InfoAut
Immagine di copertina per il post

Violenza di genere: manifestazioni e presidi in tutta Italia per Giulia Cecchettin. Sabato i cortei nazionali a Roma e Messina

Non è ancora giunta in Germania alcuna richiesta di estradizione di Filippo Turetta, responsabile del femminicidio della ex fidanzata, Giulia Cecchettin. Lo dicono fonti investigative tedesche.

“Ci vorranno una decina di giorni perchè torni in Italia” ha confermato da Padova il procuratore veneziano che cura l’inchiesta, aggiungendo come “il ritrovamento del corpo della ragazza chiaramente necessita il cambiamento del capo di imputazione, diventato omicidio volontario, ma si tratta di una imputazione provvisoria perché dobbiamo fare tutti gli accertamenti tecnici sui luoghi, sui reperti, sulla macchina, dobbiamo sentire la versione dei fatti di Turetta, e solo a quel punto si potrà fare un’impostazione più completa”.

“Turetta non è un mostro, ma un figlio sano del patriarcato e della cultura dello stupro” ha detto Elena Cecchettin, sorella di Giulia. “Il femminicidio”, continua il suo intervento, “non è un delitto passionale, ma un delitto di potere”. Ascoltiamo un estratto del suo intervento.Ascolta o scarica 

Elena Cecchettin è stata a Padova  ieri sera per la manifestazione contro l’omobitransfobia indetta da Non Una di Meno. Appuntamento alle 19.30. Sabato 25 novembre a Roma si terrà invece il corteo nazionale di Non Una di Meno, che arriva dopo la 105esima vittima della violenza maschile del 2023. Oggi davanti ai licei romani Osa ha appeso diversi striscioni che hanno rilanciato l’appuntamento: “Per Giulia e per tutte. Mai Più Vittime! Liberiamoci dalla violenza. 25 novembre in piazza” le parole scritte sui drappi appesi fuori dalle scuole.

Già ieri e sabato presidi e cortei molto partecipati si sono svolti in numerose città, tra cui Brescia e la stessa Padova.

Sui cortei nazionali di sabato prossimo a Roma e Messina sentiamo Carla Ruffini dell’Assemblea nazionale di NUDM Ascolta o scarica 

A Padova abbiamo raggiunto invece Cecilia di Non Una di Meno. Ascolta o scarica 

Da Brescia sentiamo invece Pamela, sempre di Non Una di Meno.Ascolta o scarica 

Ma le iniziative organizzate dai nodi territoriali del movimento transfemminista Non Una di Meno per denunciare il femminicidio di Giulia Cecchettin continuano e continueranno fino a sabato.
Questa sera, lunedì 20 novembre, in contemporanea a molte altre città italiane, “passeggiata arrabbiata” a Pisa e “passeggiata rumorosa” a Trento. 

Ai nostri microfoni, Eleonora di Non Una di Meno Pisa Ascolta o scarica

Dal Trentino, Daniela di Non Una di Meno Trento Ascolta o scarica

Dal primo ottobre è in vigore in Europa la Convenzione di Istanbul, sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne e la violenza domestica. La convenzione è un quadro giuridico completo volto a proteggere le donne da ogni forma di violenza, al fine di prevenire, perseguire ed eliminare la violenza sulle donne e la violenza domestica, e di attuare politiche globali e coordinate. Lega e Fratelli d’Italia si erano astenuti alla votazione lo scorso maggio al Parlamento Europeo , due deputate della Lega avevano addirittura votato contro. Si erano opposti alla ratifica del trattato di Istanbul perché conteneva il termine “violenza di genere” e non solo “violenza contro le donne” sostenendo che “normalizzava l’omosessualità”, in maniera “incompatibile con i valori sociali e familiari”.

Il commento di Emanuela Valente curatrice del blog In Quanto Donna – osservatorio sulla comunicazione dei femminicidi in Italia  Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

femminicidioPATRIARCATOviolenza di genere

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Se domani non torno, distruggi tutto.

Anche a Torino appuntamento per una manifestazione contro la violenza patriarcale sabato 25 novembre alle ore 15 da piazza Carlo Felice.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Oltre la denuncia: considerazioni sul “risarcimento” agli stupri delle donne congolesi.

La notizia di qualche settimana fa rispetto alle donne abusate sessualmente in Congo nel quadro di un intervento dell’OMS per la battaglia contro l’ebola e il conseguente risarcimento di 250 dollari ciascuna ha rotto una serie di tabu sui quali abbiamo voluto approfondire insieme a Simona Taliani, docente dell’università di Torino del dipartimento Culture, Politiche e Società.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verso un 25 novembre di rabbia e di lotta.

In questi giorni i fatti stanno imponendo un’accelerazione alle mobilitazioni previste per il 25 novembre, giornata contro la violenza patriarcale.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Bologna: Studentessa colpita con un calcio al pube. I collettivi accusano polizia

E’ successo durante le proteste che mercoledì hanno risposto agli sgomberi di via Corticella e via Filopanti: è “una violenza sessuale praticata da un uomo, nel corso dello svolgimento di un’attività in divisa”, affermano Cua e Plat, annunciando l’intenzione di “denunciare questo poliziotto, il suo caposquadra, il questore ed il ministro”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

“Pensati libera”. Verso il 25 novembre, cresce la rabbia e la necessità di ribaltare la violenza.

Stiamo assistendo a un bombardamento mediatico forse senza pari da quando Giulia è stata ritrovata morta uccisa dal suo ex fidanzato.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

TransfemministƏ ingovernabili contro la violenza PATRIARCALE!

Appello per un 25 novembre di marea transfemminista a Roma e Messina

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

“Contro sionismo, razzismo e patriarcato in piazza a Roma il 28 ottobre”. Appello delle compagne palestinesi in Italia

Il “Comitato 23 settembre” – in lotta con le donne di tutto il mondo contro l’oppressione, lo sfruttamento e il razzismo – ha rilanciato sui propri canali social un appello diffuso dalle compagne palestinesi in Italia “anima delle manifestazioni contro l’ennesimo attacco sionista, in tutto il mondo”.