InfoAut
Immagine di copertina per il post

Parma: “A Carnevale ogni scherzo vale?”

Riceviamo e pubblichiamo…

“A Carnevale ogni scherzo vale?” Non questa volta, non per il collettivo di Art Lab Bene Comune di Parma. E’ bastata una locandina satirica per una festa di Carnevale come pretesto per accusarci di terrorismo, istigazione all’odio ed emulazioni sataniche dell’omicidio del Presidente del Consiglio. Evidentemente siamo così ingenux da pensare che ancora si possa fare satira sul dissenso politico senza conseguenze di risonanza nazionale. Nel mezzo di una crisi globale ecologica e sociale, chi pensava che sarebbe stata una locandina il più grande problema dello Stato italiano?

La narrazione mediatica che è esplosa in poche ore ha mistificato la realtà dei fatti, con l’unico scopo di attaccare chi cerca di creare opposizione politica dal basso. Dalle prime ore di domenica mattina sono stati pubblicati articoli su testate nazionali e locali, creando e aggiungendo di volta in volta dettagli inventati, trasformando un momento di aggregazione sociale in minacce di morte.
Con questo comunicato ci dissociamo totalmente da queste accuse assurde e pretestuose.

La strumentalizzazione di una grafica carnevalesca è servita alle forze di governo per distogliere l’attenzione da episodi di carattere fascista, direttamente collegati a fazioni politiche ben delineate. Solo nell’ ultima settimana sono apparse svastiche in tutto il Paese, studentx sono statx aggreditx a Firenze da membri di Azione Studentesca e durante un’azione dimostrativa membrx di Extinction Rebellion sono statx minacciatx con un’arma.

Questi eventi, che noi consideriamo gravissimi, vengono di fatto legittimati da una politica che nei suoi primi mesi di governo si è confermata repressiva e violenta.

La criminalizzazione delle ONG, le violenze subite da persone migranti all’intero dei CPR e fuori dalle questure, le proposte di legge che minano l’autodeterminazione delle persone con utero, perpetuano un clima d’odio, razzista e omofobo, che sicuramente non ci appartiene.

Noi, come tutti gli altri spazi sociali che si oppongono alla realtà delle cose, ci troviamo al centro di una campagna governativa volta ad abbattere le pratiche alternative ogni giorno proposte.

È già in corso un piano di sgomberi atto a eliminare ogni possibilità di autorganizzazione dal basso, che attacca chi risponde alla crescente emergenza abitativa con l’occupazione di spazi abbandonati. Uno degli strumenti è la criminalizzazione dellx attivistx, dipintx come terroristx da parte dei media e del governo esemplificativo ne è l’accanimento giudiziario che sta avvenendo a Torino, a Bologna, in Veneto e nel resto di Italia.
Dal 2011 ArtLab si occupa di rispondere all’emergenza abitativa nel territorio di Parma e quello che era uno studentato di lusso è diventato NoMas Hotel: così sono state colmate le mancanze dell’amministrazione comunale sia nell’offrire un alloggio che nell’affiancamento ai servizi.

In questo modo abbiamo restituito uno spazio inutilizzato dalle istituzioni a una fetta di cittadinanza altrimenti inascoltata.

La riappropriazione di questo spazio è stata portata avanti anche grazie ai progetti che lo stesso ha ospitato e continua a ospitare, permettendo la collettivizzazione di una controcultura fuori dalle logiche produttive e performative del mercato.
Ad esempio, la scuola di italiano per soggettività migranti “A voce alta” garantisce l’accesso gratuito all’istruzione linguistica di base. Progetti artistici e sportivi, come il laboratorio di interpretazione teatrale e la squadra di calcio antirazzista La Paz, costruiscono una comunità libera e solidale. Tutto ciò si inserisce in un contesto di elaborazione politica costante fondata sull’antifascismo e sull’eco-transfemminismo in ottica decoloniale, grazie alle assemblee che animano lo spazio e le strade della città.

Ribadiamo che il Presidente del Consiglio non è mai stato oggetto di rievocazioni di omicidi né tanto meno di minacce di morte, come invece la gogna mediatica che ci sta travolgendo in questi giorni prova a mostrare. Per una locandina satirica non ci lasciamo comunque distrarre dalle lotte che ci caratterizzano: per questo scenderemo in piazza nella giornata del 3 marzo in occasione del Global Strike di Fridays for Future e per lo sciopero transfemminista del 8 marzo indetto da Non Una di Meno.
In questo contesto in cui la possibilità di manifestare dissenso è sempre più ostacolata, continueremo a prendere parte al dibattito politico con i nostri ideali e le nostre pratiche, sempre dalla parte giusta della barricata.   

                                                     Libera Assemblea di Art Lab, 21/02/2023

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Contributidi redazioneTag correlati:

art labMELONIparma

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Contributi

Un organo che tutto controlla, un controllo che tutto organizza

Smart control room a Venezia, polizia e giustizia predittiva, chip war e molte altre brutte cose!

Immagine di copertina per il post
Contributi

La guerra al sud e ai poveri del nord possiamo  fermarla!

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo estratto di Lavoro e Salute…

Immagine di copertina per il post
Contributi

“La primavera serba non può essere fermata”: in 60.000 in piazza a Belgrado contro il governo per la quinta volta consecutiva

Ad un mese dal massacro avvenuto nella scuola di Belgrado, sabato 3 giugno le strade di Belgrado sono state inondate per la quinta volta dalle proteste contro il governo.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Postfazione di “Le vene della Terra: un’antologia dei bacini idrici”

Riceviamo e pubblichiamo la traduzione della postfazione del libro “Les Veines de la Terre. Une anthologie des bassins‑versants” di Marin Schaffner, Mathias Rollot e François Guerroué.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Mehmet Akar e Veysi Taş: due azioni di Resistenza nel Nord del Kurdistan

Il 17 Gennaio giunge la notizia che Mehmet Akar, giovane curdo di 25 anni originario di Amed (Diyarbakir), si è dato fuoco per protestare contro l’isolamento detentivo di Abdullah Öcalan.

Immagine di copertina per il post
Contributi

L’Italia armata, i falsi miti e le zone grigie nel saggio di Giorgio Beretta

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa recensione del saggio “Il Paese delle armi. Falsi miti, zone grigie e lobby nell’Italia armata” di Giorgio Beretta a cura di Michele d’Amico

Immagine di copertina per il post
Contributi

LÜTZERATH BLEIBT-Riflessione con e oltre Lützerath, per una lotta ecologista consapevole, radicale e glocale

A Lützerath si sta combattendo la battaglia ecologica più importante degli ultimi tempi. 

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il compimento della storia e il Comunismo nelle parole di un Ministro

Una crisi inarrestabile di un modo di produzione storico esce fuori dai pori della vita plasmata dal capitalismo reale.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il sonno della ragione genera mostri

Il movimentismo non è sembrato immune dal tracollo delle grandi ideologie novecentesche che hanno trascinato con sé anche la struttura analitica tipica di quel novecento gravido di conquiste.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La camera approva la legge contro gli ecoattivisti

La Camera ha approvato definitivamente la legge per contrastare le azioni simboliche dei movimenti che si battono per la giustizia climatica contro monumenti e opere d’arte. Pene da due a cinque anni di reclusione e sanzioni da 20mila a 60mila euro.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pacchetti sicurezza che rendono insicure le nostre vite

Il decreto Meloni Salvini mette sul banco degli imputati non solo i giovani di Ultima generazione e i movimenti ambientalisti ma chiunque partecipando a cortei possa essere accusato di avere recato danni alle forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Ispezione al centro sociale Askatasuna: Meloni e Salvini ordinano, la Questura esegue

Riprendiamo il comunicato del Centro Sociale Askatasuna su quanto accaduto questa mattina con l’ennesima operazione da parte della questura di Torino atta a colpire i movimenti sociali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La riforma previdenziale del Governo Meloni

La strategia del Governo sembra puntare a rendere difficile e meno conveniente il pensionamento anticipato.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Gli occupabili? Le contraddizioni di una politica del lavoro dopo il RdC

Nel secondo approfondimento entriamo nel tema delle misure di contrasto alla povertà e sulla liberalizzazione del mercato dell’energia in collegamento con Roberto Ciccarelli, autore ed editorialista de ilManifesto.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Tra premierato e autonomia differenziata: la Sicilia stretta nella morsa delle politiche di Roma

Il 3 novembre il Consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge costituzionale per l’elezione diretta del Presidente del Consiglio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Menzogne e verità sulla cancellazione del Reddito di Cittadinanza

Il dibattito sull’abolizione del Reddito di Cittadinanza è stato viziato da alcuni elementi che hanno reso difficile comprendere fino in fondo il significato politico della Controriforma.

Immagine di copertina per il post
Formazione

2-3 ottobre, governo e Meloni non siete i benvenuti!

Riprendiamo il comunicato studentesco sulla due giorni di mobilitazione tenutasi a Torino in concomitanza con il Festival delle Regioni. Ieri il corteo partito dalle scuole superiori ha contestato il ministro dell’Istruzione Valditara, mentre oggi la manifestazione ha contestato l’arrivo della premier Giorgia Meloni, per la prima volta in città, ed è stata più volte caricata brutalmente dalla polizia che ha causato diversi feriti tra i manifestanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia arma Erdogan per la campagna di sterminio del popolo kurdo

L’Italia ha autorizzato vendite di sistemi di morte al regime turco per il valore di 582 milioni di euro.