InfoAut
Immagine di copertina per il post

Firenze: dopo 30 ore sul ponte di Via Baracca il comune trova una soluzione per i rifugiati

||||

30 ore di rigidità, di resistenza, di chiarezza verso le istituzioni da parte dei 79 rifugiati e rifugiate somale, sgomberate ieri dalla loro casa in via Baracca…

Giovani e meno giovani, chi in Italia da dieci anni e chi da due, lavoratori delle campagne, della logistica, delle cooperative, quasi sempre sfruttati e sottopagati e per questo esclusi dal mercato degli affitti… hanno dimostrato con la loro lotta che, tanto più durante una pandemia globale, se il Comune decide di buttare in strada quasi cento persone per assecondare gli interessi di banche e assicurazioni come Unipol Sai, proprietaria dell’immobile sgomberato, deve assumersene la responsabilità.

Nel pomeriggio di oggi i servizi sociali del Comune di Firenze hanno trovato una sistemazione provvisoria per tutte e tutti: 45 persone all’albergo popolare, 21 divise tra tre appartamenti tra Scandicci e Prato, e 16 in albergo a Firenze.

Una soluzione, appunto, provvisoria, per cui se il Comune non si impegnerà a trovare una prospettiva tra due settimane la situazione sarà la stessa…

Intanto però, in queste due giornate di resistenza, i rifugiati e le rifugiate somale di via Baracca con la propria determinazione hanno spinto le istituzioni a fare la loro parte. E a smetterla di considerarli invisibili. La forza che hanno espresso era impossibile da non vedere.

Da IAM

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

Firenzerifugiati

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: occupato ad oltranza il consiglio comunale. “Giù le mani da GKN. Difendere la fabbrica, rilanciare la lotta!”

“Basta parole, vogliamo risposte e le vogliamo adesso”. Così i lavoratori e le lavoratrici della GKN di Firenze hanno deciso di occupare, nella serata di lunedì 14 novembre, il Consiglio comunale del capoluogo toscano.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

GKN: gli operai occupano la sede fiorentina di Confindustria

Ieri alcune decine di dipendenti della ex Gkn sono entrati nel cortile della sede di Confidustria a Firenze, in via Valfonda, sul retro della stazione di Santa Maria Novella, per denunciare l’atteggiamento degli industriali fiorentini nella vertenza con l’attuale proprietà Qf, che fa capo all’imprenditore Francesco Borgomeo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

FIRENZE A FIANCO DEL POPOLO CURDO: 5 LUGLIO MANIFESTAZIONE “NESSUN SILENZIO E NESSUNA COMPLICITÀ CON LA GUERRA E CON LA NATO”

Martedi 5 luglio Firenze scende in piazza a fianco del popolo curdo. Lo hanno annunciato oggi, venerdì, in conferenza stampa l’Associazione Culturale Kurdistan, il Coordinamento Toscana per il Kurdistan, Sinistra Progetto Comune e Firenze Città Apertala che vogliono denunciare come “il progetto di adesione di Svezia e Finlandia alla Nato rappresenta un ulteriore passo verso […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Firenze, Corte Appello riconosce diritto residenza in casa occupata

La corte di appello di Firenze ha riconosciuto il “superiore diritto alla residenza anagrafica” a una donna e alla figlia di 9 anni che vivevano abusivamente in uno stabile occupato, pertanto Palazzo Vecchio deve iscrivere entrambe all’anagrafe comunale come residenti. Da Controradio.it La vicenda è iniziata nel 2016. La madre, dopo essere stata sfrattata per […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

FIRENZE: PRESIDIO NO BASE DAVANTI ALLA CASERMA BALDISSERA

Mercoledi 4 maggio alle ore 10, rappresentanti del Governo, dell’Arma dei Carabinieri, della Regione Toscana, del Comune e della Provincia di Pisa, si incontreranno a Firenze sul progetto della nuova base militare a Coltano. Il Movimento “No alla base militare, né a Coltano né altrove” denuncia:  «Dopo aver tenuto volutamente nascosto questo progetto per un […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Primo maggio a Prato e nuove lotte nel tessile a Campi Bisenzio

Condividiamo alcuni aggiornamenti dal SI Cobas di Prato e Firenze. Il primo articolo riguarda la convocazione del Primo Maggio di Lotta 8×5, il secondo una nuova vertenza in corso a Campi Bisenzio sempre nel settore del tessile.   Perchè il Primo Maggio? Il Primo Maggio nasce 150 anni fa dalle lotte e dagli scioperi delle […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

FIRENZE: RI-OCCUPATO…. E DI NUOVO SGOMBERATO LO STABILE DI VIALE CORSICA81

E’ durata meno di 24 ore la nuova occupazione dello stabile di viale Corsica 81 nel quartiere di Rifredi a Firenze. Dopo quasi dieci anni lo stabile era stato sgomberato a metà marzo del 2022 per poi essere nuovamente occupato questa (ieri ndr) mattina. A dare la notizia erano stati gli stessi attivist* sui propri […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“INSORGIAMO”: MOLTE MIGLIAIA IN CORTEO A FIRENZE CON LAVORATRICI E LAVORATORI DELLA GKN

Molte migliaia di persone per le strade di Firenze insieme al Collettivo di Fabbrica di lavoratrici e lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio. Si tratta della seconda manifestazione nazionale lanciata con lo slogan “Insorgiamo” nel capoluogo toscano. “È una scadenza di lotta ‘per noi’ – scrive il collettivo di fabbrica Gkn – perché la vertenza […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Firenze, 26 marzo: tutte e tutti in piazza

Da Gkn a Qf: 8 mesi di Insorgiamo e “la lotta continua” – intervista di Giampiero Cazzato al collettivo di fabbrica.  Da La Bottega del Barbieri Lo stabilimento simbolo del patrimonio e del know-how industriale italiano, difeso facendo rete con istituzioni e associazioni, ha cambiato nome e proprietario. Ma per lavoratrici e lavoratori l’incertezza non […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Firenze: corteo contro speculazione ed emarginazione dopo lo sgombero di Corsica

Riprendiamo il comunicato di Corsica dopo il corteo di sabato che ha risposto allo sgombero dello spazio occupato nel quartiere fiorentino di Rifredi… LA RIFREDI CHE CI PIACE. Un corteo ampio, una risposta cittadina allo sgombero di Corsica. La risposta ad un attacco diretto non solo al nostro posto e a ciò che esso rappresenta […]