InfoAut
Immagine di copertina per il post

Ecuador: la prima guardia indigena guidata da donne kichwa

E per inciso tenete d’occhio le congas e il boa dalle 7 teste.

di Maria Teresa Messidoro (*), da La Bottega del Barbieri

Anche se gli uccelli e i mammiferi acquatici sono una parte essenziale della selva amazzonica, sono i piccoli insetti, cin il proprio comportamento, a caratterizzare questo ambiente latinoamericano.

L’Amazzonia è tra l’altro la casa di molte varietà di formiche, tra cui spiccano le congas o formiche proiettile, così chiamate perché sono la specie di formiche con la puntura più dolorosa al mondo, secondo l’indice di Scmidt (1).

Nella cultura indigena kichwa, la specie conga, o yuturi , è considerata pacifica, fino a quando non si accorge che il suo habitat è minacciato: per questo viene considerata una guerriera, nel senso che non permette a nessuno di entrare nel proprio territorio.

Lo stesso succede con le donne della comunità di Serena, la comunità indigena che si trova lungo il corso del fiume Jatunyacu (2), nella Amazzonia equadoriana.

Si chiamano Yuturi Warmi, le donne conga. “Ci siamo organizzate contro l’attacco sistematico della miniera illegale nei confronti delle popolazioni e dei territori indigeni, perché tutte le miniere presenti nella provincia di Napo lo sono” afferma María José Andrade Cerda in una intervista concessa recentemente a Mongabay. (3)

Mayo, come viene affettuosamente chiamata Maria José, ha 28 anni ed è una delle dirigenti più giovani delle Yuturi Warmi. Racconta come dall’arrivo delle miniere nel territorio della sua comunità si sia persa la pace e la tranquillità; ci si guarda sempre alle spalle, controllando che gli operatori delle imprese non parlino con i dirigenti comunitari, cercando di corromperli, mentre si è definitivamente rotta l’armonia con le comunità circostanti, là dove si è ceduto alla presenza invasiva delle miniere.

Il territorio ha subito delle trasformazioni: ad esempio il boa dalle sette teste è costretto a risalire dalle acque del fiume, divenute troppe calde a causa delle contaminazioni provocate dal lavoro minerario. I bambini e gli adulti hanno notato il cambiamento del colore dell’acqua, più inquinata.

Gli stessi supays, gli spiriti della selva, si stanno muovendo inquieti, non possono rimanere tranquilli di fronte allo scempio perpetrato.

Tutto è iniziato nel febbraio del 2020, quando il territorio della conca del rio Jatunyacu viene dato in concessione alle miniere: oggi se ne contano 153 ufficiali, oltre a quelle sorte illegalmente.

 I giovani e soprattutto le donne della comunità Serena allora si ribellano, formando una guardia indigena (4) di una trentina di donne; inizialmente viene vista con scetticismo, perché la guardia indigena in Ecuador, come in tutto il continente latinoamericano, è vissuta come un “compito da uomini”, che spesso girano armati.

Ma Mayo e le sue compagne non si sono arrese, anzi. Si sono posti sei obiettivi: il primo è la difesa del territorio, a cui le donne sono da sempre legate. Il secondo è lo sviluppo di laboratori artigianali, come forma di maggiore autonomia anche economica. Il terzo è il campo educativo, affinché i ragazzi e le altre donne della comunità prendano coscienza della necessità dell’interculturalità e siano bilingue. Il quarto, che non si perda la medicina ancestrale, fondamentale nel periodo della pandemia.. Quinto, vorrebbero concentrarsi su un turismo differente, un turismo di resistenza, dove si evitino gli impatti negativi del cosiddetto “sviluppo ecoturistico”, dannoso per le comunità locali. Infine, la valorizzazione della cultura e delle tradizioni ancestrali del popolo kichwa.

Da un punto di vista organizzativo, hanno adottato la strutture associativa, tipica delle comunità indigene, con un direttivo e una presidentessa, Elsa Cerda, considerata la comandanta, alla testa di ogni lotta ed iniziativa. La prima donna a coordinare una guardia indigena.

Le donne di Yuturi Warmi sanno che la lotta contro le miniere è una lotta collettiva, che non si può vincere soltanto all’interno della singola comunità o soltanto come organizzazione di donne, ma con un lavoro congiunto con le organizzazioni indigene a cui appartengono, come la Federación de Organizaciones Indígenas del Napo, il gruppo Napo resiste (5) e con i gruppi presenti anche nelle città, sensibili al tema ecologico.

I risultati ottenuti finora sono stati due: il primo, avvenuto nel febbraio del 2022, quando sono riuscite a bloccare 150 macchine scavatrici ed espellerle dal territorio di Yutzupino; il secondo a livello giuridico, quando si è ottenuto dalla Corte di Giustizia Provinciale che venga riconosciuto la vulnerabilità dei diritti della natura, e di conseguenza il diritto alla riparazione dei danni compiuti dalle miniere. Diritto che non è ancora però stato applicato.

Mayo ha ben chiaro che tutto ciò che sta facendo e che farà non è solo per stessa, ma per tutta la comunità e per il territorio in cui vive. Si sente come la portavoce delle bambine e bambini della comunità, delle giovani che stanno appoggiando il lavoro delle Yuturi Warmi, delle madri e delle nonne che le hanno trasmesso la loro saggezza, dei propri antenati che hanno lasciato in eredità il territorio in cui si vive oggi.

Il territorio, per Mayo, “è la vita stessa. Non è solo l’aspetto fisico, è la spiritualità, la compagnia, la gente e lo stato d’animo che vivo in questo momento. Quando sono nel mio territorio, mi sento al sicuro, perché il territorio è ciò che sono io, con il mio corpo e la mia ancestralità”

L’insegnamento che nasce dalle guardie indigene Yuturi Marmi è che la speranza è la resistenza.

“Il fatto che continuano ad attaccarci, come persone e come territorio, non ci tolgono certo la voglia di continuare a vivere”

  1. Scmidt descrive il dolore provocato dalla puntura della formica conga equivalente a quello che si proverebbe a camminare sui carboni ardenti, con una puntina inserita nel piede. Le popolazioni locali chiamano la formica conga anche formica ventiquattro, a causa del dolore provocato da questa puntura, che può durare appunto fino a 24 ore.
  2. Dall’unione del rio Jatunyacu con il rio Anzu si forma il gran Rio Napo, uno dei principali affluenti del Rio delle Amazzoni
  3. https://es.mongabay.com/2023/05/yuturi-warmi-primera-guardia-indigena-liderada-por-mujeres-kichwas-en-ecuador-entrevista/?utm_source=Latam&utm_campaign=bfb3f05001-mailchimp_latam_PueblosInd%C3%ADgenas&utm_medium=email&utm_term=0_e3bbd0521d-bfb3f05001-77266426&mc_cid=bfb3f05001&mc_eid=d37f8f1374 articolo da cui sono tratte le foto riportate in questa nota.
  4. L’esperienza delle guardie indigene come pratica dell’autonomia dei popoli indigeni latinoamericani è stata più volte descritta da Raúl Zibechi nei suoi articoli, vedere ad esempio https://comune-info.net/autonomie-come-alternativa-di-vita/ , in cui si parla delle guardie indigene del Cauca in Colombia. Lo scorso settembre si è svolto il Primer Encuentro de Guardias Indígenas del Ecuador, a cui hanno partecipato decine e decine di guardie indigene provenienti da tutto il territorio nazionale. https://es.mongabay.com/2022/10/guardias-indigenas-toman-fuerza-en-ecuador-para-proteger-sus-territorios/
  5. https://www.naporesiste.org/

*Vicepresidentessa Associazione Lisangà culture in movimento Odv

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

autodifesaCRISI CLIMATICAdonneecuadorPOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Se domani non torno, distruggi tutto.

Anche a Torino appuntamento per una manifestazione contro la violenza patriarcale sabato 25 novembre alle ore 15 da piazza Carlo Felice.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Oltre la denuncia: considerazioni sul “risarcimento” agli stupri delle donne congolesi.

La notizia di qualche settimana fa rispetto alle donne abusate sessualmente in Congo nel quadro di un intervento dell’OMS per la battaglia contro l’ebola e il conseguente risarcimento di 250 dollari ciascuna ha rotto una serie di tabu sui quali abbiamo voluto approfondire insieme a Simona Taliani, docente dell’università di Torino del dipartimento Culture, Politiche e Società.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verso un 25 novembre di rabbia e di lotta.

In questi giorni i fatti stanno imponendo un’accelerazione alle mobilitazioni previste per il 25 novembre, giornata contro la violenza patriarcale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.