InfoAut
Immagine di copertina per il post

Piacenza: governo di unità nazionale contro i lavoratori

||||

Lunedì mattina oltre cinquecento operai di Piacenza, stufi della retorica con cui i funzionari Cgil tentano di ammantare il loro operato opportunista e la loro aperta connivenza coi padroni, hanno invaso l’area antistante il palazzone della camera del lavoro per manifestare la propria indignazione e la propria rabbia contro un apparato che si dimostra ogni giorno di più estraneo ed ostile agli interessi della classe lavoratrice: in loro sostegno delegazioni di lavoratori e solidali provenienti dai distretti produttivi contigui, gruppi di solidali e persino singoli lavoratori aderenti a Cgil e Cisl.

Nelle ore precedenti alla manifestazione, i bonzi sindacali, pur di esorcizzare il clima di isolamento e di autoreferenzialità a cui già da diversi anni si sono (auto)condannati, hanno giocato la carta dell’”orgoglio”, facendo appello ai loro iscritti affinchè si precipitassero a difendere la sede da un presunto “assalto dei barbari del SI Cobas”, sciorinando i soliti luoghi comuni sulla Cgil “baluardo di democrazia”, utili nei giorni di festa per vantare una presunta continuità col sindacato di classe di un secolo fa a cui oramai non crede più nessuno, e peraltro senza disdegnare una buona dose di razzismo nei confronti dei lavoratori immigrati scesi a manifestare.

Lo scenario che si è presentato agli occhi di chiunque era in piazza a Piacenza è al tempo stesso eloquente e impietoso: da un lato la forza e le ragioni di centinaia di lavoratori che non ne possono più delle manovre e delle mistificazioni con cui la burocrazia Cgil tenta di giustificare l’ingiustificabile, a partire dalla loro chiara ed evidente complicità con i padroni di Fedex nella chiusura del sito piacentino e nel licenziamento di fatto di oltre 300 lavoratori; dall’altro poco più di una cinquantina di funzionari e pensionati, in gran parte giunti da altre città a seguito di una chiamata delle segreterie nazionali a presidio di una Camera del lavoro… senza lavoratori!

La manifestazione di Piacenza ha definitivamente messo a nudo ciò che come SI Cobas sosteniamo da tempo: gli apparati del sindacalismo confederale sono oramai un corpo estraneo alla classe lavoratrice; la Cgil, non solo in Emilia ma quasi ovunque, è un pachiderma capace di tenersi in vita solo attraverso l’integrazione organica delle sue burocrazie nello stato borghese e in quelle istituzioni che li proteggono, li foraggiano in chiave antiproletaria e che, non a caso, negli ultimi decenni hanno varato leggi e protocolli sulla rappresentanza cuciti su misura dei confederali per blindarne il monopolio, estromettere a tavolino ogni forma di sindacalismo conflittuale e occultare la perdita rovinosa di consensi e di credibilità registrata da Cgil-Cisl-Uil in gran parte dei luoghi di lavoro: una crisi verticale che è attestata dagli stessi organi di stampa ufficiali, e da cui emerge come i milioni di iscritti ancora vantati dai confederali siano in realtà in larga parte composti da
pensionati o dagli arruolamenti coatti operati grazie all’enorme giro d’affari legato al sistema dei CAF, dei Patronati e degli enti bilaterali…

Piacenza, da questo punto di vista, è la punta dell’iceberg di un processo di dimensioni nazionali e di lungo periodo: negli ultimi anni, di pari passo con l’inasprirsi della crisi capitalistica, ha iniziato a prendere piede, prima nella logistica, poi anche in altre categorie, un nuovo movimento operaio, che ha come suo principale punto di forza quelle migliaia di lavoratrici e lavoratori immigrati, spinti alla lotta dalle condizioni di lavoro schiavistiche imposte dai padroni con la complicità di Cgil-Cisl-Uil, e suprattutto liberi da quei tarli della paura, della passività e della

rassegnazione che i sindacati di stato hanno alimentato e inculcato per decenni nelle coscienze di migliaia di lavoratori italiani.

La precipitazione della crisi dovuta all’impatto drammatico della pandemia sta svelando in maniera ancor più nitida il ruolo svolto da Cgil-Cisl-Uil a difesa dei padroni e dei loro profitti.

In questi mesi la Cgil, con a capo il parolaio Landini, non ha saputo far altro che assecondare ogni appetito delle aziende, sponsorizzando ovunque l’utilizzo della Cig-Covid e rendendosi complice sia dell’abuso indiscriminato degli ammortizzatori sociali operato dai padroni (spesso con finalità discriminatorie e ritorsive), sia, di converso, del dimezzamento dei livelli salariali; non ha proclamato una sola ora di sciopero per la tutela della salute e della sicurezza e per la prevenzione dei contagi sui luoghi di lavoro (che per INPS e Istat hanno costituito, e continuano a costituire, il principale vettore pandemico), voltando le spalle ai loro stessi iscritti metalmeccanici che nella primavera scorsa dettero vita a una serie di scioperi spontanei; ha boicottato apertamente la giornata di lotta e di sciopero lanciata lo scorso 8 marzo dalle lavoratrici e dal movimento femminista; ha spalleggiato il salvacondotto per i padroni di Arcelor Mittal a Taranto, rendendosi dunque complice della devastazione ambientale di un intero territorio; ha dato la propria adesione ai protocolli e alle circolari con cui si attacca e si restringe ulteriormente l’esercizio e la libertà di sciopero nella pubblica amministrazione…

E l’elenco potrebbe proseguire a lungo!

Oggi la Cgil, assieme a Cisl e Uil, hanno siglato un patto d’acciaio col governo Draghi con lo scopo di frenare e reprimere ogni spinta conflittuale sui luoghi di lavoro: non è un caso se Fedex ha utilizzato le confederazioni per ridimensionare il peso del SI Cobas ed dell’Adl, e non è un caso che la ristrutturazione è stata annunciata con un accordo di internalizzazione nei magazzini del Veneto.

Da quando Fedex è uscita dalla Fedit per aderire a Confindustria il suo unico obbiettivo è quello di rafforzare il rapporto con CGIL, benché il SI Cobas è l’Adl abbiano il 75% degli iscritti nella filiera.

D’altronde, sarebbe il caso di chiedersi come mai solo oggi i confederali chiedono di avere un piano industriale mentre sottobanco, se non fosse stato per l’iniziativa del SI Cobas, avevano già dato l’avallo (in fretta e furia entro il 15 aprile) all’internalizzazione del sito di Padova alle condizioni poste da Fedex, la quale ha imposto che l’entrata avverrà sulla base di “colloqui personali”, quindi senza nessuna reale tutela sindacale.

Quel che è accaduto a Piacenza è un fatto di portata epocale: i lavoratori di Fedex, di Leroy Merlin e di tante altre aziende hanno fatto cadere definitivamente il velo di ipocrisia sul ruolo e sulla funzione svolta dalla burocrazia Cgil e, dato ancor più significativo, hanno trovato in piazza al loro fianco numerosi iscritti di quello stesso sindacato.

La vicenda Fedex è stata dunque solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

A Piacenza all’unanimità il consiglio comunale ha espresso il disappunto di fronte alla protesta nostra contro la CGIL e addirittura il PD ha mandato dei propri scagnozzi in soccorso alla settantina di persone in presidio davanti alla camera del lavoro: una “santa alleanza” in chiara contraddizione con le posizioni assunte la scorsa settimana dal sindaco e dal Prefetto di Piacenza, che condannavano senza mezzi termini la chiusura del magazzino e che avevano contribuito a smascherare il carrozzone burocratico della CGIL (piacentina e non), ricoprendola di disonore e di
vergogna.

Evidentemente poi il clima di unità nazionale ha portato le istituzioni piacentine a più miti consigli, e quindi a ergersi in difesa del “sindacato amico”.

Il silenzio tombale dei vertici Cgil sull’utilizzo da parte di Fedex di bodyguard e squadracce fasciste fuori ai cancelli di San Giuliano Milanese è a tal riguardo quantomai eloquente…

Hanno fatto una figuraccia e adesso vorrebbero essere interlocutori dell’azienda al ministero?

Fin dalla nascita della nostra organizzazione, abbiamo imparato sulla nostra pelle quanto sia difficile costruire un sindacato degno di questo nome sui luoghi di lavoro: oltre alle minacce, alle rappresaglie e alle ritorsioni padronali, abbiamo sempre dovuto fare i conti con lo scetticismo di migliaia di lavoratori, i quali spesso solo a sentir pronunciare la parola “sindacato” inorridiscono sostenendo (riferendosi ai confederali) che “i sindacati sono tutti venduti e parassiti”.

A Piacenza centinaia di lavoratori non solo hanno dato voce alla rabbia e all’indignazione silenziosa di milioni di proletari; hanno anche dimostrato con i fatti, con l’esempio concreto delle loro lotte e del loro protagonismo, che esiste un alternativa, reale e concreta: un modo di fare sindacato che restituisce centralità agli interessi dei lavoratori, non alle manovre dei padroni e/o di qualche grigio burocrate.

Nel mentre i tre porcellini fanno chiacchiere contro la chiusura ma non hanno proclamato neanche un’ora di sciopero, il SI Cobas venerdì si recherà fin sotto i palazzi del ministero, avendo da tempo chiesto una interlocuzione per discutere il piano industriale della Fedex, forti del sostegno di tutti i magazzini della filiera che scioperano a sostegno di Piacenza e per il loro futuro salariale e lavorativo.

Intanto ancora in queste ore, dopo due settimane di sciopero ad oltranza, il SI Cobas è impegnato a proseguire lo sciopero su tutta la filiera nazionale.

Solo la lotta paga!

Toccano uno – toccano tutti!

SI Cobas nazionale

Qui sotto, alcuni video di interventi dei lavoratori nelle ultime iniziative di lotta:

  • dal picchetto dei lavoratori in sciopero alla Fedex-Tnt di Peschiera Borromeo (MI):
  • https://www.facebook.com/TNT.FEDEX/videos/484166659694148

  • dalle assemblee operaie nei magazzini:
  • https://www.facebook.com/mimo.ali.9484/videos/5639399799434434

  • dalla Prefettura di Milano in presidio per richiedere documenti per tutti i lavoratori immigrati:
  • https://www.facebook.com/verusca.barbieri/videos/4206375149381280

  • dal presidio della deginità” dalla Camera del Lavoro di Piacenza:
  • https://www.facebook.com/TNT.FEDEX/videos/484166659694148

  • solidarietà dei lavoratori Fedex ai lavoratori dello spettacolo al Piccolo Teatro di Milano (minuto 16:00)
  • https://www.facebook.com/watch/live/?v=786385711982892&ref=watch_permalink

    Da SI Cobas

    Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

    pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

    piacenzasi cobas

    Articoli correlati

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Carcere, il vostro record è una strage

    82 suicidi nel 2022, detenuti che avrebbero dovuto scontare pochi mesi, detenuti ancora in attesa di giudizio, detenuti con fragilità psichiche. Appesi ai lenzuoli, imbottiti di farmaci, inalano bombolette del gas. Un record che è una strage.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Pisa. La lotta rinvia lo sfratto di Natale

    Venerdì 23 dicembre si è tenuto lo sfratto esecutivo nei confronti del nucleo familiare di Gigliola e suo nipote minorenne. La lotta ha portato alla sospensione dell’esecuzione e al suo rimando al 2024. Questo provvedimento esecutivo è stato richiesto dal proprietario per morosità. Da 66 anni questa inquilina vive in alloggi di proprietà di un marchese […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Manovra antisociale: la dignità del rifiuto

    La questione del reddito di cittadinanza è uno dei temi centrali all’interno della manovra di bilancio del neo governo Meloni. Nel ritardo più assoluto nel chiudere la manovra entro l’anno il governo, tra uno strafalcione e l’altro, inizia a porre alcuni elementi sul tavolo, dichiarando quali sono le priorità e cosa sacrificare sull’altare della suddivisione della torta. Entro domattina all’alba la votazione dovrà essere conclusa.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Palermo: disoccupati di nuovo in piazza dopo ulteriore attacco al Reddito di Cittadinanza

    Tornano in piazza i disoccupati palermitani percettori del reddito di cittadinanza dopo la nuova stretta del governo Meloni sulla misura. Gli “occupabili”, ovvero i disoccupati tra i 18 e i 59 anni che possono lavorare e non hanno a carico minori, disabili o anziani perderanno il sussidio nel 2023, dopo sette mesi e non più dopo otto.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    I Disoccupati non si fanno prendere in giro. Scontri e Caos a Napoli

    Al ritorno dall’incontro a Roma in cui le istituzioni locali e nazionali hanno continuato a tergiversare, i manifestanti sono stati bloccati e caricati alla Galleria di Napoli.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Corteo per il diritto all’abitare a Pisa: le case vanno assegnate!

    Venerdì 16 dicembre a Pisa diverse centinaia di persone hanno manifestato per il diritto all’abitare dignitoso, il blocco degli sfratti e la giustizia abitativa.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Meloni presidente degli sfratti

    Si tratta di una vera e propria dichiarazione di guerra a chi vive in condizioni di povertà, rischia di finire senza casa, è costretto a vivere al freddo o riesce a stento a procurarsi da mangiare con i pochi contributi che ci sono.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Vogliamo tutto! Perché quando c’è tutto c’è anche la salute

    A due anni e mezzo dallo scoppio della pandemia Covid-19, poco o nulla è cambiato rispetto alle condizioni sindemiche che hanno fatto sì che il virus colpisse ancora più duramente chi subisce discriminazioni di classe, genere, etnia, status migratorio, condizione abitativa e così via.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Il 16 dicembre mobilitazione a Pisa per il diritto all’abitare

    Riportiamo di seguito l’appello di lancio della piazza cittadina del 16 dicembre a Pisa per il diritto all’abitare. Il 7 dicembre la mobilitazione è stata annunciata anche attraverso una conferenza stampa davanti alla Prefettura.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Lotta per la casa a Pavia dopo la pandemia

    L’assessore comunale alla casa, di Fratelli d’Italia, preannunciava, quasi con orgoglio, uno tsunami di sfratti dalla primavera 2021 senza, però adottare misure amministrative all’altezza della situazione, limitandosi infatti all’erogazione dei buoni spesa finanziati dallo stato e di difficile utilizzo.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Il SI Cobas sulla manifestazione del 3 dicembre

    Guerra, caro-vita, attacco ai salari e al reddito di cittadinanza, repressione delle lotte e delle conquiste sociali e civili: questi i temi centrali del corteo, e sui quali costruire e praticare un’opposizione di classe.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Prato: Iron&Logistics smonta i macchinari pronta all’operazione “chiudi e riapri”

    Le operazioni di smontaggio – prima spacciate per lavori di manutenzione – sono inziate già la scorsa settimana e si sono concluse ieri dopo una squadra di tecnici di una ditta esterna ha lavorato a ritmo incessante per tutto il fine settimana.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Prato: dieci giorni di azione ai negozi Liu Jo per sostenere i 22 licenziati IronLogistic

    Continua la lotta dei lavoratori licenziati della IronLogistic di Prato, che ora si rivolgono alle committenze dell’azienda chiedendo di non fare affari con chi sfrutta il lavoro. Alcune imprese hanno in effetti già interrotto i loro rapporti commerciali con IronLogistic, ma Liu Jo non è tra queste.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Prato: sgomberato il presidio dei 22 licenziati IronLogistic, lavoratori portati in questura

    Questa mattina all’alba la polizia ha sgomberato il presidio dei 22 licenziati davanti ad IronLogistic con un’operazione muscolare. I lavoratori che dormivano sono stati portati in questura.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Piacenza: tolto l’obbligo di firma ad Arafat (Si Cobas) – Un’altra vittoria contro il teorema della procura

    A darne notizia, in una nota, è il coordinamento provinciale del sindacato che torna in questo modo agli arresti effettuati la scorsa estate a Piacenza su ordine della Procura.

    Immagine di copertina per il post
    Sfruttamento

    Prato -Iron&Logistics: continua la lotta dei lavoratori contro licenziamenti e sfruttamento. Protesta dai negozi del lusso

    Arrivati al dodicesimo giorno di presidio permanente ai cancelli della #IronLogistics oggi si mangia e si balla insieme alle tante persone venute a sostenere la lotta dei 22 licenziati colpevoli di essere iscritti al sindacato.

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    INCREDIBILE DECISIONE DEL TRIBUNALE DI MODENA: Italpizza è equiparata allo Stato, e il sindacato dovrebbe risarcirla come tale

    Riprendiamo dalla pagina facebook del Si Cobas di Modena la notizia sull’assurda decisione del Tribunale, l’ennesimo precedente che si inserisce nella strategia di normalizzazione del dissenso sociale che sta diventando sempre più articolata a livello nazionale. Oggi, lunedì 3 ottobre 2022, nel corso dell’udienza preliminare per il maxi-processo Italpizza, il Tribunale di Modena ha preso […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    PIACENZA: IL RIESAME DEMOLISCE LE ACCUSE CONTRO SI.COBAS E USB NEL MOTIVARE LE SCARCERAZIONI DEI SINDACALISTI

    Sono state rese note le motivazioni con cui lo scorso 5 agosto il tribunale del Riesame di Bologna ha ordinato  la scarcerazione dei sei sindacalisti, due USB e quattro Si Cobas, posti agli arresti in seguito ad un teorema della Procura di Piacenza sull’attività sindacale nel settore della logistica. Nelle motivazioni si spiega come non […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Conflitto sindacale e iniziative giudiziarie: un ritorno al 1922?

    Condividiamo da Volere la Luna questo interessante articolo di Claudio Novaro sull’attacco giudiziario ai sindacati coflittuali… Buona lettura! 1. Mercoledì 3 agosto, in una Bologna calda e assolata, si è tenuta avanti al Tribunale del riesame l’udienza per l’annullamento delle misure cautelari applicate dal Tribunale di Piacenza a quattro sindacalisti del Si Cobas e a […]

    Immagine di copertina per il post
    Bisogni

    Sindacalismo conflittuale: associazione per delinquere cade… e si fa pure male

    Riprendiamo da giustiziami queste considerazioni a caldo di Frank Cimini sulla caduta dell’accusa di associazione a delinquere nei confronti del sindacalismo combattivo di Piacenza.   “L’associazione per delinquere è caduta e si è fatta pure male” dice l’avvocato Marina Prosperi. Il tribunale del Riesame di Bologna ha annullato l’ordinanza che aveva portato agli arresti domiciliari […]