A Saluzzo braccianti e solidali lottano per uno spazio dove vivere. Silenzi e manganelli non ci fermeranno: CASA PER TUTT*!

Stampa

Ripubblichiamo il comunicato scritto da alcun* solidal* sulla giornata di lotta di ieri a Saluzzo al fianco dei braccianti agricoli che pretendono diritti. 

||||
|||| ||||

 

Decine di lavoratori agricoli stagionali e di solidali ieri si sono presi la città a Saluzzo, lottando per uno spazio dove poter vivere per chi da oltre dieci anni non ha una casa ed è sfruttato nelle aziende agricole locali.

Un presidio molto animato si è svolto sotto al Comune, mentre l’incontro che si era riusciti a strappare con i rappresentanti delle associazioni datoriali (Confagricoltura e Coldiretti), il Prefetto, i sindaci del territorio e il terzo settore si è concluso con un prevedibile nulla di fatto.
Le risposte di chi è intervenuto sono state vaghe, contraddittorie e volte a rimpallarsi le responsabilità. Se il sindaco ha cercato di dipingersi come vittima di una politica nazionale inadeguata e di un accanimento da parte dei manifestanti, ergendosi a paladino dell’accoglienza, la vice Prefetta ha dichiarato di stare lavorando a non meglio specificate soluzioni di cui, però, a suo dire devono farsi carico gli enti locali.
Il tutto nel silenzio totale delle associazioni degli imprenditori, che sullo sfruttamento della manodopera stagionale basano da sempre il proprio profitto, e a cui quest’anno la Regione offre addirittura fondi pubblici per incentivare l’ospitalità in azienda.

Ancora una volta, il gioco delle tre carte sulla pelle dei lavoratori migranti, condito dal comodo alibi dell’emergenza sanitaria, per cui non si possono aprire le strutture abitative, ma si può permettere che decine di lavoratori da settimane vivano per strada, senza nemmeno potersi fare la doccia o avere accesso ai servizi igienici.
Il padronato e le istituzioni rifiutano di assumersi qualunque responsabilità per una situazione di "emergenzialità” abitativa permanente e sfruttamento lavorativo che va avanti dal 2009 e che di eccezionale non ha nulla, considerando che nel saluzzese il fabbisogno strutturale di manodopera per il ricchissimo comparto frutticolo ammonta a 12.000 lavoratori.
Innumerevoli protocolli e decreti, in ultimo il decreto ‘Rilancio’, parlano di superamento dei ghetti e di soluzioni abitative adeguate per gli stagionali, ma rimangono lettera morta, o vengono tradotti in soluzioni concentrazionarie ed emergenziali.

Un corteo spontaneo di braccianti e solidali si è quindi preso le strade della città per ore, bloccando alcune rotonde e dirigendosi infine verso il Foro Boario, un tempo “Guantanamò”, luogo storico di accampamento per i braccianti stagionali e dove oggi sorge il PAS (Prima Accoglienza Stagionali), struttura comunale con centinaia di posti letto che quest’anno non ha aperto i battenti con la scusa del Covid, nonostante fosse stata da poco ristrutturata.

Con determinazione in tanti hanno provato a prendersi uno spazio dove poter vivere e alcuni sono riusciti a scavalcare il muro di cinta della struttura nonostante il filo spinato, ma a questo gesto è seguita una brutale carica della polizia in assetto antisommossa, durante la quale sono state ferite sette persone, due solidali e cinque lavoratori, che sono dovute ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Come più volte successo negli anni scorsi, i media locali e le destre cittadine cercano di screditare la protesta, parlando di ‘infiltrazioni dei centri sociali torinesi’ e di ‘associazioni favorevoli all’accoglienza’, rifiutando di riconoscere i protagonisti della giornata come lavoratori (‘sono migranti’…!) e le evidenti connessioni tra quel che accade da anni nella ricchissima cittadina del cuneese e il razzismo, istituzionale e non, che costringe centinaia di migliaia di persone a rischiare la vita, le torture, gli stupri sulla rotta libica per poi ritrovarsi a vivere in baraccopoli e campi, sfruttati nelle campagne, disprezzati e criminalizzati per il solo fatto di esistere, abbandonati ad un tragico destino nell’indifferenza dei più.

Criminalizzata è anche la solidarietà: a Saluzzo, chi osa avvicinarsi ai braccianti che dormono in strada è sottoposto a controlli, perquisizioni e minacce, e viene multato per ‘assembramenti’, come è accaduto la scorsa settimana.
Come è da tempo chiaro, la risposta istituzionale ai bisogni di sopravvivenza di lavoratori definiti ‘essenziali’ è la militarizzazione e la repressione.

A Saluzzo sono decine le volanti e le camionette di carabinieri, polizia e militari a presidiare ogni angolo della città.
Ma possono stare certi nelle stanze dei bottoni, le minacce e le botte non fermeranno chi chiede di poter vivere libero da razzismo, sfruttamento e segregazione.

La determinazione di braccianti e solidali fronte ai silenzi e ai manganelli non potrà che rafforzarsi, così come, lo speriamo, la solidarietà con i tanti che in questo periodo di crisi si ritrovano, o rischiano di ritrovarsi, in mezzo ad una strada, sfruttati o senza lavoro nè prospettive.

La rabbia è tanta e non finisce qui!
No justice no peace, casa per tutt* ghetti per nessuno!

alcunx solidalx

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons