Prato. Aggressione padronale agli operai in sciopero

Stampa

12 ore di lavoro sette giorni su sette per 900 euro al mese. Senza contratto. Padroni che dalle finestre dei loro uffici tirano pietre e spazzatura sulla testa dei lavoratori durante gli scioperi. Fino ad arrivare all'aggressione squadrista di oggi pomeriggio.

||||
|||| ||||

Dopo che il padrone aveva garantito un accordo per la regolarizzazione, ieri non si è presentato al tavolo per la firma e lo sciopero è ricominciato. I lavoratori sono stati aggrediti da una squadraccia padronale mentre la polizia restava a guardare. Pugni e calci in faccia e nelle costole, una decina di lavoratori all'ospedale. 

Quella che a Prato si sta combattendo è una guerra. Non tra pakistani e cinesi, come piace raccontare alla stampa. Ma tra operai e sfruttatori. Operai che fino a poche settimane fa non vedevano alternativa a una vita di ipersfruttamento, fatta di turni massacranti, lavoro nero e comando sfacciato, hanno iniziato ad alzare la testa. Lo schiaffo quotidiano sulla loro testa è diventato uno schiaffo in faccia alla classe di padroni e padroncini del tessile, a conduzione cinese e non solo. Per quanti sforzi vengano fatti, al “proprio posto” non ci vuole più essere rimesso nessuno. Non sono servite le denunce a decine di operai per gli scioperi della scorsa estate, l'ancora pendente richiesta di obbligo di dimora per chi da Firenze si sposta a Prato a supportare i picchetti, il foglio di via ai due delegati sindacali. Non sono servite le braccia spezzate dalla polizia le scorse settimane agli scioperi nel tessile, e non servirà la violenza illegale che – con la connivenza della polizia che rimane a guardare – i padroni stanno provando a utilizzare come arma per fare paura. 

Al contrario, le vittorie storiche delle scorse settimane, prima alla tintoria DL poi a Fada, con cui decine di iscritti Si Cobas hanno riconquistato i propri diritti, ai padroni fanno molta paura. Fanno paura perché si rompe un sistema che in tutti questi decenni ha permesso al comparto tessile pratese di essere competitivo a livello internazionale grazie a costi del lavoro tenuti al minimo spremendo la manodopera migrante. 

Da febbraio a oggi sono pochi i giorni trascorsi nel distretto tessile pratese senza uno sciopero o un picchetto. La lotta operaia sta scompaginando la vita del territorio, e chi il territorio lo abita sta iniziando a schierarsi. Le lotte raccolgono la solidarietà della città. Dalle finestre dei palazzi vicino a Grucce, questo pomeriggio, le signore urlavano contro la polizia. Agli occhi della città si svela questo sistema di connivenze tra sfruttatori e istituzioni, tra padroni e polizia. Ma si svela anche un altro fatto: combattere questo sistema, e vincerlo, cosa che fino a poche settimane fa sembrava impossibile, è improvvisamente diventato possibile.

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);