Minnesota: le popolazioni indigene resistono al progetto di estrazione di sabbie bituminose

Stampa
Video

Two Inlets, MN - Mercoledì mattina presto, due persone si sono incatenate alle apparecchiature utilizzate per l'oleodotto di sabbie bituminose della linea 3 di Enbridge nel Minnesota settentrionale. L'azione è stata organizzata dal Giniw Collective e arriva giorni dopo che sono stati concessi vari permessi nello Stato del Minnesota, spingendo il controverso gasdotto più vicino alla costruzione.

||||
|||| ||||

"Il governatore Walz [democratico - ndr] ha detto che dobbiamo agire con coraggio sul clima", ha riferito la fondatrice del Giniw Collective Tara Houska a Unicorn Riot. "Poi ha approvato il più grande progetto infrastrutturale di sabbie bituminose del Nord America attraverso il territorio di Anishinaabe".

Il Giniw Collective è una resistenza in prima linea guidata da donne indigene e two-spirit per proteggere la Terra dalla distruzione e l'inquinamento, secondo la loro pagina Facebook. Giniw è la parola Anishinaabe per aquila reale, l'uccello che vola più in alto nel cielo. In molte credenze Anishinaabe, è l'aquila reale che porta le preghiere del popolo al Creatore Anishinaabe, che si crede viva sopra il cielo.

"Essendo cresciuta nelle terre occupate di Anishinaabe e Dakota, sento la responsabilità di difendere quella terra e i diritti delle persone che hanno un rapporto con essa", ha detto in una dichiarazione Mira Grinsfelder, 24 anni di Saint Paul, Minn, prima di incatenarsi alle apparecchiature Enbridge.

"Se il governo degli Stati Uniti non difenderà i diritti dei trattati di Anishinaabe, lo faremo noi. Se il governo del Minnesota non proteggerà l'acqua, lo faremo noi", ha aggiunto Grinsfelder.

Alla domanda sul motivo per cui avrebbero corso un tale rischio per la loro sicurezza e libertà, Betsy Foy, 20 anni (di Saint Paul), ha detto:

"Sono cresciuta in Nebraska sentendo parlare della devastazione che il gasdotto Keystone avrebbe causato, quindi quando mi sono trasferita in Minnesota e ho saputo della linea 3, mi sono sentito chiamata ad agire"

"Anche se non riesco a fermare qualcosa da sola, è fondamentale che molte persone nel movimento siano solidali".

Betsy Foy, 20 anni di Saint Paul, Minnesota

Il 12 novembre, il Minnesota Department of Natural Resources e la Minnesota Pollution Control Agency (MPCA) hanno approvato vari permessi per Enbridge's Line 3. Sabato, il risultato ha portato centinaia di persone a protestare presso la Governor's Mansion, scontrandosi con una manifestazione pro-Trump composta da gente che supporta le pipe-lines.

Ieri, 12 membri del gruppo consultivo di MPCA (Minnesota Pollution Control Agency) su 17 si sono dimessi per protesta a causa dell'approvazione da parte del commissario MPCA Laura Bishop di un permesso chiave per l'acqua che spinge la linea 3 più vicino alla costruzione.

"Non possiamo continuare a legittimare e fornire copertura per la guerra dell'MPCA contro le persone di colore", afferma la loro lettera di dimissioni.

La linea 3 di Enbridge è il più grande progetto nella storia della società e sarebbe uno dei più grandi oleodotti di petrolio greggio del continente, secondo una dichiarazione sul sito web della società. Si prevede che la linea 3 trasporterà fino a 760.000 barili al giorno attraverso il Minnesota settentrionale, passando attraverso le terre dei trattati di diverse bande Ojibwe.

Ad oggi, cinque bande Ojibwe hanno resistito al progetto dell'oleodotto in tribunale: White Earth, Red Lake, Mille Lacs, Fond du Lac e Leech Lake. Canada, North Dakota e Wisconsin hanno tutti approvato i loro segmenti del gasdotto.

"Se la sua amministrazione [del governatore Walz] non resisterà al grande petrolio, lo faremo noi", ha aggiunto Houska.

Immagine di copertina di Giniw Collective.

Di Darren Thompson per Unicorn Riot

Per maggiori info: Resist line 3

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons