InfoAut
Immagine di copertina per il post

Piacenza: governo di unità nazionale contro i lavoratori

||||

Lunedì mattina oltre cinquecento operai di Piacenza, stufi della retorica con cui i funzionari Cgil tentano di ammantare il loro operato opportunista e la loro aperta connivenza coi padroni, hanno invaso l’area antistante il palazzone della camera del lavoro per manifestare la propria indignazione e la propria rabbia contro un apparato che si dimostra ogni giorno di più estraneo ed ostile agli interessi della classe lavoratrice: in loro sostegno delegazioni di lavoratori e solidali provenienti dai distretti produttivi contigui, gruppi di solidali e persino singoli lavoratori aderenti a Cgil e Cisl.

Nelle ore precedenti alla manifestazione, i bonzi sindacali, pur di esorcizzare il clima di isolamento e di autoreferenzialità a cui già da diversi anni si sono (auto)condannati, hanno giocato la carta dell’”orgoglio”, facendo appello ai loro iscritti affinchè si precipitassero a difendere la sede da un presunto “assalto dei barbari del SI Cobas”, sciorinando i soliti luoghi comuni sulla Cgil “baluardo di democrazia”, utili nei giorni di festa per vantare una presunta continuità col sindacato di classe di un secolo fa a cui oramai non crede più nessuno, e peraltro senza disdegnare una buona dose di razzismo nei confronti dei lavoratori immigrati scesi a manifestare.

Lo scenario che si è presentato agli occhi di chiunque era in piazza a Piacenza è al tempo stesso eloquente e impietoso: da un lato la forza e le ragioni di centinaia di lavoratori che non ne possono più delle manovre e delle mistificazioni con cui la burocrazia Cgil tenta di giustificare l’ingiustificabile, a partire dalla loro chiara ed evidente complicità con i padroni di Fedex nella chiusura del sito piacentino e nel licenziamento di fatto di oltre 300 lavoratori; dall’altro poco più di una cinquantina di funzionari e pensionati, in gran parte giunti da altre città a seguito di una chiamata delle segreterie nazionali a presidio di una Camera del lavoro… senza lavoratori!

La manifestazione di Piacenza ha definitivamente messo a nudo ciò che come SI Cobas sosteniamo da tempo: gli apparati del sindacalismo confederale sono oramai un corpo estraneo alla classe lavoratrice; la Cgil, non solo in Emilia ma quasi ovunque, è un pachiderma capace di tenersi in vita solo attraverso l’integrazione organica delle sue burocrazie nello stato borghese e in quelle istituzioni che li proteggono, li foraggiano in chiave antiproletaria e che, non a caso, negli ultimi decenni hanno varato leggi e protocolli sulla rappresentanza cuciti su misura dei confederali per blindarne il monopolio, estromettere a tavolino ogni forma di sindacalismo conflittuale e occultare la perdita rovinosa di consensi e di credibilità registrata da Cgil-Cisl-Uil in gran parte dei luoghi di lavoro: una crisi verticale che è attestata dagli stessi organi di stampa ufficiali, e da cui emerge come i milioni di iscritti ancora vantati dai confederali siano in realtà in larga parte composti da
pensionati o dagli arruolamenti coatti operati grazie all’enorme giro d’affari legato al sistema dei CAF, dei Patronati e degli enti bilaterali…

Piacenza, da questo punto di vista, è la punta dell’iceberg di un processo di dimensioni nazionali e di lungo periodo: negli ultimi anni, di pari passo con l’inasprirsi della crisi capitalistica, ha iniziato a prendere piede, prima nella logistica, poi anche in altre categorie, un nuovo movimento operaio, che ha come suo principale punto di forza quelle migliaia di lavoratrici e lavoratori immigrati, spinti alla lotta dalle condizioni di lavoro schiavistiche imposte dai padroni con la complicità di Cgil-Cisl-Uil, e suprattutto liberi da quei tarli della paura, della passività e della

rassegnazione che i sindacati di stato hanno alimentato e inculcato per decenni nelle coscienze di migliaia di lavoratori italiani.

La precipitazione della crisi dovuta all’impatto drammatico della pandemia sta svelando in maniera ancor più nitida il ruolo svolto da Cgil-Cisl-Uil a difesa dei padroni e dei loro profitti.

In questi mesi la Cgil, con a capo il parolaio Landini, non ha saputo far altro che assecondare ogni appetito delle aziende, sponsorizzando ovunque l’utilizzo della Cig-Covid e rendendosi complice sia dell’abuso indiscriminato degli ammortizzatori sociali operato dai padroni (spesso con finalità discriminatorie e ritorsive), sia, di converso, del dimezzamento dei livelli salariali; non ha proclamato una sola ora di sciopero per la tutela della salute e della sicurezza e per la prevenzione dei contagi sui luoghi di lavoro (che per INPS e Istat hanno costituito, e continuano a costituire, il principale vettore pandemico), voltando le spalle ai loro stessi iscritti metalmeccanici che nella primavera scorsa dettero vita a una serie di scioperi spontanei; ha boicottato apertamente la giornata di lotta e di sciopero lanciata lo scorso 8 marzo dalle lavoratrici e dal movimento femminista; ha spalleggiato il salvacondotto per i padroni di Arcelor Mittal a Taranto, rendendosi dunque complice della devastazione ambientale di un intero territorio; ha dato la propria adesione ai protocolli e alle circolari con cui si attacca e si restringe ulteriormente l’esercizio e la libertà di sciopero nella pubblica amministrazione…

E l’elenco potrebbe proseguire a lungo!

Oggi la Cgil, assieme a Cisl e Uil, hanno siglato un patto d’acciaio col governo Draghi con lo scopo di frenare e reprimere ogni spinta conflittuale sui luoghi di lavoro: non è un caso se Fedex ha utilizzato le confederazioni per ridimensionare il peso del SI Cobas ed dell’Adl, e non è un caso che la ristrutturazione è stata annunciata con un accordo di internalizzazione nei magazzini del Veneto.

Da quando Fedex è uscita dalla Fedit per aderire a Confindustria il suo unico obbiettivo è quello di rafforzare il rapporto con CGIL, benché il SI Cobas è l’Adl abbiano il 75% degli iscritti nella filiera.

D’altronde, sarebbe il caso di chiedersi come mai solo oggi i confederali chiedono di avere un piano industriale mentre sottobanco, se non fosse stato per l’iniziativa del SI Cobas, avevano già dato l’avallo (in fretta e furia entro il 15 aprile) all’internalizzazione del sito di Padova alle condizioni poste da Fedex, la quale ha imposto che l’entrata avverrà sulla base di “colloqui personali”, quindi senza nessuna reale tutela sindacale.

Quel che è accaduto a Piacenza è un fatto di portata epocale: i lavoratori di Fedex, di Leroy Merlin e di tante altre aziende hanno fatto cadere definitivamente il velo di ipocrisia sul ruolo e sulla funzione svolta dalla burocrazia Cgil e, dato ancor più significativo, hanno trovato in piazza al loro fianco numerosi iscritti di quello stesso sindacato.

La vicenda Fedex è stata dunque solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

A Piacenza all’unanimità il consiglio comunale ha espresso il disappunto di fronte alla protesta nostra contro la CGIL e addirittura il PD ha mandato dei propri scagnozzi in soccorso alla settantina di persone in presidio davanti alla camera del lavoro: una “santa alleanza” in chiara contraddizione con le posizioni assunte la scorsa settimana dal sindaco e dal Prefetto di Piacenza, che condannavano senza mezzi termini la chiusura del magazzino e che avevano contribuito a smascherare il carrozzone burocratico della CGIL (piacentina e non), ricoprendola di disonore e di
vergogna.

Evidentemente poi il clima di unità nazionale ha portato le istituzioni piacentine a più miti consigli, e quindi a ergersi in difesa del “sindacato amico”.

Il silenzio tombale dei vertici Cgil sull’utilizzo da parte di Fedex di bodyguard e squadracce fasciste fuori ai cancelli di San Giuliano Milanese è a tal riguardo quantomai eloquente…

Hanno fatto una figuraccia e adesso vorrebbero essere interlocutori dell’azienda al ministero?

Fin dalla nascita della nostra organizzazione, abbiamo imparato sulla nostra pelle quanto sia difficile costruire un sindacato degno di questo nome sui luoghi di lavoro: oltre alle minacce, alle rappresaglie e alle ritorsioni padronali, abbiamo sempre dovuto fare i conti con lo scetticismo di migliaia di lavoratori, i quali spesso solo a sentir pronunciare la parola “sindacato” inorridiscono sostenendo (riferendosi ai confederali) che “i sindacati sono tutti venduti e parassiti”.

A Piacenza centinaia di lavoratori non solo hanno dato voce alla rabbia e all’indignazione silenziosa di milioni di proletari; hanno anche dimostrato con i fatti, con l’esempio concreto delle loro lotte e del loro protagonismo, che esiste un alternativa, reale e concreta: un modo di fare sindacato che restituisce centralità agli interessi dei lavoratori, non alle manovre dei padroni e/o di qualche grigio burocrate.

Nel mentre i tre porcellini fanno chiacchiere contro la chiusura ma non hanno proclamato neanche un’ora di sciopero, il SI Cobas venerdì si recherà fin sotto i palazzi del ministero, avendo da tempo chiesto una interlocuzione per discutere il piano industriale della Fedex, forti del sostegno di tutti i magazzini della filiera che scioperano a sostegno di Piacenza e per il loro futuro salariale e lavorativo.

Intanto ancora in queste ore, dopo due settimane di sciopero ad oltranza, il SI Cobas è impegnato a proseguire lo sciopero su tutta la filiera nazionale.

Solo la lotta paga!

Toccano uno – toccano tutti!

SI Cobas nazionale

Qui sotto, alcuni video di interventi dei lavoratori nelle ultime iniziative di lotta:

  • dal picchetto dei lavoratori in sciopero alla Fedex-Tnt di Peschiera Borromeo (MI):
  • https://www.facebook.com/TNT.FEDEX/videos/484166659694148

  • dalle assemblee operaie nei magazzini:
  • https://www.facebook.com/mimo.ali.9484/videos/5639399799434434

  • dalla Prefettura di Milano in presidio per richiedere documenti per tutti i lavoratori immigrati:
  • https://www.facebook.com/verusca.barbieri/videos/4206375149381280

  • dal presidio della deginità” dalla Camera del Lavoro di Piacenza:
  • https://www.facebook.com/TNT.FEDEX/videos/484166659694148

  • solidarietà dei lavoratori Fedex ai lavoratori dello spettacolo al Piccolo Teatro di Milano (minuto 16:00)
  • https://www.facebook.com/watch/live/?v=786385711982892&ref=watch_permalink

    Da SI Cobas

    Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

    pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

    piacenzasi cobas

    Articoli correlati

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

    La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

    Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Askatasuna: “Così è, ci pare”

    Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Askatasuna: “Così è, se vi pare”

    “Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

    In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

    da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    La questione abitativa nella città di Torino

    Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

    Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

    Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

    Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

    “Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    SI Cobas: pistola puntata verso gli operai di Verona e aggressione con metodo mafioso a Prato

    Gravissima vicenda fuori dai cancelli della Maxidi di Belfiore, in provincia di Verona: una guardia giurata ha puntato la pistola in faccia ai lavoratori in sciopero da mesi per chiedere l’applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, oltre che a salari e condizioni di lavoro migliori.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Sciopero e proteste continuano a Leroy Merlin.

    Sono molte le iniziative di solidarietà nei confronti dei lavoratori in sciopero a Leroy Merlin di Piacenza, grande centro logistico del colosso che rischia la chiusura. A Bologna, Milano, Torino i lavoratori dei negozi della catena francese hanno messo in atto azioni di protesta nei negozi sparsi nelle varie città, riempiendo carrelli e gettando la merce a terra con l’obiettivo di boicottare il normale svolgimento dell’attività e provocando un danno economico e di immagine all’azienda.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    L’anomalia giudiziaria modenese

    Alla luce delle centinaia di imputazioni che nel giro di pochi anni hanno coinvolto militanti, lavoratori e lavoratrici nel modenese, pubblichiamo la segnalazione ricevuta di una iniziativa pubblica che si terrà sabato 25 novembre a Modena per richiamare l’attenzione sul livello repressivo a cui si è giunti in città.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Nuova aggressione a Mondo Convenienza mentre è in corso il tavolo in Regione

    Il Si Cobas Prato e Firenze riferisce di una nuova aggressione da parte dei caporali della Rl2 , ditta che ha l’appalto di Mondo Convenienza a Campi Bisenzio. Di seguito il comunicato su quanto accaduto.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Mondo Convenienza: fermato lo sgombero si rilancia con una settimana di mobilitazione a livello nazionale.

    Continuano a protestare ma in forma autorizzata i facchini e gli autisti, da 100 giorni impegnati a rivendicare, davanti al magazzino di distribuzione di Mondo Convenienza a Campi Bisenzio (Firenze), l’applicazione del contratto del settore logistica.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Campi Bisenzio: tentativo di sgombero al presidio di MondoConvenienza.

    Questa mattina la polizia si è presentato al presidio di via Gattinella a Campi Bisenzio, deposito di Mondo Convenienza, con l’intenzione di procedere allo sgombero dei lavoratori in sciopero da 100 giorni.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Mondo Convergenza! Appello alla mobilitazione

    L’azienda prova dall’inizio a convincerci che la strada migliore sia arrendersi. Magari a convincerci che il sistema di può ridipingere un po’, infiocchettare. Qualcuno le ha creduto. Ma noi no.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Campi Bisenzio: in mille a fianco dei lavoratori Mondo Convenienza

    A MondoConvenienza non c’è è più soltanto una vertenza sindacale. A Mondo Convenienza si lotta per un futuro diverso. Per un lavoro diverso. Per il diritto ad una vita più bella. Per tutti e tutte.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Campi Libera dal Mondo dello Sfruttamento e dal Caporalato

    Chiamiamo a raccolta tutta la Piana per scendere in piazza al fianco dei lavoratori di Mondo Convenienza in sciopero da più di 50 giorni contro lo sfruttamento e il caporalato: lavoratrici e lavoratori, anziani, giovani, adulti, realtà del territorio, amministrazione comunale, campigiane e campigiani.