Cosa è successo a Rouen?

Stampa
Video

Nella notte tra il 25 e il 26 settembre un enorme incendio è divampato nella fabbrica chimica Lubrizol di Rouen, cittadina della Normandia, spigionando un'enorme nube tossica che si è riversata sui campi e sull'abitato. La fabbrica appartiene a Warren Buffett, avete presente? Quello di "La lotta di classe esiste da venti anni e la mia classe l'ha vinta." Non è ancora chiaro cosa ha provocato "l'incidente", né la sua reale portata inquinante, ma diverse testimonianze parlano di effetti immediati sulla natura e sull'uomo: uccelli morti, persone che si sono sentite male e campi e abitazioni coperti dalla polvere sprigionata dalla nube. I giornali italiani hanno trattato brevemente la notizia e se ne sono disinteressati come d'altronde accade spesso in questi casi, ma crediamo sia importante provare a capire meglio cosa è successo. La vicenda di Rouen (come quelle precedenti di Seveso, Bhopal, Chernobyl e Fukushima) ci interroga ancora una volta su cosa questo sistema di sviluppo produce, su come lo produce e su quali sono gli effetti su chi lavora alle produzioni e su chi vive nelle vicinanze. Non si può più ignorare, in queste giornate in cui la questione della crisi climatica è sulla bocca di tutti, la caratteristica mortifera e distruttiva della legge del profitto capitalista e della conseguente mercificazione dell'esistente. Per capire meglio cosa sta succedendo a Rouen pubblichiamo la traduzione di un testo di Ruen dans la Rue che inizia ad analizzare i punti opachi della vicenda.

||||
|||| ||||

 

Lubrizol: le domande che infastidiscono

Se l'incendio della fabbrica Lubrizol è stato ampiamente coperto dai mezzi di comunicazione, molte domande restano senza risposta. E le domande più importanti sono ignorate. Eppure questo tipo di dramma ci permette di vedere una certa verità sul mondo in cui viviamo. Comprendiamo allora che il disastro non inizia nel momento in cui le fabbriche e le centrali nucleari esplodono. E' il mondo stesso che è il disastro.

Cos'è la fabbrica Lubrizol? Cosa sta facendo? A chi appartiene?

Lubrizol produce additivi per lubrificanti, oli, carburanti e vernici. La fabbrica di Rouen, creata nel 1954, conta 400 dipendenti. L' azienda appartiene al conglomerato berkshire Hathaway, diretto dal miliardario americano Warren Buffett (terzo uomo più ricco del mondo secondo la classifica Forbes, con una fortuna stimata a 82,5 miliardi di dollari).

Nel 2013, un incidente industriale aveva già avuto luogo sul sito, causando una fuga di mercaptano, un gas nauseabondo. Lo stesso incidente si era già verificato nel 1975 e 1989. Un principio di incendio ha avuto luogo anche il 3 settembre scorso, era a Havre. La fabbrica non è quindi al suo primo incidente, sembra anzi una cosa piuttosto consueta.

L'incidente alla fabbrica Lubrizol è classificata Seveso "soglia alta". si trova in un centro città (sul comune di Rouen stesso), è circondata da abitazioni, nel cuore di una metropoli di diverse centinaia di migliaia di abitanti che si trovano sotto i venti prevalenti.

71849095 581581015712494 4757023051684511744 n

Cos'è un sito di Seveso?

Nel 1976 si verifica un'esplosione in una fabbrica chimica situata sul comune di Seveso, nel nord-Ovest Dell'Italia. Una nuvola di diossina scappa dalla fabbrica e contamina i pavimenti, la vegetazione, il bestiame e la popolazione dintorni. A seguito di questa grave catastrofe industriale, una direttiva europea è stata emessa nel 1982 (è stata completata e rinnovata in molte occasioni) per consentire di identificare i siti industriali che presentano rischi di incidenti importanti.

I siti Seveso sono classificati in base al tipo di prodotto e ai rischi che presentano. 110 siti sono classificati Seveso in Normandia (25 nella metropoli Rouen Normandia), di cui 58 in "soglia alta".

La Dreal (direzione regionale dell'ambiente, dell'allestimento e dell'alloggio) è incaricata di controllare i siti seveso e deve regolarmente effettuare ispezioni. Che ne è stato nella fabbrica Lubrizol di Rouen? Quali sono le regole per la prevenzione dell'incendio? Sono state rispettate? Nel momento in cui il governo decide di ridurre alcuni bilanci dedicati alla protezione dell'ambiente, i mezzi assegnati alla Dreal erano sufficienti?

Quali sono le sostanze sprigionate nell'atmosfera? Quali sono i rischi per la salute a breve e a lungo termine?

Al di là delle immagini impressionanti dell'incendio, si pone la questione delle conseguenze di un tale incidente per la salute degli abitanti e per l'ambiente in generale. Un grave inquinamento della Senna, a causa dei trabocchi dei bacini di ritenzione, è già previsto. La fabbrica che sta ancora bruciando contiene importanti quantità di idrocarburi e altri prodotti chimici. 2500 tonnellate di idrocarburi sono stoccati sulla zona che circonda direttamente la fabbrica.

Le combustioni incomplete di idrocarburi possono generare idrocarburi policiclici aromatici (Hpa), altamente cancerogeni. Si trovano ad esempio nel fumo del tabacco. Uno sguardo alla scheda tossicologica del benzo[a]pirene, rappresentante tipo della famiglia dei Hpa, dà una buona idea della pericolosità di questo tipo di sostanza. (fonte: Inrs).

Di fronte a incidenti di questo tipo, come nel caso del nucleare, ci sentiamo impotenti perché non disponiamo di altre informazioni che quelle che le autorità vogliono comunicare. L'inquinamento dell'aria, dell'acqua, della terra, del cibo ci appare come un problema complesso, tecnico, per cui siamo rapidamente costretti a delegare l'assunzione di responsabilità per questo problema agli esperti autorizzati. Ma la verità arriva spesso troppo tardi, quando le conseguenze sulla salute sono già irreversibili. In un mondo in cui tali eventi sono ahinoi chiamati ad accadere sempre più frequentemente, la riappropriazione collettiva del sapere, dei mezzi di misura, della conoscenza dei veleni prodotti dall'industria appare come una necessità.

 

70717984 580851895785406 8241650003135692800 n

C'è un problema nella comunicazione del governo?

Come al solito in questo tipo di casi, la comunicazione del governo (Prefettura, ministri, servizi dello stato) è rassicurante, arriva a sfiorare la negazione o la contraddizione. La Palma dell'eufemismo-tutto-salvo-che-rassicurante torna senza dubbio al ministro dell'interno Christophe Castaner che, venuto a farsi fotografare con i vigili del fuoco, ha dichiarato questa mattina: " come ogni pennacchio di fumo comporta un certo numero di prodotti pericolosi ma secondo le analisi realizzate questa mattina non vi è nessuna pericolosità particolare, anche se bisogna evitare di inalare questi fumi ". in breve: nessun pericolo, ma evita comunque di inalare perché è comunque forse ben pericoloso.

I soliti elementi di linguaggio sono schierati: non bisogna "cedere al panico", l'incendio è "stato domato" (anche se si impara che ci vorranno giorni per spegnerlo, a causa di un fuoco" complesso tecnicamente" ), ci promette la "trasparenza", di "le informazioni in diretta alla popolazione", istituiremo "cellule psicologiche". il pennacchio di fumo può essere "ansiogeno", i risultati delle prime analisi Sono "rassicuranti" (secondo Pierre-André Durand, prefetto di Normandia).

Che si tratti di inquinamento ambientale o violenza della polizia, i governi sono abituati a mentire, disinformazione e minimizzazione. Le informazioni fornite dalle autorità dovrebbero pertanto essere prese in considerazione con la massima cautela.

Che ci dice l'incendio di Rouen del mondo in cui viviamo?

In tali circostanze, il fatto più grave è che in nessun momento i diversi attori a cui viene data la parola - rappresentanti dello stato, politici, esperti, media - pongono le domande che infastidiscono: perché ci sono tali fabbriche nelle nostre città? E perché ci sono ancora tali fabbriche? Qual è la loro ragione di essere? In nome di cosa la nostra salute, quelli dei nostri cari, dei nostri bambini è costantemente messa a rischio? C'è una connessione tra la fortuna del signor Buffett e la pioggia nera che è caduta sulla nostra testa da questa mattina?

Le devastazioni dell'industria sono troppo spesso viste attraverso il semplice prisma dell'incidente, quando l'orrenda verità che si nasconde dietro le mura delle fabbriche che gestiamo quotidianamente viene allo scoperto. Ma il termine incidente potrebbe non essere appropriato, poiché questi siti industriali - e la logica del profitto che giustifica la loro esistenza - contengono nella loro normale operatività la potenziale esposizione di coloro che vi lavorano e di coloro che vivono nel paese vicino alla malattia e alla morte.

Quanti Seveso, Bhopal, Chernobyl, Fukushima o Lubrizol ci vorranno per capire che non si tratta di spiacevoli incidenti sul lavoro? Quante piogge tossiche, avvelenamenti massicci, epidemie di cancro arrivano alla conclusione logica che tutte queste industrie mortali di idrocarburi, chimica, nucleare non devono controllare, regolare o assicurare ma abolire?

Ruenfeu

Nel seguente video un gilet giallo mostra le melma che si è depositata e esclama: "e poi la mia macchina non supera la revisione perchè inquina"!

 

 

Potrebbe interessarti

Infoaut 2017 - Facciamo Movimento per il Movimento infoaut 

Licenza Creative Commons