InfoAut
Immagine di copertina per il post

Rileggere “Operai e capitale”: relazione di Brett Neilson

 

Relazione di Brett Neilson (31 gennaio 2007) (*)

 

Che cosa vuol dire leggere Operai e capitale alla prova del presente? Questa è una domanda su cui ho una prospettiva diversa, dato che il testo di Tronti porta il peso di una tradizione rispetto alla quale io sono cresciuto. Si tratta di un libro che non è mai stato tradotto nella mia madrelingua, l’inglese, oltre che di un libro che non si trova facilmente nella città in cui sono cresciuto, Sidney. Ciò però non vuol dire che si tratti di un libro di cui io non ho mai sentito parlare, o di cui non ho letto capitoli importanti, anche se non ho difficoltà ad ammettere che l’ho letto da cima a fondo solo recentemente, dopo l’acquisizione lunga ed episodica della lingua italiana. Questo significa che la mia lettura di Operai e capitale non può essere altro che alla prova del presente e al tempo stesso alla prova di un altrove.

Quindi, vorrei soffermarmi sulla ricezione del libro nel cosiddetto English-speaking world,ma non solo. È certo impossibile leggere Operai e capitale senza accorgersi di come i suoi concetti e la sua metodologia abbiano una forte relazione con le lotte operaie che si sono dispiegate in Italia negli anni Cinquanta e i primi Sessanta. Il testo si situa infatti in un contesto reale, la fabbrica, e non fornisce tanto la base di una teoria contro le coordinate di una pratica, quanto piuttosto un nuovo modo di praticare la politica, o meglio un nuovo stile politico.

Nelle prime pagine del libro sono scritte queste parole: “Ecco dunque uno dei compiti politici di oggi: ripetere nel passo della ricerca, delle esperienze, delle scoperte, il senso, la forma di un cammino; dare a questo cammino la forma di un processo”. Il messaggio è chiaro. Il compito della politica è dare forma alle esperienze fra questi due poli; l’esperienza è forma politica che l’argomento del libro spiega. E l’organizzazione viene proposta come ponte tra le due. Ma le esperienze a cui Mario Tronti si riferisce in Operai e capitale sono le lotte operaie in Italia, perché è in questo campo che l’operaismo è nato, e credo che questa nascita non potesse avere luogo altrove. D’altro canto, se si legge questo libro è chiaro che la lotta operaia in Italia assume un’esemplarità che si confronta continuamente con un’altra realtà oltre il caso italiano.

Ancora due frasi dal testo: “L’Italia offre oggi non a caso alla ricerca teorica operaia un terreno ideale […] Proprio perché sta in mezzo allo sviluppo capitalistico nella sua portata internazionale […] Se è vero che è urgente e forse preliminare a tutto rimettere in piedi una strategia internazionale della rivoluzione, dobbiamo capire che questo non si farà finché continueremo a giocare con questo mappamondo per bambini inventato dalla geografia politica borghese e per sue comodità didattiche diviso in primo, secondo e terzo mondo”. Voglio soffermarmi sul tema dello sviluppo capitalistico: nonostante il fatto che quest’ultimo rimanga incastrato nel gergo dell’internazionalismo, si esprime un desiderio radicale di ridisegnare un mappamondo, di generare una nuova cartografia globale che non riproduce il modello dei tre mondi, o – il che è lo stesso – la dialettica tra centro e periferia nella teoria del sistema-mondo. Vale quindi la pena leggere Operai e capitale non solo per il suo intervento nel contesto italiano negli anni Sessanta, ma anche per questo ridisegno del livello globale: soprattutto, c’è bisogno di tener conto della connessione tra questi due livelli, e del modo in cui il nodo locale-globale incide sulla questione del passaggio fra esperienza e forme politica.

Nel saggio intitolato “Lenin in Inghilterra” si legge: “La forza-lavoro operaia nasce già storicamente omogenea sul piano internazionale e costringe il capitale – entro un lungo periodo storico – a rendersi altrettanto omogeneo”. Questa cosiddetta omogeneità non è tanto della classe operaia, del soggetto operaio, bensì della forza lavoro che non è, come sosteneva Marx, una semplice merce in circolazione come le altre, ma anche e soprattutto una categoria astratta di potenzialità.

È questo che fornisce il luogo comune a partire dal quale si può capire la diffusione del pensiero operaista attraverso contesti linguistici e culturali diversi. Si tratta insomma di qualcosa di più di quello che Edward Said ha chiamato la travelling theory, la “teoria che viaggia”. La forza lavoro diventa il sito in cui le operazioni del capitale e la politica delle differenze culturali e geografiche si toccano e deflagrano. Si badi bene: la posta in gioco è ben altro che l’impatto dell’analisi delle lotte operaie nei suoi vari contesti storici e geografici, perché questo approccio offrirebbe solo una critica parziale del capitalismo.

Per quanto riguarda la traduzione dei vari saggi contenuti nel libro nella lingua inglese, si tratta di pubblicazioni apparse per la maggior parte in piccole riviste, come “Radical America” a New York, o pubblicate da case editrici come Red Notes in Inghilterra. Ci sono due cose da dire: anzitutto, queste traduzioni vengono pubblicate dopo il ’68, precisamente nel periodo ’72-’73, ovvero nel pieno della crisi petrolifera che coincide in America con i primi passi del postfordismo. Se si leggono pensatori come Jameson o Harvey, sono infatti proprio questi gli anni indicati come l’inizio del postfordismo, almeno nei paesi anglosassoni. In secondo luogo, occorre sottolineare che i capitoli di Operai e capitale sono pubblicati all’interno di un mix selettivo dei vari scritti operaisti e del marxismo internazionale; questo fa sì che i disaccordi tra Tronti e i suoi compagni non vengono ben evidenziati nella ricezione fuori dall’Italia. Si può dire che il fatto che i saggi vengano letti accanto ad altri, non in questa linea di condotta di Operai e capitale, significa che la lettura che ne viene fatta tende ad enfatizzare il rifiuto del lavoro e il primato della lotte operaie piuttosto che il tema dell’organizzazione politica o partitica. Ciò per due motivi: da un lato perché le traduzioni vengono pubblicate dopo il ’68, evento a partire dal quale c’è un grande ripensamento della politica; dall’altro, perché si tratta di un periodo tendenzialmente già verso il postfordismo. Non che in Operai e capitale non fosse presente lo scarto fra la strategia del rifiuto del lavoro e la richiesta del potere di partito, distanza che spinge Tronti a sostenere che il marxismo non ha mai avuto una teoria adeguata dello Stato, e perciò introduce il pensiero di Schmitt nella sua ricerca. Soprattutto dopo l’89, anno in cui il mappamondo viene ritracciato, si deve pensare a nuove forme di organizzazione con cui combattere l’attuale capitalismo globale.

Ho sentito dire che una volta Tronti ha confessato che anche se abbiamo mandato Lenin in Inghilterra, tuttavia lui non ha seguito il consiglio e non ci è mai arrivato. Forse oggi sarebbe necessario mandare Lenin o Marx non tanto in Inghilterra o a Detroit, quanto piuttosto in una metropoli come Shangai. Ma cosa vuol dire questo? Che cosa ci dicono queste destinazioni nuove? Questo ci apre le porte a quelle sfide che non sono solo della politica, ma che rimandano al fare proliferazione delle differenze, della cosiddetta comunicabilità delle lotte. Su questo vorrei individuare due piani del problema. La politica di traduzione non è come la politica schmittiana in cui c’è l’amico e c’è il nemico, dove si vince o si perde. Perché quando si traduce quasi sempre si vince e si perde allo stesso tempo. Per questo c’è bisogno di ripensare radicalmente la politica della traduzione se vogliamo avere una comunicabilità delle lotte a livello globale, se vogliamo davvero ridisegnare il mappamondo. Non si tratta di andare da una lingua nazionale ad un’altra; questo tipo di traduzione tradizionale è quella che il filosofo giapponese Naoki Sakai chiama omolinguale, distinguendola da una traduzione che definisce eterolinguale. Tale specifica traduzione si rivolge a persone che parlano molte diverse lingue, dove il discorso è indirizzato ad un pubblico che parla differenti lingue. Per fare un esempio di traduzione eterolinguale, si può dire che essa è quella lingua che indirizza uno straniero ad un altro straniero: pensate alla lingua che una persona romena, per esempio, parla con una persona proveniente dal Senegal sulle strade di Roma. Si tratta di una traduzione che di fatto non passa più per la lingua nazionale. In secondo luogo, il riconoscimento di diffusa precarietà fa sì che la forma-partito e l’operaio-massa non siano più l’architettura principale nella comunicazione e nella pratica dell’organizzazione, a partire dalla famosa produzione in rete ma non solo.

Tuttavia, credo che il problema di come si legge Operai e capitale sia ancora il medesimo di allora: come muovere dalle esperienze a forme politiche. Il problema attuale è di dare forma a esperienze diffuse, non più solamente a quello che succede in una fabbrica o in un paese. Esperienze diffuse, globali, spesso contingenti e contraddittorie: il che vuol dire che non ha più senso trattare l’Italia come laboratorio paradigmatico della politica. Non solo perché è diventato il paese di Prodi e Berlusconi, ma perché nessun territorio nazionale può più diventare uno spazio simile. Parlare della fine della politica, allora, significa abbandonare l’idea di uno spazio politico come un laboratorio di sperimentazione dove la normalità della politica moderna istituzionale gioca un ruolo di neutralità sul cui sfondo si possono controllare gli esisti dell’esperimento. Dire che la metafora dell’Italia come laboratorio politico deve essere archiviata non vuol dire però che non ci sono lezioni davvero importanti da imparare leggendo un libro come Operai e capitale, così come dall’esperienza dell’operaismo.

Allora, chi sono gli operaisti? Per rispondere a questo riprendo un passo di Operai e capitale in cui Tronti traccia un passaggio fra la scoperta del lavoro produttivo dei fisiocratici e l’organizzazione rivoluzionaria da parte dei bolscevichi. Chi sono i bolscevichi?, si chiede Tronti. Sono i nostri fisiocrati, risponde. E oggi possiamo chiederci: chi sono gli operaisti? Io rispondo: sono loro i nostri bolscevichi.

 

* Relazione di Brett Neilson al convegno “Rileggere ‘Operai e capitale’”, Roma 31 gennaio 2007.

 

INTRODUZIONE DI MARIO TRONTI

RELAZIONE DI ALBERTO ASOR ROSA

RELAZIONE DI RITA DI LEO

RELAZIONE DI BRETT NEILSON

RELAZIONE DI TONI NEGRI

CONCLUSIONI DI MARIO TRONTI

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

Brett NeilsonMario Trontioperaismo

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

C’era una volta… oppure c’è ancora Marx?

Non resta dunque, a chi scrive, che lasciare ai lettori il piacere di scoprire, ancora una volta insieme a Marx, una possibile alternativa all’attuale modo di produzione e ai suoi flagelli ambientali, sociali, economici, militari, razziali e di genere.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il campo (agricolo) di battaglia

Tutto quello che vorreste sapere sulla cosiddetta «rivolta dei trattori» e che non avete osato chiedere. (Spoiler: la posta in palio è il concetto di «sovranità alimentare»)

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lenin Reloaded

Cento anni dalla sua scomparsa. E la figura di Lenin continua a sfuggire a qualsiasi incasellamento, seguita a creare disturbo e inquietudine.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La convergenza impossibile. Pandemia, classe operaia e movimenti ecologisti

A questa tavola sta per verificarsi, per causa mia, un’accesa discussione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’attualità della rivoluzione. Il Lenin del giovane Lukács

A cent’anni dalla morte del grande rivoluzionario, un estratto di un testo inedito di Mario Tronti sul Lenin del giovane Lukács. Il saggio completo farà parte di «Che fare con Lenin? Appunti sull’attualità della rivoluzione»

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Resistenza, repressione e lotta contro il Mountain Valley Pipeline a sei anni di distanza in Appalachia

Da oltre sei anni, gli abitanti degli Appalachi conducono una campagna non-stop di azioni dirette per fermare la costruzione dell’oleodotto Mountain Valley Pipeline (MVP), il cui progetto è in ritardo “di sei anni sulla tabella di marcia e di circa mezzo miliardo di dollari sul budget”.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Se ne è andato Toni Negri: filosofo e militante

Se ne è andato all’età di 90 anni Toni Negri. Tra i maggiori filosofi italiani del ‘900, Negri è stato uno dei principali teorici dell’operaismo fin dalla sua nascita.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Strappiamo Tronti dalle grinfie dei salotti buoni

Quando si parla di operaismo non ci vengono in mente cattedre universitarie e convegni bensì lotte, conflitti, desiderio di libertà, rifiuto di piegare la testa. Oggi come e più di ieri.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La politica al tramonto. Dialogo tra Adelino Zanini e Mario Tronti

Lunedì 7 agosto si è spento Mario Tronti. «Scriveva Montaigne: vorrei che la morte mi cogliesse mentre coltivo nell’orto le mie rape. Le mie rape sono i conflitti tra gli uomini, liberamente e antagonisticamente organizzati, o per conservare il mondo così com’è o per rovesciarlo dal sotto al sopra».

Immagine di copertina per il post
Formazione

Operaismo: morto a 92 anni Mario Tronti, autore del fondamentale “Operai e capitale”

«Nella tempesta fra tutte più sacra / cada in rovina il muro del mio carcere / e avanzi il mio spirito / sovrano / libero / nella terra sconosciuta»

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Riproduzione sociale e lavoro: l’Arcano spiegato da Leopoldina Fortunati

L’autrice si trovò al centro della campagna italiana per il diritto all’aborto e nella campagna internazionale per l’ottenimento del salario domestico, oggi i suoi scritti sono ancora attuali e offrono spunti importanti per un’analisi di genere della società.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La potenza dell’anticipazione

Guido Bianchini è stato una figura decisiva nella vicenda teorico-organizzativa dell’operaismo politico italiano, in particolare della sua matrice veneto-emiliana. Centrale è stato il suo apporto alle elaborazioni collettive e alla formazione di una generazione militante, benché la sua scarsa produzione letteraria, elemento controcorrente rispetto a un ambiente intellettuale in certi aspetti fin troppo prolifico, lo […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cinquant’anni di storia di classe

Di Sergio Bologna, Francesco Massimo, Niccolò Serri per Jacobin Italia Dall’Autunno caldo del 1969 alle lotte contemporanee nei settori della logistica, passando per la parabola del lavoro autonomo nella società postfordista. Un filo rosso di ricerca militante che Sergio Bologna ripercorre in questa intervista Sergio Bologna (Trieste, 1937), militante, storico di formazione, fondatore di riviste […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Quale operaietà oggi?

Intervento introduttivo al tavolo Lavoro/non-lavoro a cura della redazione d’Infoaut Torino durante il seminario Autonomia Contropotere a Chianocco, Val di Susa, 15-16 Luglio 2017.  Porre oggi la questione dell’operaietà significa interrogare l’attualità di una particolare forma organizzativa del rapporto di capitale. Una questione che può sembrare bizzarra e anche in contro-tendenza. Negli ultimi trent’anni, al […]

Immagine di copertina per il post
Culture

On-line l’archivio Luciano Ferrari Bravo

Apprendiamo con piacere la messa on-line dell’archivio Luciano Ferrari Bravo, di seguito la presentazione del progetto e il link per accedere ai documenti —–    È un duplice progetto, quello che presentiamo. Da un lato, la pubblicazione e messa a disposizione di tutte e di tutti di un archivio e di uno stile. Luciano Ferrari […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Un ricordo di Gaspare De Caro

A Ferruccio Gambino chiediamo di parlarci di Gaspare De Caro un compagno che è mancato la settimana scorsa. Gaspare De Caro è mancato il 6 ottobre a Casalecchio sul Reno in provincia di Bologna. Nato a Roma nel 1930, si laurea in Filosofia nell’Università di Roma. E’ poi borsista per un anno all’Istituto di Studi […]