Francia: una poliziotta sotto copertura scoperta durante il contro vertice del G7

Stampa

 https://secoursrouge.org/ Una poliziotta sotto copertura è stata recentemente smascherata. Si faceva chiamare  "Dan", "Rosa", "Rosa delle sabbie" o "Clara", a seconda delle città e dei gruppi che frequentava  e probabilmente aveva molti altri soprannomi. Ha sessant'anni, portati abbastanza bene,è alta tra 1,55 me 1,65 m, è una grande fumatrice,  indossa quasi tutto il tempo degli occhiali da sole (vedi foto). Ha affermato di provenire da Clermont-Ferrand dove avrebbe svolto attività militante. Ha anche detto che attualmente stava lavorando all'Enedis di Tolosa .

||||
|||| ||||

Durante un incontro sull'organizzazione per la manifestazione di Bayonne del contro-vertice del G7, una donna è stata notata mentre scattava discretamente, con il suo cellulare, le foto delle persone che frequentavano il GA . Quando il suo telefono è stato verificato, è emerso che diverse centinaia di foto di azioni, dimostrazioni e assemblee generali erano state scattate nei 3 giorni precedenti. Alcune di queste foto, tra cui foto ravvicinate e chiaramente identificabili, sono state inviate (insieme a rapporti dettagliati sulle loro attività, nonché verbali delle riunioni di piccoli gruppi) a un supervisore che ha richiesto chiarimenti e che ha dato istruzioni alla poliziotta. Nella confusione causata da questa scoperta, tuttavia, l'infiltrata è riuscita a scomparire dalla scena.

Questo infiltrato, fortunatamente smascherato, è molto più di un semplice confidente. Aveva connessioni e informazioni su larga scala. Ad oggi, sappiamo che è apparsa nel movimento Gilet Gialli a Tolosa in gennaio e che ha partecipato all'organizzazione  dell'evento. Sappiamo anche  che ha aderito a molti gruppi di Telegram e Facebook e che ha preso parte alle assemblee e alle varie commissioni del movimento, che è riuscita ad avvicinarsi e connettersi con le persone e con i gruppi che potrebbero essere percepiti come i più determinati del movimento stesso. Deve anche essere noto che faceva parte del gruppo organizzativo "Telegram Yellow Vests alloggio"  durante il procedimento nazionale di Tolosa e che era in grado di effettuare una conseguente registrazione. Stava collegando le persone in modo che la polizia potesse effettuare arresti.

Per apparire credibile, ha fatto affidamento sulle connessioni evidenziando il posto che occupava in altre città e su altre reti. Per quanto riguarda il contro-vertice, ha incoraggiato per mesi molte persone di diverse città ad andarci. Sembrava anche che avesse stimolato e facilitato molte azioni e che fosse l'unico contatto in loco per persone provenienti da tutta la Francia e da altri paesi. L'idea era di spingere gli attivisti all'attacco .

Se hai qualche informazione, contatta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Maggiori informazioni qui

Tradotto da proletaritosri.blogspot.com

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);