InfoAut
Immagine di copertina per il post

Raccogliere la lotta: voci di resistenza agroecologica

Revista Cítrica ha partecipato all’Incontro Provinciale delle Città Fumigate a Lincoln, provincia di Buenos Aires. Da una scuola recuperata da una comunità mapuche ranquel, ora convertita in un progetto agroecologico, diverse organizzazioni, assemblee e la stessa comunità Rupu Antu Linkoln hanno discusso del futuro ambientale del Paese.
Le lotte di domani. Le conquiste di oggi.
Storie di eroi anonimi per un futuro migliore.

da ECOR Network


Damián Wanka affonda le mani in un pozzo d’acqua accanto a un mulino fatiscente. Lo fa adesso, un sabato pomeriggio nel bel mezzo dell’Incontro Provinciale dei Popoli Fumigati, una giornata che riunisce i leader nella lotta ambientale contro le multinazionali e gli allevatori che utilizzano pesticidi a palate sui loro raccolti. Ma la settimana scorsa lo ha fatto anche Damián, membro di Rupu Antu, una comunità Ranquel Mapuche. Non c’è acqua, dice. “L’unico pozzo che abbiamo si sta prosciugando”, dice Wanka, mentre si asciuga il sudore dalla fronte. “Qui è così”. 
 

[Qui, un luogo inaccessibile e arido
a Lincoln, provincia di Buenos Aires,
circondato da campi desolati.
Qui, un tempo, funzionava una scuola]

 

Negli anni ’90, con l’avvento del modello della soia nella produzione rurale, i proprietari dei campi circostanti la scuola vendettero le loro terre e si trasferirono in altre città. Senza la presenza di bambini, l’edificio cadde in disuso. “Una famiglia ha occupato il terreno nel 2001, ma si ammalarono con le fumigazioni”, dice Wanka, che vive a Lincoln, il paese più vicino. Quando lui e il resto dei suoi compagni della comunità Rupu Antu hanno scoperto che il luogo era abbandonato e sull’orlo del collasso, hanno deciso di abitarlo realizzando un progetto agroecologico. Hanno informato il consiglio scolastico di Lincoln e nel 2021 sono entrati per la prima volta.

“Tutto questo territorio è mapuche”, dice Wanka e traccia una linea immaginaria con il dito. “I nostri trisnonni lo abitavano e furono espropriati 150 anni fa”, spiega. La prima cosa che ha fatto la comunità è stata risistemare lo spazio con l’aiuto di alcuni vicini. Poi andarono a prendere l’acqua. Una prima perforazione li ha forniti per alcuni mesi finché gli strati non si sono seccati. Ne fecero un’altra, ma trovarono solo acqua salata. Ed è quella che usano oggi.
 

[“Il nostro obiettivo principale è dimostrare ai produttori locali
che è possibile coltivare senza prodotti agrochimici”]

 

Attraverso un faticoso processo di adattamento dei semi, durato un anno, i membri della comunità riuscirono ad avere un orto fertile. Prezzemolo, bietola, rucola, ravanello. La semina aveva cominciato a dare risultati. Da un terreno morto e abbandonato alla produzione di alimenti economici e privo di sostanze tossiche, da vendere. L’agroecologia nella sua massima espressione. Tuttavia, è lì che sono iniziati i problemi.

Certe notti, in mezzo al fitto bosco, sentivano il rumore dei camion e vedevano le torce puntate su di loro. Finché il rumore dei proiettili li fece fuggire per i campi. “Alcuni proprietari terrieri volevano che ce ne andassimo”, dice Wanka. “Ci  sparavano per spaventarci. A loro non era piaciuto che una comunità mapuche rivitalizzasse questo spazio, ma noi lo abbiamo fatto e ne siamo orgogliosi”. Da allora, la scuola agroecologica “Kelu Mula” (‘mula colorata’, in mapuche) funziona come spazio comunitario ed è stata scelta come nuova sede del 13° Incontro dei Popoli Fumigati.

Un vicino di un campo vicino è appena entrato con alcuni strumenti per aiutare a pompare l’acqua. È corpulento e indossa cappello e stivali, abbigliamento classico di un uomo di campagna. Damian indossa una fascia blu e un’ampia cintura di pelle. Entrambi immergono le mani nel pozzo. “Il nostro obiettivo principale è dimostrare ai produttori locali che è possibile coltivare senza prodotti agrochimici”, spiega Wanka. “Vediamo un cambiamento di paradigma tra coloro che hanno piccoli appezzamenti. Mostriamo un’altra alternativa per raccogliere senza investire grandi quantità di denaro. I nostri semi sono adattati a questo ecosistema e utilizziamo piante medicinali per combattere i parassiti», spiega.
 

[“Senza luce né acqua, in terre sterili e minacciate.
La storia del popolo Mapuche non è cambiata molto.
Ai nostri antenati è successa esattamente la stessa cosa”]

 

Elisinda Lairia ha 63 anni ed è venuta all’incontro da Malvinas Argentinas, Córdoba. Ha mani gracili e parla lentamente, come se sforzasse i polmoni. La sua lotta, dice, è lasciare un futuro migliore a suo figlio, con un ambiente sano e privo di inquinamento. Tuttavia, la battaglia principale di Elisinda si combatte all’interno del suo corpo, un duello silenzioso che deteriora lentamente la sua salute.

Nel 2007 sono state rilevate diverse sostanze chimiche nel suo sangue. La sua casa in un umile quartiere di Córdoba era accanto a un deposito di taniche di glifosato. “Dalla mia finestra vedevo i contenitori impilati con un liquido all’interno”, ricorda Lairia. “Mi sentivo come se stessi morendo, ma a quel tempo non si parlava di pesticidi”. 

Quando è andata dal medico, l’hanno mandata a fare un test tossicologico. Il minimo che una persona può avere di sostanze chimiche nel sangue, hanno spiegato gli specialisti, è lo 0,3%. Dopo i risultati, per lei è stato rilevato lo 0,28%. “Ho iniziato a piangere perché ti seccavi dentro, come è successo a Fabián Tomasi”, racconta.

Fabián Tomasi era un ex lavoratore di un’azienda di fumigazione a Entre Ríos, morto nel 2019. Le immagini del suo corpo consumato dai pesticidi sono state scattate dal fotografo Pablo Piovano e hanno rivelato fino a che punto può arrivare “il costo umano dei pesticidi”.
 

[“Come posso non combattere le fumigazioni?
Come facciamo a non uscire a lottare affinché
smettano di tirare veleno vicino alle persone?”]

 

Merlina Albizú partecipa alla 41 multisettoriale contro l’agrobusiness a General Rodríguez, Buenos Aires e insieme ad altri colleghi promuove la CALE (Campagna per l’Acqua Pulita nelle Scuole), un’iniziativa che cerca di rendere visibile l’inquinamento alla quale sono esposte molte scuole della provincia. CALE nasce nel 2021 a Tandil, quando un team tecnico dell’Università Nazionale di Mar del Plata ha rilevato la presenza di pesticidi nell’acqua di varie istituzioni.

“Chiediamo analisi in tutte le scuole possibili e accompagniamo i processi di formazione delle ordinanze affinché il problema sia risolto”, spiega Albizú. Ma il problema principale, precisa l’attivista, non è che non esistono leggi municipali che tutelino l’ambiente, ma che queste non vengono applicate. “Non ci sono risposte da parte dello Stato. Ci dicono che non esiste un budget o che l’organismo incaricato di controllarlo dipende da qualcun altro”, dice.

Tra il 2020 e il 2021, alcune organizzazioni autogestite hanno effettuato test sulla qualità dell’acqua in diversi comuni di Buenos Aires. A Lobos sono stati trovati 11 pesticidi nelle falde acquifere; A Tandil ne hanno trovati 16, mentre a General Pueyrredón hanno rilevato alti livelli di glifosato in 5 casi. A La Matanza una scuola ha denunciato un caso di avvelenamento da glifosato in un’intera famiglia e a Exaltación de Cruz hanno riscontrato la presenza di pesticidi nell’acqua del rubinetto. 
 

[“La giustizia ha una visione estrattivista.
Ma è importante interpretarla e non rimanere zitti”]

 

L’auto di Fernando Cabaleiro, avvocato ambientalista, corre bruscamente lungo le strade sterrate che costeggiano la scuola. “Molti agricoltori si riempiono la bocca parlando di buone pratiche e poi lanciano in giro taniche di pesticidi”, spiega l’avvocato. Le taniche, sottolinea Cabaleiro, permettono di avere una specie di relazione tra la quantità di pesticidi che utilizzano in coltivazioni e gli ettari dichiarati. “Quando imboschi le taniche di pesticidi, occulti quindi anche gli ettari di terreno coltivati”, spiega. “Ecco perché molti le nascondono o le buttano là fuori. Perché a molti terreni mancano i documenti”.

Cabaleiro era presente nella maggior parte delle lotte ambientaliste promosse dalle assemblee e organizzazioni dell’incontro. Di fatto, ciò è stato denunciato penalmente da Patricia Bullrich nel 2018, quando l’attuale candidata alla presidenza era al vertice del Ministero della Sicurezza. Cabaleiro faceva parte di un gruppo di avvocati che rappresentava la comunità mapuche nel contesto della ‘desaparición’ forzata di Santiago Maldonado. 

La sua storia con la difesa dell’ambiente, però, inizia molto prima, in un caldo pomeriggio del 2007, nella cittadina bonaerense di Alberti. Fernando era andato a trovare la madre insieme ai suoi figli, quando sentì il rumore di un piccolo aereo fuori dalla casa. Quando uscì, vide l’aereo rilasciare un liquido ambrato praticamente a pochi metri da dove stavano.

Quando ha chiesto alla madre se sapeva cosa stesse succedendo, lei rispose: “stanno fumigando” e si grattò il braccio. “Pizzica solo un po'”, spiegò con una tranquillità che lo preoccupò molto. L’immagine di sua madre che si gratta il braccio gli fece portare avanti una battaglia giudiziaria che a tutt’oggi non abbandona: il diritto a vivere in un ambiente sano.

L’auto frena sul ciglio di un campo. Il pascolo, opaco, morbido, sembra un tavolo da biliardo. Tra l’erba c’è una tanica bianca buttata. Possibile che sia lo stesso che Elisinda guardava dalla sua finestra a Córdoba o quelli usati vicino alle scuole di Buenos Aires? “Non c’è biodiversità. Vedi la morte”, dice Cabaleiro. “Questo è il risultato del modello attuale”.

Delle lotte giudiziarie recenti, l’avvocato sottolinea quella di Lobos, dove un’organizzazione ha promosso in agosto il progetto PIS (Pesticida Inserito Silenziosamente). Consisteva nel prelevare campioni di urina da diversi residenti di quella località dove erano state rilevate grandi quantità di pesticidi. Un abitante su sei della città, spiegava il rapporto finale, risultava contaminato.

Ciò ha consentito di presentare una misura precauzionale per aumentare le distanze di fumigazione tra i terreni e la popolazione. Oggi, secondo la normativa vigente, sarebbe di 500 metri. “Le distanze sono un palliativo perché molti non le rispettano ”, spiega Cabaleiro.

“Aiutano, ma finché non smetteranno di usare veleno, i dati dei malati non diminuiranno”. Le azioni giudiziarie, tuttavia, hanno un effetto deterrente. Molti giudici di primo grado di solito accettano le denunce di contaminazione, costringendo le aziende a smettere di fumigare o ad abbandonare il sito. Ma quando il caso arriva alla Corte Suprema, tutto cambia. “La giustizia ha una visione estrattivista . Ma è importante interpellarla e non restare in silenzio”, dice l’avvocato.

Il tramonto alla scuola Kelu Mula è in arrivo. I teli arancioni si sfumano e per Margot Goycochea, 79 anni, una delle fondatrici dell’Incontro dei Popoli Fumigati, non esiste cartolina più bella. “Bisogna guardare di più le stelle”, dice. Goycochea realizzò il primo incontro a Los Toldos, provincia di Buenos Aires, negli anni ’90.

A quel tempo, ricorda, lo smontaggio era frenetico. “I camion arrivavano ​​e portavano via tutti gli alberi che potevano. Hanno anche fumigato senza pietà”, dice Goycochea. Si parlava più della Monsanto che dei prodotti agrochimici, ma “si lottava come adesso”. “È molto importante che i giovani possano continuare la nostra lotta. Abbiamo combattuto battaglie memorabili senza internet”, dice ridendo. 

L’incontro volge al termine. La notte in questa zona permette di apprezzare la calma della montagna, il freddo che s’intensifica tutto intorno. Un falò e un pasto condiviso concluderanno la giornata. Ma a distanza di soli due giorni arriva la notizia: hanno appena fumigato a pochi metri da una scuola nella città di Vedia, a nord-est di Buenos Aires. “I genitori e i loro figli si coprivano il volto per il bruciore”, racconta Maximiliano, un residente a Vedia che ha partecipato all’incontro. “Stiamo valutando dove presentare la denuncia”, spiega.  “Grazie a diversi compagni riusciremo a porre fine a tutto questo una volta per tutte”, afferma. Una volta per tutte”, dice. “Una volta per tutte”, ripete.


– Tratto da Revista Cítrica del 29 settembre 2023 – Originale in spagnolo qui   

*  Foto: Rodrigo Ruiz
** Traduzione Giorgio Tinelli per Ecor.Network

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

agroecologiaAGROINDUSTRIAamerica latinaPOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS “Eterni inquinanti”: oltre 300 attivisti invadono uno stabilimento Arkema a Lione

Sabato 2 marzo, gli attivisti di Extinction Rebellion e Youth for Climate hanno invaso uno stabilimento Arkema a sud di Lione. È stata una giornata “a porte aperte” per denunciare l’inquinamento da “inquinanti eterni” del gruppo chimico.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Parma: Ecologia Politica libera un nuovo spazio in Università

È davanti agli occhi di tuttɜ il collasso ambientale e sociale in atto e noi studenti e studentesse non possiamo che vedere nell’università il luogo promotore di un cambiamento radicale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: cosa sta succedendo a Salbertrand?

Ai margini del parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand sono arrivati jersey di cemento, griglie metalliche e concertina necessari per il cantiere dello svincolo del cantiere Tav.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cortina: primi larici abbattuti per fare spazio alla pista da bob

Mercoledì, a Cortina, è iniziato l’abbattimento dei larici per lasciare spazio alla nuova pista da bob per le olimpiadi Milano Cortina 2026.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Terra Trema: appunti sulle mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori

Le mobilitazioni di questi giorni degli agricoltori, che stiamo seguendo e attraversando, ci danno la possibilità di ribadire alcune questioni.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il campo (agricolo) di battaglia

Tutto quello che vorreste sapere sulla cosiddetta «rivolta dei trattori» e che non avete osato chiedere. (Spoiler: la posta in palio è il concetto di «sovranità alimentare»)

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.