Lo Sciopero è la risposta!

Stampa

Segnaliamo il comunicato di Non una di meno - Bologna sulla lotta all'Italpizza di Modena.

||||
|||| ||||

 

Dopo due settimane di sciopero e circa sette ore di trattativa le lavoratrici di Italpizza, in gran parte migranti, ieri hanno vinto la loro prima battaglia.

I picchetti davanti ai cancelli della fabbrica di Modena, iniziati lo scorso 28 novembre, hanno portato a una trattativa che ha messo alle strette Italpizza, costringendo l'azienda sia al completo reintegro delle lavoratrici e dei lavoratori che erano stati sospesi o licenziati per ragioni politiche, sia all'istituzione di un tavolo sindacale per il reinquadramento dei contratti sulla base delle mansioni specifiche.

La determinazione delle donne che hanno dato il via alla protesta e la loro capacità di rimanere unite di fronte ai continui ricatti hanno avuto la meglio. Non sono stati freddo, lacrimogeni e manganelli a fermarle, né tanto meno la politica della paura che, facendo leva sulla loro condizione di donne e di migranti, ha tentato di indebolirle e separarle. Mentre dentro la fabbrica si regalavano pizze per scoraggiare gli indecisi a unirsi alla lotta, la partecipazione fuori dai cancelli è aumentata di giorno in giorno, alba dopo alba.

Le donne in sciopero sono anche riuscite a coinvolgere gli altri lavoratori nella protesta, trasformando una mobilitazione per le condizioni di lavoro in uno sciopero politico più ampio: la rivendicazione di contratti adeguati si è trasformata ben presto in una lotta trasversale nella quale, come movimento femminista, ci riconosciamo.

In un'azienda le cui politiche lavorative sono esplicitamente razziste – a cominiciare dalle assunzioni discriminatorie fatte in base alla provenienza – la condizione di migrante diventa una leva per ricattare le lavoratrici e intensificare il loro sfruttamento. Questo sciopero ha sfidato il Dl Salvini con il blocco della produzione e i picchetti, ma soprattutto ha reso concreta la lotta politica contro l'intreccio tra sfruttamento, razzismo e divisione sessuale del lavoro. Lo sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori di Italpizza mostra chiaramente che lottare contro lo sfruttamento neoliberale è lottare contro le condizioni che lo rendono possibile: la posizione delle donne in fabbrica diviene così un punto di forza dello sciopero. Le lavoratrici migranti di ItalPizza hanno infatti scioperato dal lavoro produttivo e dal lavoro riproduttivo, rendendo evidente il nesso tra sfruttamento e patriarcato. Allo stesso modo hanno scioperato contro il ricatto del permesso di soggiorno, mostrando che lo sciopero è la risposta anche al razzismo istituzionale.

È in queste lotte che vive l'8 marzo: dallo sciopero della lavoratrici della McDonald's negli Stati Uniti fino a quello delle lavoratrici Yoox dell'Interporto di Bologna che, lo scorso anno, si sono mobilitate contro la molestia sessuale come strumento di disciplina e controllo. In questi tre anni abbiamo costruito un processo di riattivazione dello sciopero oltre i confini, la cui potenza è quella di essere politico, transnazionale e intersezionale. Ci siamo riappropriate dello sciopero come arma contro lo sfruttamento, la violenza, il razzismo, le gerarchie e i ruoli imposti. Per questo la vittoria delle donne di ItalPizza è una vittoria per il movimento femminista, perché alla normalizzazione di condizioni lavorative inaccettabili queste donne si sono ribellate insieme, aprendo per tutte e tutti una possibilità di lotta e di trasformazione. Insieme a loro sentiamo di poter affermare che contro una società che ci vuole sottomesse e vittime noi ci ribelliamo. Lo sciopero femminista è la risposta.

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);