InfoAut
Immagine di copertina per il post

In Germania, l’eco-villaggio di Lützerath resiste ancora al carbone

La frazione di Lützerath, vicino a Colonia, sarà rasa al suolo per far posto a una miniera di carbone. La polizia si sta preparando ad evacuare gli zadisti che occupano il sito.

Tradotto da Reporterre

Cannoni ad acqua, elicotteri, polizia a cavallo, brigate cinofile: è un’operazione su larga scala quella che la polizia tedesca si sta preparando a lanciare per evacuare l’eco-villaggio di Lützerath, nell’ovest del Paese. Vicino a Colonia, Lützerath è diventata negli ultimi due anni un simbolo della lotta contro il carbone in Germania e in Europa. Fino alla fine, i suoi difensori hanno sperato in una parola, in un gesto delle autorità per salvare il borgo dagli appetiti di RWE. L’azienda energetica sta progettando di raderlo al suolo per espandere la sua miniera di carbone a cielo aperto Garzweiler II.

Gli edifici della fattoria nella frazione di Lützerath nel novembre 2021. Sugli striscioni: “Terne in vendita per 1,5°C”, “1,5°C significa che Lützerath deve restare”. Philippe Pernot / Reporterre

Oggi la Germania sembra pronta a sacrificare “Lützi”, come lo chiamano gli attivisti. Da martedì mattina, la polizia è stata autorizzata dal tribunale a evacuare il sito, che ora è proprietà privata di RWE. Sono in corso i preparativi affinché lo sgombero delle baracche degli zadisti possa iniziare “mercoledì o nei giorni successivi”, ha annunciato lunedì il capo della polizia di Aquisgrana, Dirk Weinspach, in una conferenza stampa. Sebbene la polizia si rifiuti di fornire una cifra precisa, secondo il sito web Spiegel Online, sono stati mobilitati quasi 1.500 agenti di polizia.

In lontananza, un enorme escavatore utilizzato per estrarre carbone nella gigantesca miniera a cielo aperto di questo villaggio nel bacino carbonifero della Ruhr.

Tutti gli abitanti di Lützerath sono stati espropriati. L’ultimo di loro, il contadino Eckardt Heukamp, è partito in autunno. Sul suo ex terreno, vicino alle ruspe, un centinaio di zadisti hanno costruito case sugli alberi, da cui intendono rallentare l’avanzata della polizia. Secondo il gruppo Lützerath lebt (in italiano, “Lützerath vive”), negli ultimi giorni sono arrivate diverse centinaia di attivisti per dare loro una mano. Sono state erette barricate e scavati fossati per impedire l’accesso ai veicoli della polizia. “Speriamo di poter resistere per sei settimane”, ha dichiarato una portavoce di Lützerath lebt al quotidiano tedesco Handelsblatt. Non è un caso: in Germania il taglio degli alberi è vietato dal 1° marzo al 31 ottobre. Se gli zadisti riuscissero a occupare il sito fino alla fine di febbraio, vanificherebbero così i piani di RWE.

La polizia si aspetta una “missione difficile e impegnativa con rischi considerevoli”, ha dichiarato Dirk Weinspach. Innanzitutto, c’è il rischio di frana: la zad è a meno di 100 metri dalla miniera, i cui dintorni non sono stati consolidati. Inoltre, tutti sul posto ricordano il dramma della zad di Hambach. Nel 2018, il videografo Steffen Meyn è morto a causa di una caduta durante l’evacuazione della foresta di Hambach, che all’epoca rischiava di scomparire sotto le ruspe della RWE. Dopo l’incidente, l’operazione di polizia è stata considerata illegale e la foresta è stata finalmente salvata.

“RWE = assassino del clima e della nostra terra”: i manifestanti si sono riuniti l’8 gennaio 2022. Twitter / Aktionsticker Lützerath @LuetziTicker22

A Lützerath, dopo gli scontri di domenica tra la polizia e alcuni attivisti a seguito di una manifestazione tranquilla a cui hanno partecipato tra le 2.000 e le 7.000 persone, il governo regionale ha invitato alla calma. “Chiedo a tutte le persone coinvolte di comportarsi in modo pacifico e di evitare un’escalation”, ha dichiarato Mona Neubaur, ministro dell’Economia della Renania Settentrionale-Vestfalia (Partito Verde, die Grünen/Bündnis 90).

Lützerath: un “luogo pieno di tristezza”

Lo stesso messaggio di acquiescenza è portato dal collettivo Lützerath unräumbar, che comprende Fridays for Future, Extinction Rebellion, Scientist Rebellion e Ende Gelände. Fuori dal perimetro delimitato dalla polizia, a tre chilometri dalla frazione, il collettivo ha allestito un campo con diverse centinaia di tende nel villaggio di Keyenberg. È prevista una manifestazione il 14 gennaio, seguita da “azioni di disobbedienza civile” a partire dal 17 gennaio.

Il collettivo chiede una moratoria sullo sgombero di Lützerath. Denuncia il compromesso firmato lo scorso ottobre tra RWE e le autorità: in cambio della fine dell’estrazione del carbone a partire dal 2030 – contro il 2038 previsto in precedenza – l’azienda energetica ha ottenuto il via libera definitivo allo sfruttamento del sottosuolo di Lützerath. I dirigenti dell’azienda sostengono che l’estrazione di carbone dal Lützerath è essenziale in un momento in cui l’Europa sta vivendo una grave crisi energetica. Questa argomentazione è contestata dagli attivisti e supportata da diversi studi indipendenti.

“L’obiettivo di contenere il riscaldamento globale a 1,5°C non è compatibile con l’operazione di Lützerath”, ha dichiarato lunedì Claudia Kemfert dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW). Durante una visita al sito nel 2021, Greta Thunberg, la più famosa attivista per il clima, ha descritto Lützerath come “un luogo pieno di tristezza”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

carboneCRISI CLIMATICAFOSSILELützerath

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: il movimento Soulèvement de la Terre accerchia il cantiere per i bacini idrici

In una Francia attraversata da Nord a Sud da imponenti manifestazioni, scioperi, blocchi dei gangli produttivi scatenatasi contro l’impopolare riforma delle pensioni in salsa macronista, ieri si è tenuto un corteo per la difesa della terra e dell’acqua organizzato dalla rete Soulèvement de la Terre che ha visto la partecipazione di 30 mila persone a Sainte-Soline, nel nord ovest della Francia.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il ponte è un’aggressione al territorio. Combattiamolo

Da decenni, ciclicamente, il ponte sullo Stretto viene riproposto dalle forze politiche al governo come il sogno di sviluppo per Messina, per la Sicilia e il Sud. Il ponte viene spacciato come strumento per un futuro sfavillante a portata di mano, come il nuovo che viene e che ci traghetterà verso il progresso. Il ponte […]
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Siccità e crisi idrica: intervista a Alessandra Turco, di Associazione Rurale Italiana

Il 2023 è da poco cominciato ma questa primavera pare preannunciare quella che sarà un’estate ancora più arida della precedente. La situazione idrica nelle città versa in condizioni disastrose, nella fattispecie i fiumi torinesi hanno raggiunto minimi storici.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: Il Treno Maya causerà non solo un ecocidio, ma anche un etnocidio

Il Tribunale dei Diritti della Natura ha sentenziato così, “questa giuria avverte che la realizzazione del mal chiamato Treno Maya in realtà apre la porta non solo all’ecocidio, ma anche all’etnocidio”, dato che impatta e danneggia gli ecosistemi nello stesso momento in cui viola i diritti umani individuali e collettivi dei popoli maya nella Penisola dello Yucatán.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Piombino: le voci dalla piazza contro il rigassificatore

Lo scorso sabato si è svolta a Piombino una grande e importante manifestazione nazionale per opporsi al progetto del rigassificatore che vedrà interessata l’area del porto della medesima città.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sfruttamento e speculazione dei cacciatori di terre

o strapotere delle “imprese-vampiro” dell’industria e della finanza. di Saverio Pipitone (*), da La Bottega del Barbieri Pronto Fantomas. Al telefono Alberto Moravia, Julio Cortázar, Octavio Paz e Susan Sontag (scrittori) chiedono aiuto al famigerato personaggio mascherato per fermare un pazzo armato di laser che stava incendiando le grandi biblioteche del mondo. Il folle venne […]
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Piombino: migliaia in corteo per dire NO al fossile e al rigassificatore

Ieri pomeriggio più di 3000 persone hanno manifestato in corteo per le strade di Piombino per dire NO al progetto di Rigassificatore nel porto della città e a un modello di sviluppo fondato sul fossile. Da Pisa, Empoli, Pontedera, come da tutta Italia, sono arrivati decine di pullman di solidali. da Riscatto Mentre la nave […]
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Roma: LEA Berta Caceres trova una nuova casa!

L’Immobiliare Ribelle L.E.A. Berta Caceres TROVA DI NUOVO CASA!, ancora negli interstizi dimenticati della metropoli per farsi spazio e riempire il vuoto dai toni cupi in una città consegnata alla speculazione.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ci ha lasciato Piero Gilardi, artista al fianco dei No Tav

Piero Gilardi ci ha lasciato, dopo tanti anni di lotta insieme. Tante delle sue opere hanno caratterizzato decine e decine di nostre iniziative, influenzando profondamente l’immaginario NO TAV e fornendo un prezioso strumento di pedagogia della lotta.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Liberiamoci dal Fossile. Manifestazione a Piombino sabato 11 Marzo

“A Piombino da tutta Italia 11 marzo 2023 ore 14 Centro Giovani per dire No al fossile e Si alle rinnovabili. Perché? Perché il fossile si sta esaurendo ed è responsabile in larga misura dell’inquinamento e del surriscaldamento del pianeta. Perché non è vero che siamo in emergenza. L’Italia esporta ogni anno una sempre maggiore […]
Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi: i video degli incontri del secondo weekend di Festival

Il festival Altri Mondi / Altri Modi si è concluso, di seguito condividiamo i video degli incontri del secondo weekend di Festival. Abbiamo parlato di guerra, pandemia, periferie, crisi ecologica, e cementificazione, ma abbiamo anche discusso del ruolo dell’arte, di cosa vuol dire oggi in ogni ambito sognare Altri Mondi e costruire Altri Modi. Qui […]
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Global Climate Strike: a 5 anni dagli inizi, attiviste ed attivisti di nuovo in piazza per il clima

E’ “Global climate strike“. Friday for Future torna in piazza in Italia, oggi e domani, e in tutto il mondo. “In tutte le piazze d’Italia e del mondo liberiamo la più grande forza. La nostra rabbia, che diventerà Energia rinnovabile!
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le reti anti-minerarie supportano i movimenti di difesa della terra in America Centrale

In Guatemala e Honduras, le reti regionali anti-minerarie sono diventate attori chiave nelle lotte per combattere l’estrattivismo e la criminalizzazione degli attivisti.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Momenti di tensione alla Rai: attivista di Extinction Rebellion minacciato con una pistola

Durante l’occupazione pacifica della sede RAI di via Cavalli di ieri mattina, una delle guardie giurate ha atterrato e minacciato con una pistola un attivista di Extinction Rebellion.”Nessuna denuncia verso la guardia. Il problema è il clima di allarme che è stato creato in questi mesi”.
Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia,«Ecoterrorismo» : le lotte ecologiste nel mirino del ministero dell’interno?

Il termine “eco-terrorismo”, usato consapevolmente dal Ministro dell’Interno, non sembra convincere coloro che prendono sul serio la questione del nostro avvenire.
Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Crisi climatica, i governi sono responsabili”: XR occupa la Rai, La Stampa e Repubblica

Occupati contemporaneamente gli ingressi della RAI, della Stampa e della Repubblica: nuova azione di Extinction Rebellion. “Siamo in uno stato di crisi senza precedenti, aiutateci a raccontare le responsabilità di chi ci governa”. Al mattino presto, un altro gruppo aveva appeso un maxi striscione sui parcheggi della RAI, sotto la Mole Antonelliana.