Marielle”. Aveva 36 anni. di Schachter Silvio Dopo la sua morte, migliaia di brasiliani e persone […]