Insurrezione e abolizione: Angela Davis riflette sullo slogan "defund the police" e sulla costruzione e sui prossimi passi del movimento BLM

Stampa

Abbiamo tradotto questo stralcio di intervista ad Angela Davis per Democarcy Now! in cui riflette su qual'è il significato dello slogan "Defund the Police" che ha portato avanti il movimento Black Lives Matter dopo l'omicidio razziale di George Floyd da parte della polizia.

||||
|||| ||||

La rivolta contro la violenza della polizia e il razzismo contro i neri continua a diffondersi in tutti gli Stati Uniti e nei paesi di tutto il mondo, generando un regolamento di conti nei corridoi del potere e per le strade. Le proteste di massa dopo la morte di George Floyd per mano della polizia a Minneapolis il 25 maggio hanno cambiato drasticamente l'opinione pubblica sulla polizia e il razzismo sistemico, mentre lo slogan "Defund the Police" diventa un grido per la lotta del movimento.

Per saperne di più su questo momento storico, stavamo chiacchierando con Angela Davis, la leggendaria attivista e accademica. "Non si sa mai quando le condizioni possono portare a una situazione come quella attuale, che cambia rapidamente la coscienza popolare e improvvisamente ci permette di muoverci verso un cambiamento radicale", dice. "L'intensità di queste manifestazioni non sarà in grado di sostenersi nel tempo, ma dobbiamo prepararci a cambiare il metodo e affrontare questi problemi in diversi settori."

 

Trascrizione

Questa trascrizione è una bozza che può essere soggetta a modifiche.

 

 

AMY GOODMAN: Questa è democracynow.org, la notizia della guerra e della pace, la notizia della quarantena. Sono Amy Goodman. Mentre la rivolta nazionale contro la violenza della polizia e il razzismo continua ad agitare il paese e il mondo, abbattendo monumenti ai leader confederati e forzando un regolamento dei conti presso la sede del governo locale e per le strade, il presidente Trump ha difeso le forze di sicurezza, respingendo le crescenti richieste di "defund" della polizia. Trump ha parlato ad un evento, simile a un evento della campagna elettorale, in una chiesa di Dallas, Texas. Lì annunciò un nuovo ordine esecutivo che esortava i dipartimenti di polizia ad adottare norme nazionali per l'uso della forza. Trump non ha invitato i tre alti funzionari dell'agenzia di sicurezza a Dallas, che sono tutti afroamericani. La mossa arriva dopo che Trump ha definito i manifestanti "thugs" e ha minacciato di schierare l'esercito degli Stati Uniti per porre fine alle "sommosse e l'anarchia". Questo è Trump, parlando l'11 giugno.

IL PRESIDENTE DONALD TRUMP: Vogliono sbarazzarsi delle forze di polizia. È quello che vogliono veramente, che scompaiano. Questa è la loro strategia e il loro obiettivo. E lo sappiamo perché, se arriveremo al potere, non ci sarà molta leadership. Non c'è più molta leadership.

Invece, dobbiamo andare nella direzione opposta. Dobbiamo investire più energia e risorse nella formazione della polizia, nel reclutamento e nell'impegno della comunità. Dobbiamo rispettare la nostra polizia. Dobbiamo prenderci cura della nostra polizia. Ci stanno proteggendo. E se sono autorizzati a fare il loro lavoro, faranno molto bene. C'è sempre una mela marcia, non importa dove vai. Ci sono mele marce. Ma non ce ne sono molti. E posso dirvi che non ce ne sono troppi nel dipartimento di polizia. Conosciamo tutti molti membri della polizia.

AMY GOODMAN: Anche il candidato democratico alla presidenza Joe Biden sta sostenendo un aumento dei fondi della polizia. In un articolo pubblicato su USA Today, Biden ha proposto che i dipartimenti di polizia ricevano ulteriori 300 milioni di dollari per "rivitalizzare la sorveglianza nelle comunità del nostro paese". L'11 giugno, Biden ha parlato dei finanziamenti della polizia al Daily Show.

JOE BIDEN: Non credo che la polizia debba essere definanziata, ma credo che i dipartimenti debbano essere in grado di fare riforme significative in materia. Dovremmo fissate uno standard nazionale per l'uso della forza.

AMY GOODMAN: Tuttavia, molti dicono che la riforma non risolverà il problema del razzismo insito nel sistema di polizia. Dall'inizio del movimento di protesta globale, Minneapolis si è impegnata a smantellare il suo dipartimento di polizia, i sindaci di Los Angeles e New York hanno promesso di tagliare i bilanci dei loro dipartimenti di polizia, e lo slogan "defund the police" si sente in spazi che sarebbero stati impensabili solo poche settimane fa.

Per saperne di più su questo momento storico abbiamo oggi nel programma la leggendaria attivista e studiosa Angela Davis, professoressa emerita presso l'Università della California, Santa Cruz. Per mezzo secolo, Angela Davis è stata una delle attiviste e intellettuali più influenti negli Stati Uniti, un'icona del movimento di liberazione nero. Il lavoro di Angela Davis su genere, razza, classe e carcere ha influenzato il pensiero critico e i movimenti sociali per diverse generazioni. È una delle principali sostenitrici dell'abolizione delle carceri, una posizione formata dalla sua esperienza come detenuta e fuggitiva dall'FBI, che l'ha inclusa nella lista delle 10 persone più ricercate, più di 40 anni fa. Dopo la sua cattura, fu condannata alla pena di morte in California. È stata assolta da tutte le accuse e da allora ha passato la sua vita lottando per riformare il sistema giudiziario penale.

Angela Davis, bentornato a Democracy Now! È un piacere averti con noi oggi durante tutto il programma.

ANGELA DAVIS: Grazie mille, Amy. È meraviglioso essere qui.

AMY GOODMAN: Pensi che stiamo affrontando un momento critico, di cambiamento? Voi, che siete stati coinvolti nell'attivismo per quasi mezzo secolo, considerate questo come un tempo diverso, forse più diverso di qualsiasi altro periodo storico che avete vissuto?

ANGELA DAVIS: Assolutamente. Questo è un momento straordinario. Non ho mai sperimentato nulla di simile a quello che stiamo vivendo nelle condizioni attuali: il frangente creato dalla pandemia COVID-19 e il riconoscimento dell'esistenza del razzismo sistemico, che è diventato visibile in queste condizioni dal numero sproporzionato di morti tra le comunità nere e latine. E questo è un momento che non so se mi sarei mai aspettata di vivere. Naturalmente, quando le proteste sono iniziate in seguito alla morte di George Floyd e Breonna Taylor e Ahmaud Arbery e Tony McDade e molti altri che hanno perso la vita per mano della violenza razzista e della guerra di polizia dello stato...

Quando sono scoppiate le proteste, ho ricordato qualcosa che ho detto molte volte per incoraggiare gli attivisti, che spesso sentono che il lavoro che fanno non porta a risultati tangibili. Vi chiedo spesso di considerare la lunga traiettoria delle lotte delle vite nere. Ancora più importante, sono stati forgiati lasciti, nuovi spazi di lotta che possono essere trasmessi alle generazioni più giovani.

Ma ho spesso detto che non si sa mai quando le condizioni possono portare a una situazione come quella attuale, che cambia rapidamente la coscienza popolare e che improvvisamente ci permette di muoverci nella direzione di un cambiamento radicale. Se non partecipi a un lavoro costante che coinvolge momenti come questo, non saremo in grado di sfruttare le opportunità di cambiamento. E, naturalmente, questo momento passerà. L'intensità delle proteste attuali non può essere mantenuta nel tempo, ma dovremo essere pronti a cambiare marcia e affrontare questi problemi in spazi diversi, tra cui, naturalmente, il campo elettorale.

AMY GOODMAN: Angela Davis è stata a lungo un leader del movimento di resistenza critica del movimento abolizionista. Potrebbe spiegare le richieste del movimento, dal suo punto di vista, cosa si dovrebbe fare in termini di bilancio della polizia e di abolizione delle carceri?

ANGELA DAVIS: Penso che l'invito a definanziare la polizia sia una richiesta abolizionista, ma riflette solo un aspetto del processo che rappresenta tale domanda. Definanziare la polizia non significa semplicemente prelevare fondi dalle forze dell'ordine e non fare nient'altro. E sembra che questa sia la percezione, piuttosto superficiale, che ha fatto muovere Biden nella direzione che vediamo ora.

"Defunding" significa trasferire fondi pubblici a nuove istituzioni e nuovi servizi, come i consulenti per la salute mentale, che possono assistere le persone in crisi senza usare le armi. Si tratta di trasferire fondi all'istruzione, all'alloggio, alla ricreazione. Tutte queste cose aiutano a creare sicurezza e protezione. Si tratta di imparare che la sicurezza, salvaguardata dalla violenza, non è davvero sicurezza.

E direi che l'abolizionismo non è una strategia particolarmente negativa. Non si tratta solo di smantellare o smaltire [di questi organismi], si tratta di adottare una nuova visione. Si tratta di costruire qualcosa di nuovo. E direi che l'abolizione è una strategia femminista. È evidente, in queste emergenti richieste abolizionista, l'influenza fondamentale delle teorie e delle pratiche femministe.

AMY GOODMAN: Potresti spiegarlo ulteriormente?

ANGELA DAVIS: Voglio che vediamo il femminismo non solo come qualcosa che si concentra sulle questioni di genere, ma piuttosto come un approccio metodologico alla comprensione dell'intersezionalità di lotte e problemi. Il femminismo abolizionista contrasta il femminismo carcerario, che purtroppo ha ipotizzato che problemi come la violenza contro le donne possano essere efficacemente affrontati attraverso l'uso delle forze di polizia, usando l'incarcerazione come soluzione. E, naturalmente, sappiamo che Joseph Biden, che sostiene che la legge sulla violenza contro le donne è stato un momento molto importante nella sua carriera, ha spinto questa legge, che è stata redatta sotto il Violent Crime Control and Law Enforcement Act, il Clinton Anti-Crime Act del 1994.

E ciò che chiediamo è un processo di depenalizzazione, riconoscendo che le minacce alla sicurezza, ai sistemi di protezione, non provengono principalmente da ciò che viene definito crimine, ma dal fallimento delle istituzioni del nostro paese nell'affrontare i problemi della salute, della violenza, dell'istruzione, ecc. Quindi abolire significa in realtà ripensare che tipo di futuro vogliamo nel sociale, economico e politico. Questa è una rivoluzione, a mio parere.

AMY GOODMAN: Nel suo libro "La libertà è una battaglia costante", scrivi: "L'ideologia neoliberale ci porta a concentrarci sugli individui, su noi stessi, sulle singole vittime e sugli aggressori. Ma come è possibile risolvere il grande problema della violenza di Stato razzista facendo in modo che gli agenti di polizia, in quanto individui, siano responsabili di tale storia e anche presumere che con l'azione penale, compiendo la nostra vendetta su di loro, avremo in qualche modo fatto progressi nell'eradicazione del razzismo?" Spiega esattamente quali sono le tue richieste.

ANGELA DAVIS: La logica neoliberale presuppone che l'unità fondamentale della società sia l'individuo. Lo chiamerei l'individuo astratto. Secondo questa logica, i neri possono combattere il razzismo andando avanti da soli. Questa logica riconosce, o meglio non riconosce che esistono barriere istituzionali che non possono essere abbattute dalla determinazione individuale. Se una persona di colore non ha i mezzi per frequentare l'università, la soluzione, secondo molti, non è un'azione affermativa, ma la persona ha semplicemente bisogno di provare di più, ottenere buoni voti e fare tutto il necessario per acquisire i fondi per pagare le tasse universitarie. La logica neoliberale ci scoraggia dal pensare alla soluzione più semplice, che è l'educazione gratuita.

Penso al fatto che siamo consapevoli della necessità di queste strategie istituzionali almeno dal 1935, naturalmente prima, ma dico 1935 perché in quell'anno W. E. B. Du Bois ha pubblicato il suo libro fondamentale "Black Reconstruction in America". E la questione non era cosa i neri dovrebbero fare come individui, ma come riorganizzare e ristrutturare la società post-schiavitù per garantire l'incorporazione di coloro che sono stati schiavizzati in precedenza. La società non poteva rimanere la stessa, o non avrebbe dovuto rimanere la stessa. Il neoliberismo resiste al cambiamento individuale. Chiede all'individuo di adattarsi alle condizioni del capitalismo, alle condizioni del razzismo.

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons