InfoAut
Immagine di copertina per il post

Voghera: il razzismo come strumento di governo della provincia

Come collettivo autonomo operante da anni in una città di piccole dimensioni e nel  territorio della sua vasta provincia con percorsi sociali diversi, tra cui uno incentrato sul diritto all’abitare, sentiamo l’esigenza di condividere alcune riflessioni che abbiamo maturato nel corso degli ultimi mesi. Tempo fa l’omicidio, avvenuto a Voghera, di Younes El Boussettaoui da parte del locale assessore alla sicurezza Adriatici non ci era parso un fulmine a ciel sereno, ma un l’esito inarrestabile di dinamiche sociali che stavamo cercando, attraverso i percorsi di lotta, di analizzare.

Di Vogliamo Tutto Pavia

Sabato 22 ottobre, mentre il governo Meloni prestava giuramento tra le mani di Mattarella, a Pavia si svolgeva un presidio davanti al tribunale locale, che sfociava in un corteo spontaneo bloccato poco dopo dalla polizia, lanciato da Bahija El Boussettaoui, sorella di Younes, l’uomo ucciso nel luglio 2021 a colpi di pistola a Voghera dall’assessore comunale alla sicurezza, l’avvocato ed ex poliziotto, il leghista Massimo Adriatici.

Nel corso di oltre un anno sono emersi numerosi particolari sulla dinamica dell’omicidio: l’assessore avrebbe intenzionalmente seguito per diversi minuti Younes, per poi provocarlo ed infine freddarlo con proiettili modificati sparati dalla sua pistola dopo una breve colluttazione con la vittima. Le videocamere di sorveglianza installate dal comune erano in quei momenti disattivate, e ancora non si sa né perché né da chi. Adriatici, mentre Younes esalava gli ultimi respiri disteso sul marciapiede, si aggirava ancora armato sulla scena del delitto e avrebbe avuto il sangue freddo da istruire i presenti, possibili testimoni, in merito alla versione da fornire alle forze dell’ordine. Poco dopo veniva portato, non ammanettato e ancora armato, in commissariato da poliziotti suoi ex colleghi. La famiglia e i legali di Younes sono stati avvertiti del decesso con ritardo, solo ad autopsia già avvenuta. 

Manifesto elettorale di Adriatici per le elezioni del 2020

Dopo questi fatti Adriatici non ha trascorso un solo giorno in carcere, ma è stato sottoposto per alcuni giorni agli arresti domiciliari, scontati, a quanto pare, in una casa al mare per motivi di sicurezza, legati al rischio di eventuali vendette. Successivamente l’assassino è tornato, da libero cittadino a vestire i panni di avvocato tra i corridoi di quel tribunale in cui giudici e PM avrebbero dovuto indagare ed esprimersi su di lui.

La scorsa settimana la procura di Pavia ha chiuso le indagini a carico di Adriatici, accusato allo stato attuale solo di eccesso colposo di legittima difesa. 

In questi ultimi giorni i legali della famiglia El Boussettaoui hanno divulgato alcune novità rilevanti. Da tempo avevano richiesto di poter accedere ai dati contenuti nel telefono di Adriatici. L’istanza era stata rigettata dal GIP di Pavia, salvo poi essere accolta dalla Cassazione dopo un ricorso. Agli avvocati di Younes non è stato permesso dalla procura di estrarre copia della messaggistica, ma solo di prendere appunti su quanto archiviato nel cellulare. Ne emerge un quadro abbastanza singolare, con abituali scambi di messaggi tra Adriatici e figure apicali del tribunale: l’allora capo reggente della procura di Pavia, Mario Venditti, che già in passato aveva partecipato a un incontro elettorale della Lega a Legnano, e la giudice Garlaschelli, ex presidente della sezione penale del tribunale e sorella della sindaca leghista di Voghera, Paola Garlaschelli. Tanto basterebbe, secondo i legali della famiglia El Boussettauoi, per richiedere il trasferimento del fascicolo al tribunale di Milano, data la rete di rapporti tra l’imputato e l’ambiente preposto a giudicarlo.

Fino a qui la cronaca giudiziaria. Quel che ci preme in questa sede è tuttavia provare a inserire questi avvenimenti all’interno di un contesto sociale e politico complessivo. Quella giudiziaria, infatti, è solamente una delle forme di discriminazione in cui si manifesta il razzismo istituzionale. In base alla nostra esperienza di lotta nel campo sociale in tutta la provincia, inclusa Voghera, il razzismo, fattosi sistema, sembra essere la modalità di governo del territorio, ovvero lo strumento attraverso il quale gli amministratori locali dei vari comuni di questa provincia cercano di rendere digeribile al proletariato autoctono l’immiserimento progressivo che sta subendo. 

Parliamo del fatto che ai proletari che vivono da queste parti ormai non resta altro se non la scelta tra disoccupazione e lavoro malpagato, che nella gran parte dei casi comporta pendolarismo tra luoghi in cui il trasporto pubblico è carente, le strade dissestate e la mobilità è assicurata solamente da auto alimentate a carburanti sempre più cari. 

Allo stesso tempo, da anni in provincia si assiste allo smantellamento del welfare di prossimità, con la chiusura di scuole e ospedali, tagli ai trasporti, decadimento del patrimonio immobiliare pubblico e riduzione dei trasferimenti diretti o indiretti alle famiglie a integrazione dei redditi. Meno soldi e meno servizi, ma intanto il territorio viene devastato: da opere nocive e portatrici di morte come gli inceneritori, dalle raffinerie, dai poli logistici, con il loro portato di traffico pesante, dagli spandimenti di fanghi nei campi e da roghi di rifiuti in fabbriche abbandonate. 

In compenso, impera l’affarismo, con traffici illegali, mazzette, oneri di urbanizzazione e altro, che sempre vedono in qualche modo coinvolto il ceto politico degli amministratori locali, essendo queste scelte sempre demandate al sistema dei partiti, che su queste materie hanno ancora un rilevante potere. Poco importa destra o sinistra, verdi, rossi o neri, le decisioni vanno sempre e solo in un’unica direzione, quella del profitto a scapito delle vite delle persone. 

Per trasformare questi territori da potenziali luoghi di rifiuto delle condizioni di vita imposte in placidi e sonnolenti paesoni dove fare affari sulla pelle dei più, si rende necessario dirottare il malessere e il malcontento verso un nemico, per poter poi passare all’incasso elettorale e continuare con il business as usual. Così, attraverso il razzismo istituzionale, la provincia padana diventa il serbatoio di voti per l’opzione politica populista razzista bipartisan, non esistendo una reale opposizione istituzionale a questa forma di governo.

Nuovo polo logistico in provincia di Pavia, a Casatisma, che vede l’opposizione dei comitati locali.

Prendiamo l’esempio di Voghera. Qui esiste un regime di segregazione della pur demograficamente rilevante popolazione immigrata, a cui sono riservate forme di occupazione ad alta intensità di sfruttamento nella logistica, nell’agricoltura, nelle fabbrichette disseminate e nell’economia informale e sommersa. Agli immigrati è riservato un mercato della casa separato, fatto di abitazioni insalubri. A loro da alcuni anni viene riservato un apposito trattamento di repressione della socialità, fondato sulla retorica del decoro, che li ha circoscritti in alcune zone della città, dove sono in vigore bizzarre ordinanze comunali per la sicurezza, tra cui una che prescrive il divieto di vendita di birra fredda da asporto, firmata proprio da Adriatici. 

In questo quadro si sedimenta ulteriore esclusione di soggetti già marginalizzati. In questa oppressione il proletariato autoctono vede ancora garantita l’unica certezza che gli rimane in un contesto di costante erosione della qualità della propria vita derivante dalle scelte classiste operate ai vari livelli di governo: il privilegio bianco. In questa dinamica di oppressione risulta paradigmatico un altro episodio in cui, come nel caso di Younes, la legge del privilegio si è sostituita, o sovrapposta, alla legge dello stato. Se serve, insomma, la legge viene ignorata e poi manipolata dall’interno, a vantaggio del più forte. Ci riferiamo a quanto occorso sotto il natale 2021, quando un proprietario di casa, un carabiniere, ha potuto cacciare di casa la propria inquilina di origine marocchina per alcune mensilità arretrate, senza passare dalle normali procedure legali dello sfratto e in barba al contratto stipulato e alla legge, senza che le istituzioni siano minimamente intervenute né per sanzionare questo comportamento né per farsi carico di una famiglia in mezzo a una strada. La “giustizia” è fai da te, a Voghera, se hai il potere dalla tua parte. In questo contesto il ruolo che giocano la società civile locale, la sinistra e l’associazionismo cattolico è quello di voltarsi dall’altra parte oppure di mettere qualche pannicello caldo per spegnere il conflitto.

In questo intreccio di razzismo istituzionale, ghettizzazione degli immigrati, degrado umano e giustizia sommaria non esistono né anticorpi a livello sociale né un’opposizione politica. All’indomani del barbaro assassinio di Younes c’è stata una risposta, di massa, in cui il proletariato immigrato di Voghera, e non solo, ha invaso la città, raccogliendo l’appello dei familiari. La situazione è stata però ben presto normalizzata con minacce, inseguimenti e una nuova caccia all’immigrato, istituzionale ma sottotraccia, messa in campo appositamente per spegnere il piccolo focolaio che rischiava di incendiare la prateria. Cosa è rimasto? Solamente un paio di personaggi, outsider della politica locale, che da posizioni di destra hanno provato a denunciare l’intreccio tra affarismo, razzismo e potere che domina Voghera, venendo osteggiati tanto dalla giunta comunale di destra quanto dalle forze di opposizione locali, a causa di metodi politicamente scorretti. Costoro sono stati oggetto di una pioggia di denunce che ha portato al loro arresto e a un foglio di via. Nel presidio di sabato 22 ottobre, Bahija denunciava questo insieme di azioni messe in campo dalle forze dell’ordine sia verso gli outsider sia verso gli immigrati per farli desistere dal portare la loro solidarietà alla causa di Younes. 

In questo contesto è facile capire come la vita di Younes valga meno di un proiettile dum dum, più difficile è capire che le vite nere valgono non solo nelle lontane e sfavillanti New York o Parigi, ma anche nelle squallide cittadine della profonda provincia padana, dove il movimento antirazzista è chiamato a confrontarsi nei prossimi mesi e anni su un piano concreto di lotta e a dotarsi di strumenti propri di analisi e di militanza, che non necessariamente debbano ricalcare quelli prodotti oltreoceano, ma che siano utili qui ed ora per attaccare il sistema di sfruttamento, discriminazione e segregazione che dispone delle vite nere per garantire il proprio profitto e delle morti nere per mantenere l’ordine sociale e il privilegio.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

provinciarazzismovogheraYOUNS

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Parigi: marcia contro il razzismo e islamofobia vietata dalla prefettura.

Il 21 aprile è prevista una importante marcia contro il razzismo e l’islamofobia, per la tutela dei giovani che nei quartieri popolari sono sistematicamente obiettivo della violenza e del razzismo della polizia e dello Stato.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Modena: il carabiniere violento già indagato per la morte di Taissir Sakka

Uno dei due carabinieri ripresi nel violento arresto ai danni di Idrissa Diallo il 13 marzo a Largo Garibaldi a Modena è già indagato per la morte di Taissir Sakka avvenuta il 19 ottobre 2023 sempre a Modena

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paolo Mieli e il razzismo democratico dell’Occidente

Fra le novità storiche emerse in questi due anni di guerra, in Ucraina e a Gaza, spicca in Italia la piccola guerra psicologica, una forma di squadrismo mediatico, condotta da un gruppo di giornalisti impegnati a intimorire e emarginare tutti coloro che deviavano dalla versione dominante.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Germania, centinaia di migliaia di persone in piazza contro AFD

Tra sabato e domenica in diverse città della Germania si sono riunite centinaia di migliaia di persone per manifestare contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AFD).

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: 57 oppositori alla “Cop City” a giudizio

Circa sessanta persone sono state convocate in tribunale ad Atlanta il 6 novembre. Il loro crimine: essersi battuti contro la costruzione di Cop City, un enorme centro di addestramento per agenti di polizia che avrebbe distrutto la foresta.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

“Contro sionismo, razzismo e patriarcato in piazza a Roma il 28 ottobre”. Appello delle compagne palestinesi in Italia

Il “Comitato 23 settembre” – in lotta con le donne di tutto il mondo contro l’oppressione, lo sfruttamento e il razzismo – ha rilanciato sui propri canali social un appello diffuso dalle compagne palestinesi in Italia “anima delle manifestazioni contro l’ennesimo attacco sionista, in tutto il mondo”. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Florida: ancora una strage razzista

Sabato scorso, il 26 agosto, un uomo di 21 anni ha aperto il fuoco all’interno di un negozio a Jacksonville uccidendo tre afroamericani. Il vero obiettivo del killer da quanto emerso era fare una strage nel campus della Edward Waters University, una piccola università afroamericana storicamente frequentata dalla comunità nera a poca distanza dal negozio poi preso di mira.