InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile: studenti obbligano università a fermare conferenza di gruppo sionista nel loro campus

Manaus – MEMO. Studenti palestinesi e brasiliani sono riusciti a impedire che il capo del gruppo di difesa sionista StandWithUs Brasil, Andre Lajst, tenesse una conferenza presso l’Università Federale dell’Amazzonia (UFAM), in Brasile.

da InfoPal

Noto come uno strenuo difensore di Israele, la visita di Lajst ha suscitato l’ira degli studenti che lo hanno descritto come “uno dei più grandi difensori della politica sionista e della pulizia etnica dei palestinesi”. Studenti, sindacati, organizzazioni e partiti politici di sinistra si sono uniti all’ingresso dell’università portando bandiere palestinesi e striscioni con la scritta “Palestina libera”, e hanno dichiarato che non avrebbero permesso che le università brasiliane fossero usate per sostenere l’Apartheid israeliano.

Lajest avrebbe dovuto partecipare ad un incontro dal titolo “Cooperazione israeliana”.

“Il nostro rifiuto e la denuncia dell’esistenza dell’organizzazione (sionista) di Lajst si basa sul nostro rifiuto di violare le leggi internazionali ed i diritti fondamentali del popolo palestinese. La lotta dei palestinesi contro l’occupazione coloniale sionista razzista nella loro patria è la battaglia di tutta l’umanità”, hanno dichiarato gli studenti.

Gli studenti hanno considerato che “accettare la presenza di [Andre Lajst] presso l’Università Federale significhi approvare e sostenere la politica coloniale sionista disumana in Palestina”. “Accettare la presenza di sostenitori di [Israele] nella nostra università è equivalente a stabilire un progetto sionista per uno stato ebraico omogeneo e razzista senza i palestinesi, i veri proprietari della Palestina”, hanno aggiunto.

“La Palestina è diventata la più grande prigione a cielo aperto del mondo e le sue parti sono state smembrate a causa del muro dell’Apartheid israeliano. Le loro terre sono state rubate dai coloni israeliani, e gli israeliani continuano a praticare varie forme di tortura e persecuzione contro i palestinesi”, hanno aggiunto. “La nostra opposizione ai difensori di [Israele] è un’opportunità per ribadire e confermare il nostro sostegno assoluto alla causa e al popolo palestinese, che combatte contro l’occupazione israeliana”. Il Consiglio degli Studenti ha invitato tutti gli studenti, professori e personale tecnico-amministrativo in Brasile a rifiutare l’uso dei loro campus da parte dei sionisti per promuovere la loro immagine dell’Apartheid in Palestina.

La Federazione Palestinese Araba del Brasile e la comunità palestinese brasiliana hanno condannato la violenza della polizia contro gli studenti dell’UFAM dopo che hanno protestato pacificamente contro la presenza sionista in campus.

Secondo l’attivista brasiliano e membro del movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) del Brasile, Fabio Bosco, le campagne di solidarietà crescono in Brasile giorno dopo giorno. Elevare la coscienza politica della popolazione brasiliana e fare pressione sulle autorità è diventato un obiettivo per molti studenti e istituzioni.

“Penso che possa arrivare al punto di bloccare gli accordi tra il Brasile e l’entità sionista. Naturalmente, la forza trainante principale delle campagne di solidarietà in tutto il mondo è la resistenza palestinese. Con questa energia proveniente dalla Palestina occupata, supereremo la lobby sionista e lavoreremo per fermare ogni accordo con l’entità sionista”, ha detto Bosco.

“Le campagne di solidarietà in Brasile hanno ottenuto grandi risultati nel corso degli anni! Ad esempio, nel marzo del 2023, gli studenti ed i lavoratori dell’Università di Campinas hanno impedito lo svolgimento della ‘Fiera delle Università Israeliane’ sul loro campus. Ora il BDS si sta sviluppando tra gli studenti”, ha aggiunto Bosco.

In effetti, i movimenti di solidarietà con la Palestina stanno guadagnando forza all’interno delle università brasiliane di fronte alla presenza sionista in Brasile, in particolare presso le istituzioni d’istruzione superiore, con studenti di diverse prospettive politiche che partecipano alla creazione di unità locali del BDS.

Bosco ha spiegato: “Questo è molto significativo e un passo decisivo! In generale, le federazioni sindacali ed i partiti di sinistra sono solidali con la Palestina. Questo sostegno potrebbe portare a cambiamenti e dare speranza poiché tutte queste organizzazioni sono sconvolte dalla violenza quotidiana promossa dall’entità sionista contro i palestinesi”.

(Foto: [fepal_brasil/Instagram]).

Traduzione per InfoPal di F.L.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

antisionismobrasileisraelepalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: sale la tensione al confine. Israele vuole allargare il fronte

“Siamo pronti ad un’azione molto forte nel nord”, ha detto il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, che questa mattina ha visitato Kiryat Shmona, dove ieri sono divampati gli incendi dopo il lancio di droni di Hezbollah dal Libano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stanco dopo otto mesi dall’inizio della guerra di Gaza, l’esercito israeliano è sull’orlo del “collasso”

Mentre l’esercito israeliano si trova ad affrontare gravi carenze di uomini, stanchezza e diserzione e la dirigenza politica si concentra sulla sua sopravvivenza, un alto generale israeliano prevede che la fine di Israele sia vicina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“La Palestina è un laboratorio: così Israele esporta la tecnologia dell’occupazione”

Armi, tecnologie della sorveglianza, droni, tattiche e repressione: Antony Loewenstein, giornalista australiano e nipote di ebrei tedeschi rifugiati, racconta come la Palestina sia diventata il luogo perfetto per gli affari dell’industria militare israeliana.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Yesh Gvul: aumento senza precedenti del rifiuto dell’arruolamento nella guerra di Gaza

Mercoledì, un movimento israeliano di sinistra ha riferito di un aumento senza precedenti del numero di israeliani che si rifiutano di prestare servizio militare nella guerra in corso nella Striscia di Gaza, riferisce l’agenzia Anadolu.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

DA CHE PARTE STAI? Per la fine immediata delle 23 misure cautelari contro compagne e compagni di Bologna

Dal 4 giugno 23 persone, attive nei movimenti sociali di Bologna, sono sottoposte a misure cautelari, 13 di loro hanno ricevuto un divieto di dimora, ossia il divieto di poter entrare in città.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Aggressione repressiva alle lotte a Bologna!

Da questa mattina è in corso la notifica di 22 misure cautelari nei confronti di compagne e compagni di Bologna, e altre decine e decine di notifiche di indagine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il genocidio in Palestina non si ferma. Netanyahu criminale di guerra ignora la comunità internazionale.

Nella Striscia di Gaza non esistono “zone sicure”. Ormai è evidente a tutti, seppur dovesse essere chiaro sin dall’inizio.