InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pennivendoli a “mano armata”. Sulla mediatizzazione delle motivazioni della Cassazione sul caso Askatasuna

Riprendiamo il comunicato del Centro Sociale Askatasuna.

Passato il Santo Natale, riesplode la canea mediatica contro il centro sociale Askatasuna e il movimento Notav. Questa volta si tocca il fondo con un’operazione di esemplare “monnezza mediatica” che ha l’obiettivo di definire le attività politiche dei collettivi che animano il centro sociale e il movimento di resistenza in Val di Susa, nientepopodimenoché “lotta armata”.

Questo riferimento viene estrapolato dalle motivazioni di rigetto di un ricorso rispetto alle misure cautelari per associazione a delinquere, di cui abbiamo scritto qui, che sono state “rese pubbliche” il 15 dicembre per poi essere utilizzate dai giornali, come una bomba a orologeria, il 26 dicembre. Innanzitutto, vogliamo ricordare ai giornalisti, pronti a scrivere non appena si annusa un fattaccio per criminalizzare Askatasuna, che per svolgere un buon lavoro occorre verificare le notizie e soprattutto comprenderle, altrimenti si rischia di diffondere informazioni false.

Ma entriamo nel merito del delirio giudiziario della Cassazione. Va detto in prima battuta che la Cassazione si esprime in termini di legittimità e non di merito, quindi in sostanza bolla come insufficienti le motivazioni dei difensori nel contrastare l’ordinanza del Tribunale rispetto alle misure cautelari, senza entrare nel merito sulla sussistenza o meno di un’associazione a delinquere all’interno del centro sociale e in Val di Susa. Questo spetta ai giudici del tribunale di primo grado e al processo che ora è in corso, le cui udienze ricominceranno settembre prossimo. Le parole “lotta armata” vengono utilizzate dalla Cassazione in maniera sconsiderata e superficiale, per definire gli scontri con le forze dell’ordine e l’ipotetica finalità dell’associazione, superando di fatto le accuse della Procura e Tribunale stesso, che hanno cassato da subito l’ipotesi sovversiva, senza mai aver fatto riferimento alla lotta armata. Tale argomento non viene mai inserito fra le finalità o le pratiche messe in campo dagli imputati sia nelle intercettazioni sia nelle migliaia di pagine di atti. Il fatto che i giudici della Cassazione facciano un’operazione di questo tipo è grave e lascia trasparire un’abissale ignoranza rispetto alla storia di questo Paese, oltre a un isterismo securitario pronto a vedere un terrorista in chiunque dissenta dall’ordine costituito.

Sarebbero dunque “lotta armata” le migliaia di iniziative di resistenza popolare ai cantieri mortiferi del Tav? Finora chi ha imposto un’opera che nessuno vuole tramite l’uso della forza e attraverso una militarizzazione devastante sono le istituzioni e le mafie del cemento. E seguendo questa logica, sarebbe lotta armata animare lotte sociali nelle città e rifiutare la mercificazione totale dell’esistenza umana? Rimandiamo queste accuse al mittente e ribadiamo che la lotta popolare non è terrorismo ma è lotta per una vita degna e giusta.

In tutta questa vicenda è imbarazzante il ruolo delle redazioni giornalistiche, in fondo riescono ancora a stupirci con il loro servilismo e strumentalità. In questo caso, la “notizia” gonfiata ad hoc per sollecitare un improbabile sensazionalismo mediatico, ripescata dieci giorni dopo il deposito delle motivazioni di una sentenza di rigetto sul sito internet della Cassazione, puzza di velina suggerita dalla Questura torinese. Oltretutto, focalizzandosi su di un aspetto oltremodo marginale nella complessità del processo per associazione a delinquere. Per non parlare della forma e delle modalità in cui la notizia – senza essere verificata – è stata trattata. C’è chi non ci stupisce per il solito atteggiamento servile nei confronti di corso Vinzaglio, come la “giornalista” Irene Famà che, tra le altre cose, di recente ha avuto l’imbarazzante onere di presentare pubblicamente il “Il mondo al contrario” del generale Vannacci, senza sottrarsi da questo compito infame. Ma c’è anche chi ci preoccupa, come tutte le altre redazioni delle maggiori testate giornalistiche che, in una sorta di shitstorm, hanno pubblicato in fotocopia nel giro di pochi minuti l’articolo in maniera congiunta, quasi come se si trattasse di una decisione condivisa a monte per la precisione con la quale è uscita.

Continuiamo a chiederci se esista ancora a Torino qualche giornalista con un minimo di deontologia professionale.. a quanto pare ben pochi perché la maggioranza si è abituata a scodinzolare felicemente alle richieste del potere, ma si sa, difficilmente si morde la mano che porge la ciotola.

Di seguito pubblichiamo il commento a caldo degli avvocati che seguono il processo.

“Si tratta di un provvedimento in materia cautelare ormai superato, sotto il profilo indiziario, dalle prove raccolte nel corso del dibattito prossimo al termine, e, sotto il profilo delle esigenze cautelari, dalle immediate revoche delle misure cautelari operate dal tribunale dopo il deposito del dispositivo della Cassazione. Certamente stupiscono tanto l’estrema laconicità con cui gli ermellini condensano migliaia di pagine di atti d’indagine quanto la superficialità dei media che suggestivamente riportano il cenno alla lotta armata con cui la Cassazione definisce impropriamente gli scontri in cui alcuni degli imputati sono stati coinvolti.”

di seguito gli screenshot del copia incolla della notizia sui giornali:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV = Mafia. Nuove prove del coinvolgimento della ‘ndrangheta nel TAV Torino – Lione.

Negli scorsi mesi è venuta fuori, come succede ciclicamente, una polemica bipartisan sulla scritta che svetta sul Musiné all’ingresso della valle che recita TAV = Mafia. Oggi veniamo a conoscenza attraverso una notizia apparsa sul tg regionale che esistono nuove prove del coinvolgimento delle ‘ndrangheta nelle opere propedeutiche al TAV Torino – Lione.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Richiesta sospensione al CSM per Bucarelli, pm anti-No Tav

Ancora guai per il PM Enzo Bucarelli, che negli ultimi anni si è distinto per le persecuzioni nei confronti dei No Tav.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’ASL di Torino si preoccupa dell’inagibilità dello stabile di corso Regina Margherita 47: chi c’è dietro tanta solerzia?

A seguito dell’avvio del percorso per fare diventare Askatasuna “bene comune” siamo venuti a conoscenza, attraverso i media, di un fatto particolarmente anomalo.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Askatasuna: giustizia ad orologeria?

Questa mattina compagne e compagni di diverse realtà politiche cittadine, tra cui la nostra, hanno ricevuto misure cautelari venendo svegliati la mattina presto dalla Digos.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torino: Askatasuna “bene comune”.

E’ di due giorni fa la delibera passata al Comune di Torino che ha avviato il percorso per rendere “bene comune” il centro sociale Askatasuna, spazio sociale che esiste da 27 anni sul territorio cittadino.