InfoAut
Immagine di copertina per il post

Aborto in USA: una decisione che si sarebbe potuta impedire

||||

È notizia dell’altro ieri la decisione della Corte Suprema americana con 6 voti a favore e 3 contrari di cancellare la sentenza Roe vs Wade che autorizzava l’aborto, rendendo libero ciascuno Stato di applicare le proprie leggi su questo diritto.

A un giorno dalla decisione, la possibilità di interrompere la gravidanza è già stata eliminata, a partire dal Texas e dal Missouri. Il divieto di aborto entrerà in vigore in 13 stati americani nei prossimi 30 giorni. La decisione ha scatenato le proteste di centinaia di migliaia di donne in moltissimi stati, dal New Jersey alla California allo stato di New York, in Arizona le manifestanti sono stati dispersi con gas lacrimogeni.

La possibilità che l’aborto negli USA vedesse una gravissima inversione di marcia in realtà era già stata resa palese quando, poco più di un mese fa, uscì la notizia su un giornale online americano Politico che ci fosse il rischio che la norma Roe vs Wade venisse invalidata. Infatti, negli Stati Uniti d’America non è mai esistita una legge vera e propria che definisse dal punto di vista giuridico federale il diritto all’aborto. La Roe vs Wade è una sentenza della Corte Suprema risalente al 1973, una decisione storica che in tutti questi anni ha garantito, seppur in maniera precaria, la possibilità di interrompere la gravidanza per le donne americane. In questo periodo, dunque, all’interno della Corte Suprema si è discusso se revocare questa decisione storica, rendendo dunque possibile considerare l’aborto illegale. La possibilità di rovesciare questa norma, infatti, permette, secondo il sistema federale americano, che ogni Stato possa avvalersi di leggi proprie e dunque di scegliere se garantire o meno questo diritto.

Il casus che ha creato l’occasione per cancellare la sentenza è stato dato dal contenzioso tra i giudici Dobbs vs Jackson a riguardo della legge del Mississippi del 2018, che vietava l’aborto dopo la quindicesima settimana di gravidanza. Questa legge, entrando in contraddizione con la Roe vs Wade, ha aperto uno spazio per il giudice Samuel Alito di scrivere la bozza secondo cui il diritto di abortire non fosse esplicitamente riconosciuto dalla Corte, pertanto passibile di modifiche. Il giudice si è appellato al fatto che l’aborto non fosse effettivamente considerato un diritto per la Storia degli Stati Uniti, anzi punito nella maggior parte degli stati americani, il che conferma che la sentenza del 1973 fosse, sempre secondo Alito, “profondamente sbagliata sin dall’inizio”.

Ora Biden si appella alla Corte perchè trasformi in legge federale la sentenza Roe vs Wade, il che è chiaro che rappresenti un tentativo fuori tempo e possibilità effettive. Il che rende ancora più ipocrita il suo posizionamento in qualità di democratico che rispetta i cosiddetti diritti delle donne, preoccupandosi della loro salute e tentando di sottolineare l’importanza di garantire l’accesso alla pillola abortiva. Samuel Alito, giudice che ha firmato l’opinione della maggioranza della Corte, inoltre potrebbe non fermarsi a questo precedente, dato che anche il diritto di acquisto di qualsiasi contraccettivo in USA è stabilito da un’altra sentenza del 1965, così come la possibilità a sposarsi per persone dello stesso sesso non viene regolato da nessuna legge nella giurisprudenza tradizionale.

Provoca ancora più rabbia sapere che da mesi, sin da quando la notizia che la Corte potesse sbarazzarsi di questo diritto costituzionale, in tutti gli stati americani centinaia di migliaia di donne siano scese in piazza per difendere la Roe vs Wade, rimanendo inascoltate. La sua cancellazione può essere definita dunque, una vera e propria volontà risaputa da ogni lato, per la quale da nessun lato si è tentato di arginare il rischio. Per non parlare del fatto che la necessità di formulare una legge vera e propria sarebbe dovuta essere una della priorità di un governo che si considera progressista, di sinistra e per i diritti delle minoranze.

L’unica mossa di Biden e dei democratici in questi mesi è stata quella di rendere la questione un’occasione di ampliare il proprio bacino di voti, puntando tutto sul voto di mid term a novembre perchè si votasse per candidati pro aborto, trasformando il tutto in propaganda elettorale per il loro schieramento.

In un momento storico in cui gli Stati Uniti si innalzano più che mai a difensori della democrazia trascinando il mondo intero in un’escalation di guerra, che rappresenta il più profondo dei cortocircuiti del capitalismo attuale, il fatto che si sia lasciato avverare un precedente del genere non fa altro che confermare il livello di crimine del quale sia capace chi vi si pone alla guida. Ancora di più, a seguito di una decisione come quella di rendere illegale l’aborto, la credibilità mondiale degli USA non dovrebbe che perdere pezzi dei piedi d’argilla su cui si fonda, a tutte le latitudini.

È chiaro che lo sguardo debba essere rivolto alle possibilità e alla forza di contrattacco di tutte le soggettività colpite e alleate, forti di anni in cui i movimenti femministi e transfemministi, i movimenti antirazzisti, i movimenti per la giustizia climatica hanno assunto carattere mondiale, radicandosi in maniera trasversale in tutta la società. D’altro canto è fondamentale non cedere agli specchietti per le allodole che qualsiasi dimensione di respiro istituzionale, mainstream o politica su livelli elettorali, in una fase come questa in cui la recrudescenza della violenza viene legittimata senza incontrare ostacoli, possa mettere in campo. Qualsiasi tentativo di questo calibro avrà il solo obiettivo di allungare le mani su agitazioni dal basso, fagocitandole in un sistema che sta rodando i suoi meccanismi di sussunzione atta a chiudere qualsiasi spazio di conflitto possibile.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

abortoBIDENstati unitiUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come la pandemia ha cambiato il panorama del lavoro organizzato negli USA

La prospettiva dell’intreccio tra crisi sociale e crisi climatica e la centralità assunta da relativamente nuovi settori del lavoro contemporaneo accanto a mansioni più tradizionali ci paiono spunti di ragionamento fondamentali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Stati Uniti e Cina allo scontro globale

Riprendiamo di seguito l’introduzione del nuovo libro di Raffaele Sciortino uscito per Asterios: Stati Uniti e Cina allo scontro globale. Strutture, strategie, contingenze.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le elezioni di Mid-Term negli USA. Un nuovo terremoto?

Le elezioni di Mid-Term si annunciano come una probabile sconfitta per il presidente in carica Biden. A pesare sarebbe l’incipiente recessione, l’inflazione che non accenna a diminuire e la percezione di insicurezza economica e sociale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cuba: all’ONU voto schiacciante contro il Bloqueo, ma resta in vigore per il veto USA

Il rapporto presentato all’Onu sulle sanzioni Usa in occasione del voto mostra che “solo fra agosto 2021 e febbraio 2022, questa politica unilaterale degli Usa, in vigore ormai da 60 anni, ha causato a Cuba perdite dell’ordine di quasi 4 miliardi di dollari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La “nuova” dottrina statunitense del First Strike atomico

Cos’è, cosa ci dice sulla guerra in Ucraina e perché deve preoccuparci sul serio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

Abbiamo tradotto da In These Times questa lunga ed articolata inchiesta a firma Indingo Oliver sui rapporti tra università ed industria della difesa negli Stati Uniti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il clima come arma

Qual è il nesso, davvero, tra cambiamenti climatici e sicurezza?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La strategia di sicurezza nazionale di Biden

Alla luce di tali linee strategiche risultano più chiare anche al lettore medio le cause profonde della guerra in atto in Ucraina e le crescenti tensioni in Estremo Oriente sia rispetto alla questione di Taiwan che alla penisola di Corea.