InfoAut
Immagine di copertina per il post

Colombia: Il Putumayo vittima dell’espansione della frontiera estrattivista?

||||

I recenti fatti avvenuti nel Putumayo, dipartimento della Colombia, dove l’esercito nazionale ha perpetrato un massacro con 11 civili assassinati e altri due scomparsi, ci permette di realizzare varie riflessioni su quanto ci accade come paese e forse, come continente.

Yani Vallejo Duque, Alfonso Insuasty Rodríguez

Dopo la firma dell’Accordo di Pace (2016) il paese si è sentito sollevato nelle regioni, una importante discesa degli indici di massacri, scontri, sfollamenti, che ha fatto sentire l’avvento di un altro momento per il paese (Semana, 2016).

Ma, l’arrivo di un governo di estrema destra guidato da Iván Duque (2018-2022) che fin dalla sua campagna elettorale, come un buon portavoce del suo partito, ha avvertito che avrebbe fatto a pezzi la Pace.

Cinque anni dopo la firma dell’accordo di pace, e quasi al compimento dei quattro anni di governo di Duque, la violenza armata ritorna con forza nei territori, tant’è che lo stesso Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) afferma dell’esistenza di almeno 6 conflitti armati attivi oggi nel paese (CICR, 2022).

L’ONU nel suo rapporto annuale sui Diritti Umani, afferma che la situazione del paese è molto preoccupante, avverte che il 2021 è stato un altro anno specialmente violento nel paese e afferma che su 100 casi di possibili massacri nel 2021, si è riusciti a verificare 78 casi, di questi si sono registrate 292 vittime (32 donne, 15 bambini, 5 bambine e 13 persone appartenenti a popoli etnici: 7 indigeni e 6 afrocolombiani). I dipartimenti più colpiti sono Antioquia, Cauca, Nariño e Valle del Cauca. Inoltre, tra gennaio e novembre 2021, 72.388 persone (12.848 bambini e bambine) sono state sfollate, triplicando quasi la cifra di 26.291 che si registrò nel 2020, è stato anche constatato l’assassinio di 54 vecchi membri delle FARC-EP e ha ricevuto 202 allegati di omicidi di difensori dei diritti umani, dei quali ha verificato che in 100 c’era un legame tra la loro morte e la loro occupazione. La situazione del trascorso 2022 è peggiore, e ancor più in pieno contesto di dibattito elettorale per la presidenza 2023-2026.

La Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP), meccanismo di Giustizia Transizionale frutto dell’Accordo di Pace (2016), nei suoi progressi sta chiarendo, soprattutto nello sviluppo del caso 03 (macro-caso) “Assassinii e scomparse forzate presentati come deceduti in combattimento per mano di agenti dello stato”, il modo con cui l’Esercito della Colombia ha agito in tutto il territorio nazionale, un tema strutturale: la commissione di crimini di guerra, i cosiddetti “Falsi Positivi”.

Così, ad esempio, lo scorso 27 aprile (2022) il colonnello (a riposo) Santiago Herrera ha affermato in una dichiarazione di fronte alla JEP: “all’interno della Brigata 15 c’era una struttura criminale di fatto che lui ha implementato per le pressioni del generale Mario Montoya Uribe e del generale maggiore Carlos Ovidio Saavedra Sáenz” insieme a lui, un centinaio di militari ha riconosciuto e ha chiesto perdono per aver commesso questi delitti (El Espectador, 2022).

Ma questo fenomeno che poco a poco la JEP riesce ad evidenziare, obbedisce ad un argomento di ordine strutturale. In un rapporto consegnato alla Commissione per la Verità, sull’ingerenza degli Stati Uniti nel conflitto armato in Colombia (FOR, SISCAL, SOA WATCH, 2020), soprattutto attraverso il cosiddetto Plan Colombia e Plan Patriota, viene tracciata una rotta di connessione tra addestramento militare nordamericano, l’aumento delle violazioni dei diritti umani e la commissione di ogni tipo di atrocità, tra le quali le cosiddette esecuzioni extragiudiziali o falsi positivi, così diventa chiaro anche nel libro “Plan Colombia: atrocità degli alleati degli USA e attivismo comunitario” (Lindsay-Poland, 2020) e “Teoria Sociale del Falso Positivo, manipolazione e guerra” (Rojas Bolaños, Insuasty Rodríguez e altri, 2020).

Tutta un intreccio formativo che, sembrerebbe, finì non solo con il deteriorare il modo di agire delle forze militari ma che anche, si denuncia, creò le condizioni per l’entrata del mercato della guerra attraverso contrattisti o mercenari, materia prima che ora è esportata dalla Colombia nella regione e nel mondo. Così, è emblematico il caso del deplorevole assassinio del presidente di Haiti (Vallejo Duque & Insuasty Rodríguez, 2021).

Orbene, questo esercizio di formazione militare è intimamente legato a curare le zone di interesse speciale per la quantità di risorse minerali nel caso del petrolio, gas, oro, rame, carbone, dello sviluppo dell’agroindustria, allevamenti intensivi, infrastrutture per il trasporto di queste mercanzie, a curare gli investimenti stranieri, tra gli altri.

Così c’è, sembrerebbe, una relazione diretta tra l’incremento dei fatti armati, presenza della forza pubblica e investimenti privati soprattutto estrattivi in Colombia (Ulloa & Coronado, 2016).

Secondo Vélez, “In Colombia, l’espansione della frontiera mineraria è avvenuta su vasti territori che sono in disputa da parte di diverse forze armate; è per questo che la promozione della grande attività mineraria presuppone in molti casi assicurare il controllo territoriale, fatto che include l’uso della violenza” (Vélez, 2014, p. 47).

La promozione delle politiche minerario-energetiche, da parte del governo di Álvaro Uribe e continuata con quello di Juan Manuel Santos, approfondita da Iván Duque, vanno di pari passo con un processo di maggiore presenza e controllo militare legale e illegale.

È un’ipotesi che si rafforza con il passar del tempo, e che sembra ripetersi dopo la firma dell’Accordo di Pace in zone con grandi quantità di minerali e capacità produttiva.

Il Putumayo, è una zona ricca di minerali, petrolio, acqua e capacità produttiva per l’agroindustria e l’allevamento, fa parte tra le altre della grande regione Amazzonica.

Gli interessi economici nel Putumayo sono chiari e possono essere identificati nelle seguenti voci:

Petrolio:

Il corridoio Puerto Vega-Teteyé è una delle zone di maggior conflittualità nel Putumayo, si trova nel sud del Dipartimento a Puerto Asís, tra i fiumi San Miguel e Putumayo, confina con l’Ecuador ed è chiave per l’allevamento, l’agricoltura e l’industria petrolifera.

Lì estendono i propri affari industrie petrolifere come la Vetra Energy e l’Amerisur in tensione per i danni ambientali (Crudo Transparente, 2016). Bisogna dire che Bernard Aronson, che fu inviato dal Dipartimento di Stato degli USA per il processo di pace all’Avana, è fondatore e direttore dell’Acon Investments LLC, propietaria dell’Vetra che ha una delle sue installazioni di maggior rendimento economico nel Putumayo (El Espectador, 2015).

È importante menzionare la presenza dell’Oleodotto Transandino, infrastruttura strategica che fu pronta nel 1969. L’Impresa Ecopetrol gestisce l’oleodotto mediante la sua filiale di trasporto e logistica Cenit Transporte y Logística de Hidrocarburos SAS.

Non sono pochi i conflitti creati da queste imprese e infrastrutture, protette non solo dall’Esercito della Colombia, dato che l’apparato istituzionale si è messo al loro servizio e non tanto alla protezione della sua popolazione.

Per fare un esempio: nell’anno 2014, l’Autorità Nazionale delle Licenze Ambientali (ANLA) concesse alla Gran Tierra Energy una licenza di esplorazione petrolifera a Villagarzón (Putumayo) aggirando la norma nazionale e internazionale, dato che fino al 2021 il medesimo ministero dell’Interno negò la presenza di comunità indigene, quando grazie alle lotte del Popolo Inga si riconobbe la necessità di una consultazione preventiva, questa lotta continua e sembrerebbe che questo caso sarà portato alla Corte Interamericana dei Diritti Umani (CIDH)(Mongabay, 2022). Uno stato al servizio degli interessi Corporativi.

Più di mezzo secolo di presenza petrolifera nella regione, dalla presenza della Texas Petroleum Company (1942) ad oggi, le tensioni con la popolazione, invece la composizione demografica, i progetti minerari ed estrattivi che comportano, l’impatto ambientale sono una costante (Crudo Transparente, 2019).

Nel 2021 fu avviato un grande progetto minerario del rame nel Putumayo, estrazione che svilupperà l’impresa mineraria canadese Libero Copper (Portafolio, 2021).

La relazione tra la coltivazione della palma da olio, conflitto armato, paramilitarismo e saccheggio sono evidenti in Colombia e con forza in questa regione del paese, va di pari passo con l’allevamento estensivo che penetra gradualmente nella foresta approfittando delle infrastrutture che il complesso estrattivo sta aprendo, tutto un esercizio di violenta trasformazione territoriale che certamente include il mercato della produzione e del commercio delle droghe di uso illecito che innesca la riconfigurazione di un conflitto armato che non se ne è mai andato e che lo stato ha lasciato nel dimenticatoio senza nessun tipo di presenza, inviando solo nei momenti culminanti i battaglioni militari.

Bisogna dire che ora, senza la presenza delle FARC-EP come forza rivoluzionaria, è arrivata una valanga di progetti di investimenti nel settore petrolifero, minerario, agroindustriale, con tutto il sostegno e la protezione dello stato (Ulloa & Coronado, 2016), ma per contro, con una popolazione contadina, ancestrale, lasciata alla propria sorte e assediata dall’illegalità armata o dall’illegalità transnazionale che utilizza l’esercito nazionale come sua vigilanza privata.

In questo contesto le comunità  hanno la peggio.

Sfollamento, persecuzione, impoverimento, confinamento, ed è in questo quadro che avvengono i recenti fatti, il massacro perpetrato dall’Esercito della Colombia il 28 marzo 2022, nella frazione El Remanso.

La medesima storia di sempre, il presidente di turno, in questo caso Duque, annuncia con gran clamore, attraverso la nuova forma di comunicazione istituzionale Twitter, la morte in combattimento di 11 membri delle dissidenze delle FARC della seconda Marquetalia e la cattura di altri 4 membri a Puerto Leguízamo (Putumayo) (BBC, 2022).

Le incongruenze erano evidenti e una volta sul terreno tre media nazionali, Voragine, El Espectador e Cambio, hanno evidenziato che la versione istituzionale era piena di incongruenze e menzogne, ma la cosa più preoccupante è che si evidenziava una grave violazione dei Diritti Umani.

Si sono ignorati principi elementari dei DD.UU. come quello della protezione della società civile, quello della distinzione, la maggioranza degli assassinati non era membro del gruppo armato, o quello della proporzionalità, dato che le narrazioni degli abitanti parlano di un attacco smentito che hanno immaginato provenisse da un gruppo illegale, fino a quando sono stati identificati come esercito nazionale e, nonostante questo, sono continuate le offese verso la comunità, l’alterazione della scena dei crimini e anche i furti alla stessa comunità (BBC, 2022).

Con questo e mentre si sta aspettando la votazione di una nuova mozione di censura verso il ministro della guerra, si evidenzia che in Colombia lo stato esiste per le comunità più appartate solo per assassinarle e farle passare come trionfi di una guerra simulata, dove militari senza onore assassinano civili in cambio di favori e promozioni.

Riferimenti

BBC News Mundo. (13 abril 2022). Qué pasó en la «masacre» de Putumayo, el operativo militar que revive el fantasma de los falsos positivos en Colombia. Obtenido de bbc.com: https://www.bbc.com/mundo/noticias-america-latina-61089697

CICR. (24 de marzo de 2022). Colombia: Vivir a la sombra de los conflictos armados. Obtenido de CICR: https://www.icrc.org/es/document/balance-humanitario-colombia-2022-dih

Crudo Transparente. (junio de 2016). Putumayo, en busca de alternativas a la industria petrolera. Obtenido de Crudo Transparente: https://crudotransparente.com/wp-content/uploads/2016/08/PutumayoEnbuscadealternativasalaindustriapetrolera.pdf

Crudo Transparente. (junio de 2019). Influencia de la actividad petrolera en el Putumayo 2016-2019. Obtenido de Crudo Transparente: https://crudotransparente.com/2019/09/18/en-torno-a-la-actividad-petrolera-en-el-putumayo-2016-2019/

El Espectador. (10 de junio de 2015). Delegado de EE.UU. para el proceso de paz, como afectado del derrame de petróleo. Obtenido de El Espectador: https://www.elespectador.com/politica/delegado-de-eeuu-para-el-proceso-de-paz-como-afectado-del-derrame-de-petroleo-article-565647/

FOR, SISCAL, SOA WATCH. (7 de octubre de 2020). Desde el inicio hasta el final. Estados Unidos en el Conflicto Armado Colombiano. Obtenido de Kavilando: https://kavilando.org/lineas-kavilando/conflicto-social-y-paz/8049-desde-el-inicio-hasta-el-final-estados-unidos-en-el-conflicto-armado-colombiano

Kavilando. (julio de 2020). Radio Kavilando: Plan Colombia y Doctrina Militar. Entrevista a John Lindsay Poland. Obtenido de Kavilando: https://kavilando.org/lineas-kavilando/observatorio-k/7860-radio-kavilando-plan-colombia-y-doctrina-militar

Lindsay-Poland, J. (2020). Plan Colombia: Atrocidades, aliados de Estados Unidos y activismo comunitario”. Bogotá: Editorial Universidad del Rosario. doi: https://doi.org/10.12804/tp97895878444127

Mongabay. (19 de abril de 2022). Los inga: el pueblo indígena que el Estado invisibilizó ante la petrolera Gran Tierra Energy. Obtenido de Mongabay: https://es.mongabay.com/2022/04/colombia-el-pueblo-indigena-que-el-estado-invisibilizo-ante-la-petrolera-gran-tierra-energy/

Portafolio. (20 de diciembre de 2021). Arranca en firme proyecto minero de cobre en el Putumayo. Obtenido de Portafolio: https://www.portafolio.co/economia/infraestructura/mineria-de-cobre-en-putumayo-a-cargo-de-libero-copper-557565

Rojas Bolaños, O. E., Insuasty Rodríguez , A., Mesa Duque , Y. N., Zuluaga Cometa, H. A., & Valencia Grajales, J. F. (2020). Teoría social del Falso Positivo. Manipulación y guerra. Medellín: UNAULA. Obtenido de https://www.kavilando.org/lineas-kavilando/observatorio-k/8051-teoria-social-del-falso-positivo-manipulacion-y-guerra-libro

Semana. (diciembre de 2016). Los Heridos que ya no llegan al hospital militar. Obtenido de Semana: http://especiales.semana.com/heridos-que-ya-no-llegan-al-hospital-militar/

Ulloa, A., & Coronado, S. (2016). Extractivismos y posconflicto en Colombia, retos para la paz territorial. Bogotá: Biblioteca Abierta Universidad Nacional. Obtenido de https://www.cinep.org.co/publicaciones/PDFS/20160801n.mapa_amazonia.pdf

Vallejo Duque, Y., & Insuasty Rodríguez, A. (2021). Colombia Un peligro para la región. Kavilando Web, 21(7), https://cutt.ly/TmSuCGr. Obtenido de https://cutt.ly/TmSuCGr

Vélez Torres, I. (2014). Dimensiones del extractivismo minero en Colombia. Análisis de las racionalidades de gobierno durante la última década. Análisis Político, 82 (septiembre-diciembre): 45-57.

*Yani Vallejo Duque: Avvocato, specialista e professore di Diritto Processuale Penale, difensore pubblico e ricercatore del Gruppo Kavilando. Contatto: yaniw6@gmail.com

**Alfonso Insuasty Rodríguez: Docente Ricercatore dell’Università di San Buenaventura Medellín, membro della Rete Interuniversitaria per la Pace, attuale Consigliere di Paz Conpaz Medellín settore Università, e membro del Grupo Kavilando. Contatto: Alfonso.insuasty@gmail.com

Immagine: Voragine.co

29 aprile 2022

Desinformémonos

Da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

colombiaESTRATTIVISMO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Resistenza, repressione e lotta contro il Mountain Valley Pipeline a sei anni di distanza in Appalachia

Da oltre sei anni, gli abitanti degli Appalachi conducono una campagna non-stop di azioni dirette per fermare la costruzione dell’oleodotto Mountain Valley Pipeline (MVP), il cui progetto è in ritardo “di sei anni sulla tabella di marcia e di circa mezzo miliardo di dollari sul budget”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La dittatura mineraria in tempi di democrazia elettorale

Le politiche estrattiviste hanno attraversato la “democrazia” argentina sotto tutti i governi, indipendentemente dal segno politico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 2

Chiunque abbia letto “Le vene aperte dell’America Latina”di Eduardo Galeano ha ben presente qual’è la relazione tra la concezione capitalista della natura ed il colonialismo, vecchio e nuovo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Onda Anomala: “Estrattivismo, quale modello di sviluppo?” report dalla due giorni di Carrara

Cos’è l’estrattivismo? L’estrattivismo è un sistema di sfruttamento del territorio che produce enormi ricchezze per pochi e incalcolabili danni per la popolazione e per gli ecosistemi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Colombia: Contadini espellono la multinazionale Anglo Gold dal loro territorio

A Jericó, Antioquia, più di 100 contadini del Sudovest antioquegno hanno smontato una piattaforma mineraria installata illegalmente dall’Anglo Gold Ashanti in una zona umida. Negli ultimi giorni, le comunità di questo territorio guidano una lotta a favore dell’acqua e contro l’attività mineraria.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Panama: I dirigenti delle proteste contro l’impresa mineraria sono sotto processo

I quattro sono segnalati per la presunta commissione di delitti contro la libertà e delitti contro l’ordine pubblico a danno della società panamense.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Portogallo. Litio, distruzione ambientale, lotte dal basso

Il litio, minerale raro indispensabile per le batterie delle auto elettriche, ha costi ambientali di estrazione molto alti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il popolo panamense si è appuntato una grande vittoria, ma la lotta non è terminata

La sentenza di incostituzionalità emessa dalla Corte Suprema di Giustizia di Panama, del 28 novembre 2023, ha costituito la consumazione di una grande vittoria popolare contro l’abusivo contratto minerario con la First Quantum Minerals (FQM).

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le montagne non ricrescono. Fermiamo l’estrattivismo in apuane e ovunque.

l destino delle Alpi Apuane sembrerebbe segnato, condannato dalle politiche estrattiviste a diventare nient’altro che un distretto minerario. Per farsi un’idea, basti pensare che negli ultimi venti anni si è estratto più che nei duemila anni precedenti. ma non si tratta una faccenda locale, non solo. si tratta di una delle questioni cruciali del nostro tempo. Il 16 e il 17 dicembre 2023 si terranno due giornate di iniziative (un convegno, un corteo, una serie di workshop e tavoli tematici), promosse da diversi gruppi, comitati, associazioni, locali e nazionali. in questo articolo il collettivo athamanta – tra i promotori dell’iniziativa – racconta come siamo arrivatə sin qui e cosa sta succedendo nelle Alpi Apuane.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

San Didero, 9 dicembre. “Mega-opere, mega-eventi: no grazie!”

Al Polivalente di San Didero sabato 9 dicembre alle ore 14.30, nella cornice di appuntamenti previsti per le mobilitazioni dell’8 dicembre notav, si terrà un dibattito dal titolo “Mega-opere, mega-eventi: no grazie! Difendiamo la montagna, l’acqua e la vita dall’estrattivismo ecocida”.