InfoAut
Immagine di copertina per il post

31 anni e 10 mesi di carcere. Pesantissime condanne contro 16 notav per marcia Exilles-Chiomonte

||||

Sono arrivate oggi le condanne per il corteo notav del 28 giugno 2015 quando migliaia di notav raggiunsero le reti del cantiere della vergogna. La sentenza è di 31 anni e 10 mesi di carcere per 16 manifestanti dai 26 ai 73 anni.

Partiti da Exilles in direzione Chiomonte, dopo qualche chilometro i notav si erano trovati davanti ai famosi jeresy con filo spinato israeliano a bloccare loro la strada. I manifestanti avevano quindi attaccato alcuni rampini tentando di tirare giu le reti e proseguire fino al cantiere della Torino-Lione. La polizia aveva risposto con lanci di lacrimogeni e idranti disperdendo il corteo che era però proseguito fino alla centrale elettrica di Giaglione dove i notav si erano lanciati di nuovo all’abbordaggio del cantiere, stavolta vittoriosamente. Le barriere erano fragorosamente cadute mentre la polizia usciva confusa caricando e sparando lacrimogeni a più non posso.

credenza 280615

discesa 280615 4

Una determinata giornata di lotta notav con persone di ogni età accorse per ribadire l’ennesimo NO alla grande mangiatoia e a una militarizzazione delle valli sempre più soffocante ma che era stata caratterizzata fin da subito da un certo nervosismo da parte della forze dell’ordine e della lobby SITAV, evidentemente sorpresa dalla pur nota determinazione valsusina. Al termine del corteo la DIGOS aveva fermato il furgone con l’impianto di amplificazione denunciando ed arrestando tre notav tra cui la signora Marisa, anni 73, conosciuta in tutta la Val di Susa per le sue celebri frittelle.

DpTK5K7XcAAB5s7

DpTK4W3W4AAiKWH

All’apertura del processo le richieste del PM Rinaudo, ormai prossimo alla pensione e in evidente difficoltà dopo che un’inchiesta per corruzione ha preso in pieno l’entourage del PM Padalino – l’altro procuratore del pool anti-notav – lasciavano già presagire la voglia di dare una lezione alla valle che resiste. Le richieste di pena arrivavano addirittura a 7 anni di carcere per la feroce violenza esercitata contro le innocenti barriere poste a difesa del cantiere. Ridimensionate le condanne, l’impianto accusatorio è stato comunque confermato oggi dal giudizio del tribunale che ha assolto tre manifestanti per condannarne sedici a 31 anni e 10 mesi di carcere. Tra loro giovani notav e storici valsusini da sempre in prima linea contro il folle progetto della Torino-Lione, con condanne che colpiscono persone dai 26 ai 72 anni.

Continua la vergognosa crociata dello Stato contro i valsusini, rei del peggior delitto: essersi informati sulle grandi opere, aver capito e aver agito di conseguenza. Ma siamo certi che questa ennesima operazione politica contro la resistenza notav non farà indietreggiare nessuno. Come recita uno dei più famosi slogan del movimento: “la Val Susa paura non ne ha”. Ed è per queso che fa paura!

DpTK5VWWsAAw z9

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

notav

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torna il Festival Alta Felicità

Torna il Festival Alta Felicità! Dal 26 al 28 Luglio la Borgata 8 Dicembre di Venaus sarà di nuovo attraversata da migliaia di persone che, con entusiasmo, arriveranno in Val di Susa per tre giorni di musica, dibattiti, incontri e gite.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

L’Ungheria è vicina

Mentre la polizia manganella studenti e ambientalisti e trattiene in questura dimostranti e giornalisti durante le manifestazioni, la maggioranza prepara una nuova stretta repressiva prevedendo il carcere fino a 25 anni per il reato di resistenza in manifestazioni contro le grandi opere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 clima, energia e ambiente: basta con i crimini ambientali, basta greenwashing, basta Tav!!!

Il 28, 29 e 30 aprile, Venaria sarà il palcoscenico del G7 dedicato all’energia, al clima e all’ambiente.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Richiesta sospensione al CSM per Bucarelli, pm anti-No Tav

Ancora guai per il PM Enzo Bucarelli, che negli ultimi anni si è distinto per le persecuzioni nei confronti dei No Tav.