InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pioltello, migliaia in corteo contro l’Esselunga

Nonostante le difficoltà poste dal blocco del traffico a Milano, circa 1.000 partecipanti alla manifestazione indetta in sostegno dei lavoratori della coop del consorzio Safra: SGI, Apollo e Asso, appalto Esselunga.

Presenti delegazioni di numerose altre cooperative della regione e del piacentino, di fabbriche e altri posti di lavoro dalla Lombardia, dal padovano, dal torinese. Tra gli altri hanno peso la parola una delegazione di operai delle Carrozzerie della Fiat di Mirafiori e della Jabil di Cassina de’ Pecchi (da 5 mesi in picchetto contro 325 licenziamenti), che hanno bene messo in luce come la lotta degli operai dell’appalto Esselunga sia la loro stessa lotta e viceversa, indicando nell’unità di mobilitazione autorganizzata la scelta obbligata da compiere.

Particolarmente riuscito il passaggio del corteo al “Satellite” dove risiedono i lavoratori immigrati, in maggioranza impiegati in cooperative di vario tipo e genere, con interventi anche in urdu, bengalese, arabo,  spagnolo, itaiano…. sottolineando così l’unità di classe di operai di numerose etnie.

Conclusa da una partecipata assemblea al presidio di via Giambologna 1, la manifestazione ha evidenziato con chiarezza e determinazione che il mandante dello sfruttamento e dei licenziamenti politici è ESSELUNGA, che occorre porre fine al caporalato e allo sfruttamento selvaggio nelle cooperative, come denunciato da numerosi interventi di lavoratori che hanno raccontato le proprie condizioni di lavoro.

Nell’assemblea gli interventi dei delegati dei lavoratori delle coop del Consorzio Safra hanno ribadito la possibilità di raggiungere l’obiettivo del reintegro dei 22 lavoratori (15 già licenziati e 7 sospesi dal lavoro, tutti “colpevoli” di aver alzato la testa per rivendicare i propri diritti e accusati di ….. “sciopero”), la necessità di collegare e unire la lotta di tutte le cooperative, rifiutando la politica di sottoscrivere accordi contrattuali e poi introdurre deroghe alla loro applicazione (come fanno i sindacati confederali), di mettere in relazione le lotte delle cooperative con le lotte di altri proletari di diversi settori lavorativi contro lo sfruttamento, contro la gestione capitalista della crisi.

La crescita della mobilitazione attorno alla vicenda dei licenziamenti politici all’Esselunga di Pioltello, il collegamento crescente tra lavoratori, sviluppano le condizioni per raggiungere gli obiettivi dei lavoratori e ottenere il reintegro dei lavoratori che hanno osato affermare i propri diritti e la propria dignità.

Invitiamo tutti a sottoscrivere per la casa di resistenza del presidio operaio Esselunga di Pioltello, per permettere ai lavoratori licenziati di rimanere al loro posto di lotta (e non cercarsi un altro posto di lavoro) condizione necessaria per riuscire a conquistare gli obiettivi della lotta in corso.

Presidio Permanente Esselunga – Pioltello

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

esselungaMilanopioltellopresidio

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quale convergenza per insorgere contro la guerra?

Ci sembra che lotte sociali e lotta contro la guerra non possano riprodursi come piani separati. E che non sia purtroppo sufficiente dire che le lotte sono già in sé stesse contrapposizione alla guerra.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

A Madrid una marea umana per difendere la sanità pubblica

Oltre 650mila persone secondo gli organizzatori sono scese in piazza a Madrid contro la Riforma neoliberista della Presidenta de la Comunidad Isabel Ayuso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

InfoAut da oggi è anche su Telegram!

Il mondo dei media, dell’informazione è in continuo mutamento. Questo è il campo di battaglia che ingaggiamo e da oggi abbiamo un nuovo strumento per diffondere la nostra informazione di parte, dalla parte delle lotte e dei movimenti sociali.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sulla sentenza di primo grado del processo contro il Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio

Come abbiamo già detto, il Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio era un comitato di lotta territoriale in un quartiere popolare di Milano in cui esistono e persistono tante – troppe – problematiche, di cui la questione casa è solo la più evidente ma non è affatto l’unica.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: sgombero case Atc di Via Sospello.

Questa settimana il Comune di Torino ha messo in campo ciò che da tempo agitava in maniera propagandistica, ossia procedere con gli sgomberi delle case popolari occupate.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Dalla parte del diritto all’abitare: informazioni ed approfondimenti sulle lotte per la casa

Dalla parte del diritto all’abitare: trasmissione periodica di informazione e approfondimento sulle lotte per la casa, contro sfratti sgomberi e pignoramenti.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant” – Sulle vergognose condanne al Comitato Giambellino Lorenteggio

Si è chiuso mercoledì 9 novembre il processo milanese a carico di nove compagni del ‘Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Padova: violente manganellate della celere dopo uno sgombero di case occupate

Cariche poliziesche contro occupanti ed attivisti ed attiviste del Cso Pedro questa mattina a Padova dopo uno sgombero di 4 alloggi popolari in via Delle Melette.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: vivere in case ATC nuoce gravemente alla salute, sgomberi e alloggi insalubri

In questi giorni abbiamo assistito a diversi sgomberi di case popolari occupate. Chi occupa una casa lo fa per un motivo semplice: il welfare abitativo cittadino non funziona.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

«Mo bast… Insorgiamo!»: Napoli, 20mila in piazza

Gli organizzatori: «Anche il Sud alza la testa e qui, a Napoli, al fianco del Movimento 7 Novembre e degli operai GKN, si riuniscono coloro che vogliono ribaltare i rapporti di forza nel Paese».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torino: come continua la lotta EsseNon

Il comitato EsseNon, nato per difendere una delle poche aree verdi presenti nella zona e contestare l’ennesima svendita di terreni alla grande distribuzione, non si è fermato, ma continua nel suo percorso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Pubblichiamo il numero zero del bollettino “Case in Rivolta” curato da diverse realtà della lotta per la casa e il diritto all’abitare nel nostro paese. Sono raccolti diversi contributi da Brescia, Roma, Parma, Pisa e Milano. Il bollettino è stato presentato il 24 agosto durante la festa di Radio Onda d’Urto. L’idea di questo progetto […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

EsseNon: un primo traguardo, ora salviamo il parco!

Riprendiamo dalla pagina facebook di EsseNon la riflessione sull’annuncio che è stata trovata una soluzione per evitare che il centro culturale Comala chiudesse a causa della costruzione della nuova Esselunga. La lotta però è ancora lunga… In questi giorni la notizia riportata dai giornali cittadini è che gli spazi di Comala non subiranno modifiche e […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“LE CITTA’ IN RIVOLTA” – TRE GIORNATE PER IL DIRITTO ALLA CASA A MILANO

“Il 6, 7 e 8 maggio ci incontreremo per discutere delle tematiche che portiamo ogni giorno avanti nei quartieri e nelle città immerse in una nube di speculazione e finanziarizzazione dell’edilizia pubblica e privata. Ora a bussare alle porte non è più il freddo ma il carovita, che rende ancora più inabitabili Milano ed altre […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A un anno dallo sgombero del presidio di San Didero 12/04/2021 – 12/04/2022 SEM ENCAR ICI!

Ad un anno esatto dallo sgombero del Presidio Ex Autoporto, martedì 12 aprile, a partire dalle ore 19, ricorderemo ciò che è successo in quei giorni insieme alla nascita del nuovo presidio No Tav di San Didero, sorto nel piazzale antistante all’odierno cantiere pochi giorni dopo, in risposta alla brutale operazione di polizia messa in […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano: contro sgomberi e malagestione Aler

Riceviamo e pubblichiamo… CONTRO SGOMBERI E MALA GESTIONE ALERPER L’ASSEGNAZIONE E LA MANUTENZIONE DELLE CASE POPOLARI E LA SANATORIA DELLE OCCUPAZIONI Nella regione con gli affitti più cari d’Italia, in un contesto di crisi economica e sociale, è fondamentale organizzarsi e battersi per la difesa del diritto alla casa: occupanti, senza casa, assegnatari in situazione […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

EsseNon: Esselunga specula, sfrutta e cementifica

Condividiamo il comunicato di EsseNon sull’iniziativa che alcuni giorni fa è stata messa in campo da attivisti e attiviste per sensibilizzare rispetto al progetto che incombe sull’area Ex Westinghouse.   Ieri mattina come comitato Essenon ci siamo ritrovatə all’Esselunga di Corso Traiano, per continuare la nostra lotta contro il progetto sull’area Ex Westinghouse, che prevede, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

TORINO: IN TANTE E TANTI ALLA CRITICAL-MASS DEL COMITATO “ESSE-NON”

Sabato 29 gennaio 2022 – In bici per le vie di borgo San Paolo, a Torino, per dire no alla realizzazione del maxi-centro commerciale nell’area dell’ex Westinghouse. Almeno trecento persone hanno partecipato alla critical-mass del comitato EssenNon, di cui fanno parte diverse sigle ambientaliste, l’associazione ‘Comala’, studenti e varie realtà sociali. Attiviste e attivisti si […]