InfoAut
Immagine di copertina per il post

Insurrezione e abolizione: Angela Davis riflette sullo slogan “defund the police” e sulla costruzione e sui prossimi passi del movimento BLM

||||

Abbiamo tradotto questo stralcio di intervista ad Angela Davis per Democarcy Now! in cui riflette su qual’è il significato dello slogan “Defund the Police” che ha portato avanti il movimento Black Lives Matter dopo l’omicidio razziale di George Floyd da parte della polizia.

La rivolta contro la violenza della polizia e il razzismo contro i neri continua a diffondersi in tutti gli Stati Uniti e nei paesi di tutto il mondo, generando un regolamento di conti nei corridoi del potere e per le strade. Le proteste di massa dopo la morte di George Floyd per mano della polizia a Minneapolis il 25 maggio hanno cambiato drasticamente l’opinione pubblica sulla polizia e il razzismo sistemico, mentre lo slogan “Defund the Police” diventa un grido per la lotta del movimento.

Per saperne di più su questo momento storico, stavamo chiacchierando con Angela Davis, la leggendaria attivista e accademica. “Non si sa mai quando le condizioni possono portare a una situazione come quella attuale, che cambia rapidamente la coscienza popolare e improvvisamente ci permette di muoverci verso un cambiamento radicale”, dice. “L’intensità di queste manifestazioni non sarà in grado di sostenersi nel tempo, ma dobbiamo prepararci a cambiare il metodo e affrontare questi problemi in diversi settori.”

 

Trascrizione

Questa trascrizione è una bozza che può essere soggetta a modifiche.

 

 

AMY GOODMAN: Questa è democracynow.org, la notizia della guerra e della pace, la notizia della quarantena. Sono Amy Goodman. Mentre la rivolta nazionale contro la violenza della polizia e il razzismo continua ad agitare il paese e il mondo, abbattendo monumenti ai leader confederati e forzando un regolamento dei conti presso la sede del governo locale e per le strade, il presidente Trump ha difeso le forze di sicurezza, respingendo le crescenti richieste di “defund” della polizia. Trump ha parlato ad un evento, simile a un evento della campagna elettorale, in una chiesa di Dallas, Texas. Lì annunciò un nuovo ordine esecutivo che esortava i dipartimenti di polizia ad adottare norme nazionali per l’uso della forza. Trump non ha invitato i tre alti funzionari dell’agenzia di sicurezza a Dallas, che sono tutti afroamericani. La mossa arriva dopo che Trump ha definito i manifestanti “thugs” e ha minacciato di schierare l’esercito degli Stati Uniti per porre fine alle “sommosse e l’anarchia”. Questo è Trump, parlando l’11 giugno.

IL PRESIDENTE DONALD TRUMP: Vogliono sbarazzarsi delle forze di polizia. È quello che vogliono veramente, che scompaiano. Questa è la loro strategia e il loro obiettivo. E lo sappiamo perché, se arriveremo al potere, non ci sarà molta leadership. Non c’è più molta leadership.

Invece, dobbiamo andare nella direzione opposta. Dobbiamo investire più energia e risorse nella formazione della polizia, nel reclutamento e nell’impegno della comunità. Dobbiamo rispettare la nostra polizia. Dobbiamo prenderci cura della nostra polizia. Ci stanno proteggendo. E se sono autorizzati a fare il loro lavoro, faranno molto bene. C’è sempre una mela marcia, non importa dove vai. Ci sono mele marce. Ma non ce ne sono molti. E posso dirvi che non ce ne sono troppi nel dipartimento di polizia. Conosciamo tutti molti membri della polizia.

AMY GOODMAN: Anche il candidato democratico alla presidenza Joe Biden sta sostenendo un aumento dei fondi della polizia. In un articolo pubblicato su USA Today, Biden ha proposto che i dipartimenti di polizia ricevano ulteriori 300 milioni di dollari per “rivitalizzare la sorveglianza nelle comunità del nostro paese”. L’11 giugno, Biden ha parlato dei finanziamenti della polizia al Daily Show.

JOE BIDEN: Non credo che la polizia debba essere definanziata, ma credo che i dipartimenti debbano essere in grado di fare riforme significative in materia. Dovremmo fissate uno standard nazionale per l’uso della forza.

AMY GOODMAN: Tuttavia, molti dicono che la riforma non risolverà il problema del razzismo insito nel sistema di polizia. Dall’inizio del movimento di protesta globale, Minneapolis si è impegnata a smantellare il suo dipartimento di polizia, i sindaci di Los Angeles e New York hanno promesso di tagliare i bilanci dei loro dipartimenti di polizia, e lo slogan “defund the police” si sente in spazi che sarebbero stati impensabili solo poche settimane fa.

Per saperne di più su questo momento storico abbiamo oggi nel programma la leggendaria attivista e studiosa Angela Davis, professoressa emerita presso l’Università della California, Santa Cruz. Per mezzo secolo, Angela Davis è stata una delle attiviste e intellettuali più influenti negli Stati Uniti, un’icona del movimento di liberazione nero. Il lavoro di Angela Davis su genere, razza, classe e carcere ha influenzato il pensiero critico e i movimenti sociali per diverse generazioni. È una delle principali sostenitrici dell’abolizione delle carceri, una posizione formata dalla sua esperienza come detenuta e fuggitiva dall’FBI, che l’ha inclusa nella lista delle 10 persone più ricercate, più di 40 anni fa. Dopo la sua cattura, fu condannata alla pena di morte in California. È stata assolta da tutte le accuse e da allora ha passato la sua vita lottando per riformare il sistema giudiziario penale.

Angela Davis, bentornato a Democracy Now! È un piacere averti con noi oggi durante tutto il programma.

ANGELA DAVIS: Grazie mille, Amy. È meraviglioso essere qui.

AMY GOODMAN: Pensi che stiamo affrontando un momento critico, di cambiamento? Voi, che siete stati coinvolti nell’attivismo per quasi mezzo secolo, considerate questo come un tempo diverso, forse più diverso di qualsiasi altro periodo storico che avete vissuto?

ANGELA DAVIS: Assolutamente. Questo è un momento straordinario. Non ho mai sperimentato nulla di simile a quello che stiamo vivendo nelle condizioni attuali: il frangente creato dalla pandemia COVID-19 e il riconoscimento dell’esistenza del razzismo sistemico, che è diventato visibile in queste condizioni dal numero sproporzionato di morti tra le comunità nere e latine. E questo è un momento che non so se mi sarei mai aspettata di vivere. Naturalmente, quando le proteste sono iniziate in seguito alla morte di George Floyd e Breonna Taylor e Ahmaud Arbery e Tony McDade e molti altri che hanno perso la vita per mano della violenza razzista e della guerra di polizia dello stato…

Quando sono scoppiate le proteste, ho ricordato qualcosa che ho detto molte volte per incoraggiare gli attivisti, che spesso sentono che il lavoro che fanno non porta a risultati tangibili. Vi chiedo spesso di considerare la lunga traiettoria delle lotte delle vite nere. Ancora più importante, sono stati forgiati lasciti, nuovi spazi di lotta che possono essere trasmessi alle generazioni più giovani.

Ma ho spesso detto che non si sa mai quando le condizioni possono portare a una situazione come quella attuale, che cambia rapidamente la coscienza popolare e che improvvisamente ci permette di muoverci nella direzione di un cambiamento radicale. Se non partecipi a un lavoro costante che coinvolge momenti come questo, non saremo in grado di sfruttare le opportunità di cambiamento. E, naturalmente, questo momento passerà. L’intensità delle proteste attuali non può essere mantenuta nel tempo, ma dovremo essere pronti a cambiare marcia e affrontare questi problemi in spazi diversi, tra cui, naturalmente, il campo elettorale.

AMY GOODMAN: Angela Davis è stata a lungo un leader del movimento di resistenza critica del movimento abolizionista. Potrebbe spiegare le richieste del movimento, dal suo punto di vista, cosa si dovrebbe fare in termini di bilancio della polizia e di abolizione delle carceri?

ANGELA DAVIS: Penso che l’invito a definanziare la polizia sia una richiesta abolizionista, ma riflette solo un aspetto del processo che rappresenta tale domanda. Definanziare la polizia non significa semplicemente prelevare fondi dalle forze dell’ordine e non fare nient’altro. E sembra che questa sia la percezione, piuttosto superficiale, che ha fatto muovere Biden nella direzione che vediamo ora.

“Defunding” significa trasferire fondi pubblici a nuove istituzioni e nuovi servizi, come i consulenti per la salute mentale, che possono assistere le persone in crisi senza usare le armi. Si tratta di trasferire fondi all’istruzione, all’alloggio, alla ricreazione. Tutte queste cose aiutano a creare sicurezza e protezione. Si tratta di imparare che la sicurezza, salvaguardata dalla violenza, non è davvero sicurezza.

E direi che l’abolizionismo non è una strategia particolarmente negativa. Non si tratta solo di smantellare o smaltire [di questi organismi], si tratta di adottare una nuova visione. Si tratta di costruire qualcosa di nuovo. E direi che l’abolizione è una strategia femminista. È evidente, in queste emergenti richieste abolizionista, l’influenza fondamentale delle teorie e delle pratiche femministe.

AMY GOODMAN: Potresti spiegarlo ulteriormente?

ANGELA DAVIS: Voglio che vediamo il femminismo non solo come qualcosa che si concentra sulle questioni di genere, ma piuttosto come un approccio metodologico alla comprensione dell’intersezionalità di lotte e problemi. Il femminismo abolizionista contrasta il femminismo carcerario, che purtroppo ha ipotizzato che problemi come la violenza contro le donne possano essere efficacemente affrontati attraverso l’uso delle forze di polizia, usando l’incarcerazione come soluzione. E, naturalmente, sappiamo che Joseph Biden, che sostiene che la legge sulla violenza contro le donne è stato un momento molto importante nella sua carriera, ha spinto questa legge, che è stata redatta sotto il Violent Crime Control and Law Enforcement Act, il Clinton Anti-Crime Act del 1994.

E ciò che chiediamo è un processo di depenalizzazione, riconoscendo che le minacce alla sicurezza, ai sistemi di protezione, non provengono principalmente da ciò che viene definito crimine, ma dal fallimento delle istituzioni del nostro paese nell’affrontare i problemi della salute, della violenza, dell’istruzione, ecc. Quindi abolire significa in realtà ripensare che tipo di futuro vogliamo nel sociale, economico e politico. Questa è una rivoluzione, a mio parere.

AMY GOODMAN: Nel suo libro “La libertà è una battaglia costante”, scrivi: “L’ideologia neoliberale ci porta a concentrarci sugli individui, su noi stessi, sulle singole vittime e sugli aggressori. Ma come è possibile risolvere il grande problema della violenza di Stato razzista facendo in modo che gli agenti di polizia, in quanto individui, siano responsabili di tale storia e anche presumere che con l’azione penale, compiendo la nostra vendetta su di loro, avremo in qualche modo fatto progressi nell’eradicazione del razzismo?” Spiega esattamente quali sono le tue richieste.

ANGELA DAVIS: La logica neoliberale presuppone che l’unità fondamentale della società sia l’individuo. Lo chiamerei l’individuo astratto. Secondo questa logica, i neri possono combattere il razzismo andando avanti da soli. Questa logica riconosce, o meglio non riconosce che esistono barriere istituzionali che non possono essere abbattute dalla determinazione individuale. Se una persona di colore non ha i mezzi per frequentare l’università, la soluzione, secondo molti, non è un’azione affermativa, ma la persona ha semplicemente bisogno di provare di più, ottenere buoni voti e fare tutto il necessario per acquisire i fondi per pagare le tasse universitarie. La logica neoliberale ci scoraggia dal pensare alla soluzione più semplice, che è l’educazione gratuita.

Penso al fatto che siamo consapevoli della necessità di queste strategie istituzionali almeno dal 1935, naturalmente prima, ma dico 1935 perché in quell’anno W. E. B. Du Bois ha pubblicato il suo libro fondamentale “Black Reconstruction in America”. E la questione non era cosa i neri dovrebbero fare come individui, ma come riorganizzare e ristrutturare la società post-schiavitù per garantire l’incorporazione di coloro che sono stati schiavizzati in precedenza. La società non poteva rimanere la stessa, o non avrebbe dovuto rimanere la stessa. Il neoliberismo resiste al cambiamento individuale. Chiede all’individuo di adattarsi alle condizioni del capitalismo, alle condizioni del razzismo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Approfondimentidi redazioneTag correlati:

angela davisBLACK LIVES MATTERDEFUND THE POLICEI CAN'T BREATHE

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il ciclo breve dei Csoa, tra spontaneità e organizzazione

Quello di Giovanni Iozzoli, militante e fondatore di Officina 99, uno dei più importanti centri sociali degli anni Novanta, è uno sguardo di parte ma laico.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Le “collaborazioni” delle Università: ma la scienza è neutrale?

Se la scienza possa o non possa essere neutrale rispetto al suo utilizzo per finalità diverse è un tema che merita qualche riflessione non troppo superficiale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: giustizia per Tyre Nichols

Tyre Nichols, un uomo nero di 29 anni, è stato picchiato a morte senza pietà all’inizio di questo mese durante un blocco del traffico da cinque agenti del dipartimento di polizia di Memphis.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atlanta: attivista ucciso dalla polizia durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta contro “Cop City”

Un attivista è stato ucciso dalla polizia mercoledì durante una violenta irruzione nell’accampamento di protesta e spazio di aggregazione della comunità che ha bloccato la costruzione di un’enorme struttura di addestramento della polizia, nota come “Cop City”, su circa 100 acri di foresta pubblica nel sud-est di Atlanta.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: ennesimo omicidio di polizia. La vittima è un insegnante afrodiscendente

Un’altra vittima della violenza razzista della polizia negli Stati Uniti. Lo scorso 3 gennaio, a Los Angeles, l’insegnante 31enne, afrodiscendente, Keenan Anderson, è stato ucciso da agenti che lo hanno colpito con il taser per oltre 30 secondi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: le uccisioni della polizia hanno raggiunto un livello record nel 2022

Secondo una nuova analisi dei dati, l’anno scorso è stato il più letale per quanto riguarda la brutalità della polizia negli Stati Uniti e le vittime sono state per lo più nere.

Immagine di copertina per il post
Culture

Palestina: dovrei credere nella violenza?

Con il 2022 destinato a essere “l’anno più mortale” per i palestinesi in Cisgiordania, Mohammed El-Kurd rifiuta di essere costretto a giustificare il diritto del suo popolo di resistere all’occupazione israeliana, in particolare a coloro che approvano la violenza perpetrata su di esso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: Jayland Walker ucciso dalla polizia con 60 colpi di pistola

Lunedì scorso Jayland Walker, afroamericano, è stato ucciso dalla polizia ad Akron in Ohio con 60 colpi di arma da fuoco. L’uomo venticinquenne era disarmato e l’omicidio sarebbe avvenuto dopo un’inseguimento scaturito, secondo la versione della polizia, da una non meglio precisata violazione stradale. Jayland Walker è stato vittima dell’ennesimo omicidio razziale per mano della […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inizia lo sgombero del campo profughi di Eleonas, l’ultimo campo della città di Atene

Riceviamo e pubblichiamo da un compagno presente in loco… Inizia così la deportazione della popolazione nei campi di confinamento sparsi per le campagne. 220 persone dovrebbero essere trasportate nei campi di Scist, Ritsona e Malakasa, contro la loro volontà. Ma ieri hanno detto chiaramente che nessuno vuole lasciare il campo, nessuno vuole lasciare la città. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: PROTESTE IN MICHIGAN PER L’OMICIDIO POLIZIESCO DI PATRICK LYOYA

Proteste in Michigan per la morte del 26enne Patrick Lyoya, di origine congolesi e padre di due bambine, ucciso da un poliziotto durante un controllo stradale, mentre era a terra. L’episodio è avvenuto il 4 aprile a Grand Rapids, Michigan, ma la polizia ha diffuso solo in queste ore il video. Un ulteriore video è […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ad un anno dall’assalto di Capitol Hill pt 5. La polarizzazione

Le puntate precedenti: parte 1 | parte 2 | parte 3 | parte 4 Il nuovo attivismo di estrema destra Steve Bannon, ispiratore dell’alt-right e consigliere elettorale di Trump, nel 2013 si definì come un “leninista” che ambiva alla distruzione dello Stato. Questa uscita, evidentemente provocatoria, nasconde però alcuni elementi interessanti rispetto alla mutazione che i circoli […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Classe universale o identitarismo nazionalistico?

di Sandro Moiso da Carmilla Calusca City Lights e radiocane.info (a cura di), RIOT! George Floyd Rebellion 2020. Fatti, testimonianze, riflessioni, Edizioni Colibrì, Milano 2021 L’ultima fatica saggistica degli infaticabili compagni della Calusca City Light e delle Edizioni Colibrì di Renato Varani tocca, come al solito, un tema non soltanto d’attualità ma anche scottante, soprattutto […]