InfoAut
Immagine di copertina per il post

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Di Ercole Olmi da PopOff

L’anno scorso Amazon ha registrato vendite da record tra il Black Friday, il giorno successivo al Giorno del Ringraziamento, e il Cyber Monday. Secondo i dati di Numerator, l’azienda si è aggiudicata il 17,7% dei dollari del Black Friday, più di qualsiasi altro rivenditore.

Il Black Friday – il 25 novembre di quest’anno – è anche l’inizio della stagione di punta, il periodo che inizia la settimana del Ringraziamento quando spedizionieri come UPS, USPS, DHL, FedEx e Amazon lottano per soddisfare gli ordini delle festività. È il momento in cui molti magazzinieri e addetti alla consegna dei pacchi devono dire “Ci vediamo l’anno prossimo” alle loro famiglie. Negli States come altrove.

I carichi di lavoro intensi della stagione di punta, combinati con la carenza di lavoratori, creano un’opportunità speciale per i lavoratori di fare pressione sui loro datori di lavoro.

Sebbene il Giorno del Ringraziamento sia una festività unica negli Stati Uniti, il “Venerdì nero” è celebrato in molti Paesi come l’apertura della stagione dello shopping natalizio. In Italia, i commercianti offrono sconti per il Black Friday che riempiono i negozi di folle di acquirenti affamati di occasioni, proprio come negli Stati Uniti.

Per questo motivo, nel 2017 i confederali lo hanno scelto come giorno strategico per scioperare il centro di distribuzione da un milione di metri quadrati di Amazon a Castel San Giovanni, vicino a Piacenza, nel Nord Italia. Una storia che ricorda anche il settimanale Usa The Nation, in un pezzo scritto da Rand Wilson e Peter Olney. Il primo ha lavorato come organizzatore sindacale e comunicatore del lavoro per oltre 40 anni. Attualmente è un organizzatore part-time dei Teamsters for a Democratic Union. L’altro è il direttore organizzativo in pensione dell’International Longshore and Warehouse Union (ILWU). È stato un organizzatore sindacale per 50 anni in Massachusetts e sulla costa occidentale.

La struttura di San Giovanni è stata aperta nel 2015. Nel 2017, circa il 50% dei 1.650 dipendenti “Blue Badge”, assunti a tempo indeterminato, ha scioperato. Tuttavia, altri 2.000 dipendenti temporanei “Green Badge” (dipendenti a breve termine e stagionali) sono andati a lavorare.

Sebbene ci siano state alcune azioni di lavoro precedenti presso Amazon in Germania, questo è stato uno dei primi scioperi di Amazon in Europa o, addirittura, ovunque.

I portavoce di Amazon hanno insistito sul fatto che lo sciopero avrebbe riguardato solo il 10% della forza lavoro, perché hanno calcolato i dipendenti temporanei. Ciononostante, Amazon ha accettato di negoziare con i sindacati il lunedì successivo. Poi la direzione ha annullato le trattative e ha cercato unilateralmente di riprogrammare l’incontro per il gennaio successivo. I sindacati hanno avvertito che ci sarebbero state altre azioni se non ci fossero state discussioni sostanziali entro il 6 dicembre. Con una vittoria per i sindacati, il 5 dicembre la direzione ha accettato di incontrarsi e successivamente di migliorare le condizioni di lavoro.

«Siamo il primo Paese in cui Amazon si è seduta al tavolo con il sindacato per definire i trattamenti economici con un accordo firmato, il lavoro da fare è ancora tanto. A cominciare dalle stabilizzazioni», si legge sul sito Cgil. E ancora: «Dopo lo straordinario sciopero nazionale del marzo 2021, il primo a livello mondiale per la multinazionale, che ha visto mobilitarsi per un’intera giornata tutta la filiera (diretti, indiretti e somministrati, di magazzini, driver, appalto, delivery), qualcosa è cambiato», anche se si continua in generale a lavorare sotto ricatto e con ritmi di lavoro stressanti.

I dati riferiti al 2021 e forniti da Amazon parlano di 14 mila lavoratori diretti nei 50 magazzini italiani, più 10.500 somministrati. Il record di precarietà è a Cividate: 800 lavoratori diretti, cui si aggiungono 1.200 addetti delle agenzie interinali, che arrivano al picco di 1.500 con le assunzioni per il Black Friday del 25 novembre e per Natale. «Amazon – spiega Cgil – sfrutta l’opportunità del superamento delle percentuali massime previste dalla legge assumendo a termine lavoratori svantaggiati: ovvero disoccupati da più di sei mesi, con meno di 25 o più di 50 anni, con la terza media. E lo fa in modo sistematico in tutti gli stabilimenti, usando la somministrazione per fare una selezione e una scrematura: i contratti vanno dai tre ai nove, fino ai 12 mesi. Dopo, l’azienda ti lascia a casa oppure se sei fortunato ti assume». L’ultima intesa tra Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, le rappresentanze territoriali e Rsa, Nidil Cgil, Felsa Cisl, Uiltemp UIL e Amazon Logistica e Amazon Transport prevede dal 1° ottobre un incremento del 2% dello stipendio, circa 1.200 euro netti in più in busta paga all’anno, buoni pasto da 5 a 7 euro e 500 euro di welfare, cioè buoni da spendere in benzina o per le bollette.

In queste settimane sono in corso assemblee per informare i dipendenti, spiegare, orientare. Anche perché la multinazionale prova a spacciare questi risultati come una sua concessione.

Tuttavia Amazon resta il gigante antisindacale di sempre: il magazzino Amazon di Castel San Giovanni (Piacenza), ‘famoso’ per lo storico sciopero del 2017, è l’unico in cui è stata eletta una rappresentanza sindacale interna. «Cioè, poco più di un anno fa, i lavoratori hanno votato e scelto i loro delegati aziendali. Ma quando al tavolo nazionale i sindacati hanno discusso con l’azienda di un possibile aumento di paga e dell’introduzione di un buono pasto da cinque euro a gennaio 2023, mancavano proprio loro: i delegati di Piacenza. Peraltro, il tavolo era con i sindacati della logistica e a Castel San Giovanni si applica il contratto del commercio», si legge su un dispaccio dell’agenzia Dire.

«Le azioni italiane e i successivi scioperi di Amazon in Germania e Polonia sono stati di ispirazione per molti lavoratori e organizzatori sindacali di Amazon. Ritenevamo che avrebbero contribuito a motivare una maggiore organizzazione dei lavoratori negli Stati Uniti e quindi abbiamo iniziato a sollecitare i socialisti a trovare lavoro in Amazon», scrivono Wilson e Olney.

Dal 2017 sono aumentate le azioni internazionali coordinate contro Amazon. Nel 2019, UNI Global Union e Progressive International hanno lanciato Make Amazon Pay, una coalizione che riunisce oltre 70 sindacati, organizzazioni della società civile, ambientalisti e osservatori fiscali. Le richieste unificanti della coalizione sono che Amazon paghi i suoi lavoratori in modo equo e rispetti il loro diritto di aderire ai sindacati, che paghi la sua giusta quota di tasse e che si impegni per una reale sostenibilità ambientale.

Lo scorso novembre si sono svolte azioni di punta in 25 Paesi del mondo. Tuttavia, in passato la partecipazione dei sindacati e delle organizzazioni statunitensi è stata a dir poco modesta.

I recenti successi organizzativi presso le strutture statunitensi di Amazon – tra cui la vittoria dell’Amazon Labor Union su un voto dell’NLRB presso il Fulfillment Center di Staten Island in aprile – e i numerosi scioperi per le condizioni salariali presso le strutture di Amazon dal Maryland alla California riflettono un nuovo spirito di militanza sindacale negli Stati Uniti. Partendo da questa opportunità, UNI Global annuncerà sul proprio sito web i luoghi e gli orari esatti delle azioni previste nelle prossime tre settimane.

Gli organizzatori di Amazon che partecipano alla pianificazione del Black Friday sono Amazonians United, Carolina Amazonians United for Solidarity and Empowerment (CAUSE), Warehouse Workers for Justice, Warehouse Workers Resource Center e altri centri di lavoratori e organizzazioni non profit allineati con la coalizione Athena, oltre a organizzatori dei Teamsters, dei Postal Workers e del RWDSU.

Si legge su The Nation, testata storia della sinistra radicale statunitense, che «le azioni del Black Friday sono un’opportunità per i lavoratori di Amazon di costruire il proprio potere e di rafforzare le relazioni tra i vari gruppi che si organizzano per la giustizia in Amazon negli Stati Uniti e a livello internazionale. Con l’aumentare dello slancio per la giornata d’azione, si spera che altri gruppi di lavoratori di Amazon si uniscano a loro».

Oltre all’aumento sostanziale dell’organizzazione dei lavoratori in Amazon, altri fattori potrebbero contribuire a un sostegno e a una partecipazione più ampi al Black Friday di quest’anno:

– I Teamsters hanno già avviato una campagna contrattuale per i loro 340.000 iscritti alla United Parcel Service;

– L’International Longshore and Warehouse Union (ILWU), i lavoratori portuali della costa occidentale, stanno lavorando senza contratto mentre proseguono le trattative con il gruppo dei loro datori di lavoro, la Pacific Maritime Association;

– I lavoratori delle ferrovie di 12 sindacati diversi stanno votando su un accordo nazionale con le grandi ferrovie merci. Due sindacati ferroviari, quello dei manutentori e quello dei segnalatori, hanno votato per respingere il contratto. Altre votazioni sono in corso. Se un numero sufficiente di membri voterà per il rifiuto, potrebbe verificarsi una drammatica interruzione del lavoro, con ripercussioni sul 40% del PNL statunitense che viaggia su rotaia;

– L’aumento del sostegno ai sindacati significa che le proteste del venerdì nero saranno percepite come parte di un movimento sindacale molto più ampio.

Questi sviluppi combinati potrebbero portare a un momento di “alta stagione” in cui i lavoratori di molte aziende dell’intero settore logistico entrano in azione insieme? Immaginiamo scioperi ad Amazon, proteste guidate dai Teamster nei capannoni di UPS, seguite da marce di sostegno verso le strutture Amazon vicine. O i lavoratori portuali e ferroviari che portano il loro messaggio ai lavoratori delle strutture intermodali che gestiscono le merci di Amazon? O ancora, migliaia di lavoratori dei magazzini e delle consegne di aziende più piccole che sfruttano il Black Friday come opportunità strategica per mettere in luce il loro potere nella catena di fornitura e iniziare a formare i propri sindacati.

«Sebbene quanto sopra possa essere solo un sogno per questo novembre, è la direzione verso cui si sta dirigendo il movimento sindacale. Per il momento, è realistico immaginare che le azioni di picco della stagione americana si intreccino bene con le attività di Make Amazon Pay in tutto il mondo. Ciò darebbe al grido di battaglia internazionale “Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!” una nuova svolta: “Lavoratori della logistica di tutto il mondo, unitevi!”», concludono Wilson e Olney.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

amazonitalialogisticaMAKE AMAZON PAYscioperoUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Daouda Diane: punta il dito contro il padrone e poi scompare

Non si sa più nulla di lui dallo scorso 2 luglio. Si chiamava Daouda Diane: quella mattina è partito di casa per andare al cementificio dove lavorava, Sgv ad Acate, in provincia di Ragusa.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Calcio (BG): caricato dalla polizia il presidio dei lavoratori della Italtrans. Sabato 17 manifestazione a Bergamo

Polizia e carabinieri sono intervenuti duramente contro i lavoratori della logistica in sciopero con USB nello stabilimento Italtrans di Calcio (Bergamo), uno degli hub principali per il comparto alimentare del Nord Italia, dove operano un migliaio di facchini.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: 17 dicembre, in marcia per la libertà, i diritti, la dignità

Il movimento 8×5 ha bisogno di voi.
Il movimento ha bisogno che questo territorio scenda in campo quanto questo territorio ha bisogno di questo movimento. Per non essere più “zona economica speciale”, zona franca per diritti e dignità del lavoro.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Quanto fa paura l’autorganizzazione nelle campagne

Con Campagne in lotta ripercorriamo la lotta dei braccianti e dei lavoratori agricoli dal 2017 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

La fine della residua libertà e democrazia nei luoghi di lavoro

Controllare e punire ossia il nuovo codice di comportamento per i dipendenti Pubblici. Il nuovo codice di comportamento per il personale della Pubblica Amministrazione sta per essere approvato, una bozza del decreto è già stata licenziata dal Consiglio dei Ministri. 

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Il SI Cobas sulla manifestazione del 3 dicembre

Guerra, caro-vita, attacco ai salari e al reddito di cittadinanza, repressione delle lotte e delle conquiste sociali e civili: questi i temi centrali del corteo, e sui quali costruire e praticare un’opposizione di classe.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Morti sul lavoro: fermare la strage continua

Mentre rendiamo tributo ai 6 lavoratori uccisi e impegno a fianco dei parenti perchè sia resa loro giustizia, rendiamo noto e condanniamo la perenne strage di lavoratori, che in corso 2022 già ne vede uccisi al 1dicembre ben 1003 (709 sui posti di lavoro, 289 in itinere, 5 causa Covid): uno lavoricidio a fronte di 600.000 denunce di “incidenti”. Il lavoro uccide.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lombardia: musei chiusi per sciopero contro il nuovo contratto del personale in appalto

Un importante sciopero sta coinvolgendo il personale in appalto di alcuni musei della regione Lombardia dopo che la nuova cooperativa subentrante ha proposto un contratto di 5€ lordi l’ora (con il 33% di ribasso sull’appalto).

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Giu’ le armi, su i salari”: la diretta dallo sciopero generale del sindacalismo di base di venerdì 2 dicembre

“Giù le armi, su i salari”. Con questo slogan oggi, venerdì 2 dicembre 2022, il sindacalismo conflittuale e di base italiano sciopera a livello nazionale e intercategoriale, con decine di appuntamenti di piazza.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: dopo l’aggressione squadrista gli operai licenziati occupano IronLogistics

Ancora una volta un operaio finisce in ospedale mentre manifesta pacificamente per i propri diritti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Di base in base. La fitta rete militare Usa-Nato in Italia

Alea iacta est. Il dado è tratto. Le nuove bombe nucleari USA a caduta libera saranno dislocate in Europa entro la fine del 2022 con tre mesi di anticipo sul cronogramma fissato da Washington con i partner NATO.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Povertà, disuguaglianza e indifferenza delle istituzioni sono la causa delle decine di morti nella bufera di neve del fine settimana di Natale a Buffalo

Le morti e le catastrofi create dalla tempesta invernale non sono semplicemente un evento naturale. La disuguaglianza sociale e l’incapacità del sistema di affrontare anche i bisogni più elementari della vita moderna è un risultato diretto del sistema capitalista.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Caldo record in Europa, l’anno più caldo di sempre per l’Italia. Mentre l’America del Nord congela

Mentre il 2022 si sta per confermare come l’anno più caldo di sempre, almeno dal 1800 per l’Italia (secondo i dati del Cnr), gli Stati Uniti sono alle prese con la “tempesta del secolo”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miti e misfatti dell’attuale crisi energetica

Con la distruzione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (avvenuta lo scorso 26 settembre), L’Europa ha tagliato i ponti dietro se stessa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

8 marzo 2023: appello verso lo sciopero globale femminista e transfemminista!

Il prossimo 8 marzo, per il settimo anno consecutivo in tutto il mondo sarà sciopero femminista e transfemminista  contro la violenza maschile sulle donne e ogni forma di violenza di genere.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gran Bretagna: Natale di scioperi senza precedenti per chiedere aumenti salariali. Si fermano anche le ambulanze

Inghilterra. Infermieri, ambulanze, addetti ai controlli aeroportuali, lavoratori delle poste e delle ferrovie: tutti e tutte in sciopero in queste settimane per ottenere il tavolo sull’adeguamento salariale.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Circuiti di guerra” di Marco D’Eramo

L’articolo affronta il recente ed esteso blocco tecnologico imposto dagli Stati Uniti alla Cina soprattutto nel settore fondamentale dei semiconduttori/microchip.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove va la globalizzazione?

La crisi indotta dalla pandemia covid-19 ha impattato un sistema economico globale che a inizio 2020 era già percorso da molte­plici smottamenti: guerra dei dazi Usa-Cina, caduta delle borse nel 2018 tamponata con le solite iniezioni di liquidità delle banche centrali, segni di recessione in Giappone e Germania ed enormi interventi sul mercato repo [1] della Federal Reserve statunitense a fine 2019.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La democrazia deragliata. Il blocco bipartisan della lotta dei ferrovieri negli USA

Da 30 anni il Congresso degli Stati Uniti non faceva ricorso alla cosiddetta clausola commerciale prevista dalla sezione 8 dell’art.1 della Costituzione. C’è voluto il Presidente ‘più favorevole ai sindacati’ – come molti a sinistra ancora si ostinano a credere – per invocarla e affossare il diritto di sciopero dei ferrovieri del trasporto merci. Biden come George H.W. Bush.