InfoAut
Immagine di copertina per il post

Elezioni Ostia 2017: Casapound tra connessioni fascio-mafiose e imprenditoriali ma vincerà l’astensionismo

||||

Manca poco al 5 Novembre 2017, giorno elettorale per Ostia e tutto il X Municipio di Roma. Sono passati due anni di commissariamento, iniziato dopo l’arresto del presidente del X Municipio Andrea Tassone, eletto nel PD, condannato a 5 anni di carcere nel processo per Mafia Capitale. Il Tribunale di Roma non ha riconosciuto il sistema mafioso ma un’associazione semplice: chiunque abita qui sa che questa è solo una verità giudiziaria e che il sistema tentacolare del potere criminale è tutt’altro che arrestato.

I numeri per questa tornata elettorale parlano di 9 candidati, 16 liste, 372 candidati per soli 24 posti. Il vincitore prende 16 posti e i restanti 8 sono la futura opposizione. Tutti i sondaggi in questo momento danno favorito il M5S e la coalizione di centro-destra, come probabili “finalisti” al ballottaggio elettorale. Dietro ma oltre la soglia di sbarramento PD, Casapound e Lista Civica di Franco De Donno. Aspettando di verificare i sondaggi alle urne, siamo quasi certi che il vero vincitore di questa tornata elettorale sarà l’astensionismo che per la prima volta potrebbe esprimersi con percentuali record sul litorale romano.

Luca Marsella è per l’ennesima volta il candidato presidente per i fascisti del terzo millennio, nonostante sia stato recentemente condannato in primo grado a 2 mesi di carcere per aver minacciato dei liceali con frasi tipo:”Vi accoltello, vi ammazzo come cani”. Una campagna quella di CPI Ostia, condita anche da una presunta aggressione denunciata da Forza Italia e da quei classici atti di intimidazione che ormai contraddistinguono la compagine di Marsella. Nonostante lo squadrismo e grazie anche all’operazione sdoganamento del giornalista Enrico Mentana – che si è recentemente recato nella sede romana di Casa Pound per un dibattito con i fascisti del terzo millennio moderato proprio dalla candidata lidense Carlotta Chiaraluce – i fascisti hanno avuto supporto mediatico ed economico dai poteri forti del nostro territorio.

Sul preventivo di spesa elettorale Casapound ha dichiarato 2.000€. Nelle strade del quartiere abbiamo visto manifesti ovunque, cartelloni pubblicitari, diverse “vele” pubblicitarie in giro per Ostia, pubblicità nel cinema Cineland e tante altre iniziative che ci fanno pensare ad una spesa elettorale assai maggiore. Alla famiglia Chiaraluce, in parte legata ad attività di rimessaggio navale, non mancano certo i soldi per sostenere la campagna elettorale di figlia e Marsella. Non vogliamo però fare un’analisi così riduttiva della questione.

Gli endorsement degli Spada per Casapound, famiglia sinti legata ai Casamonica, rileva un legame saldo e stabile ormai da diverso tempo. Alla faccia della presunta lotta per la casa fatta dai fascisti di CPI, recentemente la famiglia Spada ha ricevuto 7 condanne per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso, per il racket delle case popolari di Ostia. Altro importante endorsement ricevuto dai poteri forti è stato quello dei balneari di Ostia, durante un’iniziativa svolta al “V Lounge Beach” il 28 Ottobre 2017. In quella sede Casapound ha appoggiato formalmente la battaglia contro il PUA (Piano Utilizzazione Arenili) dimostrandosi una realtà contigua a noti ambienti imprenditoriali lidensi. Interessante vedere come alcuni personaggi hanno prestato il loro volto all’operazione elettorale dei fascisti del terzo millennio: Andrea Schiavone (Ingegnere e presidente del LabUr); Stefano Albertini (ex affidatario spiaggia libera Happy Surf); Roberto Grande (Stabilimento Bahia); Michele De Fazio (Stabilimento “La Bonaccia”); Mauro Franzolin (Affidatario del chiosco di Castel Porziano).

Il legame tra Imprenditori del mare e Casapound sembra solido. Contrastare il PUA, seppur strumento del tutto insufficiente per l’obiettivo di abbattere realmente il lungomuro poiché garantisce solo il 50% di spiagge libere su Ostia, significa sostanzialmente schierarsi con i poteri forti del territorio. L’obiettivo finale degli imprenditori del mare e Casapound è la difesa dello status quo, cercando quindi in sede di ballottaggio di far pesare il loro voto. Ancora una volta, andando al di là degli infatuamenti giornalistici pronti ad assicurare la “novità” di Casa pound, i fascisti si presentano per quello che sono sempre stati: schiavi al soldo dei padroni. Il 5 novembre e dopo il ballottaggio capiremo meglio quali sono gli scenari futuri. Cosa certa è che la partita che si sta giocando è più grande di quello che sembra.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

ostia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Sciacalli occupano in piena emergenza sanitaria

Succede che in piena emergenza sanitaria qualcuno scelga di agire, come sempre, da sciacallo. Casapound occupa a Ostia uno stabile abbandonato da diverso tempo, paventando la soluzione all’emergenza abitativa di venti famiglie (italianissime!). Facciamo però alcune precisazioni: quello di Marsella e co. è solo lo squallido atto di chi vuole strumentalizzare il disagio e la […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Dal litorale a Torre Maura: periferie resistenti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo queste riflessioni di Ingranaggi sul corteo antirazzista che ha attraversato le strade di Ostia sabato A mente fredda vogliamo condividere delle brevi riflessioni rispetto al partecipatissimo corteo che ieri, sabato 6 aprile, ha attraversato le strade di Ostia. In primis il dato che immediatamente salta all’occhio è la presenza di oltre […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ostia e Torre Maura, i cortei della Roma antirazzista

Sabato si sono tenuti due cortei antirazzisti per le strade di Roma. La mattina un corteo è sfilato a Torre Maura, nel pomeriggio un migliaio di persone si sono mosse lungo le strade di Ostia in risposta ad un’aggressione razzista. Ostia All’inizio del mese di Marzo un ragazzo del Liceo Anco Marzio ha subito un’aggressione […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sottoproletariato, “mafia” e crisi del radicalismo di sinistra

Ripubblichiamo questo interessante ragionamento di Pietro Saitta ospitato da LavoroCulturale; il testo ci pare interessante nella capacità che ha di analizzare la pericolosità di un discorso esclusivamente legalitario in merito alle vicende di Ostia e all’arresto di Roberto Spada, inserendo il discorso nel quadro più ampio del distacco tra parti della “sinistra” e le nuove […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Stesi al tappeto dopo i tappeti stesi

  E finisce che qualche carabiniere se l’è portato via. I democratici tirano un sospiro di sollievo; “lo Stato è dalla nostra parte” si congratulano i sinistrati di ogni risma. Fine della storia? Non per noi. Una nostra parte in quella clip non c’è. ‘Na capocciata è bastata per far sussultare l’opinione pubblica. La violenza […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Certi amori non finiscono… polizia e fascisti a caccia di soldi facili

Mentre i giornali scoprono il savoir faire di Roberto Spada e si slanciano in iperboli per descrivere Nuova Ostia (come al solito il più stupido è Saviano che la paragona a Corleone), passa sottotraccia l’arresto di una banda di rapinatori, tra i quali compaiono un nome “pesante” dell’estrema destra romana e un poliziotto. Il nome […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Una testata in faccia alla fascinazione mediatica per Casapound

Sta facendo il giro del web uno spezzone di un servizio di una trasmissione Rai in cui Roberto Spada tira una testata in faccia a un giornalista spaccandogli il setto nasale. Crolla il velo d’ipocrisia con cui i giornali hanno commentato le elezioni a Ostia: già dai giorni precedenti al voto illustri politologi avevano riempito […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti

Lunedì 6 novembre, ore 10:32. Sulla homepage del principale quotidiano nazionale campeggia un titolo: “Elezioni Ostia, Casapound decisiva per il ballottaggio. E già si proietta verso il Parlamento”. L’articolo è a firma Giovanna Vitale o almeno questo indica la dicitura iscritta poco più in basso del sottotitolo che parla di “vittoria senza precedenti” della formazione […]