Pavia: leghista arrestato per femminicidio

Stampa

 

||||
|||| ||||

Risale a circa due anni fa l'omicidio di Lavdije Kruja, il cui corpo fu ritrovato nel fiume Po alcune settimane dopo la scomparsa. La donna, albanese, di professione badante, lasciava un figlio di 12 anni.

A distanza di anni è stato arrestato un uomo, Franco Vignati, per l'omicidio di Lavdije. Secondo la ricostruzione degli inquirenti l'assassino, in seguito alla decisione della donna di interrompere la loro relazione, la avrebbe attirata in un luogo isolato con una scusa per poi spararle e abbandonare il corpo senza vita alle acque. Un copione purtroppo già visto, figlio di una violenza patriarcale che continua a mietere vittime nel nostro paese, in questo caso realizzato sotto forma di una vera e propria esecuzione.

Franco Vignati è stato a lungo militante della Lega Nord a Chignolo Po, in provincia di Pavia. Alle spalle una carriera politica che lo ha portato ad essere consigliere comunale e assessore, e addirittura candidato sindaco.

Ovviamente intere campagne elettorali basate sulla retorica razzista dell'insicurezza e dei crimini degli immigrati; ancora una volta la più bestiale violenza maschilista giunge da chi continuamente sbraita in pubblico di voler difendere “le proprie donne” dall'invasione straniera.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);