InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’impronta mennonita: i popoli indigeni denunciano lo sfratto, il traffico di terra e la distruzione delle loro foreste in America Latina

Abbiamo tradotto da Desinformemonos** questo interessante articolo sulla deforestazione in America Latina. Il reportage si concentra sulla penetrazione delle comunità mennonite (una delle più importanti tendenze derivate dal credo anabattista) all’interno delle foreste del continente latino-americano. E’ particolarmente significativo notare come queste comunità, tutto sommato marginalizzate, assumano il ruolo di apripista per i processi estrattivi. Buona lettura!

“Hanno comprato nuova terra e tagliato legna dove c’erano i nostri antenati”, dice una fonte del Meta in Colombia. “Gli Mbya vivono di ciò che le foreste ci danno, ma qui non è rimasto quasi nulla”, dice un indigeno residente di una comunità insediata nel mezzo della foresta atlantica dell’Alto Paraná (BAAPA), in Paraguay. “Hanno abbattuto migliaia di ettari”, dice un membro di Kabi Habin, una cooperativa di apicoltori a Quintana Roo, in Messico. Queste testimonianze hanno qualcosa in comune: indicano le colonie mennonite (la più numerosa chiesa anabattista ndt) come responsabili della deforestazione nei loro territori o comuni. Molti di coloro che parlano con noi hanno paura di farlo pubblicamente per paura di rappresaglie.

Le denunce delle comunità indigene, dei contadini, degli ejidos (terreno comune di uso pubblico ndt) e della popolazione locale indicano che vasti appezzamenti di terra sono stati disboscati per introdurre soia, mais e sorgo in cinque paesi dell’America Latina: Bolivia, Colombia, Messico, Paraguay e Perù. Un team di Mongabay Latam, Rutas del Conflicto in Colombia e El Deber in Bolivia ha indagato su questi casi, prima con immagini satellitari per rilevare recenti allarmi di deforestazione e poi con segnalazioni sul campo.

Gli oltre 500.000 allarmi di deforestazione, generati tra gennaio e ottobre di quest’anno, hanno portato i giornalisti a cinque punti critici dove hanno trovato foreste abbattute senza autorizzazione, occupazione di territori di comunità indigene, traffico di terra, minacce e diverse denunce risalenti ad anni fa.

L’espansione dell’agricoltura meccanizzata sviluppata dai mennoniti è già monitorata da diverse autorità in America Latina. Il direttore nazionale dell’Istituto Nazionale di Riforma Agraria della Bolivia (INRA), Eulogio Núñez, ha confermato in un evento pubblico che alcune colonie hanno violato i loro limiti di proprietà per espandere i loro campi. Ha citato il caso specifico del quartiere Valle Verde, nel comune di San José de Chiquitos, dove “hanno cercato di estendersi oltre il legale e questo non è permesso. Anche dove volevano estendersi si tratta di un terreno pubblico“, ha detto Núñez.

Qual è l’entità della presenza mennonita nella regione? Un recente studio scientifico, Pious Pioneers: The Expansion of Mennonite Colonies in Latin America, analizza l’occupazione di questo gruppo religioso migrato dall’Europa. La mappa della presenza mennonita preparata per lo studio calcola che in America Latina ci sono circa 214 colonie mennonite che “coprono un’area totale di circa 3,9 milioni di ettari”, più della superficie totale dei Paesi Bassi, si legge nella pubblicazione. I tre paesi che ospitano il maggior numero di colonie sono la Bolivia con 90, il Messico con 65 e il Paraguay dove ne sono state contate 25. Il primo paese in cui arrivarono fu il Messico nel 1922.

Riassunto delle colonie mennonite per paese. Crediti: Estratto dalla pubblicazione Pii pionieri: l’espansione delle colonie mennonite in America Latina.

L’autore principale dello studio, Yann le Polain de Waroux, ricercatore presso il Dipartimento di Geologia della McGill University canadese, ha detto a Mongabay Latam che l’espansione continuerà, considerando che “finché ci saranno colonie in cui il valore di avere famiglie numerose è importante e allo stesso tempo è importante anche il valore di essere agricoltori. Quindi queste persone avranno bisogno di terra e potenzialmente dovranno crescere e creare nuove colonie. Ci sono ancora impulsi a cercare nuove terre all’interno dell’America Latina e anche al di fuori dell’America Latina”.

Mennoniti nel comune di Bacalar, a Quintana Roo. Foto: Robín Canul.

Nel mirino delle autorità ambientali

Riconoscere la presenza di una colonia mennonita in un’immagine satellitare non è complicato quando si osserva la sua presenza sulle mappe. Di solito hanno modelli di occupazione segnati dalla comparsa di linee rette o tracce, da cui vengono aperti quadranti per terreni agricoli. Carla Limas, specialista in sistemi informativi geografici presso l’organizzazione ambientalista ProPurús, che ha analizzato l’occupazione mennonita nella regione di Ucayali, nell’Amazzonia del Perù, si riferisce alle linee tracciate dai mennoniti come assi agricoli, “perché sono le linee da cui nascono gli appezzamenti”. Quando questi modelli sono osservati dall’alto, assomigliano a grandi cicatrici nel mezzo della foresta.

Modelli di utilizzo del suolo di colonie mennonite selezionate in America Latina. Crediti: Estratto dalla pubblicazione Pii pionieri: l’espansione delle colonie mennonite in America Latina.

La perdita di copertura forestale nei territori di queste colonie ha attirato l’attenzione delle autorità ambientali. Nell’Amazzonia del Perù, ad esempio, le colonie installate nelle regioni di Loreto e Ucayali devono affrontare indagini fiscali. A Padre Márquez (tra Loreto e Ucayali), la procura sta indagando sulla deforestazione di 338 ettari; a Masisea (Ucayali) il caso ruota attorno alla perdita di 894 ettari e 1400 ettari nella colonia di Tierra Blanca (Loreto). Un punto comune unisce questi tre casi: la storia del traffico di terra dietro l’acquisizione della terra.

Il caso di Tiruntán, che è una delle storie indagate per questo speciale, si concentra proprio sul traffico di terra dietro l’acquisizione delle proprietà e sull’indagine per cambio di destinazione d’uso non autorizzato. Inoltre, vengono rivelati gli incontri tenuti dai leader delle colonie mennonite e dai loro avvocati nelle più alte sfere politiche per legalizzare la loro occupazione.

In Paraguay, i pubblici ministeri hanno ascoltato una causa intentata da un abitante del villaggio che ha denunciato come i macchinari di una colonia mennonita abbiano demolito almeno tre ettari di foreste e distrutto un estuario nel mezzo della riserva della comunità Pindo’i. In attesa di una sentenza, gli oltre 600 avvisi di deforestazione indicano che la perdita di foreste continua.

Una delle deviazioni che porta alla comunità indigena Pindo’i del popolo Mbya, è una perfetta strada acciottolata. Foto: Mario Silvero.

In Colombia, le rivendicazioni delle comunità indigene Sikuani di Meta per le terre ancestrali occupate dalle colonie mennonite sono state affrontate anche da Cormacarena, l’autorità ambientale. Ci sono tre processi sanzionatori registrati per l’abbattimento delle foreste a galleria e l’inquinamento nelle sorgenti d’acqua. E sebbene i mennoniti abbiano assunto impegni con l’autorità per il recupero delle foreste colpite, le comunità denunciano che la deforestazione non si è fermata.

“Hanno disboscato quello che penso sia quasi un ettaro di alberi vicino a Itwitsulibo. Anche il legno è ancora lì, non l’hanno raccolto”, dice il governatore Alexander Alvarez del territorio ancestrale di Itwitsulobo.

In Messico e Bolivia, le colonie mennonite si sono insediate e hanno acquistato terre nella giungla Maya e nell’Amazzonia che hanno rapidamente cessato di essere foreste per diventare campi agricoli. A Quintana Roo, in Messico, è stato riferito che alcuni mennoniti stanno diventando ejidatarios per raggiungere la loro missione e in Bolivia le organizzazioni ambientaliste indicano che in alcuni casi si fingono contadini per ottenere titoli di terra e poi sfruttarli. Solo in Messico, nel 2018, l’autorità ambientale ha stabilito che è stato effettuato un cambiamento di destinazione d’uso del suolo in almeno 1316 ettari forestali senza autorizzazione.

Il sistema consiste nel bruciare prima gli alberi, poi detroncare e quindi preparare la terra per la coltivazione. Foto: Mario Silvero.

Le denunce e i modelli di occupazione del territorio si ripetono in molti dei paesi inclusi in questo speciale. In effetti, le colonie mennonite si sono spostate da un punto all’altro all’interno della regione. Così Yann le Polain de Waroux lo spiega con due esempi: “Vedo come due movimenti. Uno è quello dei mennoniti messicani, delle vecchie colonie di Chihuahua, per esempio, che incontrano mutevoli condizioni di insicurezza, problemi idrici e siccità che cercano una via d’uscita. Sono quelli che vedete in Colombia e anche ora nelle nuove colonie in Argentina. L’altro sono le colonie boliviane, con una crescita impressionante, alcune delle quali sono in Perù e sono alla ricerca di nuove terre all’interno della Bolivia ma anche all’estero”. Quale sarà l’impatto di queste colonie mennonite sulle terre dell’America Latina?

Questa indagine transfrontaliera è coordinata da Mongabay Latam in collaborazione con la colombiana Rutas del Conflicto e la boliviana El Deber.

Edizione generale: Alexa Velez. Editor: Thelma Gómez, Michelle Carrere e María Isabel Torres. Coordinazione: Vanessa Romo. Team giornalistico: Yvette Sierra, Vanessa Romo e Alexa Vélez di Mongabay Latam; Natalia Brito e Pilar Puentes di Rutas del Conflicto in Colombia; Ivan Paredes di El Deber della Bolivia; Aldo Benitez dal Paraguay e Valeria e Robin Canul dal Messico. Produzione audiovisiva: Richard Romero. Foto e video: Ana María Guzmán, Hugo Alejos, Robin Canul, Juan González, Mario Silvero e Edwin Caballero. Pubblico e reti: Dalia Medina e Richard Romero.

*Immagine principale: Le colonie mennonite avanzano tra ecosistemi come la foresta meidana sub-sempreverde, le foreste basse allagate, le savane e altri ecosistemi interconnessi. Con l’uso di macchinari pesanti fanno cambiamenti di uso del suolo per la conversione agricola intensiva. Foto: Robin Canul.

**Originariamente pubblicato su Mongabay Latam

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

amazzoniaamerica latinadeforestazioneESTRATTIVISMO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alle radici dell’Antropocene

L’Antropocene può essere definito come l’era del pianeta Terra in cui una singola specie (Homo sapiens sapiens) ha preso il sopravvento su tutte le altre e ha tanto rapidamente e radicalmente trasformato l’intera ecosfera da mettere in pericolo la propria stessa esistenza.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Centralizzazione della proprietà e capitalismo contemporaneo – A proposito di “La guerra capitalista”

La tesi del libro è molto semplice e chiara. Secondo gli autori, nel capitalismo contemporaneo è ravvisabile, dati alla mano, una “legge” di tendenza verso la centralizzazione del capitale, che inevitabilmente porta alla distruzione della democrazia e fomenta la guerra.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Circuiti di guerra” di Marco D’Eramo

L’articolo affronta il recente ed esteso blocco tecnologico imposto dagli Stati Uniti alla Cina soprattutto nel settore fondamentale dei semiconduttori/microchip.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove va la globalizzazione?

La crisi indotta dalla pandemia covid-19 ha impattato un sistema economico globale che a inizio 2020 era già percorso da molte­plici smottamenti: guerra dei dazi Usa-Cina, caduta delle borse nel 2018 tamponata con le solite iniezioni di liquidità delle banche centrali, segni di recessione in Giappone e Germania ed enormi interventi sul mercato repo [1] della Federal Reserve statunitense a fine 2019.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le Autonome. Storie di donne del Sud

Nel testo, l’autrice prova a tracciare – a nostro avviso con lucidità e schiettezza – le connessioni, spesso tortuose, tra i movimenti autonomi, i femminismi e la «questione meridionale», ponendo l’accento sulla difficoltà e sui nodi irrisolti dell’essere al contempo donna, femminista e militante al sud. 

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sainte-Soline: proposte per un’autonomia delle lotte

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa serie di traduzioni che partendo dalle lotte contro il mega-bacino idrico a Sainte-Soline aprono il dibattito sull’interpretazione dell’ecologismo e su quali strategie per un’autonomia delle lotte. Ci pare un dibattito interessante che pone alcuni interrogativi con cui sarebbe utile interagire, intanto buona lettura!

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Alcune riflessioni sulle lotte della logistica

Nel settore della logistica appunto lo scontro quotidiano è caratterizzato dalla riscoperta di forme di lotta territoriali, già proprie del vecchio movimento operaio, dai picchetti ai blocchi stradali, che sono molto efficaci, in quanto vanno a bloccare la circolazione delle merci, provocando danni notevoli al padronato.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

13-14 dicembre: InfoWarfare – Il campo di battaglia dell’informazione

Al giorno d’oggi, assistiamo sempre più ad un fenomeno di omologazione nel mondo dell’informazione.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Economia e guerra

Quello che ci interessa capire è in che modo il «ritorno» dello Stato al centro dei processi regolativi per coniugare ciclo economico e interessi di difesa nazionale (quello che è stato definito «nuovo capitalismo politico») e il tentativo (se c’è davvero) di ricostruzione di nuovi blocchi sociali (attorno alla stessa questione della guerra?),si coniugano con le fibrillazioni geopolitiche ed una guerra scoppiata nel cuore dell’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Rosso banlieue: il politico nella periferia – Intervista ad Atanasio Bugliari Goggia

Atanasio Bugliari Goggia è autore di un libro uscito qualche mese fa che si chiama Rosso banlieue – un volume che si compone sostanzialmente di due parti: una parte più teorica e una invece più di racconto/restituzione di quella che è una ricerca, un’inchiesta potremmo dire, che Atanasio ha svolto nella banlieue nord-est di Parigi un po’ di anni fa – tra il 2011 e il 2013.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Colombia: La NATO nell’Amazonas, Petro gioca con il fuoco

All’inizio di questo mese, il presidente Petro ha invitato le forze militari degli USA e della NATO nell’Amazzonia con il pretesto che il macchinario da guerra imperiale potrebbe essere riutilizzato come “polizia” destinata a proteggere l’ambiente al posto del vecchio stratagemma della guerra contro le droghe.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La frana di Ischia tra l’ipocrisia generale

Dopo la frana di Ischia è partita la gara ad attribuire le responsabilità, ma nessuno si spinge a fare due più due: il cocktail esplosivo di selvaggia messa a profitto dei territori e crisi climatica che tutti sembrano voler rimuovere. Domani questa ennesima lezione sarà già dimenticata?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Le luci sono del popolo. Accesso all’energia e povertà energetica/5

L’Uruguay si è trasformato in un Paese paradigmatico per il dibattito sulla transizione energetica nel continente latinoamericano.

Immagine di copertina per il post
Culture

Saramago, Lisbona e il pallone

Il 16 novembre 1922 nasceva nel piccolo comune di Azinhaga, facente parte del distretto del Portogallo centrale di Santarém, lo scrittore José de Sousa Saramago.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Olimpiadi Milano-Cortina 2026, Giochi Pericolosi

A partire dalla presentazione di una giornata di analisi e controinformazione che si terrà all’Università Statale di Milano sabato 19 novembre, abbiamo toccato i vari punti critici delle Olimpiadi Invernali 2026 e della devastazione ambientale e urbana che la loro preparazione comporta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Neocolonialismo nell’Amazzonia brasiliana: il caso del colonialismo del carbonio a Portel

Un nuovo studio illustra il caso di un’iniziativa nel comune di Portel, nello stato del Pará, nell’Amazzonia brasiliana, che indica quello che può essere definito “colonialismo del carbonio”.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sognavo di essere una camionista

La storia de Las Reinas de la 57, otto camioniste protagoniste di un progetto di documentazione del fotografo Miguel Pérez, che ha deciso di raccontare la loro quotidianità sulla strada, con i loro sogni e le loro lotte.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

RADURA || OTTAVA PUNTATA: “LUCE FU”. IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO

Ottava puntata. Andiamo ad affrontare il tema caldo del momento, ma come sempre con uno sguardo situato all’interno delle periferie e delle provincie del nostro paese. L’energia. Pensate a serie come Dark, film come Sindrome Cinese ed Erin Brockovich, cartoni come i Simpson: il copione è piuttosto consumato, cittadine di provincia che ruotano attorno ad […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Come l’industria mineraria prevede di trarre profitto dalla transizione energetica/1

E’ probabilmente raro che la maggior parte di noi ci ragioni sopra con cadenza quotidiana, ma la manciata di società transnazionali che dominano l’industria mineraria svolge un ruolo chiave nel fornire i materiali per i beni che ogni giorno usiamo, dagli smartphone al cibo. I loro profitti derivano dal loro ruolo nella produzione di questi […]