InfoAut
Immagine di copertina per il post

Spagna, alla polizia piacciono le palestre popolari. Per infiltrarsi

Identificata un’agente infiltrata nei movimenti di Madrid. Si aggiunge alla lista di poliziotti infiltrati a Barcellona e Valencia

di Ter Garcìa da PopOff Quotidiano

Mavi, come si è saputo, ha contattato La Animosa per la prima volta il 5 novembre 2022 per proporle di organizzare un evento legato alla giustizia climatica. All’epoca, l’assemblea del centro sociale situato nel quartiere Hortaleza di Madrid respinse la proposta per vari motivi. Una settimana dopo, ha iniziato la formazione presso il Gimnasio Popular Hortaleza Fighters, un progetto che appartiene alla CSO La Animosa. Ben presto desta sospetti.

La CSO La Animosa ha aperto i battenti nel novembre 2021, appena un anno prima della comparsa di Mavi, in locali commerciali di proprietà di Sareb che erano vuoti da anni. Fin dall’inizio ha ospitato una palestra popolare, una biblioteca e uno spazio per le attività dei collettivi di quartiere e di Madrid. Inoltre, durante quest’anno e quattro mesi, è stato un punto di incontro per centinaia di collettivi per organizzare diverse lotte.

Mavi L.F. è la falsa identità dell’agente di polizia che si fa chiamare M.V.C.S., secondo El Salto. Si tratterebbe di un’agente sotto copertura che da diversi mesi frequenta i circoli militanti di diversi collettivi di Madrid, tra cui Extinction Rebellion – almeno fino allo scorso fine settimana – un movimento di cittadini per la giustizia climatica che opera in diverse città del mondo, tra cui Madrid, a cui ha iniziato a partecipare a settembre, approfittando di una riunione generale del collettivo a El Retiro. “Quel giorno sono arrivate circa 20 o 30 nuove persone”, ricorda Víctor de Santos, ambientalista e membro di Extinction Rebellion. La seconda volta che è apparsa in questo collettivo ambientalista è stato in ottobre o novembre, in un’altra riunione aperta in cui c’erano anche diverse nuove persone, secondo un altro membro di Extinction Rebellion, che spiega che l’agente infiltrata ha persino partecipato a una riunione a casa sua. “Non ha contribuito molto alla riunione, ha passato il tempo a scherzare con un’altra ragazza che era appena arrivata”, dice l’attivista. Per quanto riguarda Extinction Rebellion e Futuro Vegetal, a cui ha partecipato, i due attivisti sottolineano che ha sempre mantenuto un basso profilo.

Nel caso de La Animosa, “nonostante il rifiuto di organizzare l’evento che Mavi era venuta a proporci, abbiamo visto come ha iniziato a mostrare un improvviso interesse per gli altri progetti dello spazio, oltre che per l’organizzazione di questo”, raccontano a El Salto dal centro sociale. È stato allora che ha iniziato a frequentare spesso la palestra, che le è servita da ponte per avvicinarsi agli altri membri dello spazio. Aggiungono che sono rimasti colpiti dalla sua predisposizione agli sport di contatto, nonostante lei avesse detto di non averne mai praticati. Più tempo passavano con lei, più diventavano sospettosi nei suoi confronti. “Abbiamo percepito che aveva un atteggiamento molto lusinghiero nei confronti delle persone che frequentavano lo spazio, cercava di creare legami di fiducia molto rapidamente ed era molto lusinghiera con tutti, cambiando idea a seconda della persona con cui parlava”, ricordano diverse persone che l’hanno incontrata al centro sociale.

Quando ha iniziato a condividere momenti di svago con le persone che frequentavano questo spazio, ha rivelato alcuni dettagli della sua vita che in seguito si sono rivelati falsi. Mavi si è presentata come operatrice telefonica e ha detto di essere originaria di Albolote, una piccola città di Granada. “Dopo aver parlato con lei, ci siamo resi conto che c’erano cose che non quadravano”, spiega un’altra delle persone che la conoscevano dai tempi de La Animosa. A causa di tutti questi sospetti maturati durante i quasi tre mesi che Mavi ha trascorso con i militanti della CSO La Animosa e del Gimnasio Popular Hortaleza Fighters, sono stati attivati alcuni protocolli di sicurezza nei suoi confronti.
Oltre al profilo Instagram con cui si è presentata inizialmente a La Animosa, sono stati trovati altri profili sui social network in cui la sua foto appariva con un altro nome. M.V.C.S., l’identità sotto cui si nasconde Mavi, aveva superato l’iter selettivo per la nomina a funzionario della Polizia Nazionale il 9 maggio 2022, due mesi prima che La Directa scoprisse il caso di un agente camuffato nei movimenti sociali di Barcellona.

Dopo la pubblicazione di La Directa sul secondo agente di polizia infiltrato nei movimenti sociali di Barcellona, anche il comportamento di Mavi è cambiato: “La sua reazione non è stata quella di sparire completamente, ma quasi. Dopo il secondo articolo de La Directa è venuto ad allenarsi una o due volte in più, ma non ha cercato di farsi coinvolgere allo stesso modo”, spiega un collega del centro sociale. Ha anche iniziato a cancellare foto e profili sui social network. Il primo, quello su Instagram con cui si era inizialmente presentata a La Animosa.
L’ufficio stampa del Comando della Polizia Provinciale di Madrid ha dichiarato a El Salto di non essere a conoscenza di alcun agente infiltrato nel centro sociale e ha avvertito che, nel caso in cui fosse stata ordinata un’azione di polizia, questa sarebbe avvenuta nell’ambito di un’indagine giudiziaria.


Infiltrati nella palestra
Come nei casi di Barcellona e País Valencià, l’infiltrazione del poliziotto a La Animosa è avvenuta attraverso le palestre popolari. “Stanno approfittando dell’apertura di questi spazi per infiltrarsi nei centri sociali e cercare di creare una paranoia collettiva a riguardo”, afferma lo stesso membro dell’assemblea de La Animosa. “Questo tipo di palestre sono ambienti sicuri per le compagne, dove non sono tollerati comportamenti razzisti, sessisti o omofobi. Quando si va ad allenarsi in questo tipo di spazio, si può essere certi di trovare compagne che, nonostante le distanze, hanno un modo di pensare comune, almeno che rispettino i valori sopra citati”, continua.
Tuttavia, secondo loro, gran parte della chiave per scoprire questi poliziotti infiltrati è la mancanza di formazione politica. “Possono inventare una vita finta perfettamente strutturata, ma spesso vengono scoperti a causa della loro mancanza di formazione politica”, spiegano. “Dobbiamo usare gli strumenti a nostra disposizione per proteggerci ed essere vigili su questi temi, ma senza diventare collettivamente paranoici. L’apertura di spazi politici non deve essere eliminata, ma ci deve essere un maggiore controllo su chi vi entra”, concludono.
La Animosa ha dichiarato a El Salto che intende mobilitarsi in risposta a quanto accaduto. “Vogliamo fare appello ai collettivi e ai centri sociali di Madrid contro l’attacco della polizia all’auto-organizzazione della classe operaia”, affermano.
Extinction Rebellion ha spiegato a El Salto che sta pensando a come affrontare la questione. “Non pensiamo che sia stato un pericolo per il collettivo perché ha mantenuto un basso profilo e tutto ciò che facciamo è pubblico, ma è più la paura che mette la gente nel non sapere con chi hai a che fare, se le persone con cui hai a che fare nella tua vita quotidiana sono poliziotti”, afferma.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Divise & Poteredi redazioneTag correlati:

infiltratimadridpoliziaspagna

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amnistia in Catalogna, prosegue il dibattito

In Spagna è stata respinta l’attesa legge sull’amnistia per gli attivisti indipendentisti catalani e per le persone coinvolte nel referendum dell’ottobre 2017.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sabato 13 gennaio: La logica della ferocia a Quarticciolo

“Forza a tutti coloro che lottano” è l’epiteto finale di uno dei libri di Mathieu Rigouste che facciamo nostro per affrontare un tema che riguarda la nostra quotidianità ed è il presupposto che ci serve per fuggire da una visione fatalista o
eroica nel confronto con le forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Scontri in centro a Madrid, l’ennesima manifestazione di una destra ipocrita e disperata

“Chi può fare qualcosa, la faccia” diceva qualche giorno fa José María Aznar, ex premier e leader spirituale del Partito popolare (Pp). Il messaggio è stato rilanciato da altri rappresentanti politici e mediatici della destra ed estrema destra spagnola —se nel paese iberico è ancora possibile fare questa distinzione— e ha spronato centinaia di persone […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno: Giovani pro Palestina repressi violentemente dalle forze dell’ordine

Alcunə giovani di Livorno sono stati violentemente repressi per aver mostrato una bandiera e aver gridato “Palestina libera e indipendente” davanti al presidio pro-Israele, convocato dall’associazione Italia Israele Livorno. 

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Spagna: un’agricoltura che consideri l’acqua come un bene comune

L’inquinamento e la scarsità dell’acqua derivanti dal cambiamento climatico ostacolano le prospettive delle generazioni attuali e future.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia, 150 piazze contro la polizia razzista e assassina

Migliaia di persone hanno sfilato in Francia contro il razzismo sistemico e la violenza della polizia

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Spagna: smascherato un sesto agente di polizia sotto copertura nei movimenti

In 15 mesi, un totale di sei agenti di polizia sotto copertura sono stati identificati nei movimenti sociali in Spagna e Catalogna. L’ultimo poliziotto è stato scoperto dopo un’operazione di infiltrazione che è durata nove anni…

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Commissariato Dora Vanchiglia, ovvero chi ci protegge dalla legge

Secondo quanto riportato dai giornali dopo quasi tre anni si sarebbe conclusa l’indagine che vede coinvolti due agenti del commissariato Dora Vanchiglia, il sostituto commissario Roberto De Simone e l’assistente capo Danilo Ricci, la loro dirigente Alice Rolando ed altre tre persone.