InfoAut
Immagine di copertina per il post

Se si arriva a condannare un Rappresentante dei lavoratori alla sicurezza…

Dalla Cassazione un’altra sentenza raccapricciante, che distorce le basi del diritto e ” inventa ” un reato che non esiste.

di Federico Giusti, da Osservatorio Repressione

In questi anni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro si sono fatti molti passi indietro e una recente Sentenza lo dimostra eloquentemente trasformando le facoltà riconosciute ai rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza in una sorta di obbligo.

Parliamo della Cassazione Penale, Sez. 4, 25 settembre 2023,  sentenza n. 38914 con condanna inflitta al datore di lavoro e a un RLS in seguito ad un infortunio mortale per schiacciamento avvenuto durante la movimentazione di pesanti tubi metallici. L’Rls è stato condannato per non avere sollecitato il datore di lavoro a formare i dipendenti e per non avere informato i responsabili aziendali sui rischi connessi all’utilizzo del carrello elevatore.

Una sentenza per noi aberrante perchè il Rappresentante dei lavoratori non ha alcun potere di veto e sono decine i rappresentanti che in questi anni hanno scritto esposti e lettere per le quali hanno subito ritorsioni dai datori  fino al licenziamento. E in quei, troppi, casi, non ci sembra che la Magistratura abbia dimostrato di stare dalla parte dei lavoratori anche in presenza di codici di comportamento e gli obblighi di fedeltà aziendali.

Il testo unico sulla sicurezza non assegna infatti al Rls alcun ruolo di veto, l’Rls non incide sulle decisioni assunte dai datori, non ha potere contrattuale effettivo e sovente si trova anche isolato rispetto ai sindacati che preferiscono sottoscrivere accordi di secondo livello scambiando aumenti irrisori dei salari con aumento dei ritmi e dei tempi di lavoro, operando senza sicurezza e reali tutele

L’art. 50 D.Lgs. n. 81 del 2008, che ne disciplina le funzioni e i compiti, attribuisce al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza un ruolo di primaria importanza quale soggetto fondamentale che partecipa al processo di gestione della sicurezza dei luoghi di lavoro, costituendo una figura intermedia di raccordo tra datore di lavoro e  lavoratori, con la funzione di facilitare il flusso informativo aziendale in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Ma il Rappresentante non alcun ruolo nella filiera produttiva al contrario del datore e  del Responsabile del servizio prevenzione e protezione e da qui il suo potere effettivo è veramente irrisorio.

Molto è stato detto e scritto sulla carenza di controlli, oggi le ASL mediamente riescono a effettuare controlli di routine (quindi non a seguito di infortuni gravi) solo sul 5% delle aziende del territorio, fatti due conti una azienda può essere oggetto di controllo circa ogni 20 anni.

 Restano quindi insoluti innumerevoli problemi come dimostra la carenza degli organici negli organismi di vigilanza, i controlli effettuati in maniera sporadica nelle piccole e medie aziende e lo scarso potere degli stessi ispettori addetti alla vigilanza che non possono procedere alla sospensione delle attività e alla relativa applicazione dell’apparato sanzionatorio.

Non vi è stato nel tempo un intervento risolutivo per distinguere il preposto “di diritto” (che effettua attività di supervisione e controllo a seguito di delega formale) e il preposto “di fatto” (che effettua le medesime attività senza nessuna delega formale, ma solo perché è più esperto all’interno di una squadra di lavoratori).

Sarebbe  necessario un apparato sanzionatorio verso datore di lavoro e dirigenti che non nominino formalmente i preposti anche “di fatto”, eliminando ambiguità e consentendo ai preposti di essere consci delle proprie responsabilità, anche a seguito del relativo corso di formazione specifico (8 ore oltre a quelle previste per i lavoratori non preposti).

 All’atto pratico un preposto nel settore privato non puo’ interrompere l’attività di un lavoratore e di conseguenza parte dell’attività produttiva (con conseguenti ricadute economiche per l’azienda), avendo ricevuto in precedenza indicazioni opposte da parte di datore di lavoro o dirigenti oppure comportamenti persecutori a interruzione dell’attività del lavoratore avvenuta.

Il legislatore non ha poi attenzionato la condizione di lavoro negli appalti e nei sub appalti, restano fuori i “subappalti a cascata” (e sono tanti, specie in edilizia e agricoltura), dove alla fine della catena si trovano ditte o lavoratori in nero.

I controlli sugli appalti da parte della committenza sono meri atti formali e quasi mai prendono in esame le condizioni di lavoro effettive.

Perfino nella Pubblica amministrazione capita sovente di imbattersi in lavoratori impossibilitati a seguire i corsi di formazione, nel privato la formazione viene erogata da un docente pagato o dipendente dell’azienda. Pertanto, l’azienda ha tutto il potere di chiedere al docente di evitare argomenti “scomodi”.

In molti casi la formazione non viene nemmeno fatta: i lavoratori vengono “cortesemente” invitati a firmare il registro delle presenze di un corso effettivamente “virtuale”.

I corsi di formazione “on line” (nonostante le precisazioni normative) consistono, spesso, in una sequenza di slides, senza alcuna possibilità di interfaccia con un docente.

In genere, l’addestramento (definito dal D.Lgs. 81/08 come il “complesso delle attività dirette a fare apprendere ai lavoratori l’uso corretto di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale, e le procedure di lavoro”) consiste nell’insegnare come utilizzare un macchinario, guidare un carrello elevatore, eseguire varie attività lavorative a solo fini produttivi. Non si tratta quasi mai di spiegare al lavoratore quali sono le procedure e le modalità di prevenzione e protezione dei rischi.

Per assicurare l’adeguatezza e la specificità della formazione nonché l’aggiornamento periodico dei preposti le relative attività formative devono essere svolte interamente con modalità in presenza e devono essere ripetute con cadenza almeno biennale e comunque ogni qualvolta sia reso necessario in ragione dell’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.

Questo lo prevede il testo unico ma stiamo parlando di posti di lavoro reali o di semplici intenti mai realizzati?

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

cassazionemorti di lavoroSICUREZZA SUL LAVORO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Stellantis senza freni

Le ore successive allo sciopero del settore automotive a Torino sono state sorprendenti: i media hanno annunciato l’aumento dei compensi che si sono riservati i vari dirigenti del gruppo Stellantis, in primis il Ceo Tavares.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Contro la vostra “pace” e il vostro “lavoro” la lotta è solo all’inizio

Primo maggio a Torino: con la resistenza palestinese, contro il governo della crisi sociale.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: bloccato per ore a Tortona un intero polo della logistica. Alle 20 si replica

Sciopero nazionale della logistica promosso da Si Cobas, Adl Cobas, Cobas Lavoro Privato, Sgb e Cub, esclusi dal tavolo di rinnovo del Ccnl, nonostante la forte rappresentatività tra facchini, driver e operai.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lavoro: maxi-sequestro a GS (Gruppo Carrefour). Quale futuro attende lavoratori e lavoratrici?

Si arricchisce di ulteriori dettagli il maxisequestro della Procura di Milano (65 milioni di euro) a Gs spa, il gruppo di 1.500 supermercati italiani di proprietà del colosso francese Carrefour.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Esselunga di Firenze: qualcosa si muove

A due settimane dal crollo nel cantiere per la costruzione di un nuovo negozio Esselunga nel quartiere di Rifredi, che ha provocato la morte di cinque operai, la popolazione locale continua a mobilitarsi

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Crollo di Firenze: la destra diventa europeista quando si tratta di deregolamentare il lavoro

Cinque operai morti e tre feriti, questo è il tragico bilancio del crollo avvenuto venerdì 16 febbraio nel cantiere del supermercato Esselunga in via Mariti, a Firenze, morti che si aggiungono alla lunga lista di una strage silenziosa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Addio Pasquale, compagno generoso ed instancabile

Apprendiamo con amarezza che per un malore improvviso è venuto a mancare Pasquale Lojacono.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: crollo in un cantiere Esselunga. Cinque operai morti, lunedi sciopero sindacati di base

L’azienda committente e la ditta appaltatrice del crollo nel cantiere Esselunga a Firenze sono gli stessi degli incidenti avvenuti nel cantiere di un altro supermercato del gruppo lombardo della Gdo a Genova, nella zona di San Benigno

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pennivendoli a “mano armata”. Sulla mediatizzazione delle motivazioni della Cassazione sul caso Askatasuna

Passato il Santo Natale, riesplode la canea mediatica contro il centro sociale Askatasuna e il movimento Notav.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Faenza: lo scontro tra i due treni riapre la questione sicurezza, vissuta ancora “Come costo e non come risorsa”

Un tamponamento a bassa velocità fra un Frecciarossa e un regionale, che stavano andando nella stessa direzione, ha provocato tanta paura e diciassette feriti lievi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Omicidio Cucchi: La Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere

La Corte di Cassazione ha annullato le condanne per falso di un maresciallo e un carabiniere nel secondo processo per la morte di Stefano Cucchi

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Askatasuna: associazione a delinquere siete voi, ops l’avevamo già detto!

Breve ritorno sul processo per “associazione a delinquere” che coinvolge numerosi compagni e compagne che partecipano ai percorsi di lotta nella città di Torino e in Val di Susa.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contro l’etica e la disciplina del lavoro che uccide

Sandro Busso, Lavorare meno. Se otto ore vi sembran poche, Edizioni Gruppo Abele, Torino 2023, pp. 190, 14 euro. di Sandro Moiso, da Carmilla La recensione di questa indagine di Sandro Busso, edita dal Gruppo Abele, arriva per esclusiva colpa del recensore un po’ in ritardo, ma d’altra parte non vi potrebbe essere momento migliore […]

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Strage di Brandizzo: in duemila in corteo a Vercelli. I familiari rifiutano i funerali di Stato

In duemila ieri hanno attraversato silenziosamente Vercelli per rivendicare sicurezza sul lavoro dopo la strage di Brandizzo che ha portato alla morte di cinque operai. Il corteo dei sindacati è partito dalla stazione ferroviaria e si è concluso davanti alla prefettura, dove dai manifestanti si è alzato l’urlo «Basta!».

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La Cassazione conferma il 41bis per Cospito. Il diritto come strumento di vendetta

Ieri la Cassazione ha rigettato l’istanza di revoca del 41bis a cui Cospito è sottoposto.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

A difesa del profitto

Ancora una volta, la repressione si avventa su chi davanti ai cancelli della fabbrica esprime il proprio pensiero e la propria azione, dimenticandosi che oltre quei cancelli avvengono costantemente reati.