InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Tradotto da Resumen Latinoamericano

Ritengono che sia in quel luogo che vengono fatte le politiche di morte e di espropriazione. Si stanno battendo affinché il chineo (stupro e uccisione di bambine indigene) sia considerato un crimine contro l’umanità nei confronti dei bambini indigeni. Nel pomeriggio sono stati ricevuti dal presidente della Banca Centrale, Miguel Angel Pesce.

Comunicato del Movimento:

In questo momento, donne indigene provenienti da diverse nazioni indigene della Repubblica Argentina sono in occupazione pacifica in attesa che il Presidente della Banca Centrale Argentina venga a parlare con noi. Chiediamo che i direttori della Banca vengano ad ascoltarci, perché qui stanno lavorando per un modello di Paese di morte. Veniamo qui a dire che vogliamo un modello di vita, qui si legalizza e si approva il budget per la morte, per i proiettili, per la repressione, qui si autorizza e si legalizza l’invasione che subiamo dalle compagnie che violentano e uccidono le nostre ragazze, che reprimono, imprigionano le nostre donne, la nostra massima autorità spirituale, che in questo momento sono ingiustamente detenute.

Così come la comunità imprenditoriale e i proprietari terrieri vengono ascoltati in questo spazio per definire le politiche territoriali, anche noi vogliamo essere ascoltati.

Come Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir, informiamo: Alle nazioni indigene che compongono la plurinazionalità dei territori, al popolo argentino e ai popoli del mondo, che oggi noi, donne di diverse nazioni indigene, provenienti da diversi territori in conflitto, inviate dai nostri antenati e dalle forze telluriche, abbiamo formato un’occupazione pacifica all’interno della Banca Centrale della Repubblica Argentina, uno spazio che incarna l’indolente speculazione di imprenditori nazionali e transnazionali in complicità con lo Stato argentino.

Le politiche di pressione e repressione sui popoli indigeni sono imposte da questo settore, così come l’autorizzazione delle imprese estrattiviste e dei latifondi transnazionali per l’avanzata della morte nei nostri territori, fortificando ed espandendo la militarizzazione sulla vita dei popoli indigeni.

Da qui si definisce questo modello di paese: TERRICIDIO! Siamo venute qui per chiedere:
*Abolizione del Chineo adesso
*Rilascio immediato dei prigionieri politici mapuche.
*Ritorno della machi Betiana Colhuan Nahuel al suo rewe
*Scioglimento del Comando unificato
*Demilitarizzazione di tutti i territori indigeni e fine degli sfratti.
*Riconoscimento e restituzione dei nostri territori

Da qui si stanzia un budget per tutto ciò che genera morte; chiediamo che presentino un’agenda per la vita.

Siamo portavoce della Terra che dice basta, la vita non è negoziabile.

Donne delle seguenti nazioni indigene: Nazione Tapiete, Nazione Wichi, Nazione Mapuche, Nazione Tehuelche, Nazione Aymara, Nazione Quechua, Nazione Qom, Nazione Kolla.

Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir
https://movimientodemujeresindigenasporelbuenvivir.org/
«Caminamos para Ser; Somos porque Caminamos»
Tel: +5492944814231
Movimiento de Mujeres y Diversidades indigenas por el Buen Vivir

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ministro israeliano chiede l’esecuzione di tutti i prigionieri palestinesi

Il ministro israeliano del Patrimonio, Amichai Eliyahu, ha chiesto l’esecuzione dei prigionieri palestinesi in modo che non vengano rilasciati in qualsiasi futuro negoziato con la resistenza palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il popolo panamense si è appuntato una grande vittoria, ma la lotta non è terminata

La sentenza di incostituzionalità emessa dalla Corte Suprema di Giustizia di Panama, del 28 novembre 2023, ha costituito la consumazione di una grande vittoria popolare contro l’abusivo contratto minerario con la First Quantum Minerals (FQM).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il sistema AI di Israele per la selezione dei bersagli ha generato una “fabbrica di omicidi di massa” a Gaza

Israele ha impiegato un sistema di intelligenza artificiale per generare obiettivi di morte che ha trasformato Gaza in una “fabbrica di omicidi di massa”, secondo un nuovo rapporto investigativo, di forte impatto, pubblicato dall’organo israeliano di informazione +972 Magazine.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Corteo per la Palestina: Torino 2 dicembre.

Il corteo di sabato 2 dicembre a Torino ha visto la partecipazione di più di tremila persone, moltissimi giovani e giovanissimi, provenienti da quartieri e contesti molto diversi tra loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole creare una “zona cuscinetto” a sud di Gaza

Israele vuole costituire una “zona cuscinetto” sul lato palestinese del confine tra Gaza e l’Egitto allo scopo, afferma, di prevenire “futuri attacchi di Hamas”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il FPLP ritiene l’amministrazione statunitense pienamente responsabile della nuova aggressione

L’infido nemico fallirà di nuovo e tornerà per essere sconfitto e trascinato le code della delusione e della sconfitta

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Genocidio israelo-statunitense a Gaza: riprendono i bombardamenti. 32 palestinesi uccisi

La tregua è durata sette giorni e stamattina, venerdì 1 dicembre, Israele ha ripreso a bombardare la stremata e distrutta Striscia di Gaza, lanciando una serie di attacchi su varie aree, colpendo soprattutto il sud, dove sono stati spinte molte migliaia di persone evacuate dal nord. 32 palestinesi sono stati uccisi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La figlia di Che Guevara denuncia l’impunità per i crimini israeliani a Gaza

La dottoressa internazionalista cubana Aleida Guevara ha denunciato martedì l’impunità e i crimini israeliani, rendendo omaggio a Beirut ai martiri del canale panarabo Al Mayadeen.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le montagne non ricrescono. Fermiamo l’estrattivismo in apuane e ovunque.

l destino delle Alpi Apuane sembrerebbe segnato, condannato dalle politiche estrattiviste a diventare nient’altro che un distretto minerario. Per farsi un’idea, basti pensare che negli ultimi venti anni si è estratto più che nei duemila anni precedenti. ma non si tratta una faccenda locale, non solo. si tratta di una delle questioni cruciali del nostro tempo. Il 16 e il 17 dicembre 2023 si terranno due giornate di iniziative (un convegno, un corteo, una serie di workshop e tavoli tematici), promosse da diversi gruppi, comitati, associazioni, locali e nazionali. in questo articolo il collettivo athamanta – tra i promotori dell’iniziativa – racconta come siamo arrivatə sin qui e cosa sta succedendo nelle Alpi Apuane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina dal basso

Con il trionfo di Javier Milei si chiude un ciclo della politica argentina, quello che si aprì nel dicembre del 2001 con l’insurrezione popolare che abbatté il governo di Fernando de la Rúa e le sue politiche neoliberali senza anestesia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza di genere: manifestazioni e presidi in tutta Italia per Giulia Cecchettin. Sabato i cortei nazionali a Roma e Messina

Non è ancora giunta in Germania alcuna richiesta di estradizione di Filippo Turetta, responsabile del femminicidio della ex fidanzata, Giulia Cecchettin. Lo dicono fonti investigative tedesche.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raccogliere la lotta: voci di resistenza agroecologica

Da una scuola recuperata da una comunità mapuche ranquel, ora convertita in un progetto agroecologico, diverse organizzazioni, assemblee e la stessa comunità Rupu Antu Linkoln hanno discusso del futuro ambientale del Paese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Argentina. Chiusura della campagna elettorale di Milei: ultimo spettacolo del “loco” con la motosega

Il deputato di estrema destra ha dedicato il suo sermone alle “forze del cielo”: la proprietà privata e il Dio mercato.