InfoAut
Immagine di copertina per il post

Torino, sgomberata la Verdi15. Cariche contro gli studenti

H23: Si chiude la lunga giornata di lotta che ha riempito le vie di Torino contro lo sgombero della residenza Verdi Occupata. Dopo l’occupazione della stazione di Porta Nuova il corteo è rientrato a Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche, che rimane occupato.

Gli student* rilanciano sulla conferenza stampa che si terrà domani alle ore 12 a Palazzo Nuovo, per ricostruire gli eventi di oggi e rilanciare sui prossimi appuntamenti di mobilitazione.

H20:00 Inseguiti da una polizia sempre più in affanno il corteo si è diretto verso porta nuova entrandovi

H19:00 Dopo un’imponente assemblea che ha riempito l’atrio di palazzo nuovo un nuovo corteo spontaneo sta attraversando via Po

{mp3}/images/mp3/Torino/francesca2_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

   


H 18: assemblea a Palazzo Nuovo

{mp3}/images/mp3/Torino/fabio_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

Aggiornamento ore 15.30:
In corteo interno a Palazzo Nuovo gli studenti e le studentesse si stanno recando nelle presidenze della facoltà di lettere e filosofia per pretendere una presa di posizione chiara -rispetto allo sgombero di questa mattina- da parte dei presidi delle diverse facoltà.

ore 15.00:

Lo studente fermato durante le cariche in piazza castello, è stato rilasciato da poco e ora si sta recando a Palazzo Nuovo dove, ricordiamo, è in corso il pranzo e successivamente un’assemblea.

Uno studente dal corteo, sempre dalle libere frequenze di RBO:

 

{mp3}/images/mp3/Torino/studente_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

 

 

ore 14.45: Regione, Comune e questura, complici e uniti ancora una volta in campo di speculazioni e sgomberi. Forte anche la responsabilità dell’Edisu che ha autorizzato lo sgombero. Per questo gli studenti e le studentesse dopo essersi recati nei luoghi dove le suddette istituzioni risiedono, si sono diretti verso la mensa universitaria di via Principe Amedeo, di proprietà dellEnte al diritto allo studio. Gli studenti e le studentesse che da oggi si troveranno in mezzo alla strada -pur aventi diritto ad un posto letto- hanno deciso di appropriarsi di uno dei beni di prima necessità: il cibo. Si sono poi diretti a Palazzo Nuovo, dove si sta svolgendo un pranzo prima dell’assemblea per decidere lo sviluppo della giornata che sembra non essere ancora finita!

Una studentessa dal corteo, sempre ai microfoni di RBO:

 

{mp3}/images/mp3/Torino/francesca_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

ore 14.00:

Mentre da diverse città italiane si fa sentire la solidarietà con la Verdi15, il corteo si è diretto verso il Comune di Torino. Anche lì si sono verificate altre cariche da parte della polizia. Mentre gli studenti non si arrendono e continuano restare in strada, le forze dell’ordine sembrano innervosirsi sempre più.

 

Come riporta la notizia il TGR Piemonte:

 

ore 13.45:
Dopo l’ennesima carica sotto il palazzo della regione Piemonte, il corteo si sta nuovamente spostando, attualmente si trova in via Pietro Micca. Durante una delle cariche fatte dall’ingente schieramento di polizia, uno studente è stato preso ed ora è in stato di fermo. Diverse le persone ferite per la violenza da parte della polizia che piuttosto nervosi reagiscono con accanimento verso gli studenti e le studentesse.

 

Diretta della carica sotto la regione da Radio Blackout:

 

{mp3}/images/mp3/Torino/gianluca_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

 


ore 13.30:

Il corteo è arrivato sotto il palazzo della regione Piemonte. Gli studenti e le studentesse hanno provato ad entrare nell’edificio ed è stato caricato. Si continua a permanere sotto l’edificio mentre piccole cariche si stanno susseguendo in questi momenti. La responsabilità sell’Edisu -riguardo allo sgombero- che inizialmente si diceva non esserci, sembra invece appurata dalla presenza della responsabile dell’Ente al diritto allo studio che è stata vista dentro la residenza con alcuni operai.

 

ore 13.00:

Dopo il blocco in via po, le centinaia di studenti e studentesse, accorsi in strada per difendere l’esperienza della Verdi15, si stanno muovendo in corteo verso piazza castello.

ore 12.50:
Il corteo composto da centinaia di persone, si è fermato in via po angolo via rossini di nuovo in presidio. Intanto alcuni studenti stanno incominciando ad uscire dalla residenza. All’interno invece continua la procedura di recupero degli effetti personali, il tutto meticolosamente controllato dalla polizia.

 

ore 12.30:
Il corteo, sempre più numeroso, si sta muovendo in questo momento nella centrale via po. In centinaia sono in strada per dire ‘no’ allo sgombero e portare la loro solidarietà a chi da questa notte sarà senza un letto e senza un tetto.

ore 12.00:

Ancora divisi in diverse stanze a piccoli gruppi, ora è stato imposto agli studenti e studentesse di scrivere su un foglio il proprio nome e le rispettive stanze per ritirare in un secondo momento i propri effetti personali. Centinaia di persone si stanno spostando in corteo nella zona della residenza al grido “la Verdi15 resiste!” e “la Verdi15 non si tocca!”.

 

{mp3}/images/mp3/Torino/arianna_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

ore 11.45:

Studenti e studentesse vengono divisi a gruppetti e tenuti in diverse stanze della residenza. Con una logica insensata, gli studenti di origine pakistana sono stati separati dagli altri e portati nel cortile della residenza e obbligati a rimanere con la faccia al muro. Ogni forma di comunicazione con l’interno è attualmente impossibile data la solveglianza a vista da parte della polizia. Si sta procedendo con l’identificazione di tutti e tutte. Presidi di solidarietà da parte degli studenti e studentesse si stanno organizzando a Bologna e a Roma.

 

Seguono gli aggiornamenti da radio blackout:

 

{mp3}/images/mp3/Torino/mattia2_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

 

 

Un primo video dal presidio:

 

 

 

ore 11.15:

 

Tutti e tutte le occupanti ancora all’interno sono stati fatti sdraiare per terra e vengono controllati a vista da numerosi poliziotti, mentre continua ad ingrossarsi il presidio di solidarietà nei pressi della sede della Rai a pochi metri dalla verdi15. Studenti e studentesse vengono divisi a gruppetti e tenuti in diverse stanze della residenza. Ogni forma di comunicazione con l’interno è attualmente impossibile data la solveglianza a vista da parte della polizia. Si sta procedendo con l’identificazione di tutti e tutte.

Ascolta una prima intervista realizzata da Radio Blackout:

{mp3}/images/mp3/Torino/mattia_sgombero_verdi.mp3{/mp3}

Verso le 10 di questa mattina, cogliendo di sorpresa i numerosi studenti e studentesse che da mesi avevano dato il via all’occupazione, reparti della celere hanno fatto irruzione all’interno della residenza universitaria di via verdi 15 a Torino. Gli studenti e le studentesse che si trovano in questo momento all’interno della residenza –circa 80- vengono portati di peso al piano terra della struttura e per alcuni di loro si sta procedendo alla loro identificazione. L’intenzione ancora una volta è quello di voler dimostrare, nel consueto modo becero, un uso politico degli organi di polizia, timorosi probabilmente di un autunno che si preannuncia ricco di mobilitazioni. L’importante esperienza che da mesi si porta avanti alla Verdi 15 occupata è fulcro di aggregazione politica e sociale. Lo sgombero che si sta svolgendo in questo momento non solo è una scelta politica ma anche una scelta dettata da una preoccupazione (ci viene da chiedere) rispetto alle mobilitazioni studentesche imminenti.  Attualmente le vie adiacenti alla residenza universitaria sono completamente militarizzare e bloccate al traffico, mentre fuori si stanno radunando numerosi studenti e studentesse  per portare la loro solidarietà all’esperienza della verdi 15 e agli studenti e studentesse che fino a questa mattina hanno abitato nella residenza, ridandogli vita. Dagli ultimi aggiornamenti, la celere schierata in modo compatto sul lato di via rossini adiacente alla residenza, ha caricato gli studenti e le studentesse riunite fuori dalla struttura. Il presidio continua ad essere sempre più numeroso. Non finisce qui!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

edisustudentiuniversitàverdioccupata

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cosa è andato storto nel capitalismo?

Questa è una brutta notizia per Sharma, forte sostenitore del capitalismo. Cosa è andato storto?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Fasciarsi la testa. Appunti sulle elezioni europee

Tutte e tutti a fasciarsi la testa, adesso. Però siamo ancora vivi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Contestati i ministri della guerra al Politecnico di Torino

Riceviamo e ricondividiamo il comunicato del CUA di Torino sulla contestazione di ieri al convegno istituzionale tenutosi alla sede del Valentino del Politecnico. Ieri mattina un gruppo di student3 dell’Università di Torino ha contestato il convegno a porte chiuse che si è tenuto al castello del Valentino su tecnoscienza e intelligenza artificiale, con ospiti di […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Processo agli studenti per i fatti dell’Unione Industriale: emessa la sentenza

Si è concluso ieri il processo di I grado che vedeva imputati 11 giovani per gli scontri davanti all’Unione Industriale nel febbraio 2022, durante una manifestazione contro l’alternanza scuola-lavoro e per protestare contro le morti di 2 giovani studenti vittime nello svolgimento dei loro stage.