InfoAut
Immagine di copertina per il post

Berlino – Brutti, Sporchi, Occupanti

>

N. Chomsky


Oggi a Berlino abbiamo partecipato alla giornata di lotta organizzata dai compagni e dalle compagne della rete dei disoccupati BASTA!, del collettivo di quartiere Hände weg vom Wedding e del comitato contro gli sfratti Zwangsraumung Verhindern. Con loro abbiamo ‘confiscato’ alla rendita immobiliare, alla speculazione ed alla gentrification, un appartamento in Soldiner st. 26.

Lo abbiamo fatto per far esplodere tutte le contraddizioni di una politica amministrativa che se da un lato limita Airbnb, censisce le case per turisti e legifera per calmierare i rialzi degli affitti, dall’altro non si fa scrupoli di violare gli spazi abitativi di Rigaerst. 94 (nel quartiere cool di Friederichshain) con la polizia o di sbattere migliaia di persone in strada per rivalutazioni immobiliari. 

Abbiamo voluto uscire allo scoperto, abbiamo voluto dire che noi esistiamo, viviamo, schiacciati dalla burocrazia dei Job Center, dal lavoro coatto, da forme di repressione, dallo sfruttamento e dal lavoro a nero.
Abbiamo voluto farlo per denunciare la situazione disumana di una città che costringe i rifugiati siriani a dormire al freddo, ci spinge a dividere un monolocale in un numero eccessivo di persone per i costi di affitto, ci rende semplicemente impossibile accedere agli affitti (non abbiamo garanzie da offrire in quanto precari o disoccupati).

In una città in cui esistono 17.000 appartamenti sfruttati illegalmente a scopo turistico, appartamenti come quello in Soldinerstr -1800 euro per 60 metri quadrati- sono pura rendita speculativa immobiliare. Tali rialzi degli affitti producono gentrificazione nell’intera area (solo nella zona in questione ci sono nel giro di pochissimi isolati circa altri 60 appartamenti turistici).

Alla conferenza stampa dell’occupazione ha risposto imbarazzato il Ministero socialdemocratico per le politiche abitative della città di Berlino, dandosi il merito di aver creato una ‘squadra speciale’ di polizia contro gli abusi delle case turistiche.
Ad un fenomeno speculativo che produce un dramma sociale la maggioranza cittadina risponde con controllo, polizia e multe.
Nulla che però pare spaventare le agenzie immobiliari che controllano la città e, in qualche modo, le nostre vite.

Ma, ne siamo certi, più che la task force comunale a far tremare da oggi speculatori e proprietari senza scrupoli è stata la nostra disponibilità all’occupazione, al conflitto, la nostra resistenza alla polizia accorsa in forza, la nostra tenacia che ci ha permesso di mantenere l’appartamento. Una disponibilità, nuova, insospettabile, per loro e per chi -come loro- non si preoccupa dei cadaveri che produce.

Dopo la conferenza stampa abbiamo tenuto il nostro sportello settimanale in italiano e lì, in modo abbastanza emblematico, tra i tanti, si è presentata l´ennesima coppia di migranti italiani, passati dal costosissimo AIRb&b alla prima WG trovata allo scandaloso prezzo di 550 euro per appena 20 m2 di stanza.

Questa lista  vuol essere strumento per tutt@ coloro che vogliono da un lato avere un tetto e dall’altro essere attori politici di un conflitto sociale contro il Partito della Rendita.

Oggi abbiamo vinto, abbiamo riscattato la dignita´ contro chi programma per noi ‘vite al ribasso’: precarie, emarginate, criminalizzate.

“a Mimì, bruciato vivo negli anni ’70 a Piazza Umberto”

 

tratto da Berlin Migrant Strikers

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

Berlinogermaniamigranti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

No agli antiabortisti nelle strutture pubbliche!

Giovedì 11 luglio alle ore 12 si terrà una conferenza stampa davanti all’Ospedale Sant’Anna a Torino (ingresso via Ventimiglia) organizzata dal Comitato per il Diritto alla Tutela della Salute e alle Cure – Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche..

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La crisi nel centro: la Germania nell’epoca dei torbidi. Intervista a Lorenzo Monfregola

La Germania, perno geopolitico d’Europa, epicentro industriale e capitalistico del continente, sta attraversando senza dubbio un passaggio di crisi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Proteste degli agricoltori in tutta Europa. In Francia una giovane donna investita durante un blocco

Dopo le mobilitazioni degli agricoltori in Germania il movimento si estende in Francia, in particolare nella regione dell’Occitanie. Bloccata la A64 a Carbonne, i blocchi si moltiplicano a macchia d’olio intorno a Tolosa nella Haute-Garonne, bloccata anche l’autostrada A20 di Montauban.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Germania, agricoltori in rivolta: occupate le autostrade, blocchi e cortei nelle città

È caos in Germania, dove è esplosa la protesta dei coltivatori contro il governo Scholz.