InfoAut
Immagine di copertina per il post

La Fortezza ed i suoi mercenari. Rinnovato il memorandum tra Italia e Libia

||||

Il 2 novembre si è rinnovato il memorandum tra Italia e Libia per la gestione dei flussi migratori, voluto dal governo Gentiloni, con Marco Minniti ministro dell’Interno e stipulato il 2 febbraio 2017.

Come fin dalle origini l’accordo prevedeva, in assenza di iniziative particolari mirate ad una sua eventuale disdetta, il memorandum è stato rinnovato per altri tre anni.[1]

Inoltre, con la modifica presentata dal Governo di Al Sarraj il 9 ottobre, il coordinamento delle operazioni di soccorso passa alle autorità libiche nell’amplissima area di acque internazionali dichiarata unilateralmente dalla Libia come zona SAR di propria competenza, sottoponendo al controllo delle stesse autorità le imbarcazioni delle organizzazioni umanitarie che intendono effettuare salvataggi in mare,[2] già sottoposte ad un’intensa opera di delegittimazione, ostruzionismo e criminalizzazione da parte del governo italiano.[3]

Stiamo parlando dell’accordo che ha portato la cosiddetta “guardia costiera libica” a divenire il principale attore preposto alla vigilanza sulla frontiera mediterranea, in continuità rispetto ai processi di esternalizzazione della frontiera portati avanti dall’UE grazie a numerosi accordi stipulati con i governi dei paesi di frontiera,

governi che spesso hanno saputo trarre vantaggio dalla situazione[4].

Se sono anni ormai decenni che molte delle partite diplomatiche fondamentali che vedono dialogare UE e stati frontalieri si giocano sulla pelle dei migranti, il caso libico rappresenta a suo modo un caso particolare.

Come è noto, la Libia è infatti dal 2011 tutt’altro che uno stato stabile, e l’attuale governo di Tripoli, guidato da Fayez al Sarraj, oltre a non essere in grado di controllare che una parte del territorio, gode di una legittimità fragile e deve sistematicamente patteggiare il controllo dei territori con diversi attori.  

Guardia Costiera Libia

La “Guardia Costiera Libica” non fa eccezione. Ma è grazie a questo corpo militare, istituito nel 2017 riciclando miliziani e trafficanti[5], che Minniti, e poi Salvini, poterono vantare il prodigioso calo di arrivi sulle coste italiane degli ultimi anni. Poco importa se il risultato delle politiche adottate fu un forte aumento del tasso di mortalità nel Mediterraneo centrale, attualmente la rotta più pericolosa al mondo,[6] e che al 30 settembre 2019, il 58% delle persone partite dalla Libia siano state intercettate in mare dalla Guardia Costiera libica per poi essere rinchiuse in centri di detenzione, in condizioni disumane, denutriti, senza cure mediche né spazio sufficiente, sottoposti sistematicamente a sequestri a scopo di estorsione, torture, stupri, violenze sistematiche, per poi essere perfino venduti a trafficanti di esseri umani.

Poco importa se a fronte della chiusura della rotta meridionale i flussi sulla Balkan Route si sono intensificati, portando ad un ulteriore aggravarsi delle condizioni di vita dei migranti intrappolati lungo le sue numerose tappe.[7]

1f17f8418e 66651756

Poco importa se documenti, centri di detenzione e frontiere rappresentino per migliaia di persone un ostacolo irremovibile sulla strada verso la realizzazione dei propri desideri e di una vita dignitosa, una forma di oppressione mirata e razzializzante, totalizzante nella misura in cui si espande ad ogni sfera della propria vita, dal lavoro alla casa, alla possibilità di poter vivere al fianco di chi si ama. Poco importa se per decine di migliaia di persone resistere a tali dispositivi è il presupposto alla base delle proprie vite, per milioni di altri una minaccia perenne, una condanna a vita al lavoro nella speranza del rinnovo del permesso di soggiorno.

La fortezza Europa continua a difendere la propria precaria stabilità con frontiere aperte a merci, informazioni e capitali ma capaci di filtrare, grazie ad un processo un’inclusione selettiva, la forza lavoro necessaria a mantenere in vita i settori più segregati delle proprie economie, nel disperato tentativo di mettere al sicuro dalle proprie stesse contraddizioni l’accumulazione rapace dell’economia globalizzata.

La lotta per i documenti e alle frontiere continua.

5.11.19

[1] L’Italia rinnoverà l’accordo con la Libia con alcune modifiche. Annalisa Camilli, Internazionale, pubblicato 30 ottobre 2019. Consultato 5.11.2019

https://www.internazionale.it/bloc-notes/annalisa-camilli/2019/10/30/italia-memorandum-libia

Il governo rinnoverà gli accordi con la Libia per la gestione dei flussi migratori. Radio Blackout, 26.9.19

Il governo rinnoverà gli accordi con la Libia per la gestione dei flussi migratori

[2] Lettera aperta al governo e al parlamento per l’annullamento del Memorandum Italia-Libia, Tavolo Asilo Nazionale, consultato 5.11.2019

https://drive.google.com/file/d/1_2q86vOo90woCzKOezqlif1AS1Sniw2P/view

[3] Inchiesta Ong, 20 nuovi avvisi di garanzia per la Juventa, Msf e Save the children. Procura: “Non fini illeciti, solo scopi umanitari”, Alessandra Ziniti, La Repubblica, pubblicato 10.7.18, consultato 5.11.2019

https://www.repubblica.it/cronaca/2018/07/10/news/juventa_venti_nuovi_avvisi_di_garanzia_ad_un_anno_dal_sequestro_della_nave_della_ong_tedesca-201408731/

[4] Amnesty international: rapporto sull’accordo Ue – Turchia. Sito ufficiale ASGI, pubblicato 17.02.2017, consultato 5.11.2019

https://www.asgi.it/asilo-e-protezione-internazionale/amnesty-international-ue-turchia/

[5] Ciò è stato dimostrato da numerose inchieste, anche recenti, diffuse da Avvenire, L’Espresso, Propaganda Live.

[6] “Secondo le stime di UNHCR, dall’inizio del 2019 ad oggi è morta nel tentativo di raggiungere l’Europa dalla Libia una persona ogni 11 persone sbarcate, mentre nello stesso periodo del 2017 tale tasso era pari a una persona morta ogni 40.”

Lettera aperta al governo e al parlamento per l’annullamento del Memorandum Italia-Libia

[7] Balkan Route. Radio Blackout, 26.9.19

Balkan Route

Aggiornamenti dal campo di Moria, Grecia. Radio Blackout, 2.10.19

Aggiornamenti dal campo di Moria, Grecia

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

LibiamigrantiMINNITI MINISTRO DELL'INTERNOSALVINI MINISTRO DELL'INTERNO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libia: scioperi e blocchi negli impianti di gas che riforniscono l’Eni

Il 20 Febbraio 2024 i membri del gruppo libico Petroleum Facilities Guard (PFG) hanno bloccato i flussi di gas in un complesso facente capo alla “Mellitah Oil & Gas” nella città di Al-Zawiya.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’accusa si basa su testimoni compromessi – Il processo Iuventa si sgretola!

L’audizione ha contribuito a far emergere i secondi fini e la assoluta mancanza di credibilità dei testimoni su cui l’accusa ha costruito l’intero caso.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Una prigione per migranti in Albania

Ieri la presidente del consiglio dei ministri Meloni ha sottoscritto con il primo ministro albanese Rama un protocollo per la gestione in territorio albanese dei migranti ripescati in mare dalla Marina Militare e dalla Guardia di Finanza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Migrazioni, guerre e ambiente

Il 28 settembre il consiglio dei ministri del governo Meloni ha approvato un nuovo decreto sull’immigrazione che con una mano prosegue l’opera di criminalizzazione delle persone migranti e con l’altra aumenta ulteriormente i fondi per le forze dell’ordine e la militarizzazione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Che cosa succede al processo contro Mimmo Lucano?

Il 20 settembre si è tenuta l’ultima udienza, dedicata alla difesa di Mimmo Lucano: gli avvocati difensori, Giuliano Pisapia e Andrea Daqua, che da anni lo difendono a titolo gratuito, hanno illustrato le loro valutazioni critiche della sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Locri ormai quasi due anni fa

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Alba(Cuneo): sabato 19 agosto corteo per i diritti dei migranti e dei braccianti in lotta

Casa, documenti, salute e lavoro: questi i temi che saranno portati in piazza da braccianti e migranti che sabato 19 agosto si raduneranno in una manifestazione solidale ad Alba in provincia di Cuneo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Ombre e dubbi sulla morte di Moustafà Fannane

Diverse persone, anche tramite post e commenti pubblici sui social-network, hanno espresso perplessità rispetto al suo stato di salute antecedente alla morte, notando in particolare un insolito gonfiore e una forte apatia: caratteristiche che non lo contraddistinguevano affatto.