InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Sorveglianza speciale” per Lorenzo, l’olio di ricino d’oggi contro gli/le antifa!

||||

La procura di Bologna chiede la sorveglianza speciale per Lorenzo, compagno del Collettivo Universitario Autonomo, adducendo a motivazione i fatti accaduti a Piacenza lo scorso febbraio. Di seguito il comunicato del CUA. Solidarietà a Lorenzo!

Pochi giorni fa è stato recapitato un “decreto di fissazione di udienza camerale” avente per oggetto la misura di “sorveglianza speciale” e “obbligo di dimora” per tre anni a Lorenzo, un nostro compagno recentemente uscito dal carcere e dai domiciliari a seguito della manifestazione antifascista dello scorso anno a Piacenza in cui per l’intera giornata si tentò di impedire l’apertura di una sede di Casa Pound difesa dalla celere e dai carabinieri. Per motivare il provvedimento oltre alla manifestazione antifascista piacentina la procura di Bologna elenca la partecipazione del nostro compagno alle lotte degli operai della logistica, alla lotta per il diritto all’abitare e alle iniziative dei movimenti sociali antirazzisti e in difesa dei territori dalle devastazioni ambientali.

Per la procura qualsiasi attivista o militante sociale può essere potenzialmente colpito della misura visto che vengono segnalate le manifestazioni che più hanno animato le lotte e i conflitti degli ultimi anni a Bologna e in Emilia. Ma per attivare il complessivo progetto repressivo si è scelto Lorenzo per la sua partecipazione alle manifestazioni antifasciste e nello specifico il corteo contro Casa Pound a Piacenza che nel dispositivo viene ripetutamente citato. La procura bolognese inserisce la propria attività in coerenza con i recenti fatti di Torpignattara e Casalbruciato e nel più ampio rigurgito fascista che vede protagonisti sia organizzazioni neofasciste che alcune personalità istituzionali impegnate a discriminare e aggredire gruppi sociali su base etnica, di genere e ceto di appartenenza.

D’altronde la “sorveglianza speciale” è l’olio di ricino d’oggi messo a disposizione delle questure: dove formalmente viene definita “misura di prevenzione” nei fatti si ha una vera e propria pena del sospetto che trova la sua legittimità nell’arbitrarietà della decisione politica del procuratore tizio o del digossino caio, è uno strumento coerente al codice Rocco del regime del Duce, che nei fatti regala alla digos una grande varietà di sanzioni quali: obbligo di dimora, divieto di dimora, ritiro di patente e passaporto, divieto di partecipazione a manifestazioni pubbliche e ad assemblee culturali e politiche, rientri obbligati sia diurni che notturni nella propria casa, obbligo di firma, divieto di frequentazione di piazze, quartieri, o bar, divieto di iscrizione ad albi professionali e alla possibilità di aprire attività o di lavorare in contesti considerati non adeguati.

Rendiamo quindi nota questa nuova aggressione repressiva annunciando che ci opporremo sia per via legale che tramite campagne e iniziative di solidarietà antifascista in quanto evidente l’obiettivo vessatorio nei confronti del movimento antifa e criminalizzatore contro qualsiasi forma di sostegno alle istanze delle lotte sociali e sindacali aperte nel nostro territorio.

Non possiamo permettere che nel contesto storico e sociale di oggi un provvedimento come questo cominci a dettare legge nella nostra città facendo spazio senza ogni dubbio alle organizzazioni neofasciste e ad una cultura reazionaria che punisce e sanziona ogni espressione di solidarietà sociale e partecipazione politica!

Intanto con ferma determinazione continueremo nella nostra quotidianità di militanza sociale nelle facoltà universitarie e là dove le ingiustizie ci chiameranno a presidio di lotta e conflitto al fianco dei discriminati, degli ultimi e degli sfruttati della nostra città. Senza retorica: non faremo un passo indietro! Ora e sempre antifa!

Collettivo Universitario Autonomo – Bologna

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Antifascismo & Nuove Destredi redazioneTag correlati:

casa poundpiacenza

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Contro fascismo, sessismo, razzismo e guerra. Ora e sempre resistenza! Siamo sempre qua.

La facciata del centro sociale Askatasuna assume una nuova veste. In un presente senza storia rimettiamo al centro la Storia di ieri per guardare in avanti, in una prospettiva in cui c’è bisogno di tutta la capacità, le forze, le intelligenze di ognuno e ognuna per produrre trasformazioni .

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Antifa Budapest: Corteo a Roma né prigione né estradizione

Sabato 23 marzo a Roma c’è stato un corteo in solidarietà con Ilaria Salis, Gabriele e tutte le persone imputate per i fatti di Budapest. Il corteo è partito da metro Policlico, è passato nei pressi dell’ambasciata e poi è entrato nel quartiere di San Lorenzo dove si è concluso. Abbiamo raccolto diverse voci dal […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Non è più tempo degli appelli, bisogna liberare Ilaria subito

Legata ai polsi e ai piedi, una cintura stretta in vita, un guinzaglio di catena, Ilaria Salis è comparsa davanti al tribunale di Budapest.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Ilaria Salis: la prima udienza si chiude con un rinvio al 24 maggio. “Non e’ piu’ tempo degli appelli, bisogna portarla via subito”

Si è aperto a Budapest lunedì 29 gennaio il processo a Ilaria Salis, l’insegnante antifascista di Monza detenuta da un anno in Ungheria per gli scontri con un gruppo di neonazisti.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

“In cella con il guinzaglio”. Lettera di Ilaria Salis dal carcere di Budapest

Dal carcere di Budapest, dove soggiorna ormai da undici mesi, Ilaria Salis è tornata a scrivere ai suoi avvocati.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Milano: sabato 13 gennaio corteo nazionale antifascista. Concentramento alle 15.00 in Piazza Durante

Oltre al sempre più evidente inasprimento di politiche securitarie, misure di segregazione ed esclusione, meccanismi di controllo della popolazione, che negli ultimi decenni stanno caratterizzando la gestione del territorio definito Europa, assistiamo contestualmente al rafforzamento di posizioni di estrema destra.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Addio Lucio, se ne è andato il partigiano Gastone Cottino

E’ morto ieri mattina a novantotto anni Gastone Cottino: partigiano, comunista sempre al fianco delle lotte sociali.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Per capire l’ascesa dell’estrema destra bisogna partire dai media

Processi di normalizzazione e sdoganamento nei media della politica di estrema destra dipendono dai media mainstream, più che dall’estrema destra stessa

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Torino: assemblea antifascista in università.

Oggi pomeriggio alle 18.30 si terrà un’assemblea antifascista nella main hall del campus universitario Luigi Einaudi a seguito degli avvenimenti di ieri. Di seguito il comunicato del Collettivo Universitario Autonomo

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

L’attività sindacale equiparata ad “associazione a delinquere”: la Procura di Piacenza ci riprova

Dunque, sebbene il carattere tutto politico di questo teorema sia stato ampiamente smascherato, ciò non ha frenato la procura di Piacenza dal perseguire il proprio scopo di criminalizzare il SI Cobas

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Piacenza: tolto l’obbligo di firma ad Arafat (Si Cobas) – Un’altra vittoria contro il teorema della procura

A darne notizia, in una nota, è il coordinamento provinciale del sindacato che torna in questo modo agli arresti effettuati la scorsa estate a Piacenza su ordine della Procura.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

IL BUCO NERO DELLA LOGISTICA EMILIANA: DENUNCE DI CAPORALATO AI MAGAZZINI KAMILA DI PARMA. OPERAIO GRAVEMENTE FERITO ALLA GEODIS DI PIACENZA

Un vero e proprio sistema di caporalato che si va ad aggiungere alle “condizioni di precarietà e sfruttamento prodotte dal sistema di cooperative, appalti e subappalti”. E’ quanto avviene nei magazzini Kamila di Parma, parte della filiera dell’Alleanza Coop 3.0, denuncia oggi l’Adl Cobas Emilia-Romagna. Per un simile lavoro, hanno spiegato alcuni lavoratori dello stabilimento […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Piacenza: il vuoto della politica lo riempie il marcio

Rimprendiamo da ControTendenza Piacenza alcune considerazioni sui fatti emersi alla cronaca negli ultimi giorni nel piacentino. Un’indagine che ha sollevato il velo su quello che viene considerato a tutti gli effetti un “sistema” che coinvolgeva imprenditori, primi cittadini, dirigenti di diversi enti pubblici, figure della politica regionale e nazionale. Secondo le ipotesi investigative, sindaci e […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Piacenza: governo di unità nazionale contro i lavoratori

Lunedì mattina oltre cinquecento operai di Piacenza, stufi della retorica con cui i funzionari Cgil tentano di ammantare il loro operato opportunista e la loro aperta connivenza coi padroni, hanno invaso l’area antistante il palazzone della camera del lavoro per manifestare la propria indignazione e la propria rabbia contro un apparato che si dimostra ogni […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Repressione a Fedex Piacenza, la verità: i lacrimogeni della Questura sparati direttamente in faccia ai lavoratori

A più di una settimana dalla liberazione di Arafat e Carlo e dal significativo ridimensionamento operato dal Tribunale di Bologna nei confronti del teorema repressivo ordito contro il SI Cobas dalla procura di Piacenza, grazie ai nostri legali siamo finalmente venuti in possesso delle immagini dello sciopero dello scorso 1 febbraio alla Fedex di Piacenza, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Accade a Piacenza: delitto di sciopero

Di Claudio Novaro da Volere la Luna   Capita talvolta che una specifica vicenda giudiziaria non solo riveli informazioni preziose sulla cultura di una parte della magistratura, ma anticipi scenari sociali o politici più estesi, che trascendono il singolo provvedimento (https://volerelaluna.it/talpe/2019/08/13/repressione-giudiziaria-e-movimenti/). La vicenda piacentina legata alla esecuzione, il 10 marzo scorso, di misure coercitive contro […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

PIACENZA: FEDEX-TNT ANNUNCIA LA CHIUSURA DELL’HUB. I SI COBAS: “IN CAMPO TUTTA LA NOSTRA FORZA D’URTO”

Piacenza, logistica e lotte operaie. Dopo il crollo, parziale, del castello giudiziario contro i Si Cobas e la caduta delle misure cautelari contro lavoratori e facchini per la lotta in Fedex-Tnt, la multinazionale Usa annuncia la chiusura del polo piacentino, dove lavorano oltre 300 persone, senza considerare i dipendenti delle varie aziende esterne. Una sorta […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Appello sugli arresti dei sindacalisti di Piacenza

Segnaliamo il lancio pubblico di un appello a fianco dei 29 sindacalisti e lavoratori piacentini del SI Cobas sotto attacco repressivo dallo scorso 10 marzo.   Per aderire all’appello è possibile usare questo form online: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSclAiqzusmLj8Prt9L7odbuvNfLB_LI64mY405NXH6mIN_MOg/viewform Oppure scrivere a: appelloperpiacenza@gmail.com     APPELLO SUGLI ARRESTI DEI SINDACALISTI DI PIACENZA     Il 10 marzo a Piacenza […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Piacenza: la classe operaia combattiva risponde decisa e compatta alle provocazioni della Questura

Condividiamo il comunicato dei SI Cobas sulla grande manifestazione a Piacenza di ieri, in risposta all’assurda operazione di polizia nei confronti degli animatori del sindacato e degli operai in lotta. In coda al comunicato la corrispondenza dalla piazza di Radio Onda d’Urto.   Carlo e Arafat liberi subito! Più di 3000 in piazza oggi a […]