Ripartire dal conflitto!Occupato il Polo Carmignani

Stampa

Una tre giorni di occupazione dal titolo "Università antagonista Vs Università della crisi", che da stasera, fino a sabato notte, riempirà il Polo con iniziative politiche, culturali e sociali; momenti di incontro e confronto per discutere del movimento di questo inverno e di come proseguire i percorsi di lotta che hanno visto il corpo vivo dell'università essere protagonista delle mobiltazioni che hanno riempito e bloccato le piazze e le strade di tutto il paese.
Mobilitazioni contro la riforma Gelmini, divenuta ormai legge, che oggi trova il placido consenso di rettori e senati accademici, che vorrebbero applicarla attraverso la commissione statuto.

Ripartire dal conflitto!Occupato il Polo Carmignani

Ma gli studenti e le studentesse non sembrano volere prender parte a questa spartizione delle briciole alla quale si apprestano i baroni: la settimana scorsa a Pisa, poi a Bologna e oggi a Torino gli studenti si sono opposti all'inizio dei lavori di questa commissione, bloccando senati accademici e consigli di amministrazione, invadendo i rettorati.

Un'opposizione all'applicazione della legge Gelmini che ancora una volta vuole andare a dire no ad un futuro di precarietà ed austerità, vuole ripartire da percorsi di conflitto e di riappropriazione.
Durante la tre giorni, tra le diverse iniziative, ci sarà un dibattito proprio sul tema della riappropriazione: diverse realtà si confronteranno sui percorsi di lotta per il reddito portati avanti nelle proprie città.

Questa occupazione vuole essere un segnale di rottura rispetto al tentativo di pacificazione fortemente auspicato dal rettore, che ha tentato nuovamente la strada della retorica della democrazia e della trasparenza, insieme al ricatto di un possibile commissariamento dell'ateneo, per spegnere sul nascere nuovi focolai di conflitto.

Arricchiti dall'esperienza del meeting trasnazionale di Parigi, gli studenti e le studentesse hanno ben chiaro come contrastare questi ricatti! Ce lo insegnano i giovani laureti e disoccupati del maghreb, della Libia e dell'Iraq, qual è l'orizzonte da costruire: riprendiamoci il futuro e la ricchezza che ci viene espropriata! Que se vayan todos!

Guarda gli appuntamenti della tre giorni in agenda

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons