InfoAut
Immagine di copertina per il post

Alcune testimonianze dalla piazza torinese del Primo Maggio che smentiscono giornali e questura

||||

Riprendiamo dalla rete alcune testimonianze di singoli cittadini, di partiti e movimenti che smentiscono le ricostruzioni fantasiose sulla piazza di ieri…

 

Dopo due anni di sospensione della manifestazione, causa misure anti-covid, era obbligatorio partecipare, stamani, a Torino. L’ho fatto, consapevole che non era un semplice ritorno alla ritualità del Primo Maggio, ma della necessità e dell’urgenza di far sentire le voci di quanti non ci stanno a subire gli effetti in atto (e quelli probabili che seguiranno) di una narrazione tossica che sta avvelenando le nostre menti. Politici dell’intero arco parlamentare, con pochissime eccezioni, operatori della comunicazione, quasi unanimi nel premere il pedale sull’acceleratore della guerra, nell’invocare più sanzioni contro la Russia (che vuol dire contro il popolo russo, assai più che contro i suoi governanti), incuranti che quelle sanzioni colpiscono l’Europa e in primo luogo proprio il nostro Paese. Si sta costruendo un senso comune che pretenderebbe di considerare il nostro coinvolgimento diretto nel conflitto come un fatto normale, di farci accettare come una opzione possibile se non addirittura probabile, la guerra globale, compreso il ricorso ad armi nucleari.

La manifestazione di oggi aveva il significato precisamente di dire no a tutto questo, oltre che rivendicare i diritti calpestati del lavoro, il diritto a un lavoro decente e decentemente remunerato, il diritto a uscire dalla inoccupazione o dalla precarietà, il diritto a essere cittadini e cittadine a pieno titolo, con un lavoro, una casa, la possibilità di cura, e quella di mettere al mondo dei figli e di far trovare loro un mondo non inquinato dalle tossine ambientali ma anche dalla tossine ideologiche dei bellicisti, dei sopraffattori e dei prepotenti.

E invece alla manifestazione ho assistito, e per poco schivato personalmente, assurde e inaccettabili cariche della polizia, scattate a freddo, inaspettatamente, cariche che miravano a impedire che una larga parte del corteo giungesse nel tradizionale punto d’arrivo finale della manifestazione, piazza San Carlo, che, ormai anche negli anni precedenti alla sospensione (2020-2021), sembra che debba esser riservata al PD e ai suoi alleati, politici e sindacali. Ho avuto la possibilità di prendere la parola, rivendicando il diritto di tutti a manifestare e aggiungendo alcune parole contro la guerra e i signori della guerra.  E ho concluso invocando uno sciopero generale per testimoniare la volontà del popolo italiano contro questa guerra.

Credo che da oggi, 1° maggio 2022, si debba lavorare a questo scopo: mobilitazione generale contro la guerra, contro il “sistema guerra”, contro i signori della guerra, e a costruire un grande movimento volto a favorire una vera rinascita della sinistra, ricordando che il rifiuto della guerra, e l’uguaglianza sono i due concetti fondamentali che identificano appunto la sinistra.

Angelo d’Orsi

 

Torino. Il 1° maggio deve essere di tutti

 DSC4198

 Il 1° maggio non è la “Festa del lavoro”. Semmai è la “Festa dei lavoratori”

Ma da anni, le numerose frange del precariato ricordano che per loro “Il 1° maggio non è una festa. E’ una giornata di lotta”.  

 

Così, chi come me alla fin fine è un bel privilegiato,  va al 1° maggio così, con leggerezza. Incontra qualche amico ed è contento anche se si sono scambiate solo due parole.

Poi, fa un giro, su, in piazza San Carlo. 

Deserta. 

Parlano il Monsignore e gioventù cattolica. Insomma, quelli che dicono “cose di sinistra” che non è bene siano dette in faccia a chi ha ruoli istituzionali.

 

E poi, un giretto e poi su, contro corrente, per via Roma.

Da piazza San Carlo parte anche un gruppetto di celerini; chi non l’ha indossato, mette il casco e se lo stringe sotto il mento. Insomma, la solita coreografia drammatizzante, penso…..

 

Dopo un po’, più avanti, si sente casino.

Un triplice cordone di celerini blocca via Roma. Più oltre, i “No TAV” e lo “spezzone sociale”.

È successo qualcosa?

No. E allora perché bloccano il corteo? 

Boh… Il solito rito dell’ultimo decennio. E non solo.

Urla, slogan. In realtà la tensione non è elevata.

 

Poi parte una carica della polizia. Spingono con gli scudi ed agitano i manganelli. E – come prevedibile – cade qualcuno. A questo punto le manganellate iniziano a colpire sistematicamente. Le manganellate non sono sincrone; si può stimare che la fila somministri una decina di manganellate al secondo.

Dopo un po’ la carica finisce. Alcuni graduati si mettono in mezzo. E gesticolano per calmare i celerini.

Forse la carica è stata anche breve, ma a chi guardava è parsa lunga.

Ma cosa giustifica il blocco del corteo?

E cosa giustifica la carica?

Nulla. Un’aggressione a sangue freddo.

 

Poi una seconda carica. Identica a quella precedente. La carica cessa quando, di nuovo, si intromettono dei graduati per calmare i picchiatori eccitati. Ma dove erano finiti? Non potevano stare lì a garantire la calma? Boh …

Un pozzangherone di sangue e un po’ di altro sangue in giro forse sono della prima carica.

 

Poi c’è una terza carica. Poi una quarta.

Le storie sono sempre identiche.

 

Ora, magari qualcuno si irriterà e si scaglierà contro questa cronaca. 

Mi dispiace. Per questi qualcuno.

La storia è questa. È quello che ho visto con i miei occhi.

 

In un normale Paese occidentale, i responsabili pagherebbero. O per incapacità o per responsabilità.

Ed un sindaco chiederebbe conto ai responsabili delle forze dell’ordine.

Speriamo che succeda. Non ci credete? Eppure prima o poi succederà.

Il rischio, invece, è che sedicenti forze democratiche o di sinistra stiano zitte. Salvo appellarsi a valori dell’antifascismo in occasione delle prossime elezioni. Quando avranno paura della destra.

L’antifascismo – ricordiamocelo – invece si fa con la buona politica di tutti i giorni. E con la coerenza.

 

L’ANSA non parla di scontri. Parla di cariche. E di un numero di poliziotti feriti doppio rispetto a quello avuto tra i dimostranti. Poliziotti feriti? Sicuramente non lì.

Per vedere il bicchiere mezzo pieno, da nessuna parte sono citate azioni aggressive dei manifestanti. La causa delle cariche è stata “impedire che i manifestanti (non allineati) raggiungessero Piazza San Carlo”. Insomma, chi vuole capire, capisce.

Con la spinta ad entrare in guerra e le condizioni sociali che stanno precipitando, dobbiamo interrogarci. E’ questa la via scelta per affrontare la sofferenza sociale? 

La ministra Lamorgese potrebbe rassicurarci. E magari intervenire sull’accaduto.

E sarebbe bene che tanti “benpensanti di sinistra” provassero a capire. Anche se è doloroso, E cessassero di cullarsi in versioni  consolatorie che sono destinate a portarci nel baratro. 

Carlo

Da carloproietti.eu

 DSC4225

 

Questo #PrimoMaggio in piazza per difendere la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori ma anche per dire NO alla guerra e NO agli armamenti.

Tornare a sfilare per le strade dopo due anni di pandemia non ha purtroppo cambiato il triste e inaccettabile copione che puntualmente si ripete a #Torino: il corteo letteralmente spezzato in due all’ingresso di Via Roma da un cordone di polizia e le immancabili cariche allo spezzone sociale.

Il lavoro che dovrebbe unirci ancora una volta purtroppo ci divide, ma il Primo Maggio è, e resta, di tutte e di tutti: di chi si batte contro la guerra forse un po’ più di chi è pacifista solo a parole, di chi lavora senza tutele o un lavoro non ce l’ha forse un pò più di chi grazie ai privilegi e alle politiche scellerate del passato è garantito, di chi lotta per la giustizia sociale e climatica forse un pò più di chi privilegia gli interessi dei signori del gas, del petrolio e delle armi, di chi si batte contro il Tav forse un po’ di più di chi ha scoperto nell’alta velocità il salvagente di un sistema occupazionale che è volato sempre più lontano da Torino.

In ogni caso, buona festa amiche e amici.

Restiamo ostinati e determinati, dalla parte di chi la disperazione non può tacerla.

Valentina Sganga – Movimento 5 Stelle

M4O: PRIMO MAGGIO DI RABBIA, SECONDO UN COPIONE GIÀ VISTO. PARTITI SEMPRE PIU’ FUORI DALLA REALTA’ BLINDATI SUI LORO PALCHETTI. Un primo maggio di rabbia e secondo un copione già visto. Che sconforto raggiungere una piazza vuota e blindata per proteggere comizietti infarciti di retorica di partiti fuori dalla realtà, che vedono la Resistenza ovunque tranne che nel coraggio dei giovani che reclamano un futuro. Alle richieste di sicurezza sul lavoro, di garanzie e diritti per non morire per strada o sul posto di lavoro, di salari dignitosi, di strenua difesa della pace, si è risposto di nuovo col manganello con una carica a freddo per fermare lo spezzone sociale in via Roma ed impedirne l’arrivo in piazza Castello. Ma la deriva di questo primo maggio la scorgiamo nell’ipocrisia dei palchetti blindati, in cui i politici di turno, applauditi da claque sempre più ristrette, si riempiono oggi la bocca di giovani, futuro e lavoro e domani, con l’elmetto in testa, dirottano fondi a sostegno della guerra, tagliano capitoli di bilancio per l’assistenza degli ultimi e dei più fragili. Noi ci schieriamo dall’altra parte della barricata e auguriamo una buona guarigione a tutti i ragazzi e a tutte le ragazze che oggi hanno assaggiato il manganello democratico.

Movimento 4 Ottobre

 

Fausto Cristofari, segretario provinciale PRC-SE sul Primo Maggio a Torino: “E’ stata una giornata di lotta per la Pace e contro il governo del carovita.”

Un grande spezzone pacifista ha caratterizzato la manifestazione di Torino, dove si è tornati a sfilare su via Po e via Roma dopo due anni di interruzione. Rifondazione Comunista era presente, con lo slogan: Giù le armi, Su salari e spesa sociale!

“Una grande mobilitazione – continua Cristofari – nonostante l’ennesima provocazione poliziesca che, senza motivo alcuno, ha voluto dividere violentemente il corteo. A questa provocazione Rifondazione Comunista ha risposto rivendicando l’unità del corteo del primo maggio contro la guerra e il governo che la sostiene, condannando l’intervento della polizia, con le parole del partigiano Gastone Cottino, concluse scandendo lo slogan: ora e sempre Resistenza! Da questo primo maggio deve partire un grande movimento popolare contro la Guerra e per impedire che i costi di guerra e sanzioni vengano fatti pagare ai lavoratori e ai ceti popolari!”

Trigger Warning: violenza delle forze dell’ordine su attivisti e attiviste al corteo del primo maggio di Torino

 DSC4341

 

Il primo maggio è una fondamentale giornata di lotta che riguarda quindi tutti e tutte noi.

A Torino abbiamo preso parte come Fridays For Future allo spezzone sociale del corteo del Primo Maggio della nostra città, per chiedere una transizione ecologica equa.

Il corteo è stato diviso, fin dall’inizio del concentramento, rigidamente in due parti da un cordone di polizia: da un lato istituzioni e sindacati, dall’altro i movimenti, i centri sociali e i singolə cittadinə, tra cui molte famiglie con bambinə.

L’obiettivo delle forze dell’ordine era di tener separati i due gruppi di persone, e di escludere l’opposizione e le voci di protesta dalla piazza istituzionale di concentramento finale.

Per farlo hanno bloccato duramente l’arrivo dello spezzone sociale, fermandoci all’ingresso di via Roma, e caricando a più riprese attivisti e attiviste per impedire il passaggio.

Con violenza assolutamente ingiustificata ragazzə che marciavano pacificamente sono statə manganellatə dalle forze dell’ordine schierate, e identificatə da agenti sui balconi dei palazzi.

Un attivista di Fridays For Future è stato duramente ferito negli scontri: ora ha 7 punti di sutura per la ferita infertagli da dietro, mentre si stava allontanando. Insieme a lui altre 5 persone sono state ferite, e molte altre colpite.

Ciò che è accaduto oggi è l’ennesimo esempio della violenza e della sitgmatizzazione che gli e le attivistə torinesi subiscono da anni, ma non solo: è anche la rappresentazione perfetta di quanto gli interessi dall’alto siano di proteggere lo status quo e di reprimere qualsiasi voce di dissenso.

Fridays For Future – Torino

Foto di Luca Perino

Segnalateci eventuali altre testimonianze dalla giornata…

 

 

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

guerraPrimo Maggiotorino

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Carcere, il vostro record è una strage

82 suicidi nel 2022, detenuti che avrebbero dovuto scontare pochi mesi, detenuti ancora in attesa di giudizio, detenuti con fragilità psichiche. Appesi ai lenzuoli, imbottiti di farmaci, inalano bombolette del gas. Un record che è una strage.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Pisa. La lotta rinvia lo sfratto di Natale

Venerdì 23 dicembre si è tenuto lo sfratto esecutivo nei confronti del nucleo familiare di Gigliola e suo nipote minorenne. La lotta ha portato alla sospensione dell’esecuzione e al suo rimando al 2024. Questo provvedimento esecutivo è stato richiesto dal proprietario per morosità. Da 66 anni questa inquilina vive in alloggi di proprietà di un marchese […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Manovra antisociale: la dignità del rifiuto

La questione del reddito di cittadinanza è uno dei temi centrali all’interno della manovra di bilancio del neo governo Meloni. Nel ritardo più assoluto nel chiudere la manovra entro l’anno il governo, tra uno strafalcione e l’altro, inizia a porre alcuni elementi sul tavolo, dichiarando quali sono le priorità e cosa sacrificare sull’altare della suddivisione della torta. Entro domattina all’alba la votazione dovrà essere conclusa.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo: disoccupati di nuovo in piazza dopo ulteriore attacco al Reddito di Cittadinanza

Tornano in piazza i disoccupati palermitani percettori del reddito di cittadinanza dopo la nuova stretta del governo Meloni sulla misura. Gli “occupabili”, ovvero i disoccupati tra i 18 e i 59 anni che possono lavorare e non hanno a carico minori, disabili o anziani perderanno il sussidio nel 2023, dopo sette mesi e non più dopo otto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

I Disoccupati non si fanno prendere in giro. Scontri e Caos a Napoli

Al ritorno dall’incontro a Roma in cui le istituzioni locali e nazionali hanno continuato a tergiversare, i manifestanti sono stati bloccati e caricati alla Galleria di Napoli.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Corteo per il diritto all’abitare a Pisa: le case vanno assegnate!

Venerdì 16 dicembre a Pisa diverse centinaia di persone hanno manifestato per il diritto all’abitare dignitoso, il blocco degli sfratti e la giustizia abitativa.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Meloni presidente degli sfratti

Si tratta di una vera e propria dichiarazione di guerra a chi vive in condizioni di povertà, rischia di finire senza casa, è costretto a vivere al freddo o riesce a stento a procurarsi da mangiare con i pochi contributi che ci sono.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Vogliamo tutto! Perché quando c’è tutto c’è anche la salute

A due anni e mezzo dallo scoppio della pandemia Covid-19, poco o nulla è cambiato rispetto alle condizioni sindemiche che hanno fatto sì che il virus colpisse ancora più duramente chi subisce discriminazioni di classe, genere, etnia, status migratorio, condizione abitativa e così via.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il 16 dicembre mobilitazione a Pisa per il diritto all’abitare

Riportiamo di seguito l’appello di lancio della piazza cittadina del 16 dicembre a Pisa per il diritto all’abitare. Il 7 dicembre la mobilitazione è stata annunciata anche attraverso una conferenza stampa davanti alla Prefettura.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lotta per la casa a Pavia dopo la pandemia

L’assessore comunale alla casa, di Fratelli d’Italia, preannunciava, quasi con orgoglio, uno tsunami di sfratti dalla primavera 2021 senza, però adottare misure amministrative all’altezza della situazione, limitandosi infatti all’erogazione dei buoni spesa finanziati dallo stato e di difficile utilizzo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Di base in base. La fitta rete militare Usa-Nato in Italia

Alea iacta est. Il dado è tratto. Le nuove bombe nucleari USA a caduta libera saranno dislocate in Europa entro la fine del 2022 con tre mesi di anticipo sul cronogramma fissato da Washington con i partner NATO.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Ancora archiviazioni per le violenze poliziesche, il doppio standard del tribunale di Torino

Da un pò non si sente più parlare di archiviazioni. Ricordate ARCHIVIATO, il documentario con cui denunciavamo gli abusi delle FF.OO. e la complicità della magistratura nel coprirli?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Ponte sullo Stretto come il Muos di Niscemi e Sigonella

Non prova neanche a mimetizzarlo il suo punto vista, Lucio Caracciolo, sul ponte sullo Stretto. Ne ha parlato in un pezzo scritto per La Stampa il 7 dicembre scorso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miti e misfatti dell’attuale crisi energetica

Con la distruzione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2 (avvenuta lo scorso 26 settembre), L’Europa ha tagliato i ponti dietro se stessa.

Immagine di copertina per il post
Culture

Per tutto il periodo natalizio, fino al 3 gennaio, Torino spiegherà ai suoi cittadini cos’è l’apartheid israeliano

Grandi schermi luminosi posti alle fermate dell’autobus mostreranno un messaggio chiaro e semplice sul sistema di oppressione messo in atto da Israele nei confronti dei palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

La vignetta di Martino Taurino – A Guera…

Tutte le guerre sono combattute per denaro.
(Socrate)

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Centralizzazione della proprietà e capitalismo contemporaneo – A proposito di “La guerra capitalista”

La tesi del libro è molto semplice e chiara. Secondo gli autori, nel capitalismo contemporaneo è ravvisabile, dati alla mano, una “legge” di tendenza verso la centralizzazione del capitale, che inevitabilmente porta alla distruzione della democrazia e fomenta la guerra.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Circuiti di guerra” di Marco D’Eramo

L’articolo affronta il recente ed esteso blocco tecnologico imposto dagli Stati Uniti alla Cina soprattutto nel settore fondamentale dei semiconduttori/microchip.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Possesso d’armi: surreale accusa della questura di Torino agli attivisti di Extinction Rebellion

L’obiettivo della Questura era fermare un piccolo gruppo di attivisti di Extinction Rebellion prima che potessero raggiungere la facciata del grattacielo per denunciare il continuo coinvolgimento di Intesa nel finanziamento dell’industria fossile

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torino: “chiuso per inadempienza”, XR mura l’ingresso dell’Assessorato all’Ambiente

Un muro alto due metri è stato costruito questa mattina all’ingresso dell’Assessorato all’Ambiente dagli attivisti di Extinction Rebellion. “Crisi climatica. Chiuso per inadempienza” si legge sui mattoni.