Sabato 15 tutt* in piazza: l'intervento dei #ComitatiAutonomi

Stampa

Sabato 15 tutt* in piazza: l'intervento dei #ComitatiAutonomi

Per anni, attori imprenditoriali delle grandi multinazionali e delle grandi cooperative sociali in mano al PD, hanno sfruttato e speculato sul nostro territorio, letteralmente strizzando ogni singolo lavoratore fino al midollo, pur di veder aumentare produttività e produzione, quindi ricchezza e profitto. Sì, ma ricchezza e profitto per i padroni, non per i lavoratori.

I processi di esclusione sociale da questo benessere iniziati con lo scoppiare della crisi dei mutui subprime del 2008, ha messo in moto quel meccanismo che oggi ci porta a vivere in una città che rischia di diventare un fantasma: con la disoccupazione giovanile a circa il 58%, quella generale al 16%, con le centinaia di famiglie che ogni mese vengono sfrattate, con il dramma della precarietà che diventa, oltre che lavorativa, anche sociale ed esistenziale, il quadro non è roseo. Serve una risposta. E che sia concreta.

Dal canto nostro, non abbiamo ricette per cambiare i trend macroeconomici di cui anche il nostro territorio è investito, ma al tempo stesso abbiamo in mano uno strumento che può fare la differenza: la capacità di lottare.

E che lotta sia allora, indiscriminata contro gli attacchi del capitale e i suoi meccanismi di sfruttamento, speculazione ed esclusione sociale. Non resteremo a guardare inermi nel mentre che gli ultimi benefici del precedente ciclo di lotte sociali (quello degli anni 70) ci vengono depredati dalla forsennata ricerca del profitto da parte del capitale. Qua siamo e qua resteremo, riprendendoci ciò che ci viene rubato, che sia essa la casa, il lavoro, il salario, le possibilità di vivere una vita dignitosa, in altre parole il nostro futuro.

Sabato 15 novembre perciò saremo in piazza, con questi contenuti, a fianco dei lavoratori e delle lavoratrici livornesi in lotta, a portare tutta la nostra solidarietà e sostegno.

Casa e reddito sono l’altra faccia della medaglia delle rivendicazioni dei lavoratori che chiedono di mantenere il proprio posto di lavoro, o di difendere i propri diritti e le proprie garanzie contrattuali.

Casa e reddito sono le forme indirette del rispetto di questi diritti, che i lavoratori invocano a gran voce.

Ma ciò che più ci piace di questo corteo, è che per una volta non si parla di un appuntamento dettato da una chiamata nazionale, o dalla burocrazia di un organizzazione sindacale: parliamo di un appuntamento di piazza, di una mobilitazione che i lavoratori stessi, riuniti nel Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Livornesi, hanno deciso di chiamare.

La forma di autorganizzazione di questo Coordinamento, la sua capacità di provare nel tentativo di quella ricomposizione di classe che da anni invochiamo, la sua determinazione nel portare avanti le lotte, saperle riunire e decidere – in autonomia – i propri appuntamenti di piazza, ci fanno sperare che qualcosa allora possa mettersi in moto.

Da soli, i lavoratori riuniti nel Coordinamento, sono stati capaci di portare le dovute pressioni ai sindacati, contribuendo a indirizzarli nella scelta dello sciopero cittadino del prossimo 25 novembre che, anche se durerà solo 3 ore, può essere considerata una vittoria di questo Coordinamento che più volte – e ci teniamo anche noi a ricordarlo – ha specificato di non volersi sostituire a nessun sindacato, bensì, di riunire semplicemente le vertenze, dandogli visibilità, sostegno e solidarietà.

E per una volta, anche gli stessi sindacati si sono resi conto – vuoi per convenienza politica, vuoi perché lo pensino davvero – che questo appuntamento di piazza del 15 Novembre sia veramente un appuntamento di solidarietà, una prova di forza dei lavoratori e delle lavoratrici, stufi di anni di crisi, di perdita di diritti e di posti di lavoro. Un richiamo perciò degli stessi lavoratori alla mobilitazione e alla lotta.

“Lotta dura senza paura” hanno cantato gli operai della TRW quando a Roma, lo scorso 29 Ottobre, si sono incontrati con gli operai dell’AST di Terni, reduci delle cariche della polizia di Piazza Indipendenza.

E che senza paura e senza tregua sia.

SEMPRE A FIANCO DI CHI LOTTA

Comitati Autonomi Ex Caserma Occupata
http://www.livornoindipendente.ithttp://www.livornoindipendente.it

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons

});})(jQuery);