InfoAut
Immagine di copertina per il post

Liberato Mimmo Lucano. Bene, ora porti aperti!

||||

Da ieri Mimmo Lucano è tornato nella sua Riace.

Come fatto notare da Claudio Dionesalvi sulle colonne del Manifesto, il nuovo clima a Roma ha reso più mansueto il giudice che si occupava del suo caso. Caso che più politico non si poteva, e che ora finalmente viene risolto permettendo a Mimmo di poter tornare da suo padre, malato di leucemia.

Bene ha fatto Mimmo a rivendicare tutta la politicità del suo comportamento, la sua concezione diversa del tema dell’accoglienza, che già legava all’esperienza del processo rivoluzionario kurdo in questa intervista che gli facemmo qualche tempo fa.

Non può bastare. Nelle stesse ore in cui a Mimmo veniva revocato il divieto di dimora, alla nave Alan Kurdi veniva notificato che le norme infami di Salvini sono tuttora attive. E che quindi, di conseguenza, non poteva sbarcare a terra i 13 migranti salvati nel Mediterraneo e tuttora a bordo dell’imbarcazione. Se non rischiando di farsi confiscare il mezzo e di vedersi comminare una pesante multa. Parole e musica del decreto sicurezza bis, tuttora in vigore.

Una contraddizione che non è detto verrà risolta in tempi brevi. La scelta di Luciana Lamorgese agli Interni sembra molto caratterizzata dal suo profilo mediatico, oltre che politico. Una donna senza profili social sembrerebbe il perfetto contraltare del Ministro de La Bestia. Eppure, come tanti hanno fatto notare, Lamorgese è quella delle ondate di sgomberi di case occupate da Prefetto di Milano.

La stessa dei rastrellamenti in Stazione Centrale a Milano, quelli che Minniti definiva utili ad aumentare la “sicurezza percepita”. In pratica, un attacco alle marginalità da sacrificare sull’altare dei pruriti razzisti benpensanti. E pazienza se vengono sbandierati sui media o meno, pazienza se il profilo è “tecnico” invece che esplicitamente politico. Come se questa definizione avesse mai avuto un senso, e come se la Lamorgese non avesse avuto un ruolo pienamente politico nel disciplinare la Milano di Sala e del modello Expo.

Non è un cambio di rotta. I Cinque Stelle hanno dichiarato più volte che vogliono mantenere la ratio dei decreti sicurezza, una ratio razzista alla quale il PD vuole apportare cambiamenti nel solco dei rilievi presentati da Mattarella. Staremo a vedere quale sarà la nuova ratio. Non è un ritorno al business dell’accoglienza quello che ci interessa, a tutto ciò che è distante dall’esperienza di Mimmo a Riace, ma l’assolutà libertà di movimento per tutti e per tutte.

Anni di deviazione al pensiero del “non possiamo accoglierli tutti!” e del “bisogna segmentare i flussi per poter sostenere l’accoglienza” hanno portato all’esito naturale di questi discorsi. Vale a dire i razzismo dilagante e lo scaricamento sui migranti di tutti i mali dell’umanità. Ora basta, quel che serve è porti, aeroporti, strade, confini aperti. Per tutti, e da subito!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

decreto sicurezzaRIACESALVINI MINISTRO DELL'INTERNO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bergamo: Pride si schiera per la Palestina, il Comune revoca il patrocinio

La decisione di ritirare il patrocinio è scaturita in seguito ad un post pubblicato sui social del Bergamo Pride, che ha preso pubblicamente posizione a sostegno del popolo palestinese e contro il genocidio in atto.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Piemonte. La crociata del centrodestra contro l’aborto

Due milioni e 340 mila euro per finanziare le associazioni antiabortiste in Piemonte. Li ha stanziati il governo di destra della Regione Piemonte dal 2022 ad oggi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Mimmo Lucano: la Corte d’Appello sconfessa la sentenza di primo grado e le richieste dell’accusa

Crollano in appello le accuse contestate all’ex sindaco di Riace Domenico “Mimmo” Lucano.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

RIACE: AL VIA IL PROCESSO D’APPELLO PER MIMMO LUCANO, ACCUSATO DI…SOLIDARIETA’

Al via mercoledì 25 maggio a Reggio Calabria, in Corte d’appello, il processo di secondo grado a carico – tra gli altri – di Mimmo Lucano, 64 anni, ex sindaco di Riace, condannato in primo grado dal Tribunale di Locri a una pena pesantissima, 13 anni e 2 mesi di reclusione: addirittura quasi il doppio […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Kafka nella Locride. Sulla surreale condanna di Mimmo Lucano

Condividiamo di seguito un articolo di Marco Revelli da Volere la luna a commento delle motivazioni della sentenza contro Mimmo Lucano. Ne emerge l’ennesima operazione politica della magistratura ad uso e consumo dei media con l’obbiettivo di screditare il progetto di Riace ed evitare che si riproduca. L’evoluzione di questo caso comunque deve portare alla […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Ma che schifo fa la “giustizia” italiana? Forza Mimmo

La pesantissima sentenza nei confronti di Mimmo Lucano dovrebbe far riflettere su cosa rappresentano nel nostro paese i tribunali, le magistrature e le questure. Dovrebbe portarci ad aprire gli occhi sulla profonda differenza tra la giustizia e la cosiddetta legalità. La condanna di Mimmo a tredici anni è solo l’ennesimo evidente caso di uso politico […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Decreti sicurezza, nessuna abolizione: modificate le norme sulle ong, restano quelle per reprimere il dissenso

Dopo mesi di tergiversazioni sono state approvate ieri notte dal governo giallorosa le modifiche ai decreti sicurezza. Se molto si era parlato, al tempo della loro approvazione, delle vergognose norme contro i salvataggi in mare dei migranti, poco si era discusso dell’inasprirsi delle misure di repressione del dissenso volute dall’allora ministro dell’interno Matteo Salvini. Al […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Catania: oltre un migliaio in corteo contro Salvini

Il 3 oltre un migliaio di manifestanti in piazza contro Salvini a Catania, che nonostante tutte le chiamate sui social raduna circa quattrocento persone da tutta Italia.Radunati in piazza Trento, gli oltre mille manifestanti hanno sin da subito lanciato un messaggio chiaro, scritto anche nello striscione: “la giustizia non la fa un tribunale” e, a […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il sindacato di polizia salviniano SAP si costituisce parte civile contro i notav

Come avevamo già segnalato, è ripartito da pochi giorni il cosiddetto maxiprocesso notav. Negli ultimi tempi, l’iter giudiziario del procedimento con cui lo Stato sta provando a vendicarsi delle gloriose giornate di resistenza a difesa della Libera repubblica della Maddalena  è stato alquanto travagliato. Dopo un procedere spedito, il processo si è fermato in cassazione, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il razzismo sionista di Matteo Salvini

Domenica 19 gennaio 2020, è stata pubblicata una intervista al leader della lega Matteo Salvini sul giornale Israeliano ‘Israel Hayom’. Salvini, ha sostenuto che se diventerà presidente del consiglio riconoscerà Gerusalemme capitale indivisibile di Israele, che l’antisemitismo in Europa è in larga parte frutto degli immigrati di fede islamica ed affermato che bisognerebbe mettere fuori […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Prato: la Marcia per la Libertà conquista il centro

In oltre 3000 oggi sono scesi in strada a Prato. La Marcia per la Libertà lanciata dai SiCobas di Prato ha radunato uno stuolo d’indignazione per le multe arrivate agli operai e alle studentesse accusate nel corso di uno sciopero contro la Superlativa del reato di blocco stradale, reato introdotto dal decreto Salvini, del quale, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

L’allarme democratico (quello vero)

È in corso un’offensiva politico-poliziesco-giudiziaria contro il sindacato Si Cobas e soprattutto contro le centinaia di lavoratori e lavoratrici che stanno affrontando, sotto la direzione di questa sigla, durissime battaglie sul terreno della difesa dei posti del lavoro e del diritto alla contrattazione. Non è la solita recriminazione contro la repressione – che in Italia, […]