Navarra, l’epicentro della dissidenza di Euskadi Ta Askatasuna

Stampa

Il picco di proteste, manifestazioni, un fiume di graffiti e concentrazioni effettuate dalla sinistra nazionalista radicale nell’ultimo mese è il più alto dalla fine della violenza dell’ETA nel 2011. Lo sciopero della fame del prigioniero di Pamplona, ​​Francisco Ruiz, è servito da catalizzatore di un amalgama di gruppi dissidenti che fino ad ora avevano funzionato quasi sempre in modo indipendente, e che hanno visto nella protesta di Ruiz l’opportunità di unirsi a un’ondata di mobilitazioni che si è dimostrata più forte e più capace di convocare del previsto.

||||
|||| ||||

In quell’amalgama ci sono acronimi forti: ATA. Amnesty Ta Askatasuna (Amnesty and Freedom) è emersa nel 2014 tenendo la bandiera dell’amnistia diffusa per i prigionieri e il ritorno dei membri dell’ETA in fuga. Era una richiesta storica della sinistra abertzale che, agli occhi di ATA, fosse stata trascurata dopo la fine della violenza dell’ETA e, soprattutto, dopo che il settore riformista guidato da Otegi aveva assunto la direzione politica. Forse l’esempio più chiaro è stato l’autorizzazione della leadership abertzale ai prigionieri di avvalersi delle prestazioni individuali della prigione, una linea rossa che l’ETA non aveva mai attraversato a favore di una “soluzione” di blocco per tutti i suoi prigionieri.

 15896496761204

ATA, che si unì a un consiglio in cui già esistevano altri marchi come IBIL, creata a Pamplona da Fermín Sánchez Agurruza, che ebbe l’intuizione di aggrapparsi a uno degli elementi più trasversali e unificanti della sinistra abertzale: i prigionieri. Nel loro manifesto di fondazione hanno indicato che la mobilitazione popolare, “vincere la strada”, era la chiave della loro strategia. In effetti, la mancanza di mobilitazione popolare fu un altro dei rimproveri che ATA incolpò di Sortu, erede del fuorilegge Batasuna e incapace di generare una dinamica sostenuta di richieste da parte dei prigionieri, al di là della solita e massiccia manifestazione di gennaio a Bilbao o le solite concentrazioni settimanali, sempre più sottili.

 ATA

Negli ultimi anni, il dissenso di ATA come marchio forte, e la sinistra ufficiale abertzale, hanno combattuto una battaglia quasi sempre sepolta in quartieri, assemblee locali, circoli sindacali e studenteschi o stand dove si concentrano le ultra fazioni delle principali squadre di Navarra e Euskadi. Infatti, Herri Norte (Athletic de Bilbao), The RSF Firm (Real Sociedad), Iraultza 1921 (Deportivo Alavés), Indar Armagina (Eibar) e Indar Gorri (Osasuna) hanno chiesto una marcia verso il carcere francese di Mont-de a dicembre -Marsan che alcuni detenuti dell’ETA fedeli al collettivo di prigionieri (EPPK) hanno respinto perché vedevano ATA dietro l’iniziativa. La battaglia sugli spalti, a quanto pare, era stata vinta dai dissidenti. Sulla strada, ATA ha anche svolto un ruolo chiave negli scontri nei distretti che si sono verificati a Pamplona nel 2017, per i quali il Tribunale nazionale ha condannato quattro giovani di Gipuzkoa per disordini pubblici terroristici nel 2018.

 1078616089 0 181 3500 2150 1200x0 80 0 1 7db0abcf7678a1550cab53df26b07481

Il dissidente accovacciato, ATA lo ha trovato in Patxi Ruiz.  Il “grilletto” di cui aveva bisogno per mettere in luce la sua capacità di mobilitazione, elebarota e fuulminea. ATA ha capitalizzato l’ondata di protesta affermandosi come portavoce del prigioniero e organizzando le proteste. Patxi Ruiz aveva già mostrato la sua vicinanza a questi acronimi quando nel 2016 ha pubblicato sul blog dell’organizzazione una lettera critica con la direzione dell’ETA, che lo ha espulso l’anno successivo. Tuttavia, non è mai stato un leader tra i ranghi dissidenti, ma piuttosto un prigioniero di basso profilo con una storia di problemi psichiatrici, che ha spinto la stessa ETA a espellerlo temporaneamente dal comando Ekaitza dopo l’omicidio di Tomás Caballero. Tuttavia, il loro sciopero della fame, il più lungo di quelli compiuti dai loro prigionieri collegati, ha alimentato le reti di dissidenti istituite negli ultimi anni, con Pamplona e la regione di Barranca al centro dell’attenzione.

Il resto dei gruppi non ha perso l’occasione di unirsi al flusso e mostrare i muscoli. Nelle proteste, che si sono diffuse anche in diverse altre parti del Paese Basco, sono stati visti membri di organizzazioni giovanili, gruppi di ultras e persino Fermín Sánchez Agurruza, il primo leader del dissenso dell’ETA.

 Homenaje

Nel frattempo, la sinistra ufficiale abertzale prova a superare una situazione che la mette in una posizione scomoda. Mentre esprime la sua “solidarietà” con Patxi Ruiz, esorta il suo “ambiente politico” ad agire “con responsabilità”. Mentre al Parlamento europeo esprime la sua “preoccupazione” per “un prigioniero politico basco in sciopero della fame”, ATA la accusa di “nascondere le sue miserie”, dopo che il prigioniero stesso aveva già bollato le sue manifestazioni di solidarietà come “una pantomima”.

Mentre l’impulso continua, la Navarra riappare come epicentro dei gruppi dissidenti di Euskadi Ta Askatasuna. Le due organizzazioni che negli ultimi anni hanno corso per guidare il dissenso, oggi hanno forgiato il suolo della ribelle renaissance  navarra.

Da lesenfantsterribles

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons