InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: è il ritorno dei Gilet Jaunes?

||||

Da alcuni giorni sui social media francesi sta girando l’appello per una Stagione Seconda dei Gilet Jaunes. Per questo sabato si attendono blocchi alle rotonde ed iniziative in tutto il paese. A scatenare la protesta è nuovamente l’aumento dei carburanti, tema che aveva dato inizio alle prime insorgenze di questo movimento particolarmente innovativo ed interessante nei suoi sviluppi. Il movimento dei Gilet Jaunes non si è mai esaurito del tutto, ma ha avuto la capacità di residuare un’attivismo, una militanza, un protagonismo sociale che si è materializzata durante i cicli di lotta che si sono susseguiti durante la pandemia, con la loro discesa in piazza a fianco ad istanze differenti e molteplici. Dunque, per quanto riguarda la Stagione Seconda, si tratta di un ritorno alle origini? Cerveaux non disponibles, network di movimento che ha seguito le mobilitazioni dei GJ fin dall’inizio è convinto di no. Di seguito proponiamo la traduzione di un punto di vista apparso sulla sua pagina.

Il sole in autunno

Perché non ci sarà una stagione 2 del movimento dei gilet gialli, ma una nuova serie, dalla sceneggiatura completamente diversa? Un blockbuster che scotcherà tutti.

 

Da circa 48 ore circolano ovunque appelli per un massiccio ritorno dei gilet gialli a tre anni dall’inizio del movimento. Chiamate di aiuto da alcuni, desiderio di tornare per altri. Il gilet giallo è diventato per due giorni il mantello dell’eroe caduto che deve indossare il prima possibile. In poche ore la macchina da guerra è stata portata via. Il #GiletsJaunesSaison2 trend su Twitter, personaggi del movimento invitati sui televisori, articoli che si moltiplicano sui media.

Ma diciamolo chiaramente, una ′′stagione 2′′ dei gilet gialli non è né possibile né auspicabile.

Niente sarà più come prima

Dal movimento dei gilet gialli, e in un regime sanitario schiacciante, i movimenti si sono moltiplicati appena hanno potuto, come hanno potuto. In 3 anni abbiamo sperimentato non meno di 6 movimenti massicci, con varie forme e aspirazioni. Mai visto.

 

I movimenti antirazzisti (islamofobia e negrofobia) e contro le leggi liberticide hanno riportato in piazza decine di migliaia di giovani, talvolta manifestando per la prima volta e con rara determinazione contro il razzismo, la polizia e la sorveglianza di massa. Chi non ricorda questa folla davanti al tribunal de grande instance, o quella manifestazione che si è conclusa in Place de la Bastille, quando il BRAV-M è stato completamente messo alle strette.

Il movimento contro la riforma delle pensioni è riuscito a riattivare le macchine sindacali e ad iscriverle nella volontà del movimento di massa. Sebbene sia stato interrotto con l’inevitabile arrivo del contenimento, è stato un momento in cui molti sono tornati a scioperi, blocchi, dimostrazioni di forza. Tutti i mestieri erano rappresentati lì. Ricordiamo in particolare i vigili del fuoco in sciopero, da mesi in prima linea, e la cui determinazione ha permesso di svelare il vero volto della loro corporazione vicina: i poliziotti.

 

Il movimento delle occupazioni dei teatri avvenuto in tutta la Francia, anche nei teatri più remoti della Drome, ha permesso di evidenziare la necessità di disporre di spazi in cui organizzarsi. I teatri hanno cercato di diventare le rotonde del 2018. Luoghi dove ci incontriamo, dove mangiamo, dove ci organizziamo, dove scambiamo, dove creiamo qualcosa in comune. Luoghi desiderabili dove ci troviamo faccia a faccia con la realtà.

Il movimento contro il pass sanitario è riuscito a mettere in movimento un mucchio di persone che nessuno si aspettava. A volte le persone indesiderate diciamolo chiaramente. Ma anche tante confusioni che avrebbero il merito di essere chiarite. Il pass sanitario come dispositivo di controllo, come strumento per rendere più precarie molte professioni. Questo è ciò che dobbiamo ricordare.

 

Gli ultimi rapporti dell’IPCC hanno solo ingrossato le fila degli attivisti che difendono il vivente. Contro l’artificializzazione del territorio, progetti di ecocidio come gli sviluppi per le Olimpiadi del 2024.

Le lotte femministe hanno continuato a opporsi al sistema patriarcale, alla violenza di genere e sessuale, di cui la nomina del ministro degli Interni, Darmanin, è stata il volto più esacerbato.

 

Le lotte LGBTQ hanno continuato a diffondersi, in pride radicali e sui social media.

Tutte queste lotte si risuonano a vicenda, si mescolano e affrontano uno Stato e una forza di polizia che perpetuano e accentuano anche le oppressioni razziste, sessiste, LGBTQfobiche e rendono precaria una popolazione già in ginocchio.

 

Tenere insieme

Questi movimenti sono avvenuti tutti in tempi di pandemia, stato di emergenza, contenimento, coprifuoco. Mentre le nostre vite sono dettate dai discorsi napoleonici di un Macron ancora più arrogante di qualsiasi star di Hollywood. Abbiamo tenuto di fronte alla pandemia, mantenuto e consolidato i legami sociali dove il potere ha cercato di isolarci. Coniugare la realtà del rischio per la salute e la necessità di resistere agli attacchi antisociali e liberticidi. Abbiamo tenuto duro, ora è il momento di straripare.

A questo punto del testo, devi sicuramente vedere dove voglio andare a parare. Sarebbe inutile e pretenzioso credere che il movimento dei gilet gialli torni così, schioccando le dita, al richiamo di pochi personaggi e di qualche account Twitter. Non può esserci una stagione 2, perché i sequel sono sempre più blandi. Anche se il gilet tornerà sulle spalle di molte persone nel prossimo movimento. Anche se le rotonde tornano ad essere i punti centrali della mobilitazione, non può essere “il movimento dei gilet gialli”. Sarà e dovrà essere più grande, più diversificato, indubbiamente più determinato. Ci saranno i giubbotti verdi, i giubbotti neri, i giubbotti rossi in un movimento arcobaleno, ingovernabile. Ci sarà condivisione di pratiche, di modalità di azione. Alcuni occuperanno quando altri bloccheranno. Alcuni avranno grandi mense e deliziosi barbecue per rifornire i rivoltosi stanchi. Tutto ciò che abbiamo imparato negli ultimi anni, chiunque siamo, ne trarrà beneficio. Abbiamo tessuto dei collegamenti. Leghiamoli in nodi.

Già nella primavera del 2018, pochi mesi prima del movimento dei gilet gialli e durante lo sciopero dei ferrovieri e l’occupazione delle università, diceva l’economista Frédéric Lordon:

 

“Tutti devono sapere che hanno i mezzi per far deragliare il convoglio. E’ ciò che vogliamo ? Questo è il movimento di massa. Se l’offensiva è generale, vogliamo lo sfogo generale. Dobbiamo dire a tutti coloro che si sentono infelici che c’è una via d’uscita. Combattiamo, combattiamo, ora è il momento. “

La morte può aspettare

Le ragioni del movimento in arrivo sono molteplici e si sovrappongono alle ragioni dei vari movimenti sociali degli ultimi tre anni. Per molti, attanagliati dall’austerità, dalla precarietà, dalle molteplici oppressioni sistemiche o dalla distruzione delle libertà, si tratta di scendere in piazza o morire. E come ci dice bene l’ultimo 007, La morte può attendere, quindi scendiamo in piazza.

Aumenti di combustibili, gas, elettricità, ma anche grano e materiali come legno e acciaio.

Riforme antisociali, che ci rendono più precarie. (Assicurazione contro la disoccupazione / Pensioni)

Leggi contro la libertà: separatismo, sicurezza globale, stato di emergenza e pass sanitario

Pieno potere a una polizia e a uno Stato di tutte le repressioni, tutte le oppressioni

La proliferazione dei progetti di artificializzazione del territorio (GU 2024, Port du Carnet, Triangle de Gonesse)

A chi non vede un terreno comune nella lotta contro i gesti del potere dovrebbe essere offerta una consulenza oculistica. Dovrebbe bastare il semplice fatto che siano gli stessi ad avere potere decisionale su tutto quanto appena detto. Ma c’è molto in comune tra il sociale, il vivente e le libertà. Trittico interconnesso. Perché influenzano direttamente i nostri corpi.

Farla finita con la mascherata

Per finire, stiamo entrando nella grande mascherata del 2022 e state tranquilli, non c’è bisogno di cercare alcun candidato per un’alternativa desiderabile a quello che stiamo attraversando. La classe politica è senza fiato, gesticola. Guardiamolo da lontano, per ridacchiare di tanto in tanto durante un dibattito folcloristico tra uno Zemmour e un Mélenchon. Ma non cadiamo nella trappola di questi momenti di buffoneria. L’unica cosa che può tirarci fuori da una situazione del genere siamo Noi, insieme e nelle strade.

 

“L’evidenza ha cambiato lato: ci si chiede come avremmo potuto crederci. Tutto quello che hanno lasciato per loro è il frastuono della TV e gli stivali del CRS. Quasi nulla è cambiato, ma non è più come prima. […] È solo dalla comprensione della tua situazione che troverai i mezzi per impadronirti del 2022, per inventare i mille accordi insospettati, intimi, collettivi, linguistici, un respiro, un rifiuto, una folla, che cercheranno proprio di fermare questo brutto scherzo. Se non è per questa volta, sarà per la prossima, o per la prossima. Non sarai solo, perché l’evidenza che questa è una farsa davvero malvagia rende ogni tentativo di contrastarla infinitamente più condivisibile. Colpisci a caso, troverai.», Farla finita con il 2022, Lundi Matin

 

Non ci sarà nessuna stagione 2 dei gilet gialli. C ‘ è una nuova serie che sta per uscire, con una sceneggiatura completamente diversa. Un blockbuster che scotcherà tutti. Per partecipare, devi smettere di guardare Squid Game e muoverti sul set di riprese più vicino a te. Giù da casa tua. Per strada.

Non abbiamo la data di uscita precisa. Alcuni dicono che è meglio tenere la sorpresa. Prepariamoci, forse ci sarà un bel sole questo autunno o questo inverno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[iframe src=”https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=314&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fcerveauxnondisponibles%2Fvideos%2F1019435278871265%2F&show_text=false&width=560&t=0″ width=”560″ height=”314″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no” frameborder=”0″ allowfullscreen=”true” allow=”autoplay; clipboard-write; encrypted-media; picture-in-picture; web-share” allowFullScreen=”true” ]

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

FranciaGILET JAUNES

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Mantenere il sangue freddo, rimanere strategici, definire gli obiettivi a breve, medio e lungo termine, acquisire forza, puntare al 2027.

Abbiamo tradotto questo contributo di Houria Bouteldja apparso su QG Décolonial per continuare ad approfondire quanto sta accadendo in Francia in merito alla costituzione di un nuovo Fronte Popolare per le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per un sollevamento antifascista.

Abbiamo tradotto il documento redatto dal movimento Soulèvement de la Terre a proposito della fase storica che si sta vivendo in Francia, verso le prossime elezioni.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: mobilitazioni di massa per la Palestina.

Lunedì 27 maggio, migliaia di persone sono scese spontaneamente in piazza a Parigi e in altre città per esprimere la loro rabbia contro il genocidio in corso a Gaza, all’indomani di atroci bombardamenti sulle tende dei rifugiati a Rafah

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rivolte in Nuova Caledonia tra neocolonialismo e laboratorio repressivo.

Dallo scorso 13 maggio in Nuova Caledonia (Il piccolo arcipelago si trova nell’Oceano Pacifico sud-occidentale, a 1.300 chilometri dalle coste dell’Australia), è scoppiata una violenta rivolta dei nativi Kanak, da sempre sostenitori dell’indipendenza dell’arcipelago.