InfoAut
Immagine di copertina per il post

La truffa del “lavoratore essenziale”

||||

Abbiamo tradotto questo interessante articolo di Sarah Lazare per In These Times che sottolinea come la retorica dei “lavoratori essenziali” sia stata una grande trappola dietro cui il sistema di sfruttamento capitalista ha nascosto le proprie contraddizioni e fragilità. L’articolo (per quanto in alcuni passaggi sembri dare il fianco ad una certa narrazione progressista e in parte rimuova le lotte importanti sui posti di lavoro che in questi mesi ci sono state negli USA) ha il merito di riportare lo sguardo sull’esperienza che ha vissuto chi ha continuato a lavorare sotto ricatto in questi mesi. Se il dibattito sulle condizioni dei cosiddetti lavoratori essenziali è quasi completamente rimosso negli States, in Italia non è mai nemmeno stato seriamente accennato, tranne di fronte ad alcuni significativi, per quanto sparuti momenti di conflittualità e rigidità che nessun* ha saputo o voluto cogliere. Il dibattito, anche dentro gli ambienti di critica sociale, è stato spesso collaterale, o guidato da direttrici falsate imposte dai media liberali da cui spesso non si è riusciti a sfuggire. Ma non è troppo tardi, oggi come non mai è necessaria una seria ricostruzione delle dinamiche di classe che hanno messo a rischio (e continuano a mettere a rischio!) la vita di migliaia e migliaia di persone, ricercare le omogeneità dell’esperienza e riaprire la discussione su come, cosa, per chi e perchè è necessario produrre. Buona lettura!

Come questa etichetta viene utilizzata per giustificare un ordine sociale in cui i lavoratori vengono maltrattati, scartati e lasciati morire.

Politici, esperti, amministratori delegati e membri dei think tank hanno trascorso gli ultimi 10 mesi lodando con entusiasmo l’eroismo e il sacrificio dei lavoratori essenziali. “Non sono il solo ad essere grato per il lavoro che stai facendo”, ha dichiarato il CEO di Amazon Jeff Bezos in una lettera aperta del marzo 2020 ai lavoratori dell’azienda che hanno lavorato durante la pandemia, rischiando la vita per consegnare disinfettante per le mani, maschere per il viso e latte artificiale (e ha aumentato la fortuna personale di Bezos del 65%). Walmart ha cacciato fuori annunci televisivi lodando e ringraziando i lavoratori essenziali (anche se ha messo in pericolo e sottopagato quelli sotto il suo impiego). La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) ha twittato nel luglio 2020: “I lavoratori in prima linea e essenziali in tutto il paese si sono esibiti eroicamente dall’inizio della pandemia COVID-19”. L’ex presidente Trump, che ha supervisionato 400.000 morti di Covid solo negli Stati Uniti, ha tenuto un segmento registrato durante la Convention nazionale repubblicana in cui ha detto ai lavoratori essenziali: “Grazie mille a tutti. Ottimo lavoro.”

Ma al di sotto di questa lode c’è una verità preoccupante: qualunque sia la mitigazione della sofferenza e del disagio raggiunta durante la pandemia, è stata costruita sulle spalle di una forza lavoro “essenziale” che è iper-sfruttata, sottopagata, posta in estremo pericolo e i n nessun caso abbastanza vicina ad essere adeguatamente ricompensata. L’elogio infinito di questi lavoratori essenziali, dagli stessi artefici del loro sfruttamento, serve solo a giustificare e normalizzare un ordine sociale in cui vengono sacrificate persone che sono sproporzionatamente nere, latine e con un salario basso. Invece di parlare di come i lavoratori siano economicamente costretti a lavorare in condizioni mortali, stiamo parlando di eroismo. Invece di criticare le politiche e le decisioni politiche che mandano i lavoratori a morire, aduliamo il sacrificio volontario dei lavoratori. Il discorso del “lavoratore essenziale” ha l’effetto di imporre la disciplina su una forza lavoro che amministratori delegati e politici hanno deciso che è superflua. Questo non è il linguaggio della gratitudine, è il linguaggio del gettare via le persone.

Un recente rapporto sui lavoratori dell’area di Chicago nell’industria alimentare getta nuova luce sulle condizioni che questi “lavoratori essenziali” devono affrontare. A dicembre, le organizzazioni per i diritti dei lavoratori Warehouse Workers for Justice (WWJ) e Chicago Workers ‘Collaborative (CWC) hanno intervistato 90 lavoratori dell’area di Chicago nella produzione, distribuzione e logistica alimentare (il 10% degli intervistati è bianco, il 42% è nero e Il 48% è latino). L’ottantacinque per cento dei lavoratori intervistati ha affermato che quando i dipendenti hanno sollevato preoccupazioni rispetto alla sicurezza a fronte del Covid-19, i capi non hanno risposto ai reclami, hanno reagito contro le persone che hanno parlato o hanno intrapreso azioni che non sono state utili. Il 61% ha dichiarato di essere stato lasciato senza paga quando si è ammalato o è stato costretto a sottoporsi a quarantena. L’ottantatre per cento dei lavoratori che sono stati infettati da Covid-19 riferiscono di “non aver ricevuto congedo per malattia retribuito dal datore di lavoro o assistenza governativa”. E uno sbalorditivo 96% dei lavoratori intervistati ha dichiarato di non ricevere la retribuzione di rischio.

A questi lavoratori viene chiesto di rischiare la vita ogni volta che timbrano il cartellino, ma in cambio non ricevono alcun sostegno sociale o compenso significativo. Un lavoratore anonimo ha detto ai ricercatori: “Ho avuto il virus ad aprile e sono stato in quarantena per un mese. Senza assicurazione o paga di quarantena, non avevo altra scelta che restare a casa e soffrire. ” Un altro lavoratore anonimo ha detto ai ricercatori di un collega che “si è ammalato di Covid ed è morto”. La persona che è morta aveva lavorato mentre era malata e, secondo l’intervistato, “L’azienda non ha mai affrontato la morte né ci ha detto che un collega era morto”.

I “lavoratori essenziali” che stanno morendo o sono senza paga per poter essere messi in quarantena erano già gravemente sottopagati quando è iniziata la pandemia, in particolare quelli dell’industria alimentare. Nel 2019, il salario medio per i lavoratori del settore alimentare e agricolo, ad esempio, era di soli $ 13,12, secondo l‘Economic Policy Institute. Nel frattempo, solo l’8% dei lavoratori di questo settore era rappresentato dai sindacati. Una volta scoppiata la pandemia, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno pubblicato “linee guida” in materia di salute e sicurezza per i lavoratori essenziali. Tuttavia, secondo un brief di ricerca del The Shift Project, che raccoglie e analizza i dati del sondaggio, “The Occupational Safety and Health Administration, l’agenzia federale incaricata di far rispettare le normative per proteggere i lavoratori, ha in gran parte lasciato gli standard di sicurezza e i protocolli in mano ai datori di lavoro. ” (Giovedì, il presidente Biden ha incaricato l’OSHA di emanare nuove linee guida per proteggere i lavoratori dal Covid-19.)

Gli stessi lavoratori essenziali sono stati alcuni dei critici più accesi dell’elogio con cui è stato accolto il loro sfruttamento. “Siamo stanchi di correre il rischio”, ha detto Maria Ruiz, operaia di San Jose, McDonald’s California, mentre era in sciopero nell’aprile 2020 per una paga di rischio di altri $ 3 l’ora. “Ho un po’ ‘paura” di andare in sciopero, ha aggiunto in un’intervista a In These Times, “ma ho più paura di perdere la vita”. Un cassiere del New Seasons Market di Portland, Oregon, ha dichiarato a In These Times nel marzo 2020: “Non so davvero se una qualsiasi somma di denaro sarebbe abbastanza per lavorare in questo ambiente ed essere esposti a questo livello di rischio. Personalmente, vivo con mia nonna e mia madre, quindi è davvero difficile decidere se continuare a venire a lavorare sia la scelta giusta “.

Nel frattempo, i membri dei think tank finanziati da Koch, i banchieri di Wall Street e persino l’economista dell’era Reagan Art Laffer si sono dimostrati come alcune delle più grandi cheerleaders dell’invio dei lavoratori a svolgere le loro mansioni in condizioni mortali. “Dobbiamo riprendere la produzione, punto”, ha proclamato Laffer poche settimane dopo l’inizio della pandemia americana (Trump ha dato a Laffer la medaglia presidenziale della libertà nel 2019).

Naturalmente, c’è un discorso da fare sulla necessità di mantenere le persone nutrite e assistite durante la pandemia, un’impresa che quasi certamente richiede un certo grado di sacrificio e duro lavoro al servizio del bene comune. Il cibo deve ancora arrivare nelle case delle persone, gli operatori sanitari devono ancora prendersi cura dei malati e dei morenti, le fattorie devono continuare a coltivare i prodotti in modo che le persone possano vivere. E in effetti, molti lavoratori agiscono in modo eroico, come illustrato quando si sono ribellati più e più volte per difendere le loro vite, e le vite dei loro colleghi, in condizioni strazianti.

Ma a 10 mesi dall’inizio di questa crisi, la società statunitense non ha avuto una discussione collettiva significativa su come un sacrificio del genere potrebbe essere giusto e condiviso. Non abbiamo parlato di come distribuire uniformemente il peso del pericolo, di come assicurarci che ogni vita umana sia considerata mentre affrontiamo le enormi sfide che ci attendono. Senza un vero dibattito pubblico, stiamo operando partendo dal presupposto che se i sacrifici devono essere fatti, sono i settori più sfruttati della classe lavoratrice a doverli fare – un atteggiamento che prevale durante i tempi “normali”, ma ora con ulteriore brutale efficienza . Come ha sottolineato Hamilton Nolan a marzo, non chiediamo ad Art Laffer di servire i tavoli. Non stiamo chiedendo ai politici di mandare i loro figli a lavorare alle casse nei negozi di alimentari. L’idea che quelle opzioni sarebbero sul tavolo è persino ridicola.

Se continuiamo sulla traiettoria attuale, quando tutto sarà finito, la pandemia sarà la storia di come, di fronte alla crisi sociale, un’intera classe di persone è stata maltrattata, scartata e lasciata morire. Per tutto il tempo, ci è stato detto che l’unico modo per superare la crisi era che i lavoratori che sono sempre stati sacrificati per i profitti di pochi facessero sacrifici più grandi che mai. E mentre neri, latini e poveri sono morti in modo sproporzionato a causa del Covid-19, mentre i lavoratori alimentari dell’area di Chicago languivano senza indennità di malattia, siamo stati rassicurati di non essere stati oltraggiati. Perché questo è un nobile sacrificio e i lavoratori essenziali sono “eroi”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

CORONAVIRUSlavoratoriLAVORATORI ESSENZIALIUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

‘Geronimo’ Bini: la sua lotta per un mondo (e una Cremona) migliori

Riceviamo e pubblichiamo volentieri… La storia la scrivono i vincitori.  Ma la storia la fanno anche i perdenti. Poi ci sono gli indolenti che non sono né vincitori, né perdenti.  Poi c’è il revisionismo che mischia le carte. Rende i vincenti un po’ meno vincenti e i perdenti un po’ meno perdenti e quasi sempre […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Il profilo del non votante è sempre più connotato sul piano sociale” L’analisi dei flussi elettorali con Marco Valbruzzi

“Il profilo del non-votante non è connotato sul piano politico-ideologico, invece è connotato sempre di più sul piano sociale“.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: un disastro per Biden il confronto televisivo con Trump. Potrebbe ritirarsi? Intervista a Martino Mazzonis

Non sembrano esserci dubbi sul fatto che questo confronto sia stato un disastro per Joe Biden

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cosa è andato storto nel capitalismo?

Questa è una brutta notizia per Sharma, forte sostenitore del capitalismo. Cosa è andato storto?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’America Latina al crocevia. Tensioni geopolitiche e la sfida dell’Unità Regionale

Il mese di aprile del 2024 ha tratto con sé una rivelazione di grande impatto: un rapporto fatto trapelare dall’ambasciata degli Stati Uniti in Bolivia, meticolosamente elaborato dal Centro di Studi Geopolitici Multidisciplinari (CEGM), getta luce sul nuovo e ambizioso piano di ricolonizzazione dell’America Latina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.