InfoAut
Immagine di copertina per il post

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche, che dal 2022, secondo i dati della polizia, si trova a Grünheide, a circa trenta chilometri a sud-est di Berlino.

Accompagnati da un folto contingente di polizia, i manifestanti – 2.000, secondo gli organizzatori – hanno esposto striscioni con varie scritte, come “Per una vita migliore oltre il capitalismo”, con il disegno di un’auto Tesla in fiamme, o “Grünheide dice no grazie Tesla”.

I manifestanti, che provengono da una rete di associazioni per la tutela dell’ambiente tra cui Extinction Rebellion, NABU e Robin Hood, hanno iniziato un lungo fine settimana di azione mercoledì, allestendo un accampamento non lontano dalla fabbrica.

(Aggiornamento da LeMonde)

Articolo tradotto da ContreAttaque

La manifestazione indetta da “Disrupt Tesla” ha riunito centinaia di manifestanti che hanno cercato di prendere d’assalto la “gigafactory” di Elon Musk. Si tratta dell’unica fabbrica del genere in Europa, che produce decine di migliaia di veicoli elettrici all’anno e si estende per oltre 300 ettari.

Secondo la polizia tedesca, i dimostranti hanno danneggiato i veicoli Tesla in un sito di stoccaggio vicino alla fabbrica utilizzando vernice e dispositivi pirotecnici.

La fabbrica, inaugurata nel 2022, aveva suscitato l’ostilità dei gruppi ambientalisti e dei residenti locali già prima della sua apertura. Tesla prevede ora di espandere il sito per raddoppiare la capacità produttiva, passando da 250.000 auto elettriche all’anno a un obiettivo di 500.000. In una votazione consultiva svoltasi a febbraio, gli abitanti della zona hanno votato in modo schiacciante contro l’espansione. Gli ambientalisti stanno ora occupando i boschi minacciati dal progetto di espansione dell’impianto.

Ogni auto Tesla costa più di 40.000 euro, sono mostri d’acciaio riservati ai ricchi, ricchi di tecnologia di sorveglianza, che riprendono l’ambiente circostante in tempo reale, e molto costosi in termini di metalli rari. L’ultimo “monster truck”, un’orrenda invenzione prodotta dall’azienda, è un vero e proprio carro armato dalle forme geometriche, che misura quasi 6 metri e pesa oltre 4 tonnellate. Richiede una licenza per i mezzi pesanti ed è un pericolo per i passanti e i ciclisti. Gigantismo, lusso, tecnologia inutile: i veicoli Tesla, simboli del capitalismo contemporaneo, sono stati più volte presi di mira durante le mobilitazioni sociali in Francia.

In vista dell’azione del 10 maggio, mercoledì è stato allestito un accampamento vicino alla fabbrica. Elon Musk si è lamentato su Twitter: “Perché la polizia lascia che i manifestanti di sinistra la facciano franca così facilmente?”. Come tutti gli ultraliberali, questo miliardario vuole distruggere lo Stato sociale, ma implora l’aiuto dello Stato repressivo per garantire i suoi interessi.

Il 5 marzo, un incendio su un traliccio elettrico vicino alla fabbrica ha interrotto la fornitura di energia elettrica e bloccato la produzione per diversi giorni. Il “Vulkan Gruppe”, un misterioso gruppo dietro il blackout, ha affermato che Tesla “mangia terra, risorse, persone e lavoro” e ha accusato la fabbrica di “inquinare le falde acquifere e di consumare enormi quantità di scarsa acqua potabile per i suoi prodotti”. Il Vulkan Gruppe aveva già rivendicato la responsabilità di un attacco incendiario a un sito Tesla nel 2021.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

ECOLOGIAgermaniamovimento ecologistateslatransizione ecologia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Diga in Val Sessera: quali conseguenze?

Di seguito l’invito alla prima iniziativa pubblica di Confluenza organizzata insieme a Custodiamo la Valsessera e al Circolo Biellese Tavo Burat sul tema degli invasi che si terrà a Biella il 14 giugno alle ore 18.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Meisino: la biodiversità di un territorio da difendere.

Il parco del Meisino è il più ricco di biodiversità dell’intera Città Metropolitana, Zona a Protezione Speciale e area protetta del parco del Po piemontese: in quanto tale è evidentemente un bene comune la cui salvaguardia non è interesse esclusivo degli abitanti dei quartieri limitrofi.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.