InfoAut
Immagine di copertina per il post

Anonymous torna all’attacco. Arma dei carabinieri, HACKED!

||||

Il gruppo AntiSec, appartenente al mondo cyber-attivista di Anonymous Italia, dopo aver hackerato il sito del Ministero degli Esteri pochi giorni fa è tornato all’attacco nella notte tra il 27 ed il 28 giugno. Nel loro bersaglio è finita questa volta l’Arma dei Carabinieri, nello specifico il sito carabinieri.it ed extranet.carabinieri.it. In seguito alla violazione dei siti sopracitati è statorilasciato un leak scaricabile dal blog ufficiale del gruppo, contenente informazioni sensibili e dettagliate in merito ad infrastrutture informatiche, contratti e manuali d’uso ed altro ancora. Di seguito il comunicato divulgato successivamente all’attacco:

“Carramba che sorpresa!

Salve “Ministero Della Difesa” e “Forze del (dis)Ordine”, abbiamo in mano praticamente tutto ciò che vi consente di lavorare, non ve l’aspettavate, vero? Anonymous per voi è ancora un’idea un pò “superflua” che, tuttavia, non vi è ancora molto chiara, non è così? Vi faremo cambiare opinione e vi faremo capire cosa può essere veramente Anonymous.

Siete dannosi per questa Nazione, vi sentite troppo al sicuro, ma non lo siete. Vi sentite al sicuro, convinti di far stare al sicuro gli altri, parlate sui giornali di “Terrorismo” quando non siete capaci di fare altroche “Terrorismo Mediatico”.

I vostri strumenti si limitano a qualche banca dati telefonica e strumenti vecchi e obsoleti (FujitsuSiemens Dual Core che al massimo usate per guardarvi la partita in streaming o i porno, Workstation HPIntel Pentium G640, come si potrà vedere nei PDF presenti all’interno del leak), utilizzando linee fornite da provider quali Telecom Italia servendovi di “SIM Militari” limitrofe che vi consentono di comunicare a costo 0 per tutto il tempo che vi occorre.

D’altronde anche voi, sembra siete pur sempre “persone”, quindi dovreste ammettere i vostri limiti che sono di molto inferiori rispetto al vostro stipendio, nel volgere di breve abbiamo ampliato la nostra conoscenza in merito a:

HYDRA di Telecom Italia per i tabulati telefonici, la WebMail, Bambini smarriti, Documenti smarriti, Elenco dei latitanti, I vostri metodi di comunicazione, Ponti radio , Le vostre Frequenze delleradiomobili, Le Vostre Utenze SIP e di TelecomItalia.

E ancora insistete a voler parlare di “Sicurezza Nazionale”, di “Centro Nazionale per la Prevenzionedelle Infrastrutture Critiche”?

Come pretendete di difenderci dal terrorismo, dal momento in cui anche un idiota Russo è riuscito a fare scacco matto di fronte a migliaia di Forze dell’Ordine? Inviando tra l’altro, una banalissima cartolina di auguri come ciliegina sulla torta.

Come potete osannare gli sbirri che hanno sparato al Terrorista un anno fa, quando hanno semplicemente fatto il loro dovere? Per non parlare del fatto che questi due elementi delle “Forzedell’Ordine” in particolare erano orientati ad azione del tipo nazi-fascista.

Siete sempre molto solerti a prendervela con i più deboli, con coloro che non hanno la possibilità didifendersi, nascondendo la vostra arroganza e ipocrisia dietro la divisa, abusando del vostro potere, potere che, forse lo avete dimenticato o non ve lo hanno mai spiegato, proviene dal Popolo…

E ora? Ora siete “HACKED” per l’ennesima e non di certo ultima volta.

È ora di finirla con tutta questa disinformazione in circolazione che serve solo come ansiolitico per il Popolo.

E sarebbe ora anche di iniziare a spendere in modo decente i nostri soldi vi pare? Che la Corte dei Conti metta il visto sulle vostre contabili statuendone la correttezza formale, non implica di per se’ un giudizio di valore nel merito delle stesse. Quando la finirete di raccontare barzellette?

Vi osserviamo. Piu’ da vicino di quanto non crediate.

 

 

Antisec-ITA

#Anonymous

####

 

More Shit Come 🙂

Stay Tuned : www.antisec-ita.blogspot.com

 

We Are Antisec

We Are Anonymous.

We Are’nt Criminals.

Expect US.”

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

anonymouscarabinieri

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Torino: violenza contro i lavoratori in sciopero alla Raspini

Aggrediti dai carabinieri gli operai Raspini in lotta per internalizzazione e aumenti di salario contro licenziamenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bambini alla base navale per festeggiare i carabinieri e omaggiare navi da guerra

Vai a festeggiare la Benemerita nel giorno del suo duecentonovesimo compleanno e ti ritrovi in una delle principali basi della Marina militare ad omaggiare lo stendardo di una nave da guerra e, a fianco, pure un nostalgico delle scorribande coloniali in terra d’Africa e della “resistenza” delle milizie fasciste alla campagna degli Alleati in centro Italia del 1944.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Uomo ucciso nel Varesotto, ha sparato un carabiniere

Un carabiniere è indagato per l’omicidio di un uomo il cui cadavere è stato trovato, ieri sera, in un dirupo nei boschi di Castelveccana, nel Varesotto. 

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

“Ugo Russo fu ucciso con un colpo alla testa mentre era in fuga”

Dalla chiusura delle indagini emerge quanto i famigliari e i solidali sostenevano da tempo e cioè che Ugo Russo è stato ucciso dal carabiniere fuori servizio mentre era in fuga.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il business della guerra è sempre fiorente: i carabinieri alla conquista del Ruanda

Militari italiani sono da tempo in Niger e Mali. Missioni militari in Somalia e Gibuti. La polizia italiana che addestra quella della Costa D’Avorio (e in segreto anche quella dell’Egitto), e poi  in Mozambico. La presenza militare italiana in Africa cresce di mese in mese. In questo articolo comparso su Africa Express, Antonio Mazzeo rivela […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Albenga: un’altra morte sospetta in una caserma dei carabinieri

Ancora pestaggi e insabbiamenti da parte dell’arma dei Carabinieri. Dentro le caserme di tutta Italia, da Roma, passando per Piacenza ed arrivando ad Albenga l’impunità delle forze dell’ordine non ha limiti. Il 4 dicembre Emanuel Scalabrin, agricoltore 33enne con problemi di dipendenza, una compagna e un figlio di 9 anni, viene arrestato, nell’ambito di un’operazione […]

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Fascisti e carabinieri: insieme nella buona e nella cattiva sorte

In questi ultimi giorni la caserma dei carabinieri Levante di Piacenza è stata nell’occhio del ciclone per le rivelazioni che sono emerse dall’inchiesta della guardia di finanza: torture, violenze sequestri di droga che veniva poi rivenduta dagli stessi agenti e chi più ne ha più ne metta. Adesso a far scalpore è anche la scelta […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Anonymous torna all’attacco. Il primo contro il nuovo governo.

Il gruppo di hacker attivisti muove il suo primo attacco al governo del cambiamento, lo accusa di avere seminato il caos per acquisire consenso. Dicono che è arrivato il momento di rifiutare il bavaglio dello Stato. L’attacco è partito ieri attraverso la divulgazione di un comunicato e di un video pubblicati sul blog di Anonymous […]