Falangisti sotto la casa di Primo de Rivera a Madrid: “La Spagna non vota né negozia”

Stampa

Dozzine di persone – 200 secondo fonti della polizia e 300 secondo gli organizzatori – hanno rivendicato venerdì sera durante una manifestazione convocata dalla formazione di estrema destra, Falange, inquadrate davanti alla casa di José Antonio Primo de Rivera, la difesa dell’unità nazionale al grido di “La Spagna non vota né negozia.”

||||
|||| ||||

Durante la riunione, convocata alle 21:00 al numero 24 di via Génova a Madrid, dove si trova la casa del fondatore della falange spagnola, la congregazione neofascista ha chiesto l’unità della Spagna e hanno gridato contro la “persecuzione delle idee” .

La formazione, tra i quali era visibile il capo nazionale della Falange, Manuel Andrino, ha portato bandiere falangiste catalane e le bandiere spagnole.

Sotto il controllo di un vistoso dispositivo di polizia schierato nell’area per garantire la sicurezza, i manifestanti hanno lanciato  slogan come “Spagna, Spagna, Spagna e Spagna” e “Primo de Rivera”.

Martin Sáenz de Ynestrillas, fratello del leader dell’estrema destra Ricardo Sáenz de Ynestrillas, e figlio dell’omonimo comandante assassinato dall’ETA, sono intervenuti durante la kermesse.

“Di fronte al separatismo criminale, la bandiera spagnola è ancora in piedi”, ha detto Ynestrillas, che ha poi terminato il suo discorso con “Arriba España!”.

Dopo più di un’ora e mezza di picchetto all’edificio che ospitava la casa di Primo de Rivera, i neofranchisti spagnoli hanno intonato De cara al Sol  con il braccio teso e alzato mentre alcuni di loro hanno iniziato una passeggiata notturna con l’obiettivo di raggiungere la valle del Caídos, dove rimangono i resti del fondatore di La Falange.

da lesenfantsterribles

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);