InfoAut
Immagine di copertina per il post

Salvini contestato dai braccianti di San Ferdinando

||||

Ieri Salvini si è regalato una nuova passerella, questa volta alla tendopoli di San Ferdinando, lì dove viveva Soumaila Sacko, ammazzato appena un mese fa.

Atteggiandosi da padrone in visita sulle sue piantagioni, si fa spiegare la situazione dai suoi caposquadra incaricati di far rigare dritto gli schiavi, dal rappresentante della prefettura al volontario che distribuisce i pasti.
Mentre i suoi addetti cercano di parlare con lui, il ministro dell’interno, sempre pronto a fare show, rivolgendosi alle telecamere alza la voce e sfoggia il solito discorsetto sul degrado e lo schifo del posto, per lui solo un’ulteriore conferma della necessità di chiudere i porti.

Insomma una parata come tante, ma che stavolta viene interrotta da chi la situazione la vive davvero sulla propria pelle e non ha bisogno di nessuno che parli al posto suo. “Salvini vieni qua voglio parlare con te”. Interpellato il padrone colono si rivolge ai suoi schiavi con i toni buoni e infantilizzanti, “amico mio”, “caro”, “non parlate tutti assieme”. Perchè si sa bene che i bianchi sfruttatori l’hanno sempre fatto per il bene dei loro schiavi.

Salvini prova ad attaccarli, il loro rifiuto di spostarsi nella tendopoli di stato lo irrita: alla fine è colpa loro se vogliono restare qua. Ma subito ricordano quanto uscire dalla tendopoli sia difficile, quanto trovare una casa e un lavoro altrove – magari pagato un po’ meglio – sia quasi una missione impossibile. Niente, non funziona, allora si cambia strategia. prova ad attaccarli sul lavoro “ma che lavoro fai?”: si raccolgono  arance e pomodori, 1 euro a cassetta. Gli va male anche stavolta.

Il discorso sulla legalità di Salvini, di Minniti & co. va in frantumi : “Salvini hai visto come viviamo nel tuo paese, qui in Italia? Hai visto come viviamo?” “Chi ha i documenti può restare, gli altri se ne tornino a casa” risponde il Ministro. La realtà viene a galla, li il permesso di soggiorno ce lo hanno quasi tutti, la maggior parte degli abitanti della tendopoli lo ha ottenuto proprio perché funzionale a questa attività di sfruttamento. Gli schiavi nei campi sono essenziali per l’industria agroalimentare italiana e Salvini non è sicuramente disposto a rompere con questi meccanismi e togliere i servi dalle mani degli italiani.

Il ministro dell’interno non molla, continua il suo tour seguendo il percorso previsto, probabilmente quello più scenico. Gli abitanti gli indicano altri itinerari da prendere, ma non è nel copione. Poi entra in una tenda, una delle più lussuose secondo i commenti del volontario. Salvini comincia a contare i letti pronto a riattaccare con la solfa sul degrado e l’impossibilità per l’Italia di “accogliere tutti”, ma quando il suo interlocutore gli indica che non sono 8 persone a dormire in quella tenda bollente e piccola ma 15, comincia a guardarsi intorno senza dire niente. Attimo di smarrimento  poi riparte come un disco rotto. La solfa del rimettere ordine, il volontario si presta al gioco, -“Ci sarà prostituzione?” -“Sì tanta prostituzione, pure qua dentro” -“Droga?”- “Anche, sì sì”.

La fine della passerella non si chiude in grande stile, sono troppi a contestarlo e infamarlo, troppi a ricordagli come vivono e quanto sono pagati, a gridargli “vergogna!”. Salvini scappa tra le urla di rabbia degli abitanti che lo cacciano, mentre la polizia incredula cerca il percorso più corto per salvare il ministro, facendogli il girotondo attorno.

Salvini è stato contestato da quelli immigrati che tanto critica.

Non c’è bisogno di altre rappresentazioni, di magliette rosse o portavoce. O di Salvini che prova a illuderci che cacciando queste persone staremo tutti meglio – e noi ci crediamo, sperando un giorno di arricchirci. La verità è quella dei video: non hanno hanno nulla di nostro, nulla da renderci. Le loro tendopoli le vediamo, forse, in fotografia. Loro ci vivono. Per chi è un problema il degrado? Per loro o per i nostri smartphone?

 

 

{mp4}20311{/mp4}

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

legamigrantisalvinitendopoli

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fino a 25 anni di carcere a chi manifesta per “impedire di realizzare un’opera pubblica”

Con un emendamento presentato al ddl sicurezza dal deputato Igor Iezzi, attualmente in discussione in commissione Affari Costituzionali, la Lega propone l’inserimento di una nuova aggravante dei reati contro la pubblica incolumità che sembra ritagliata sulla variegata rete di attivisti che da anni protestano contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno è antifascista!

Giovedì 2 Maggio il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini è venuto a Livorno per presentare un suo libro, vergognosamente ospitato all’interno del cinema teatro “4 Mori”..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

27 gennaio: in Italia cortei per la Palestina vietati, confermati o…posticipati

In Italia ieri, sabato 27 gennaio 2024, diverse manifestazioni per il popolo palestinese, come accade costantemente ormai dall’ottobre 2023. In mezzo ci sono le Questure che hanno disposto, con prescrizioni, il divieto dei cortei.