InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile. Con 100.000 contadini a Brasilia, la Marcha das Margaridas esige l’accesso alla terra e la lotta contro la violenza

La manifestazione si svolge ogni quattro anni e onora la sindacalista Margarida Maria Alves, assassinata nel 1983.

di Cristiane Sampaio e Gabriela Moncau, Brasil de Fato, da Resumen Latinoamericano

Brasilia è sorta mercoledì 16 con 100.000 donne in marcia verso il Congresso Nazionale. Con cappelli di paglia e vestiti lilla a dare il tono estetico dell’evento, la settima edizione della Marcha das Margaridas – composta da contadini, abitanti delle rive dei fiumi, quilombolas, indigeni, raccoglitori di molluschi, tra gli altri – ha come slogan “Per la ricostruzione del Brasile e per il buon vivere”. Vi partecipano anche rappresentanti di movimenti popolari di 33 Paesi.

Il contadino Neri dos Santos ha viaggiato dall’accampamento produttivo Dom Tomás Balduíno, a Formosa (GO), per partecipare all’evento, le cui attività sono iniziate martedì (15). “Sono qui a lottare per la terra”, dice il contadino, che da otto anni aspetta che la sua comunità venga regolarizzata come insediamento della riforma agraria.

“È difficile, ma chi vuole le cose le deve cercare. Abbiamo figli, abbiamo nipoti e abbiamo bisogno di terra per vivere. Non si può vivere in città”, dice. Per Neri, che partecipa all’evento da anni – “sono in tutte le Margaritas” – la fine della violenza contro le donne è al centro della lotta delle donne in città, in campagna, nella giungla e nell’acqua.

“Stupri, femminicidi, cose molto difficili. Quindi dobbiamo lottare per non vedere morire le nostre compagne, come sta accadendo. Non è facile, oltre a lavorare, essere uccisi dal nostro partner”, denuncia. Secondo l’Annuario di Pubblica Sicurezza del Brasile, nel 2022 ci sono stati 1.437 femminicidi nel Paese, con un aumento del 6,1% rispetto all’anno precedente.

Walkíria Alves si è recata alla Marcha das Margaridas partendo dalla città di Cabo de Santo Agostinho (PE), dove, secondo lei, il 35% della popolazione vive in aree rurali. La conoscenza del lavoro con la terra è stata tramandata di generazione in generazione nella sua famiglia fino ad arrivare a lei. I suoi nonni sono originari della zona rurale di Garanhuns, nel Pernambuco rurale. Oggi Walkíria è responsabile del Segretariato femminile del suo comune.

“Siamo qui perché, oltre ad essere le nostre radici, siamo per la ripresa della democrazia in questo momento di lotta, per stare insieme e per dire che non accetteremo meno diritti”, dice Walkíria.

A 73 anni, Josefa Fernandes da Silva ha viaggiato per due giorni da Juripiranga (PB) per assistere alla sua prima edizione della Marcha das Margaridas. “Sono venuta per il risentimento che c’è da parte degli uomini nei confronti delle donne e per la lotta per i nostri diritti”, dice. “Siamo venute per conquistare ciò che vogliamo e di cui abbiamo bisogno. Uguaglianza, pace, democrazia, un futuro migliore e il bene comune”, spiega.

Indossando una maschera di stoffa rossa al collo e un cappello in testa, Josefa sottolinea che “noi donne soffriamo molto a causa dei soprusi degli uomini e dei potenti. Per questo siamo sempre state unite”.

Le richieste

Organizzata ogni quattro anni dal 2000 dalla Confederazione Nazionale dei Lavoratori Rurali, Agricoltori e Coltivatori Familiari (Contag), questa volta la Marcha das Margaridas è a Brasilia per ricevere risposte dal governo su una serie di richieste presentate il 21 giugno.

Composto da 13 punti, l’opuscolo con l’agenda della Marcia 2023 è stato consegnato in una cerimonia alla quale hanno partecipato 13 ministri e anche il presidente della Camera dei Deputati, Arthur Lira.

Tra gli assi vi sono l’autonomia e la libertà delle donne sul proprio corpo e sulla propria sessualità; la giustizia ambientale e climatica; l’autodeterminazione dei popoli, con la sovranità alimentare, idrica ed energetica; la democratizzazione dell’accesso alla terra e la garanzia dei diritti territoriali e marittimi; l’accesso universale a Internet. In un opuscolo di 52 pagine, ognuno di questi punti è dettagliato con proposte di azioni e politiche pubbliche.

Alla fine della mattinata di mercoledì 16, il Presidente Lula (PT) si è rivolto ai manifestanti sulla Esplanada dos Ministérios. Tra le misure annunciate, la priorità alle donne nella selezione dei beneficiari del Piano di emergenza per la riforma agraria.

Il governo federale ha inoltre annunciato la creazione del Programma nazionale dei cortili produttivi (che mira a promuovere l’autonomia economica delle donne contadine) e del Patto nazionale per la prevenzione dei femminicidi.

Ascoltando il discorso presidenziale, l’insegnante e coltivatrice familiare Fátima Costa ha detto che valeva la pena lasciare il Piauí per partecipare alla mobilitazione. “È quello che speriamo”, ha commentato dopo aver sentito il PT affermare che le donne possono contare sull’amministrazione per garantire politiche per le campagne. “Perché l’agricoltura familiare ha sofferto molto negli ultimi anni”, ha detto.

“Nella mia terra, ad esempio, il terreno favorisce la costruzione di dighe, l’allevamento di pesci e di api”, ha spiegato l’attivista a proposito delle politiche pubbliche richieste dal segmento della zona.

Il nome della marcia rende omaggio a Margarida Maria Alves, che presiedeva il Sindacato dei Lavoratori Rurali di Alagoa Grande, in Paraíba, e che fu assassinata il 12 agosto 1983, per volere dei latifondisti della regione. Profetica, Margarida diceva che “è meglio morire nella lotta che morire di fame”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

america latinabrasilecampesinosfemminicidiLULAriforma agrariaviolenza di genere

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’America Latina al crocevia. Tensioni geopolitiche e la sfida dell’Unità Regionale

Il mese di aprile del 2024 ha tratto con sé una rivelazione di grande impatto: un rapporto fatto trapelare dall’ambasciata degli Stati Uniti in Bolivia, meticolosamente elaborato dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), getta luce sul nuovo e ambizioso piano di ricolonizzazione dell’America Latina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: la questione dei terreni e l’influenza politica nelle zone delle milizie hanno motivato l’assassinio di Marielle Franco

Secondo il documento, i fratelli Brazão decisero di assassinare Marielle Franco perché si opponeva alla votazione del Progetto di Legge (PL) 174/2016, di cui era autore Chiquinho Brazão, allora consigliere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.