InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pinkwashing Assad?

Pinkwashing Assad?

Ho sempre temuto che questo momento sarebbe arrivato, il momento in cui mi sarei trovata usata come prova vivente della mancanza di libertà e diritti in un paese. Infatti è successo: ho ricevuto una richiesta da un giornalista di CNN che stava preparando un articolo su gay e primavera araba. Ero stata avvisata di essere prudente, perchè con tutta probabilità non sarebbe andata bene, ma ho comunque deciso di farlo. L’articolo pubblicato si trova qui.

Fortunatamente il mio messaggio non è stato manipolato, ma gli altri… sono esattamente la descrizione di cosa significa il paradigma del pinkwashing impiegato sempre più spesso dai nemici della libertà araba. Ci siamo abituati ormai ad essere utilizzati in maniera retorica da chi sostiene i discorsi che legittimano guerra, occupazione, esproprio ed apartheid; come riprova del fatto che i primitivi “beduini” non meritano altro che essere ammazzati dagli illuminati occidentali progrediti. Abbiamo ascoltato questa storia per spiegarci il perchè dei morti ammazzati in Afghanistan e in Irak, dei rifugiati palestinesi, e così via. E’ la giustificazione del genocidio argomentata dal buffone biondo posticcio che siede al parlamento olandese, e la motivazione sostenuta dal neofascismo che vorrebbe reinstituire il peggior Terzo Reich in Europa e in America. Ora serve anche come argomento contro la democrazia nei paesi arabi.
Questi musulmani ed arabi primitivi e malvagi sono OMOFOBI! A differenza di chi brilla per democrazia e tolleranza, ovvero chi bombarderebbe indiscriminatamente ogni musulmano… perchè non ci sono gay pride in stile San Francisco a Teheran o a Damasco. E poichè in quei paesi ci sono conservatori religiosi che pregano contro i matrimoni fra persone dello stesso sesso (mentre ovviamente nessuno si oppone a questo ad Antrim o “Alabama save for Moozlims”!) l’intera regione deve essere dannata; bombardateli, avvelenateli, non ha importanza.
Questo è il messaggio; la realtà naturalmente è diversa.
Avendo vissuto in entrambi i mondi posso dire in tutta onestà che in Siria non ho mai vissuto alcun problema relativo alla mia sessualità che non avrei incontrato se fossi stata etero. Non sono mai stata aggredita, insultata o picchiata per essere una lesbica in un paese arabo. D’altra parte invece mi è capitato in America che mi tirassero dello sterco perchè porto il velo, o che mi aggredissero degli stranieri per il mio essere araba.

Quindi qual’è la ragione del pinkwashing? Qualcuno ha opportunamente evidenziato come questa retorica venga utilizzata per trasformare i diritti glbtq in arma dell’imperialismo, specialmente in Palestina. (Per gli/le interessat@, alcuni link interessanti: http://www.pinkwatchingisrael.com o http://www.sfbg.com/politics/2011/02/16/queer-palestinian-activists-discuss-pinkwashing-and-more; ma ci sono molti ottimi materiali pubblicati su questo tema). Dunque i liberali occidentali non possono criticare le guerre imperialiste di apartheid, perchè le persone oppresse non sono gay friendly come i loro oppressori!
Ovviamente è una follia. E come ogni strumento di oppressione deve essere combattuto.
Ora ascoltiamo la retorica che la democrazia sarebbe cattiva: quest’anno John McCain ha affermato che la democrazia è un virus e come tale va arrestato, perchè ovviamente sarebbe terribile se “quelle persone” dovessero cominciare a determinare il proprio futuro. Oggi assistiamo alla diffusione di questo messaggio da parte dei liberal-gay friendly: se le persone saranno autorizzate a decidere per il proprio paese sceglieranno la Fratellanza Musulmana oppure gli sceicchi di al-Islam: in entrambi i casi, il male assoluto. E poi i ragazzi del Cairo non saranno più liberi di andare a fare festa in crociera sul Nilo…
Naturalmente queste politiche mostrano un’avversione di base per la democrazia, almeno per quanto riguarda NOI. (Come affermò giustamente un amico: “noi non vi odiamo per la vostra libertà, vi odiamo perchè voi odiate la nostra libertà”). Le popolazioni arabe dovrebbero poter decidere in maniera autonoma sulle loro vite, facendo qualsiasi cosa per smettere di vivere in ginocchio.
Questi pinkwasher amavano Assad così come hanno amato Mubarak. Non li hanno amati per ciò che hanno fatto per le persone glbtq egiziane o siriane; li hanno amati per l’aiuto che hanno fornito agli stati che si fondano su apartheid e imperialismo. Sanno che, una volta che il governo che si fece espropriare il Jaulan sarà sconfitto, la Siria democratica non sarà morbida con i furti compiuti sulla propria terra. Sanno che un Egitto più democratico significherà la fine dell’assedio a Gaza.
Vorrebbero che come omosessuali e queer ci dimentichiamo di avere padri e madri, fratelli e sorelle, e così via. Dovremmo dimenticarci che siamo stati oppressi non solo o in primo luogo come froci e lesbiche, ma anche come arab*, come musulman*, come mediorientali, come palestinesi, irachen*, sirian* e così via. Vorrebbero che ci dimenticassimo di tutti questi aspetti che fanno parte di noi per andare incontro all’oppressore, purchè ci permetta di andare a ballare in discoteca o di incontrarci liberamente in un caffè.
Ma non è così. Non posso parlare per nessun@ all’infuori di me, ma io non voglio essere utilizzata come scusa per giustificare l’oppressione. Non verrò utilizzata come articolo di una propaganda che vuole minare la democrazia. Credo nella mia gente, e più che condannarla voglio che sia libera. Qualcuno mi odierà per questo, qualcuno crederà che mi siano necessarie delle aspersioni per purificarmi. Qualcun’altro – forse molti di più – mi ignorerà. Ma alla fine saranno liberi: non più dittatori, non più occupanti. Liberi e libere.
Non ho paura dell’Ikhwaan; sono stata a bere tè e caffè con i suoi sceicchi, e non li temo più di quanto io non possa temere chiunque altro in questo paese. Se, una volta che i dittatori siano sconfitti e le elezioni si siano tenute, costoro vinceranno io lavorerò per sconfiggerli la prossima volta. O forse no. Mi impegnerò per cambiare questa società dall’interno, ma non lavorerò per portare la cosìddetta “libertà” che viene imposta dall’alto con le armi, o circondata da filo spinato o da mine antiuomo per difenderla. Perchè quella non è libertà.
E neppure permetterò ai nemici della democrazia di utilizzarmi per la loro propaganda. Non voglio la mia libertà personale se il suo prezzo è l’oppressione di milioni di persone.  La libertà non è altro che un privilegio allargato se non è condivisa da tutt*.

 

Note

[1] Studiosa di teoria queer e docente di Women e Gender studies alla Rutgers University, nei suoi studi ha coniato il termine “omonazionalismo”. Autrice dell’importante testo Terrorist Assamblage nel 2007, segnaliamo qui la traduzione di un suo articolo sulla campagna israeliana di pinkwashing: http://www.senzasoste.it/le-nostre-traduzioni/israele-i-gay-come-guerra-propagandistica

torna su

 

[2] http://nohomonationalism.blogspot.com/2010/06/judith-butler-rifiuta-il-premio-al.html
torna su

 

[3] http://www.facciamobreccia.org/content/view/522/1/
torna su

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

queersiriatraduzioni

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia e le sue dighe: assetare terra e popolazione per l’egemonia regionale

Di fatto la costruzione di queste dighe promuove una forma di controllo del territorio che accompagna sfruttamento coloniale e militarizzazione e ha per conseguenze la distruzione del patrimonio curdo, assiro e armeno;  come l’allagamento pianificato della bimillenaria città di Hasankeyf, seguito alla costruzione della diga di Ilisu, ha dimostrato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libano: rimpatrio forzato dei rifugiati siriani.

Il governo libanese ha iniziato una campagna di deportazione forzata dei rifugiati siriani presenti sul suo territorio, i rastrellamenti da parte dell’esercito sono in corso da diverse settimane nel silenzio dei media.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Terremoto: il punto della situazione tra Turchia, Kurdistan e Siria

Continua a salire il bilancio delle vittime del terremoto in Turchia e Siria: secondo le ultime stime sono stati raggiunti i 16mila morti, ai quali va aggiunto un numero mai precisato di dispersi e decine di migliaia di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Medio Oriente: raid israeliani su aeroporto Damasco. Due palestinesi uccisi in Cisgiordania

Israele spadroneggia da tempo nei cieli di Libano e Siria senza nessuna reazione difensiva. Lo scorso giugno, l’aeroporto di Damasco era stato messo fuori uso per diversi giorni a causa dei missili di Tel Aviv.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

21 settembre: in ricordo di Zakie Oh!

Il 21 settembre 2018, Zakie Oh! – un membro della comunità LGBTQIA+ ateniese, sieropositiv*, genderqueer, drag queen, antifascista e attivista per i diritti umani –  viene brutalmente assassinat* da due commercianti Evangelos Dimopoulos e Athanasios Hortarias in Gladstonos Street a Omonia. L’omicidio si è consumato in pieno giorno in nome della difesa della proprietà del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SIRIA: ERDOGAN ANNUNCIA INVASIONE NELL’AREA DI MANBIJ E TAL RIFAT

Da giorni Erdogan minaccia la guerra in Siria. L’operazione militare annunciata contro le forze curde nel nord della Siria si concentrerà inizialmente nell’area di Manbij e Tal Rifat, per ripulirle, a detta sua, dai “terroristi”. Il riferimento è alle forze del confederalismo democratico del Rojava. Contro l’aggressione annunciata dalla Turchia sabato 4 giugno dalle 16.00 […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SIRIA: LE FORZE SIRIANE DEMOCRATICHE RIPRENDONO IL PIENO CONTROLLO DELLA PRIGIONE ATTACCATA DA DAESH

Le forze democratiche siriane hanno annunciato di aver ripreso il pieno controllo della prigione di Gweiran, a Hasake, capoluogo del nord-est della Siria, assaltata giovedì scorso da miliziani dell’Isis e fino a oggi ancora teatro di scontri tra le Fds e jihadisti. I vertici della coalizione curdo-siriana affermano che le operazioni, sostenute anche dalle forze […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SIRIA DEL NORD-EST: DAESH ASSALTA LA PRIGIONE DI GHWEIRAN

Daesh, il sedicente “Califfato islamico”, ha assaltato la prigione di Ghweiran, nel nord-est della Siria, dove sono rinchiusi da anni circa cinquemila jihadisti, abbandonati in mano curda dalle potenze internazionali. L’attacco in corso è il più grave compiuto per mano jihadista negli ultimi tre anni. Il bilancio attuale e ancora provvisorio è quello di diverse […]