InfoAut
Immagine di copertina per il post

A Saluzzo braccianti e solidali lottano per uno spazio dove vivere. Silenzi e manganelli non ci fermeranno: CASA PER TUTT*!

||||

Ripubblichiamo il comunicato scritto da alcun* solidal* sulla giornata di lotta di ieri a Saluzzo al fianco dei braccianti agricoli che pretendono diritti. 

 

Decine di lavoratori agricoli stagionali e di solidali ieri si sono presi la città a Saluzzo, lottando per uno spazio dove poter vivere per chi da oltre dieci anni non ha una casa ed è sfruttato nelle aziende agricole locali.

Un presidio molto animato si è svolto sotto al Comune, mentre l’incontro che si era riusciti a strappare con i rappresentanti delle associazioni datoriali (Confagricoltura e Coldiretti), il Prefetto, i sindaci del territorio e il terzo settore si è concluso con un prevedibile nulla di fatto.
Le risposte di chi è intervenuto sono state vaghe, contraddittorie e volte a rimpallarsi le responsabilità. Se il sindaco ha cercato di dipingersi come vittima di una politica nazionale inadeguata e di un accanimento da parte dei manifestanti, ergendosi a paladino dell’accoglienza, la vice Prefetta ha dichiarato di stare lavorando a non meglio specificate soluzioni di cui, però, a suo dire devono farsi carico gli enti locali.
Il tutto nel silenzio totale delle associazioni degli imprenditori, che sullo sfruttamento della manodopera stagionale basano da sempre il proprio profitto, e a cui quest’anno la Regione offre addirittura fondi pubblici per incentivare l’ospitalità in azienda.

Ancora una volta, il gioco delle tre carte sulla pelle dei lavoratori migranti, condito dal comodo alibi dell’emergenza sanitaria, per cui non si possono aprire le strutture abitative, ma si può permettere che decine di lavoratori da settimane vivano per strada, senza nemmeno potersi fare la doccia o avere accesso ai servizi igienici.
Il padronato e le istituzioni rifiutano di assumersi qualunque responsabilità per una situazione di “emergenzialità” abitativa permanente e sfruttamento lavorativo che va avanti dal 2009 e che di eccezionale non ha nulla, considerando che nel saluzzese il fabbisogno strutturale di manodopera per il ricchissimo comparto frutticolo ammonta a 12.000 lavoratori.
Innumerevoli protocolli e decreti, in ultimo il decreto ‘Rilancio’, parlano di superamento dei ghetti e di soluzioni abitative adeguate per gli stagionali, ma rimangono lettera morta, o vengono tradotti in soluzioni concentrazionarie ed emergenziali.

Un corteo spontaneo di braccianti e solidali si è quindi preso le strade della città per ore, bloccando alcune rotonde e dirigendosi infine verso il Foro Boario, un tempo “Guantanamò”, luogo storico di accampamento per i braccianti stagionali e dove oggi sorge il PAS (Prima Accoglienza Stagionali), struttura comunale con centinaia di posti letto che quest’anno non ha aperto i battenti con la scusa del Covid, nonostante fosse stata da poco ristrutturata.

Con determinazione in tanti hanno provato a prendersi uno spazio dove poter vivere e alcuni sono riusciti a scavalcare il muro di cinta della struttura nonostante il filo spinato, ma a questo gesto è seguita una brutale carica della polizia in assetto antisommossa, durante la quale sono state ferite sette persone, due solidali e cinque lavoratori, che sono dovute ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Come più volte successo negli anni scorsi, i media locali e le destre cittadine cercano di screditare la protesta, parlando di ‘infiltrazioni dei centri sociali torinesi’ e di ‘associazioni favorevoli all’accoglienza’, rifiutando di riconoscere i protagonisti della giornata come lavoratori (‘sono migranti’…!) e le evidenti connessioni tra quel che accade da anni nella ricchissima cittadina del cuneese e il razzismo, istituzionale e non, che costringe centinaia di migliaia di persone a rischiare la vita, le torture, gli stupri sulla rotta libica per poi ritrovarsi a vivere in baraccopoli e campi, sfruttati nelle campagne, disprezzati e criminalizzati per il solo fatto di esistere, abbandonati ad un tragico destino nell’indifferenza dei più.

Criminalizzata è anche la solidarietà: a Saluzzo, chi osa avvicinarsi ai braccianti che dormono in strada è sottoposto a controlli, perquisizioni e minacce, e viene multato per ‘assembramenti’, come è accaduto la scorsa settimana.
Come è da tempo chiaro, la risposta istituzionale ai bisogni di sopravvivenza di lavoratori definiti ‘essenziali’ è la militarizzazione e la repressione.

A Saluzzo sono decine le volanti e le camionette di carabinieri, polizia e militari a presidiare ogni angolo della città.
Ma possono stare certi nelle stanze dei bottoni, le minacce e le botte non fermeranno chi chiede di poter vivere libero da razzismo, sfruttamento e segregazione.

La determinazione di braccianti e solidali fronte ai silenzi e ai manganelli non potrà che rafforzarsi, così come, lo speriamo, la solidarietà con i tanti che in questo periodo di crisi si ritrovano, o rischiano di ritrovarsi, in mezzo ad una strada, sfruttati o senza lavoro nè prospettive.

La rabbia è tanta e non finisce qui!
No justice no peace, casa per tutt* ghetti per nessuno!

alcunx solidalx

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

antirazzismoBRACCIANTI AGRICOLIlotta per la casamigrantisaluzzosolidarieta

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Puntata speciale 25 aprile: resistenze di ieri e di oggi.

In questa puntata del 25 aprile dell’informazione di Blackout abbiamo voluto sottolineare il legame forte e prioritario che ha la resistenza palestinese oggi con le possibilità che si aprono anche alle nostre latitudini.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

2.9 Radura || Le catene agricole. Agroindustria e lavoro in Piemonte

In questa nuova puntata di Radura torniamo a parlare di agricoltura. Lo facciamo a partire da un approfondimento delle catene del valore in un territorio specifico che è quello del Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

2.7 Radura || Un posto dove stare. La lotta per la casa a Pavia

La questione abitativa viene spesso considerata come un problema relegato alle metropoli. In realtà anche nelle città medio-piccole gli sfratti, i pignoramenti, l’aumento del costo degli affitti sono fenomeni all’ordine del giorno.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Una prigione per migranti in Albania

Ieri la presidente del consiglio dei ministri Meloni ha sottoscritto con il primo ministro albanese Rama un protocollo per la gestione in territorio albanese dei migranti ripescati in mare dalla Marina Militare e dalla Guardia di Finanza.