InfoAut
Immagine di copertina per il post

Una poliziotta si è infiltrata per tre anni nei movimenti popolari a Girona

L’ufficiale del Corpo di Polizia Nazionale spagnolo Maria I.T. è la quarta spia scoperta nella classe del 2019. La sua missione di spionaggio si è concentrata sull’indipendentismo, l’antirazzismo e il movimento per la casa. Durante tutto il periodo di infiltrazione ha mantenuto una relazione romantica stabile con uno degli imputati per aver occupato i binari dell’AVE nel primo anniversario del 1 ° ottobre.

Tradotto da La Directa

Durante l’ultima settimana del maggio 2020, “Maria” ha costruito le sue prime amicizie a Girona. Arrivata da Palma tre mesi prima, ha approfittato della pausa nel confinamento della pandemia per frequentare di persona la scuola Aurea Formació, dove si era iscritta per sostenere gli studi di ammissione all’università per persone di età superiore ai 25 anni. Maria Perelló Amengual – nome e cognome che comparivano sul suo documento falso – sarebbe diventata in pochi mesi un’attivista dei movimenti sociali di Girona e Salt, ma non era arrivata nella capitale dell’Onyar per sua scelta. Faceva parte della 33esima promozione del Corpo di Polizia Nazionale Spagnolo (CNP) e si era formata presso la scuola di polizia di Ávila nel 2017 e nel 2018 in compagnia di MarcDani e Ramon, i tre infiltrati precedentemente scoperti da La Directa che sono approdati contemporaneamente nell’attivismo a Barcellona e Valencia.

La giovane poliziotta, che aveva appena compiuto 27 anni, si è iscritta quella stessa estate al Corso di Laurea in Educazione Sociale dell’Università di Girona (UdG), utilizzando la falsa documentazione fornita dal Ministero dell’Interno diretto da Fernando Grande-Marlaska. Come risultato della ricerca giornalistica di La Directa, possiamo confermare che la sua vera identità corrisponde al nome Maria I.T., che nel periodo 2012-2015 aveva studiato e si era laureata in Criminologia e Politiche di Prevenzione Pubblica presso l’Università Pompeu Fabra (UPF) di Barcellona. Più tardi, l’11 settembre 2017, sarebbe arrivata con le sue borse nei locali della scuola di polizia di Avila. Dopo un anno di formazione e dieci mesi di stage, il Commissario Generale per l’Informazione del CNP l’ha selezionata per assegnarle una missione nella città di Girona, nel quadro di quella che si è confermata come una vera e propria ondata di infiltrazioni nei Paesi catalani durante la primavera del 2020.

Maria ha mosso i primi passi della sua infiltrazione il 7 giugno di quell’anno nella Tancada per Drets, una mobilitazione che chiedeva “pane, riparo, documenti e lavoro” per i migranti minori non accompagnati. Venti giovani esclusi dalle cure della Direzione Generale dei Servizi per l’Infanzia e l’Adolescenza (DGAIA) hanno protestato in compagnia di decine di attivisti in un’aula della Facoltà di Scienze della Formazione dell’UdG. Anche il 24 giugno, la finta attivista ha condotto un’escursione con i giovani.

La poliziotta infiltrata mentre si laurea in Criminologia presso l’Università Pompeu Fabra di Barcellona, il 4 luglio 2015

Allo stesso tempo, era molto attiva nella vita sociale della capitale del Gironès. In effetti, un barbecue nel suo appartamento in affitto in un condominio turistico in via Portal Nou segnerà il futuro della sua infiltrazione. Quel giorno ha incontrato Oscar C., fratello di una delle ragazze con cui aveva stretto amicizia attraverso l’accademia degli studi per accedere all’università. Oscar e Maria avrebbero trascorso la loro prima notte insieme. “È stata lei a invitarmi e dopo un incrocio di sguardi ci siamo subito collegati. Maria da allora mi ha regalato alcuni dei momenti più belli della mia vita, me ne sono innamorato”, ricorda Oscar tra le lacrime. È sotto shock emotivo da sabato scorso, 8 luglio, quando ha appreso che la persona che definisce “l’amore della mia vita” era davvero un agente di polizia.

Oscar C. non è un nativo di Girona qualsiasi. Nelle molteplici assemblee del Comitato per la Difesa della Repubblica (CDR) a Girona era sempre lì e prendeva la parola con chiare capacità di leadership. È uno dei volti più visibili dell’attivismo indipendentista e antifascista della città, perseguito nella macro-operazione nota come 21 Reasons, in cui quattro attivisti affrontano una richiesta di quattro anni di carcere e una multa fiscale di 12.150 euro ciascuno. È una delle 21 persone inizialmente indagate e arrestate – così come i sindaci della CUP di Verges e Celrà, Ignasi Sabater e Dani Cornellà; e il fotoreporter Carles Palacio – per aver occupato i binari della ferrovia ad alta velocità il 1° ottobre 2018, in occasione del primo anniversario del referendum sull’autodeterminazione.

“Quello che mi hanno fatto non ha nome, hanno distrutto me e la mia famiglia. Maria ha ingannato me, mia sorella, mia madre, mio padre e tutti quelli che mi circondano. Questa è tortura, è un livello inimmaginabile di tortura. Gli ho dato il meglio di me e mi stava spiando per sapere quello che faccio e quello che penso”, racconta Oscar indignato e sgomento. Tutta la sua famiglia ha appreso la verità negli ultimi giorni e non sanno cosa fare.

La funzionaria del CNP Maria I.T. avrebbe usato strategie di infiltrazione basate su emozioni e sentimenti, al punto da invitare Oscar C. un fine settimana in una casa a Palma, presumibilmente sua. Hanno anche fatto viaggi di vacanza in un furgone tipo camper nelle Asturie e nella Catalogna settentrionale. La relazione è andata così lontano che hanno deciso di vivere insieme nell’appartamento dell’infiltrata a Girona, che avrebbero condiviso per più di un anno. Il legame emotivo tra loro era così consolidato che avevano persino pianificato di trasferirsi in una casa più grande.

Spiare un incontro con gli avvocati

A poco a poco, l’attivista fittizia stava prendendo protagonismo in sempre più ambiti di militanza. Il 7 marzo 2022, è riuscito a essere presente a un incontro con gli avvocati Montserrat Vinyets e Benet Salellas, dove è stata definita la strategia difensiva del caso 21 Reasons. Il processo era previsto per il 28 marzo, ma alla fine è stato rinviato. Il 21 aprile 2022, quando Oscar inizia a lavorare presso la sede nazionale di Òmnium a Barcellona come coordinatore del progetto (Re)voltes, Maria coglie l’occasione per iscriversi alla formazione presso la Guillem Agulló School, tra le altre attività dell’entità in difesa della cultura e della lingua. Nell’ambito di (Re)voltes, la spia del CNP ha partecipato a uno dei percorsi del progetto che consisteva in un tour delle scuole di Salt per denunciare la segregazione in classe.

Durante i tre anni di infiltrazione, ha partecipato alle mobilitazioni del Sindacato della Casa di Salt, alle assemblee aperte e alle manifestazioni contro l’arresto di Pablo Hasél e ad alcune attività presso l’Ateneu Salvadora Catà, dove voleva far parte senza successo di un gruppo di kickboxing – a quel tempo l’attività della palestra dell’Ateneo era limitata. Inoltre, ha insistito per unirsi alla Coordinadora de Feminismes 8-M Girona.

La spia aveva una relazione romantica stabile con Òscar C., un noto attivista dei movimenti popolari di Girona

Come con il resto dei casi di infiltrazione, Maria aveva una presenza intermittente a Girona e si è giustificata con una presunta grave malattia di suo padre per andare via per quattro mesi a Palma e Madrid, evitando qualsiasi visita con il pretesto delle “severe” misure di isolamento nelle strutture ospedaliere. Non ha sviluppato alcun lavoro permanente a Girona e ha pagato i suoi studi all’UdG con risparmi e “lavori temporanei” che, ha affermato, ha ottenuto in estate al Club Náutico de Palma. In numerose occasioni ha spiegato di aver perso il treno Barcellona-Girona e di aver pernottato a casa di un amico nella capitale catalana.

La falsa attivista, con il pretesto della malattia del padre, lascia temporaneamente Girona nel giugno 2022, proprio mentre La Directa scopre il caso dell’agente di polizia Marc Hernàndez Pon, infiltrato nella Sindicat d’Estudiants dels Països Catalans (SEPC), nella Casal Popular Lina Òdena e nel collettivo Resistim al Gòtic. La sua partenza non è mai stata definitiva, mantenendo un’intensa comunicazione fino alla pubblicazione di questa indagine attraverso la messaggistica mobile e lasciando la porta aperta al ritorno. Infatti, alla fine di ottobre 2022, in concomitanza con la celebrazione dei Fuochi di Sant Narcís, visita la città e si riunisce con Oscar. Da allora, l’infiltrazione è stata limitata solo alla sfera digitale e telefonica, un fatto che ha finito per causare una certa diffidenza e sospetto nel suo ambiente. Tutti si chiedevano perché Maria se ne fosse andata, e finora nessuno aveva ottenuto una risposta.

Un fratello poliziotto e Jusapol

L’infiltrata del CNP a Girona non fa eccezione all’interno della sua famiglia. Suo fratello, che risponde alla sigla R. I.T., fa parte dello staff della Prefettura delle Isole Baleari e si sarebbe fatto notare per la sua profusa attività nelle mobilitazioni del sindacato ultra-spagnolista Jusapol.

Il fratello della poliziotta infiltrata a Girona in una manifestazione a Jusapol

Sul suo account Facebook ci sono numerose fotografie in cui tiene manifesti contro il movimento indipendentista catalano, mentre diffonde messaggi contro “la dictadura colpista lazi” e un manifesto che battezza il 1 ° ottobre 2017 come “Il giorno delle scimmie”.

Questo nuovo caso di infiltrazione sta generando un forte impatto politico ed emotivo sull’attivismo di Girona. L’organizzazione anti-repressiva Alerta Solidària ha convocato una conferenza stampa per questo venerdì 14 luglio alle dieci del mattino alle porte della sottodelegazione del governo a Girona e sta accompagnando le vittime dagli aspetti legali e psicosociali.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

catalunyaINDIPENDENTISMOinfiltratipoliziaspagna

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amnistia in Catalogna, prosegue il dibattito

In Spagna è stata respinta l’attesa legge sull’amnistia per gli attivisti indipendentisti catalani e per le persone coinvolte nel referendum dell’ottobre 2017.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sabato 13 gennaio: La logica della ferocia a Quarticciolo

“Forza a tutti coloro che lottano” è l’epiteto finale di uno dei libri di Mathieu Rigouste che facciamo nostro per affrontare un tema che riguarda la nostra quotidianità ed è il presupposto che ci serve per fuggire da una visione fatalista o
eroica nel confronto con le forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Scontri in centro a Madrid, l’ennesima manifestazione di una destra ipocrita e disperata

“Chi può fare qualcosa, la faccia” diceva qualche giorno fa José María Aznar, ex premier e leader spirituale del Partito popolare (Pp). Il messaggio è stato rilanciato da altri rappresentanti politici e mediatici della destra ed estrema destra spagnola —se nel paese iberico è ancora possibile fare questa distinzione— e ha spronato centinaia di persone […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno: Giovani pro Palestina repressi violentemente dalle forze dell’ordine

Alcunə giovani di Livorno sono stati violentemente repressi per aver mostrato una bandiera e aver gridato “Palestina libera e indipendente” davanti al presidio pro-Israele, convocato dall’associazione Italia Israele Livorno. 

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Spagna: un’agricoltura che consideri l’acqua come un bene comune

L’inquinamento e la scarsità dell’acqua derivanti dal cambiamento climatico ostacolano le prospettive delle generazioni attuali e future.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia, 150 piazze contro la polizia razzista e assassina

Migliaia di persone hanno sfilato in Francia contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna: smascherato un sesto agente di polizia sotto copertura nei movimenti

In 15 mesi, un totale di sei agenti di polizia sotto copertura sono stati identificati nei movimenti sociali in Spagna e Catalogna. L’ultimo poliziotto è stato scoperto dopo un’operazione di infiltrazione che è durata nove anni…

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Commissariato Dora Vanchiglia, ovvero chi ci protegge dalla legge

Secondo quanto riportato dai giornali dopo quasi tre anni si sarebbe conclusa l’indagine che vede coinvolti due agenti del commissariato Dora Vanchiglia, il sostituto commissario Roberto De Simone e l’assistente capo Danilo Ricci, la loro dirigente Alice Rolando ed altre tre persone.